Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Risposta di Berlato a Zanoni su speculazioni aviaria

| 3 settembre 2013 | 7 Comments

Berlato SergioL’On. Sergio Berlato risponde a Zanoni su speculazioni aviaria

Ancora una volta l’on. Andrea Zanoni tenta di speculare sul problema dell’influenza aviaria per cercare di raggiungere quello che sembra essere il suo unico vero scopo:
soddisfare quella che sembra essere la propria principale ossessione rappresentata dalla volontà di impedire ai cacciatori di esercitare la propria attività.
Approfittando della scarsa conoscenza di una parte dell’opinione pubblica sul problema dell’influenza aviaria, l’on. Zanoni chiede alle istituzioni europee di far chiudere la caccia nelle regioni del Nordest Italia per impedire la diffusione dell’influenza aviaria causata, a suo dire, dalla movimentazione degli uccelli da richiamo usati nell’attività venatoria.
Dando ancora sfoggio della sua “carità pelosa” l’on. Zanoni finge di preoccuparsi addirittura della salute dei cacciatori, chiedendo la chiusura dell’attività venatoria per impedire che i cacciatori possano venire a contatto con il sangue infetto delle loro prede ed infettare a loro volta i loro figli, le loro mogli e di conseguenza tutti coloro che possono venire a contatto con i loro familiari.
In realtà, dubitiamo fortemente che ad Andrea Zanoni ed agli altri suoi amici animalisti possa interessare qualcosa della salute dei cacciatori e dei loro familiari. Non bastava additarli falsamente come pericolosi per se stessi e per gli altri per l’uso delle armi da caccia, adesso si rincara la dose facendo credere che i cacciatori possono essere dei diffusori di contagio e quindi soggetti da isolare socialmente e sanitariamente.
Se gli animalisti “alla Zanoni” la smettessero con la loro ossessione contro la caccia e cominciassero a studiare su qualche testo scientifico, scoprirebbero che la FAO, a seguito di una ricerca approfondita effettuata dai propri scienziati attraverso il prelievo di oltre 350.000 uccelli selvatici in Europa, Asia, Africa e America, ha constatato che la diffusione del virus dell’influenza aviaria è legata principalmente al commercio di pollame vivo infetto (proveniente da allevamento) e non certo allo spostamento degli uccelli migratori o dei richiami vivi usati nell’attività venatoria.
La stessa Commissione europea e le varie istituzioni comunitarie, già più volte interpellate sulla questione dell’influenza aviaria, hanno avuto modo di affermare che la caccia non fa parte del problema ma fa parte della soluzione.
Prezioso è stato considerato dalle istituzioni comunitarie il ruolo dei cacciatori che gratuitamente e volontariamente hanno contribuito a garantire una capillare azione di monitoraggio sul livello di diffusione dell’influenza aviaria in Europa causata da un virus che, è utile ricordarlo, è estremamente pericoloso per il pollame ma che rappresenta un pericolo del tutto trascurabile per gli esseri umani.
Del resto con questo virus, isolato già dalle fine del 1800 in Europa, abbiamo convissuto nei secoli e dovremo conviverci nei secoli futuri, senza che questo possa destare particolari preoccupazioni per la salute degli esseri umani.
Gli esperti mondiali di sanità pubblica confermano infatti che la carne del pollame morto a causa del virus dell’influenza aviaria, se cucinata per almeno tre minuti ad una temperatura di almeno sessanta gradi, può essere tranquillamente ingerita dagli esseri umani senza che questo rappresenti alcun pericolo per la loro salute.
Come del resto è risultato assolutamente infondato il pericolo di una pandemia (epidemia in larga scala) causabile dal virus dell’influenza aviaria tra gli esseri umani, dal momento che questo virus non si trasmette tra esseri umani.
Con questo non vogliamo certo in alcun modo minimizzare le gravi conseguenze economiche ed occupazionali derivanti dalla diffusione del virus dell’influenza aviaria negli allevamenti di pollame, ma un conto è circoscrivere il problema analizzando le sue cause dal punto di vista strettamente scientifico, un’altra cosa è tentare di fare allarmismo ingiustificato utilizzando discutibili speculazioni, scambiando i cacciatori come unici bersagli sui quali scaricare tutte le proprie ossessioni.

on. Sergio Berlato
Componente Commissione Ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare del Parlamento europeo

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Generale, Veneto

Comments (7)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. sandro scrive:

    quindi a questo punto, se la tesi dell’On. Berlato è esatta le varie AA. VV. dovrebbero dare mandato ai loro legali e querelare Zanoni per procurato allarme.

    • laser scrive:

      Le AA.VV. non possono rispondere, in questo periodo dell’anno, hanno la pancia piena e pertanto sono un po’ assonnate e lente di riflessi……

  2. Spartacus60 scrive:

    x Onorevole Berlato
    Sarebbe cosa “sana e giusta” imporre l’obbligo  (tramite  legge ad hoc) il presentare ogni biennio il certificato anamnestico per ogni attività lavorativa,cosi facendo non solo si alimentano le casse dello Stato,ma si resta certi che il soggetto e/o soggetti godono di ottima salute,mentale e corporea.Ossequi  :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  3. begallo scrive:

    anche chi passeggia con il cane allora dovrebbe chiudersi in casa, in quanto l’influenza aviaria può infettare anche  altri animali , inoltre chi  mi assicura che tutti piccioni che popolano le nostre città siano immuni dal virus ?Se l’ineffabile Deputato Europeo del quale non faccio il nome , vuole sospendere la caccia, deve essere anche favorevole all’abbattimento di tutti i colombi possibili al fine di evitare la possibile diffusione del virus , o i piccioni, colombi ecc. sono immuni ? Ah ma forse sono vaccinati……..

  4. zeuss scrive:

    Ma perdete tempo a leggere le parole di Zanoni? Ma avete fatto caso che si fa carico di cause perse come quella del traforo che vogliono fare nel vicentino (mi sembra)?
    Quando parla è circondato da 4 gatti, oppure usufruisce della gente che si trovava a passeggiare vicino a lui.
    Vorrei vedere, se riuscirebbe Zanoni con un lavoro normale a guadagnarsi la pagnotta. Una persona dedita a stressare l’anima (come sta facendo ai cacciatori regolari), non la vorrebbe nessuno.
     

  5. lupo 53 scrive:

    purtroppo in Italia abbiamo molte “persone” al governo che si sono bevuti il cervello. Un saluto atutti i Cacciatori       lupo 53 (Maio Ca)

  6. Trego scrive:

    grande Berlato sempre pronto a difenderci con argomenti molto seri.
    Grazie

Leave a Reply


+ 8 = 14

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.