Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Sogno di un cacciatore

| 9 settembre 2013 | 6 Comments

SOGNO DI CACCIATORE
di Stefano De Vita

Stefano DevitaAlla vigilia dell’apertura, questo è un augurio per tutti, perché nel rinnovarsi di questo antico rito, nonostante i mille problemi che affliggono la nostra attività ed il grave periodo di crisi sociale ed economica, siamo qui ancora a godere della nostra passione. Ma questo vuole essere anche un auspicio, un contributo, un consiglio rivolto a tutto il mondo venatorio che sembra essere sempre più diviso nonostante qualche umile tentativo di ricerca dell’unità: un consiglio nell’intraprendere una strada comune verso una effettiva difesa e riqualificazione della caccia e dei cacciatori. Un sogno?

Voglio fare una sostanziale premessa prima di toccare i vari punti che hanno interessato negli ultimi anni le varie vicende politiche, tavoli di confronto tra le componenti sociali e discussioni varie legate alle modifiche della 157/92, ma anche in senso generale sulla socialità e utilità della caccia, portata avanti ed avversata ad arte dal politico di turno, o da quel vip o uomo di cultura o della stampa, in un marasma di completa non conoscenza della materia venatoria. Perdipiù, invocando un Europa da rispettare senza sapere poi come si pratica questa attività venatoria e come è regolamentata. E, aggiungo, equiparando spesso il mondo animale e la gestione faunistica in un surrogato di carattere disneyano. La verità è che la gente non conosce il vero ruolo della caccia; non è vero che la maggioranza degli italiani è contraria, lo dimostrano i numeri ed anche le affluenze nelle tante fiere, manifestazioni di carattere rurale, outdoor, sportivo, armiero, cinofilo dove in tutte la caccia appare sempre viva e vitale; lo dimostrano le centinaia di migliaia di appassionati e famiglie di non cacciatori con al seguito tanti bambini. Diciamoci la verità, la caccia non è che poi interessa più di tanto la gente comune, i problemi sono altri, diciamo invece che artatamente gli anticaccia sanno coinvolgere o solleticare certe sensibilità avverse alla caccia, avvalendosi molto spesso di personalità come detto in premessa. Se non ricordo male anche un recente sondaggio, mi pare dell’Astra Ricerche, ci confermava quello da sempre sospettato e cioè che il 55% degli italiani non è contrario alla caccia, ma la maggioranza di chi non è cacciatore non la conosce.

Ecco il ruolo che da sempre doveva aver fatto il mondo venatorio e che invece a mio avviso è rimasto al palo, non investendo sufficienti risorse economiche in informazione, cultura e riqualificazione professionale del cacciatore e dell’attività venatoria, nei giovani, nella didattica ambientale; creando delle vere e proprie scuole di caccia sul modello statunitense, sostenendo interventi di tutela e riqualificazione ambientale ai fini dell’incremento della biodiversità anche e soprattutto acquistando terreni sempre sul modello statunitense, per la difesa degli habitat; impegnandosi direttamente nella ricerca e nello studio delle specie faunistiche oggetto non solo di prelievo venatorio, la cui equilibrata presenza è il miglior indicatore biologico del nostro ambiente.

Ormai non si può più aspettare è ora che il mondo venatorio UNITO crei un unica struttura di ricerca scientifica altamente professionale ed accreditata a livello nazionale, coadiuvata da tecnici e professionisti operanti sul tutto il territorio nazionale. E’ impensabile, improduttivo e poco professionale continuare ad andare in ordine sparso.

