Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Ma cos’ è questa crisi?

| 7 settembre 2013 | 5 Comments

Sergio GunnellaUn governo abbarbicato sulle ‘larghe intese’, ma sommessamente litigioso, che parla e non agisce. Un’ amministrazione locale altrettanto inefficiente che non riesce a concretizzare nulla, neppure in caccia, dove dovrebbe vigilare e non vigila, dove dovrebbe controllare, ma tira solamente a campà; come a Terni, dove il suo ATC, delegittimato dal 15 luglio perché arrivato al termine del proprio mandato, incassa egualmente le quote dei 10mila cacciatori in odore di apertura…Fra questi, purtroppo, un popolo di collezionisti di ciccia che si preoccupa solo dei propri interessi e se ne sbatte altamente del collega che insegue il proprio sogno col cane o che aspetta il cadeau all’ interno del capannuccio di frasche…
Un’ opinione pubblica che non fa altro che inseguire le sirene e rigurgitare bile sugli appassionati del Bosco; e la politica, gestita da apprendisti stregoni che in tempi normali non avrebbero trovato un posto da custode neppure ai bagni pubblici di Roccacannuccia…Aspetti singolari del nostro Paese? Può darsi.
Tuttavia, quando la cinghia dei pantaloni si restringe fino all’ ultimo buco, emergono cose più serie, se non addirittura drammatiche: i suicidi degli imprenditori incravattati dal fisco, le famiglie alla disperata ricerca dell’ ‘offerta speciale’, i poveracci in fila col cappello in mano davanti allo sportello bancario, i nuovi poveri che nuovi non lo sono per niente…Calano vertiginosamente anche i rinnovi delle licenze di caccia; e per chi resta, aumenta invece il timore che l’ incapacità gestionale dimostrata da inetti e complici, possa offrire il fianco a ricorsi e a battute d’ arresto per niente casuali. Inetti e complici ho detto?
Tertium non datur, stante che anche il più sprovveduto dei cravattari della caccia potrebbe placare il suo livore nei confronti dell’ attività venatica, semplicemente appellandosi ai postulati della riforma del 1992, la L. 157, che ne giustifica lo svolgimento solamente se il territorio a.s.p. destinato allo sforzo di caccia risulti suddiviso in Ambiti Territoriali di Caccia funzionanti.
Ergo non scaduti e soprattutto con i conti in ordine. Cosa che pare non interessi minimamente all’ ente di Terni che, non solo non si è ancora rinnovato, ma che a oggi non ha ancora legittimato il proprio bilancio relativo allo scorso esercizio.
Nella morsa di questa vergogna, gli Uomini dei Boschi di tutti e tre gli ATC dell’ Umbria che sono partiti il 1° settembre senza conoscere il nome di coloro ai quali hanno affidato i propri soldi relativi alla quota d’ iscrizione, il rischio di rimanere tutti a casa a pettinare le bambole il 15 settembre, c’ è. Una crisi di competenze e di valori che, come quella finanziaria, risulta del tutto pericolosa quanto inaccettabile.
A questo punto, ai cacciatori dell’ Umbria, non resta che sperare in una provvidenziale disattenzione di chi ci vuole male. Nel frattempo, per mera scaramanzia, invio a tutti voi e a me stesso – amici di Terni e di Perugia – un beneaugurante
IN BOCCA al LUPO!!!
Sergio Gunnella

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Radio bosco, Umbria

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Renzo scrive:

    Tranquillo Sergio che se esplode il Medio Oriente mangeranno carne solo quelli che sapranno tendere una sorta di agguato alla ciccia vagante; aggratiss . Speriamo che si risolva politicamente  – se lo risolvono come qui da noi ,stiamo veramente freschi …. —- Sinceramente un poco di timore lo avverto, ma non per me, per i miei figli e i figli dei miei figli. Io ormai ……… :cry:

  2. Cacciator cortese scrive:

    Abbiamo ciò che meritiamo..non credete? Però qualcosa di  BUONO hanno prodotto: ci faranno contare le ali delle beccacce..vi pare poco? :-D :-D :-D :-D

    • Peter scrive:

      Per contare le ali bisogna prima abbatterle; probabilmente conteremo le loro ali solo durante il volo posto che le vedremo volare.

  3. tortoioli claudio scrive:

    Devo dirti bravo Sergio, purtroppo la politica continua nel fare danni la tua analisi economico sociale è puntuale, ora che fare?? sentiamoci un cordiale saluto Claudio

    • Sergio Gunnella scrive:

      Claudio; domani cascasse il mondo ti telefono! Non se ne può più. Il mio cavallo ciondola il muso e mi dà del somaro…Avesse ragione? 
      Sergio Gunnella

Leave a Reply


1 + 7 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.