Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Anche le Istituzioni vicine al mondo venatorio

| 13 settembre 2013 | 1 Comment

istituzioniGli italiani e la caccia, anche le Istituzioni vicine al mondo venatorio

ROMA, 13 settembre 2013 ‐ Il 56% degli italiani è favorevole all’attività venatoria regolamentata e normata, con una crescita del 3% rispetto al 2010. Questo il dato più importante emerso dall’indagine demoscopica “Gli italiani e la caccia” realizzata dal sociologo Enrico Finzi di Astra Ricerche e presentata giovedì 12 settembre nella sala stampa della Camera dei Deputati (per maggiori dettagli vedi Sintesi per la stampa allegata).

Si tratta della seconda ricerca di questo tipo in tre anni e si conferma come la più ampia e approfondita svolta in Italia sulla caccia, come voluto fortemente dai committenti: CNCN (Comitato Nazionale Caccia e Natura), associazioni venatorie riunite in FACE Italia (Federcaccia, LiberaCaccia, Enalcaccia, Anuu Migratoristi) e Arci Caccia.

Il mondo delle istituzioni, nazionali ed europee, ha mostrato di apprezzare questa attività di studio e ricerca su un fenomeno antico ma sempre molto discusso e ha aderito convintamente all’invito a partecipare alla sua presentazione.

Il Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo PAOLO DE CASTRO, impossibilitato ad essere presente, ha inviato un messaggio di stimolo e incoraggiamento (vedi lettera allegata).

Presente il sen. GIUSEPPE MARINELLO, Presidente della Commissione Ambiente del Senato, che ha preso la parola come relatore ringraziando le associazioni venatorie per gli sforzi fatti in questi anni per innalzare il livello di conoscenza dei cittadini sulla caccia e per “scrollarsi di dosso alcuni pregiudizi dovuti in parte a scarsa conoscenza della materia e in parte a malafede. La caccia è un’attività antica ma va valutata per quello che essa rappresenta al momento, e oggi il fine ultimo è sempre la sua sostenibilità e la tutela delle specie e dell’ambiente”.

Riscontro con piacere di far parte di una maggioranza relativa piuttosto solida, ovvero al partito del buonsenso che approva una caccia sostenibile che si adegua all’ambiente e alle norme”. Ha esordito così il secondo relatore istituzionale, l’on. LUCA SANI – Presidente Commissione Agricoltura della Camera, che ha poi aggiunto: “E’ bene che anche i giovani sappiano che sulla caccia l’Italia vanta una delle normative più avanzate nel mondo. Questa indagine è utile dunque anche per la politica, in Parlamento infatti spesso la caccia è considerata ancora con molto pregiudizio e invece ci sarebbe bisogno di minore emotività quando si affrontano temi specifici come i danni all’agricoltura da fauna selvatica. La ricerca ci aiuta a smontare certi atteggiamenti di chiusura e ad affrontare con maggiore equilibrio le questioni relative alla caccia. Spero ci siano altre occasioni di confronto su questi temi”.

Alla presentazione era presente anche WALTER FERRAZZA, sottosegretario al Ministero per gli Affari Regionali, che ha espresso con convinzione la sua vicinanza al mondo venatorio: “Compito della politica è adattare le norme al nuovo modo di andare a caccia. Oggi siamo di fronte a cacciatori più responsabili che rispettano le norme nazionali e regionali perciò la politica deve rendere omogenee e più moderne le varie normative. C’è la necessità di portare nella società civile e chiarire cos’è la caccia oggi, chi è il cacciatore moderno. Il cacciatore infatti è il primo degli ambientalisti, tant’è vero che la caccia non è un motivo di diminuzione o estinzione di specie, minacciate invece dalla scomparsa degli habitat. È arrivata l’ora che ambientalisti e cacciatori – ha concluso Ferrazzalavorino insieme per evitare modifiche e scomparse di habitat”.

Importante anche il contributo arrivato da Federparchi tramite il prof. PAOLO GIUNTARELLI, intervenuto in rappresentanza della Presidenza Nazionale: “Federparchi ha collaborato alla ricerca e voglio ribadire in questa occasione che noi non siamo contrari alla caccia, anzi c’è la richiesta di confrontarsi con i cacciatori e collaborare per esempio negli abbattimenti selettivi”.

Oltre a rappresentanti delle Istituzioni locali e delle Federazioni CONI erano inoltre presenti in sala fra gli altri l’On. Ermete Realacci – Presidente Commissione Ambiente della Camera; il Sen. Massimo Caleo – Capogruppo PD Commissione Ambiente Senato; il Sen. Stefano Vaccari – Segretario Commissione Ambiente Senato; l’On. Susanna Cenni – Commissione Agricoltura della Camera; Antonio Morabito – responsabile fauna di Legambiente; Francesco Ciancalone di Coldiretti e Umberto Borrelli della CIA (Confederazione Italiana Agricoltura).

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: Generale

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Piero scrive:

    Cosa leggo?
    Le Istituzioni vicine al mondo venatorio ?
    Se volevate farmi ridere ci siete riusciti.

Leave a Reply


+ 5 = 11

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.