Tra l’altro in un momento così critico per l’ambiente, mentre la perdita di habitat è la principale causa di perdita di biodiversità, sarebbe una scelta intraprendere azioni concrete in tal senso. Ma aggiungo: si potrebbero per esempio prevedere nei piani faunistici venatori provinciali meccanismi di coordinamento nell’utilizzazione, ai fini faunistici-ambientali, delle risorse finanziarie rese disponibili dai Programmi di Sviluppo Rurale (PSR). I beneficiari potrebbero essere gli imprenditori agricoli singoli od associati, gli Enti gestori del territorio come le Università agrarie, gli ATC, gli Istituti privati quali le Aziende Faunistiche Venatorie, le Associazioni che hanno per finalità la conservazione ed il ripristino delle zone umide, le Associazioni venatorie e le Associazioni agricole. Prevedendo meccanismi di promozione affinché i soggetti citati rivestano un ruolo primario nella gestione, in particolare il mondo venatorio, stimolando i proprietari dei terreni ricadenti nel proprio territorio nell’uso delle misure PSR in un quadro coordinato di interventi di salvaguardia, conservazione, ripristino, miglioramento e aumento delle presenze faunistiche. Artefici di progetti mirati, quindi, coerenti con le linee di gestione faunistica dettate dai piani provinciali, con ulteriori incentivi per quei progetti ricadenti nei territori previsti nella Rete Natura 2000, per utilizzare al massimo le risorse comunitarie, i famosi Progetti LIFE.

Forti dei nostri diritti sanciti dalle norme comunitarie, nazionali, regionali in materia di gestione e protezione del patrimonio floro-faunistico-ambientale, ribaditi da una recente sentenza della Corte dei Diritti Umani della Corte di Strasburgo, bisogna guardare avanti ed uscire da questa situazione di stallo e, lasciatemelo dire, di malgoverno della caccia, le cui responsabilità sono da ricercare anche al nostro interno, fra noi cacciatori. C’è uno scontento generale, però poi tutto procede come prima. BASTA, le norme ci sono, e confermano l’alto valore socio-culturale-ambientale della caccia.  CHE SI LAVORI UNITI PER QUESTO.

Sentenza della CORTE dei DIRITTI UMANI di STRASBURGO – n° 9307/07 del 20/01/2011

La Corte dei Diritti Umani Europea di Strasburgo, con sentenza del 20 gennaio 2011 riconosce in maniera esplicita (chiara) il valore ambientale, economico e sociale dell’ attività venatoria. L’ Alta Corte ha concluso che non vi è stata nessuna violazione dei diritti dell’ uomo, che le associazioni venatorie sono istituti di diritto pubblico, a cui spetta il compito di controllo dell’ attività venatoria, per il mantenimento delle popolazioni faunistiche, nell’ interesse generale di tutta la comunità.

Direttiva Uccelli concernente la conservazione degli uccelli selvatici 2009/147/CEE

Direttiva Habitat relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche – 92/43/CEE

Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio – L. 92/157

E tutte le Leggi Regionali di recepimento

Legge quadro sulle aree protette – L. 394/91

E tutte le Leggi Regionali di recepimento

(Esercizio delle deroghe previste dall’articolo 9 della direttiva 79/ 409/CEE). Integrazioni alla legge 11 febbraio 1992, n. 157, in materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio, in attuazione dell’articolo 9 della direttiva 79/409/CEE – L. 221/2002

Modifiche alla legge 11 febbraio 1992, n. 157, in materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio – modifiche all’articolo 19 bis: Esercizio delle deroghe previste dall’articolo 9 della Direttiva Uccelli concernente la conservazione degli uccelli selvatici – 2009/147/CEE – 30 luglio 2013.

Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee – Legge comunitaria 2009 – L. 96/2010

Criteri minimi uniformi per la definizione di misure di conservazione relative a Zone speciali di conservazione (ZSC) e a Zone di protezione speciale (ZPS) – D.M. 17 ottobre 2007

Norme regionali di recepimento sui Criteri minimi uniformi per la definizione di misure di conservazione relative a Zone speciali di conservazione (ZSC) e a Zone di protezione speciale (ZPS).

Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonché della flora e della fauna selvatiche – DPR 357/97

Guida alla disciplina della caccia nell’ambito della Direttiva 79/409/CEE sulla conservazione degli Uccelli selvatici – La Direttiva riconosce pienamente la legittimità della caccia agli uccelli selvatici come forma di sfruttamento sostenibile. La caccia è un’attività in grado di generare importanti ricadute di origine sociale, culturale, economico e ambientale……”.

