Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Piemonte: coldiretti spinge per cambiare legge caccia

| 27 settembre 2013 | 2 Comments

Coldiretti: “Continuiamo il pressing per modificare la legge regionale sulla caccia”
“La nostra vuole essere una proposta costruttiva per una equilibrata gestione del territorio” affermano dall’associazione agricoltori

coldirettiPROVINCIA – “Sarà un’ottima annata per il vino ma con un’incognita…i cinghiali!” dicono dalla Coldiretti.
Sono molte le segnalazioni che da giorni giungono all’associazione a causa delle frequenti invasioni nei vigneti: gli ungulati fanno razzia dei grappoli ormai maturi mettendo a rischio un’ampia fetta di vendemmia.
I danni sono già notevoli, denunciano i viticoltori della provincia: l’uva viene divorata, o danneggiata, da cinghiali e caprioli, con una perdita di produzione che si annuncia grave.
Con il passare dei giorni la situazione si fa sempre più drammatica per questo Coldiretti torna a sottolineare come i danni da fauna selvatica costituiscano per l’agricoltura una vera e propria emergenza.
E mentre i produttori sono ormai esasperati si continua a registrare che tra le criticità generate dall’assenza del piano faunistico regionale si riscontra anche l’assenza di una legge piemontese che disciplini l’attività venatoria, tuteli il territorio e l’agricoltura, garantisca una miglior vivibilità di quanti vi operano, soprattutto nelle aree dove la presenza di selvatici sta generando grossissimi problemi, sia in termini di danni ambientali che di sicurezza delle persone, critica la Coldiretti.

Da tempo la Commissione Regionale Agricoltura sta discutendo i vari disegni di legge, di cui uno della Giunta Regionale, senza approdare ad alcuna decisione.
Coldiretti, a livello regionale, ricorda che non si sta approvando una legge per la caccia ed i cacciatori, ma un provvedimento che innanzi tutto deve tutelare il territorio e l’agricoltura: su questo si esercita la caccia, la cui attività va disciplinata in modo tale da contenere i danni e diminuire la pressione della selvaggina, cinghiali e caprioli in particolar modo, nonché garantire la sicurezza dei cittadini evitando i troppi incidenti stradali.
“Quella di Coldiretti vuole essere una proposta costruttiva per una equilibrata gestione del territorio. – affermano il presidente e il direttore della Coldiretti alessandrina Roberto Paravidino e Simone Moroni – Tra le varie proposte, a nostra conoscenza, ci pare di notare uno sbilanciamento a favore di tesi di parte, a volte in direzione del mondo venatorio e altre nella direzione di un rigido ambientalismo. La nostra proposta cerca di inserire la caccia in un contesto di gestione equilibrata del territorio, soprattutto in riferimento alle specie selvatiche in esubero”.

Queste generano danni all’agricoltura, stanno causando incidenti stradali e in alcuni casi non è più garantita l’incolumità delle persone che operano nelle zone dove la presenza di fauna selvatica è particolarmente massiccia.
Una situazione che la Coldiretti ha già più volte denunciato e fatto propria cercando di portare davanti alle Istituzioni la voce della propria base, esasperata per i continui problemi provocati da ungulati e animali selvatici in generale.
“Ecco perchè è necessario potenziare gli sforzi per fronteggiare una condizione sempre più insostenibile per le aziende, che continua a provocare grande preoccupazione negli imprenditori agricoli, oltre che danni ingenti ai bilanci aziendali. – affermano il presidente e il direttore provinciale Roberto Paravidino e Simone Moroni – Solo con una sempre più decisa opera di prevenzione sarà possibile limitare al minimo i danni e di conseguenza gli esborsi per i risarcimenti che pesano sui bilanci della pubblica amministrazione per gli indennizzi”.

http://www.novionline.net

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Coldiretti, Piemonte

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

    Coldiretti, a livello regionale, ricorda che non si sta approvando una legge per la caccia ed i cacciatori, ma un provvedimento che innanzi tutto deve tutelare il territorio e l’agricoltura: su questo si esercita la caccia, la cui attività va disciplinata in modo tale da contenere i danni e diminuire la pressione della selvaggina…””
    __________________________________________________________
    Troppo comodo cosi’ cari agricoltori… Non prendete mai una decisa posizione in nostro favore , pero’  vi ricordate di noi quando vi interessa e per quello che vi interessa…
    La Caccia non e’ solo , fortunatamente , contenimento di specie selvatiche invasive che devastano campi e frutteti ….C’e’ anche tutto il resto… :wink:
    O prendete tutto il ” pacchetto ” oppure , se dipendesse da me, cavoli vostri….
     

  2. Renzo scrive:

    O prendete tutto il ” pacchetto ” oppure , se dipendesse da me, cavoli vostri…
    —————————————————————————————————————-
    E mica solo cavoli… anche uva, grano, mais, pere, mele, ecce ecc  :twisted: :twisted: :twisted: :twisted:

Leave a Reply


+ 7 = 13

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.