Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Piacenza: cacciatori pronti a non rinnovare le licenze

| 30 settembre 2013 | 8 Comments

Cacciatore-e-cane-da-tracciaLa protesta dei cacciatori piacentini: “Non rinnoveremo la tessera”

Il prossimo marzo oltre 1200 cacciatori piacentini sono pronti a non rinnovare il proprio tesserino. Nuova protesta da parte del Comitato Cacciatori di Piacenza (Cobas Caccia), che già nelle scorse settimane aveva fatto sentire la propria voce lamentando eccessive restrizioni e troppa confusione nei calendari venatori.

Fra i bersagli dei cacciatori ancora una volata la Provincia, accusata di “poca serietà“. L’ente di via Garibaldi, sottolinea il presidente del Comitato Giovanni Bertaglia “non ha ancora aggiornato il piano faunistico venatorio, scaduto nel dicembre 2012″. E visto il futuro delle province, dopo il disegno di disegno di legge che ne prevede lo svuotamento delle funzioni e quindi l’abolizione, il timore dei cacciatori è che la situazione possa peggiorare.

“Il prossimo anno non rinnoveremo le nostre licenze – annuncia Bertaglia – ormai solo così possiamo far sentire la nostra voce. Il calo dei cacciatori piacentini è continuo; quest’anno, dati alla mano, sul totale dei cacciatori il 58% proviene da fuori provincia, soprattutto dalla Lombardia, ma anche da Liguria, Toscana e Veneto”.

Tante le problematiche messe sul tavolo dal comitato, che in più occasioni si è rivolto a Provincia, Regione e anche al ministero delle polirtiche agricole: tra le questioni sollevate da Bertaglia il forte calo della selvaggina, soprattutto lepri e fagiani e in particolare nella zona della bassa piacentina, per i cacciatori riconducibile “al sempre maggiore utilizzo di fitosanitari in agricoltura”. Critiche poi ai costi e paletti per esercitare l’attività venatoria, in particolare in certe zone, come ad esempio nel parco del Trebbia: “La situazione è paradossale – afferma ancora Bertaglia -. Per andare a caccia in un parco, oltre ad una serie di balzelli che si sommano alle spese che già i cacciatori sostengono, viste le autorizzazioni che vengono richieste ormai bisogna essere veterinari, tecnici faunistici e persino geometri”.

Non manca poi una frecciata alle associazioni ambientaliste: “È facile accusare sempre noi cacciatori, che già paghiamo fior di tasse, anche qualcun altro dovrebbe prendersi le proprie responsabilità. Quando si parla di danni da parte di lupi o ungulati alle colture chi è che paga? Perché non si prendono gli ambientalisti le responsabilità dei danni?“.

http://www.piacenzasera.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , ,

Category: Piemonte

Comments (8)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. claudio ge scrive:

    (up) Dovrebbe farlo tutta l’itaglia quello che avete annunciato a partire da Febbraio,
    ma a lavare la testa ad un asino si perde tempo e sapone W la caccia (n)

  2. Cazador scrive:

    Tra qualche anno ci obbligheranno a pagare la licenza senza andare a caccia…..
    I nostri soldi servono solo per pagare guardie in cerca di carriera,associazioni animaliste,parchi e rimborsi dei danni fatti dalla selvaggina in esubero.
    Sono 5 anni che ho la licenza e negli ultimi 2 ho visto sempre piu un peggiorare della situazione.
    Oltre agli animalisti adesso abbiamo le guardie,specialmente volontarie, che cercano in qualsiasi modo di coglierti in fallo anche quando non lo sei,calendari venatori fatti da animalisti, associazioni venatorie che non contano nulla e che guardano solo il portafoglio…..e’ un disastro.
    Ho 26 anni e il prossimo anno sto pensando di non rinnovare la licenza.

  3. igor radere scrive:

    Pronto a farlo.
     

  4. ennio scrive:

    andrebbe fatto  ovunque….manca la coesione.

  5. laser scrive:

    Considerato che per il titolare del ministero della agricoltura, ex titolare, ora, la lontra è un uccello, avrete sicuramente soddisfazione alle vostre richieste…..
    Come hanno, ridotto questo paese, poveri noi, poveri i nostri figli…..

  6. Francesco Cattani scrive:

    Già fatto!!!!!!!

  7. andrea scrive:

    Tante belle parole e dichiarazioni  e poi ? 
    tutti a rinnovare la licenza di caccia 
    quello del mondo venatorio è un bel popolo di pecore……….

Leave a Reply


3 + 9 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.