Accordo AWEA: Adesione della Repubblica italiana all’Accordo sulla conservazione degli uccelli acquatici migratori dell’Africa – EURASIA, fatto a L’Aja il 15 agosto 1996 – L. 66/2006

Convenzione di Parigi 1950 per la protezione degli uccelli: Parigi il 18 ottobre 1950 – L. 812/1978

Convenzione di Ramsar sulle zone umide d’importanza internazionale segnatamente come habitat degli uccelli acquatici e palustri: Ramsar il 2 febbraio 1971D.P.R. 448/1976

Convenzione relativa alla conservazione delle specie migratrici appartenenti alla fauna selvatica:

Bonn il 23 giugno 1979 – L. 42/1983

Convenzione di Berna relativa alla conservazione della vita selvatica e dell’ambiente naturale in Europa: Berna il 19 settembre 1979 – L. 503/1981

In tutte queste norme si parla di caccia. L’ attività venatoria oggi non può più essere esercitata senza una profonda conoscenza naturalistica da parte del cacciatore, ma anche di chi è deputato a rappresentare il mondo venatorio, come non può essere esercitata senza che il prelievo di qualsiasi specie non sia inserito in un concetto più generale di conservazione e di protezione. Col prelievo praticabile solo sulla base di precisi elementi conoscitivi dello status e della dinamica delle popolazioni, non solo a livello locale ma più in generale a livello globale della popolazione stessa. L’attività venatoria è ammessa laddove persistono ed interagiscono i concetti di salvaguardia, di mantenimento, di riqualificazione e di miglioramento degli ambienti naturali, in sinergia con dei precisi studi e ricerche scientifiche che saranno poi la base per determinare coerenti piani di prelievo, incidendo solo sul surplus della popolazione animale interessata. La natura offre risorse rinnovabili e queste risorse sono i frutti da raccogliere senza mai intaccare l’albero. L’attività venatoria non può esistere se non in sinergia col mondo scientifico in tutte le sue componenti ed espressioni.

Ma al contempo la caccia (e i cacciatori) non può più essere oggetto di scambio o compromessi.

Di fatto:

Difesa degli habitat e miglioramenti ambientali ai fini faunistici con incentivi agli agricoltori che si adopereranno in tal senso.

Creazione e ripristino ambientale in particolare delle zone umide, finalizzate anche all’attività venatoria, dove il resto dell’anno saranno luoghi per la didattica ed educazione ambientale, nonché per la ricerca scientifica.

Attivazione di Zone Cinofile, dislocate a livello capillare in tutto il territorio nazionale in modo tale che tutti i possessori delle razze da caccia possano portare i propri cani a correre (gratuitamente) nei periodi di inattività venatoria, questo nel principio primario del benessere animale. Chiaramente incentivi a quei proprietari terrieri che mettessero a disposizione le proprie terre per queste zone cinofile senza sparo.

Creazione in tutte le regioni di vere e proprie Scuole di Caccia, in particolare rivolte ai giovani: con lIstituzione di Corsi di formazione su riconoscimento e biologia degli animali; Istituzione di Corsi in materia di legislazione floro-faunistico-ambientale e sul benessere animale; Istituzione di Corsi di cinofilia venatoria; Istituzione di Corsi di Balistica e sulla sicurezza e tante altre materie inerenti e collegate alla conservazione e gestione faunistica. Corsi di Qualificazione per il controllo degli animali opportunisti, per conduttori di cani da traccia e da limiere, per cacciatori di selezione alle specie di Ungulati.

Vigilanza Venatoria Volontaria, potenziamento della vigilanza venatoria volontaria finalizzata anche al controllo ambientale.

