Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Ass.Venatorie e CnCn: scomposti e ridicoli gli interventi degli animalisti radicali

| 16 settembre 2013 | 4 Comments

CNCN_Ass_VenatorieCaccia, scomposti e ridicoli gli interventi degli animalisti radicali: la LAC dimostra di non “saper” leggere i sondaggi e l’AIDAA “spara” cifre a caso

Il sondaggio Astra Ricerche sul rapporto tra gli italiani e la caccia non è andato giù agli animalisti radicali che hanno improvvisato una serie di risposte una più inconsistente dell’altra, prendendo a pretesto cifre e documenti che in realtà li smentiscono per arrivare ad accuse cariche di violenza oltre che false

L’indagine condotta da Enrico Finzi, la più ampia e approfondita svolta sul tema in Italia, viene quindi confermata anche nel dato sull’animalismo, che in Italia raccoglie molti meno consensi dell’ecologismo proprio a causa di prese di posizione giudicate radicali, estremiste e violente di alcune sigle

ROMA, 16 settembre 2013 – Apertura di stagione venatoria disastrosa per alcune sigle animaliste radicali, che nella foga di attaccare i cacciatori hanno infilato due errori grossolani in altrettante comunicazioni, purtroppo riprese anche da alcuni quotidiani che hanno fatto da grancassa a posizioni palesemente in malafede.
Evidentemente agli anticaccia radicali non sono piaciuti i risultati illustrati lo scorso giovedì alla Camera dei Deputati, dove è stata presentata l’indagine demoscopica “Gli italiani e la caccia”, la più ampia e approfondita indagine sociologica svolta su questo argomento nel nostro Paese commissionata ad Astra Ricerche da CNCN, FACE Italia (Federcaccia, Liberacaccia, Enalcaccia, AnuuMigratoristi) e Arci Caccia. L’analisi condotta dal sociologo Enrico Finzi, esperto di fama internazionale, dà un 56% di italiani favorevoli alla caccia normata e regolamentata, con un miglioramento di vari fattori pro-caccia rispetto alla stessa analisi del 2010.

La Lega Abolizione Caccia, commentando la ricerca si è espressa contestando “le statistiche (basate su un numero ridottissimo di telefonate campione) sul gradimento dell’attività venatoria da parte degli Italiani” aggiungendo poi che in “un sondaggio IPSOS del febbraio 2010 in 13 regioni alla vigilia del voto amministrativo aveva fornito l’esito di un 70% di intervistati ‘Fortemente contrario alla caccia’ (in particolare tra donne, laureati, impiegati, casalinghe, giovani tra i 18 e i 24 anni)”*.
Per la Lac quindi le statistiche di Astra Ricerche, basate su oltre 2000 interviste sarebbero frutto di “un numero ridottissimo di telefonate campione”, mentre quelle del sondaggio IPSOS, più in linea con il loro sentire, sarebbero ben più attendibili. Peccato però che il sondaggio IPSOS al quale la LAC fa riferimento si basasse solamente su 980 interviste, ovvero meno della metà di quelle di Finzi!**
Scarsa conoscenza della matematica, dei principi delle ricerche demoscopiche o… tentativo di arrampicarsi sugli specchi?

Numeri in libertà anche per l’Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente (Aidaa), che alla vigilia dell’apertura del 14 settembre scrive che: “i cacciatori italiani sono circa 800.000, a loro si dovrebbero aggiungere oltre 300.000 bracconieri che da domani invaderanno le nostre campagne ed i nostri boschi sparando ed ammazzando qualunque cosa si muova”***.

Tralasciando il fatto che non è chiaro dove l’AIDAA abbia trovato tali cifre, rimane da chiarire un aspetto fondamentale: chi può sapere quanti sono i bracconieri in Italia, dal momento che si parla di soggetti che operano al di fuori della legalità, quindi nell’assoluto anonimato e al riparo da conteggi o statistiche?
Superfluo poi ricordare, ma solo se non si è viziati da preconcetti e livore, che i bracconieri sono fra i primi nemici dei cacciatori, infangando con le loro azioni centinaia di migliaia di appassionati rispettosi delle regole.

Incommentabile poi, ma ogni anno siamo costretti a farlo, il solito macabro rito di ingigantire il numero dei decessi o degli incidenti, dove anche chi è colpito da infarto o subisce un incidente d’auto mentre va o torna da caccia diviene un “morto per attività venatoria”.****

Semplicemente ridicola poi la “scoperta” che dei cacciatori “100.000 hanno un età superiore ai 70 anni e 5.000 sono sopra gli 80 anni il che dovrebbe voler dire revoca immediata della licenza, che invece viene ancora concessa senza troppe difficoltà dalle questure italiane”.
L’Aidaa ignora, o fa finta di non sapere, che per la licenza si superano periodiche visite mediche e che basta una segnalazione del medico perché questa venga sospesa o revocata.
Perché allora non revocare d’ufficio tutte le patenti di guida e sollevare dai pubblici incarichi, anche di rilievo, o dalla libera professione tutti quelli che abbiano superato i 70 anni?

