Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Umbria, confermato carniere per l’Allodola

| 19 settembre 2013 | 6 Comments

ANLC - UmbriaCaccia: Umbria, confermato carniere per l’Allodola.

Caccia: Umbria, la Regione conferma il carniere fissato per l’Allodola nonostante l’ordinanza del Tar che sospende il Calendario Venatorio 2013/2014 limitatamente al punto in questione.
In attesa dell’udienza del Tribunale amministrativo regionale, fissata per il prossimo 4 dicembre, la Regione Umbria ha deciso con un proprio Atto di mantenere, relativamente al carniere dell’Allodola, il tetto fissato nel calendario venatorio regionale per la stagione 2013-2014, e cioè 20 capi giornalieri e 100 stagionali per cacciatore.
Il Servizio Caccia della Regione Umbria ricorda inoltre che “l’Atto è stato reso necessario in seguito al ricorso presentato innanzi al Tar Umbria dall’Associazione Vittime della Caccia e da Oipa Italia Onlus, per ottenere l’annullamento parziale del Calendario Venatorio limitatamente alla lettera E punto 4 che fissava per il carniere dell’allodola in 20 capi giornalieri e 100 stagionali per cacciatore, mentre il parere ISPRA stabiliva tale limite in 10 capi giornalieri e 50 stagionali”.
Carniere quindi confermato come da calendario venatorio attualmente in vigore, notizia che smentisce quindi anche quanti avevano affermato in modo alquanto azzardato che l’Allodola era stata addirittura tolta dall’elenco delle specie cacciabili.
Ufficio Stampa ANLC Umbria

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , ,

Category: ANLC, Umbria

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

    A beh…con tutte quelle che ogni anno ci piovono addosso , se le ordinanze del Tar si possono non rispettare siamo a posto….  :-D

  2. diego scrive:

    Complimenti alla Regione Umbria!
    Questo significa SERIETA’ e CORAGGIO nel difendere i propri atti!
    Troppo comoda da parte dei Tar dare la sospensiva e poi, a danno fatto, magari non dare nemmeno la sentenza…

  3. Bartoccini Mario scrive:

    A cosa serve contare i passi dello “amico” se il nemico dei cacciatori è sempre più forte ed accreditato?
    A cosa serve il nostro danaro che transita nelle tasche delle nostre Associazioni venatorie se due “baldracche” si costituiscono in associazione allo scopo di saziare la proprie indole frastornata al limite della demenza?
    Sono tante/troppe, spregiudicate e deliranti, le sigle anticaccia in odore di sostanze “dopanti” che rinnegano l’origine onnivora dell’Homo ed ignorano persino la massa umana impattante sul territorio italiano che ha, senza ombra di dubbio, consolidato la biodiversità più eclatante d’Europa.
    Eppure i dirigenti delle nostre Associazioni si esercitano a mettere un cacciatore contro l’altro, ad insinuare un dubbio dietro l’altro, ad abbattere un cinghiale dietro l’altro (vedi Zona Ripopolamento e Cattura), a sfuggire dalle gravi responsabilità della pessima gestione di un ATC dietro l’altro, a gettare fango sul Club “Le Torri” un Dirigente dietro l’altro!  
    L’animalismo, ormai per la maggior parte in mano a guitti/e e buoni/e a nulla, vive dell’indifferenza della cultura onnivora, del clientelismo politico e del letargo dei dirigenti delle nostre Associazioni!
    Mi preme di ricordare che le nostre critiche sono costruttive, FERMO RESTANDO IL NOSTRO IMMENSO LAVORO PER RIPOPOLARE CON LA MIGLIORE ALLEVAGGINA, CONTENERE VOLPI ED ALTRI PREDATORI CACCIABILI NELLA SPERANZA DI GRATIFICARE L’ESERCIZIO VENATORIO ED IL REDDITO FAUNISTICO.    
    Mario Bartoccini: portavoce del Club.

  4. Bartoccini Mario scrive:

    Signor Daniele,
    per favore il Vs. indirizzo di posta elettronica a: clubletorri@gmail.com -
    Grazie. 

  5. tortoioli claudio scrive:

    Come si può dire di avere fiducia e rispetto per la magistratura.
    Una casta nella casta burocratica e vecchia, la parte dello Stato più improduttiva ed apatica.
    Una delle tante emergenze del paese dopo l’economia e il lavoro, viene la riforma della magistratura ad ogni livello, vergogna.

  6. Lazy Dog scrive:

    Tanto il 4 dicembre le allodole non passano piu’ …….

Leave a Reply


6 + 9 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.