Ricerca Scientifica, promozione della ricerca scientifica con progetti mirati allo studio faunistico ed ambientale, in particolare alla fenologia ed il comportamento delle specie in correlazione all’ambiente. Con la dotazione su tutto il territorio nazionale di stazioni di inanellamento, di Stazioni Bioacustiche e Stazioni Radar, con particolare attenzione a ricerche su determinati animali con strumenti GPS, Geolocalizzatori, VHF, Accelerometro, etc.. Ma anche ricerche su popolazioni selvatiche in ambiente naturale ed in cattività, per esempio l’avifauna allevata per ripopolamento e studiare le cause di variazioni dello stress ossidativo e le conseguenze per il successo riproduttivo “fitness Darwiniana”.  Il tutto necessariamente coordinato da un unica struttura scientifica accreditata, come potrebbe essere una Università od un Istituto di Ricerca, che dovrebbe avvalersi di tecnici, biologi, ricercatori, inanellatori patentati inanellatori riconosciuti ISPRA, ed altre figure professionali vicine al mondo venatorio e non solo.

Ufficio Legale ed Ufficio Stampa. Creazione di un unico ufficio legale in sinergia ad un unico ufficio stampa in grado di filtrare e rispondere a tutto quello che esce sui media, web compreso, per filtrare in pratica tutto quello che lede l’immagine della caccia e del cacciatore e da li intraprendere anche delle azioni legali concrete contro chi ci diffama. Ripeto: un unico ed accreditato Ufficio Legale supportato da un unica ed accreditata struttura scientifica che sia in grado di controbattere agli innumerevoli ricorsi contro i calendari venatori.

In sostanza è ora di cambiare pagina una volta per tutte e le risorse economiche che provengono dal mondo associativo venatorio, che non sono affatto poche, dovrebbero ricadere tutte sul territorio con azioni concrete sotto tutti i punti vista. Il tutto a vantaggio dell’ambiente, della comunità e dei cacciatori.

Stefano svegliati!!! Stai sognando???

Stefano De Vita

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: .In Evidenza, Dite la vostra, Generale

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

    Caro Stefano….e’ un sogno solo perche’ siamo in Italia, perche’ in altre Nazioni questo e’ stato realizzato e ha portato i suoi frutti. Sai che io sono un fervido sostenitore del ” modello statunitense “. Ebbene, se solo si fosse fatto cosi’ OGGi noi non avremmo NESSUNO dei problemi che viviamo ( e subiamo ).
    Se avessimo fatto dell’ Ambiente la nostra battaglia e in nostro vessillo invece di lasciarlo a totale appannaggio degli ambientalisti , OGGI noi non avremmo nulla di cui preoccuparci non avendo lasciato a ” loro ” nulla su cui poterci attaccare con in piu’ il valore aggiunto di territorio cacciabile sottratto a speculazione edilizia e degrado . Ma invece abbiamo fatto nulla o poco piu’ di nulla in tal senso ( basta osservare come funzionano (?) gli ATC che noi dovremmo gestire ) subendo ogni anno pesanti attacchi , limitazioni ingiuste , sospensioni…solo perche’ nessuno o in pochissimi se la sentono di prendere la nostra parte. D’altra parte riconosco che ci vuole un gran coraggio per farlo: Zone di Ripopolamento e cattura che catturano zero…. Gestione dell’ Ambiente inesistente …Gestione della Fauna stanziale cacciabile inesistente : trent’anni di ripopolamenti senza logica che hanno sottratto risorse gestionali enormi che avrebbero dovuto andare in altra direzione e non hanno portato a nessun risultato concreto visto che dopo poche settimane dall’apertura della caccia ,di specie ” alate “non ne rimane traccia e a fine stagione ( a popolazioni azzerate ) si deve ripopolare nuovamente… Si spera in un po’ di migratoria solo in quelle zone dove ( non certamente per merito nostro ) l’ambiente e’ rimasto miracolosamente adatto a ospitarla…. Comunicazione verso l’esterno inesistente….Tutela legale in difesa dell’immagine di Caccia e cacciatori inesistente ( tanto e’ vero che gli ” altri ” si permettono di tutto e di piu’ nei nostri confronti forti del fatto che a ogni loro azione non seguira’ alcuna nostra reazione )….. Non dobbiamo sorprenderci della nostra attuale situazione dopo anni e anni di tutto questo..
    La Caccia e’ ai margini anche ( io direi soprattutto ) per colpa ” nostra “….Ovvio che se nulla fai per favorirla attraverso immagine e comunicazione … difenderla …tramandarla…farla conoscere integrando la parola ” Caccia ” a tutto quello che ha a che fare con GESTIONE ambientale e faunistica ( a proposito ti mandero’ via mail il progetto del grande e indimenticato Pinotti per la creazione della ” Scuola della Terra , dell’ Ambiente , della Caccia e delle Tradizioni ” ) , nulla potrai aspettarti di buono in futuro… Ed e’ quello che puntualmente e’ successo  :wink:
    Troppi anni sono passati inoperosi in tal senso e adesso risalire la china sara’ difficile e lungo da attuarsi . Bisognerebbe iniziare a farlo da subito…ma vedo che al di la di tante buone se non ottime idee e iniziative , alla fine non si fa nulla . La frammentazione da cui prendono spunto e’ il vero tallone d’Achille mancando un’ unica cabina di regia e soprattutto risorse per iniziare a metterle in pratica. Se non si arriva in brevissimo tempo a un unico soggetto associativo che raccolga al suo interno le diverse ” menti ”  ( di tutte le Associazioni ) che credono in quanto detto da te e da altri ( penso all’articolo sulle ottime proposte di Logi dell’ Arcicaccia di pochi mesi fa ) disponendo delle risorse necessarie alla loro realizzazione , il nostro futuro non sara’ affatto certo…
    Basta divisioni…basta personalismi…basta ricerca di consenso demagocico…ci vuole unione di intenti e Associazione unica . Perche’ cosi’ divisi , al di la dei proponimenti di molti , non si riuscira’ a venire a capo di nulla . E se fosse per questo motivo sarebbe un vero delitto…
    Ma forse sto sognando anch’io…  :-|