“Siamo abituati alla malafede quando si critica la caccia – hanno commentato i committenti della ricerca – ma LAC e AIDAA questa volta si sono coperte di ridicolo. Le associazioni ambientaliste e protezioniste serie, che noi rispettiamo e con le quali vorremmo confrontarci sui fatti e non sull’ideologia, come dimostra anche la ricerca, hanno già preso le distanze con il consenso degli italiani da chi infanga con la menzogna, il travisamento complice dei fatti e l’odio, istanze giuste e condivise da molti cittadini. Anche l’indagine del sociologo Enrico Finzi, appena presentata alla Camera dei Deputati alla presenza di presidenti delle Commissioni Parlamentari e di numerose istituzioni, ha messo in evidenza come l’animalismo estremista sia malvisto dagli italiani, che ne hanno paura per gli atteggiamenti violenti e radicali. Se pensiamo che il sito dell’AIDAA definisce ogni cacciatore un ‘bastardo assassino’ – concludono CNCN, Face Italia (Federcaccia, Liberacaccia, Enalcaccia, AnuuMigratoristi) e Arci Caccia – è evidente che, al di là degli scopi palesi di abolire la caccia, questi signori continuano ad utilizzare un linguaggio denigratorio e violento, fuori dalle regole del confronto civile”.

*comunicato stampa del 12 settembre: http://www.abolizionecaccia.it/notizie/comunicati-stampa/comunicati-stampa/articolo/apertura-della-stagione-venatoria-la-lac-contesta-le-statistiche-dellindustria-armiera-manifestaz.html)

** parte della presentazione del sondaggio IPSOS è scaricabile qui: http://download.repubblica.it/pdf/2010/caccia2010.pdf)

*** visibile qui: http://aidaa-animaliambiente.blogspot.it/2013/09/caccia-in-italia-ci-sono-300000.html

**** qui il comunicato: http://aidaa-animaliambiente.blogspot.it/2013/09/caccia-un-morto-ed-un-ferito-grave-nel.html

 

Ufficio stampa CNCN – Segreteria Face Italia

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: .In Evidenza, ANLC, ANUU, Arcicaccia, CNCN, Enalcaccia, FACE, Federcaccia, Generale

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

    “”…Se pensiamo che il sito dell’AIDAA definisce ogni cacciatore un ‘bastardo assassino’ – concludono CNCN, Face Italia (Federcaccia, Liberacaccia, Enalcaccia, AnuuMigratoristi) e Arci Caccia – è evidente che, al di là degli scopi palesi di abolire la caccia, questi signori continuano ad utilizzare un linguaggio denigratorio e violento, fuori dalle regole del confronto civile..””
    ____________________________________________________________
     
    Beh…certo che se voi Associazioni Venatorie che dovreste tutelare la Caccia , di conseguenza il cacciatore e la sua immagine , vi limitate a leggere questi insulti e a non intervenire adeguatamente  ( le parole : denuncia / querela vi dicono qualcosa..?     :mrgreen:    )come si dovrebbe fare in caso di PUBBLICI INSULTI …la prossima volta sul loro sito letto da migliaia di persone , passeranno a descrivere il cacciatore come un figlio di puttxana- strxonzo e pure pezzo di merxda e voi a limitarvi a scrivercelo per portarlo a nostra conoscenza…
    Grazie dell’informazione…ma non e’ quello che vogliamo da voi in questi casi..  :wink:

  2. Ciro scrive:

    Ma le nostre associazioni dove sono? Gli animalisti sono sempre in prima fila nei tg nazionali, proprio stasera la ramata era vicino ad un cavallo denigrando tutto il mondo dei palii e delle rappresentazioni che hanno come protagonisti i cavalli usando parole catastrofiche e menzognere! Perché un rappresentante delLe aa.vv. Per una volta non chiede un intervista per dire qualche verità in tv? Magari al tg5……. Oppure a replicare qualche servizio di stoppa a striscia? Eppure prendete tanti soldi dai cacciatori basterebbe un po di impegno! Ma poi vorrei capire il cavallo al palio viene sfruttato, in citta sull’ asfalto viene trattato male , se tira la carretta e’ sfruttato, ma scusate mica il cavallo può stare sul divano di casa a guardare la tv? O magari in camera da letto? Forse alla roscia la seconda opzione piacerebbe  :lol:
     

  3. Mari scrive:

    Care ass.venatorie e ccnn fate veramente ridere non ci tutelate e vi limitate a questi comnicatucci……date incaric ai vostri lgali le azioni piu’ opportune altrimenti state zitti abbiate il buon senso di tacere come fate smpre…..gli animalisti grazie a voi hanno sempre vita facile e cantano sempre vittoria, se la caccia e’ agli sgoccioli e’ grazie anche a voi…..

  4. Cacciatore cortese scrive:

    a pensar male..diceva qualcuno, si fa’ peccato ma il più delle volte (up) ..vero? Per caso, non è l’ennesima pubblicita gratuita che ci faceTE? Non capite che “nun c’è più trippa pe’ gatti”..? :-D :roll: :roll: :?:

Leave a Reply


1 + = 5

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.