Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Bracconieri abbandonano carcassa, il sindaco fa pagare il conto ai cacciatori onesti

| 19 settembre 2013 | 14 Comments

Trentino: Carcassa abbandonata, pagheranno i cacciatori
I resti di una cerva erano stati rinvenuti lungo il Brenta. Il sindaco Dalledonne: «Vanno smaltiti come rifiuto speciale e il Comune non si farà carico del conto»

CervoBORGO. Cerva abbandonata lungo il Brenta, a pagarne le spese saranno i cacciatori. Il sindaco Fabio Dalledonne usa il pugno duro in merito al ritrovamento, venerdì scorso, dei resti di un ungulato abbandonati lungo il ciglio del fiume Brenta, vicino alla confluenza con il torrente Moggio. Una zona accanto alla ciclabile ed al palazzetto dello sport, particolarmente frequentata dagli sportivi, dove qualche bracconiere, dopo aver abbattuto l’animale ed averlo spolpato ben bene, ha gettato ciò che rimaneva. Indagini sono in corso per capire il responsabile di questo atto.

«La guardia forestale ha inviato in procura la notizia di reato. E’ un chiaro atto di bracconaggio visto che l’associazione cacciatori di Borgo non ha denunciato nessun abbattimento di cerve», spiega il sindaco. E proprio per il fatto che la carcassa dell’animale abbattuto illegalmente è stata rinvenuta a Borgo, l’animale sarà depennato dai capi che i cacciatori del paese hanno nel piano abbattimenti programmati per la stagione venatoria. «Era la cerva assegnata, quindi ora Borgo non ne ha più perché qualche “furbetto” se l’è presa», puntualizza Dalledonne, che aggiunge: «Vedremo come finirà, so che c’è malumore tra i cacciatori: sono arrabbiati, ma questa era una cosa che non poteva passare inosservata. Prima del mio arrivo sul posto erano già presenti polizia locale, forestale e veterinario. E tutti hanno redatto un verbale».

Nel frattempo emergono altri particolari. Ad esempio che alla povera cerva è stata tolta la mandibola, parte notoriamente usata come trofeo. Inoltre chi ha compiuto il gesto ha provveduto prima a ripulire l’animale di tutte le parti “buone” con una certa professionalità. «Una scena macabra, le gambe amputate, il cranio senza mandibola, la pelle, le ossa sparse sulla scarpata per 3-4 metri. Una vergogna per tutti i cacciatori onesti», sbotta il sindaco, che pensa ad un gesto provocatorio. «La carogna è stata abbandonata a mio avviso volutamente in un luogo visibile a tutti, poteva gettarla nel Brenta o scavare un buco. Sono furibondo e indignato».

Proprio per non far passare sottotraccia il brutto gesto il sindaco provocatoriamente ha deciso che il conto per il recupero e lo smaltimento dei resti, che vengono classificati come “rifiuti speciali” e per i quali è stata chiamata una ditta specializzata di Bassano, sarà inviato all’associazione cacciatori del paese o a quella provinciale, nella sede di Trento.

«A qualcuno lo manderò, sarà la prima volta che succede ma il Comune questa volta non paga. Come per le immondizie, gettate nel Brenta, abbandonate sulle strade o fuori dalle isole ecologiche, probabilmente anche da gente nemmeno di Borgo. Perché deve pagare sempre Pantalone? C’è sempre più ignoranza e sono sconcertato da questo degrado», conclude il sindaco. Che in tal modo auspica nel buonsenso di chi sa o ha sentito qualcosa che possa ricondurre al bracconiere responsabile del gesto.

http://trentinocorrierealpi.gelocal.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Generale, Trentino Alto Adige

Comments (14)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

     “”…l’animale sarà depennato dai capi che i cacciatori del paese hanno nel piano abbattimenti programmati per la stagione venatoria. «Era la cerva assegnata, quindi ora Borgo non ne ha più perché qualche “furbetto” se l’è presa»…””
    _______________________________________________________________
    I bracconieri sono conosciuti dalla stragrande maggioranza dei cacciatori del posto … Forse questo e’ l’unico modo per indurre chi sa a parlare…