    • Giacomo scrive:

      Ma forse sto sognando anch’io
      —————————————-
      Un sogno che insegna tutto o quasi del da farsi e beato te e fortunati noi che c’è uno come te che riesce a fare questi sogni, ma soprattutto che li descrive magistralmente non tralasciando niente. E che caxxo vuoi dire più, ci sarebbe solo da fare, grande Springer !!  :wink:  :-D

    • fiore scrive:

      Vai, Springer è impazzito!!! :-D …. ogni tanto vieni sulle pagine di zanoni o geapress a lottare, anche se non ce nè bisogno da qualche anno gli stiamo rivoltando come carzini!!  
      ps. lo dicevo che avevi cervello, ( ancora non mi riesce farmi una ragione del perchè ti fidi ancora di ello)

    • Alessandro federighi scrive:

      quoto un fortissimo Springerone!!!!!!!!!!!!!!!!! (:i) (:i) (:i) (:i) saluti

  2. Renzo scrive:

    SPINGER ti stringo la mano e ti abbraccio . Lo sapevo, sapevo di potermi confrontare con uno che ha cervello . Grande . Unico neo ( piccolo piccolo ) ,forse dimentichi la legge della fisica che enuncia : ad ogni azione segue un’azione uguale e contraria . Arriverà il momento della riscossa di chi la Natura la ama veramente e non solo la sfrutta per i suoi sporchi giochi. La Nostra riscossa . Grande ! 

  3. Enzo scrive:

    Ringrazio tutti in anticipo perché sono sicuro che mi date una mano.Io mi sono trasferito da poco a Grandate (CO) sono un cacciatore con regolare porto d armi ,ho molta voglia e passione per andare a caccia però non conoscendo le zone dove poter svolgere attività venatoria mi trovo chiuso in casa, il mio e’ un messaggio a tutti coloro che vogliono farmi unire a loro per cacciare assieme non ho interesse per le prede ho solo voglia di farmi una cacciata in compagnia sia a volatili che al cinghiale Sono bravo a sparare e ho molta dimestichezza con le armi.RINGRAZIO TUTTI PER LA COLLABORAZIONE.

Leave a Reply


8 + 7 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.