    • fabio guidi scrive:

      “Nel frattempo emergono altri particolari. Ad esempio che alla povera cerva è stata tolta la mandibola, parte notoriamente usata come trofeo”………….!!!???
      Massimo, tu lo sai perche’ si toglie la mandibola vero ? Non certo per farne un trofeo.
      Qualcosa non mi torna in questo raccontino……………

  2. Renzo scrive:

    Dispiace dirlo ma secondo me ha ragione il Sindaco . Se conoscete la mela marcia denunciatela ! E’ colpa di questi personaggi se le persone per bene attenti alle regole pagano di tasca propria. Giusto indignarsi, arrabbiarsi e farne una causa di discussione , ma se ognuno si comportasse civilmente rispettando le leggi e denunciando chi non si comporta allo stesso modo , forse questo Paese sarebbe visto in maniera diversa . :twisted: :twisted: :twisted:  

  3. Renzo scrive:

    Non ci siamo messi d’accordo io e Springer: notate l’orario del post ! 

  4. peppol@ scrive:

    se tutta la gente pagasse le tasse ne pagheremmo meno ? si sa bene chi evade ma…se la gente non frodasse le assicurazioni pagheremmo meno…se la gente rispettasse i limiti avremmo meno autovelox…. voi che fate denunciate tutti ? maddai…il problema è che chi dovrebbe far rispettare le leggi NON lo fa anche se sa benissimo chi, come, dove e quando… voi mettereste a rischio la vostra incolumita per denunciare tutto e tutti…bravi

  5. Giannirm scrive:

    Ma può essere stato chiunque a farsi questa cerva, dalle mie parti ci sono extracomunitari che con la rete circolare catturano i branchi di germani domestici dei laghi dopo averli attirati col pane raffermo, la fame è fame  e a qualcuno quel cervo è servito a questo, non credo che un bracconiere intelligente si mette a sezionare un cervo vicino ad una ciclabile, troppo rischioso, meglio al chiuso di un garage, quel sindaco evidentemente è un’animalista in cerca di consensi, sà che tanto i cacciatori incassano e stanno zitti. (dw) (dw) (dw) (dw) (dw) (dw) (:-p) (:-p) (:-p) (:-p) (:-p)

  6. diego scrive:

    Quindi ora se il solerte sindaco dovesse trovare nel proprio territorio comunale una carcassa di auto abbandonata dobbiamo dedurre che invierà il conto per lo smaltimento all’associazione dei carrozzieri del paese…….oppure per ogni gatto o cane investito alle associazioni animalare?
    Come aveva ragione il buon Elio a cantare “la terra dei cachi”

  7. Ezio scrive:

    E quali sarebbero i disonesti e furbi di ogni risna e categoria che avrebbero paura delle punizioni del “sistema” italico??
    Comunque pare più conveniente  tartassare in ogni modo quelli che cercano di essere a posto.
    Meno problemi e maggiori certezze di …incasso. :cry:
     

  8. Peter scrive:

    Il sindaco è giusto che si indigni, è spregevole quello che è stato fatto, ma la giustizia questo signore non sa nemmeno deve sia, troppo comodo far pagare  “patalone” sempre e comunque. Anche se non mi apparterrebbe, come cacciatore adesso sono anch’io l’indignato ma nei conbfronti di questo sindaco. Mi sa che l’incazzatura gli ha dato in testa.

  9. aaa scrive:

    bene a depennare il capo dai cervi cacciabili. ingiusto addebitare le spese di smaltimento ai cacciatori

  10. agostino scrive:

    Allora sarebbe giusto far pagare alle associazioni animalare quando la selvaggina in eccesso fa i danni e loro fanno di tutto per ostacolare gli abbattimenti compresi i ricorsi  al tar.

Leave a Reply


8 + = 12

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.