Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Cremona: puma in liberta, Prefetto vieta la gabbie per la cattura

| 3 settembre 2013 | 14 Comments

Urlo di MunchIl caso a Soresina (Cr)
Puma si aggira nel mais: il prefetto vieta le gabbie per catturarlo

Altro avvistamento del puma che si aggira nelle campagne cremonesi di Soresina. Lo ha avvistato un automobilista vicino a Cappella Cantone.
Ma il prefetto Paola Picciafuochi ha deciso di vietare le gabbie che erano state collocate in campagna: il metodo di cattura è considerato troppo cruento e potrebbe ferire o uccidere l’animale.
Le autorità stanno vagliando un altro metodo di cattura.
Le trappole erano arrivate in mattinata da Brescia ed erano già state posizionate nei campi intorno alla cascina Livelli Rossi.
Erano anche già state acquistate le esche di carne, necessarie per attirare il felino.

L’AVVISTAMENTO – Secondo quando ha riferito il testimone, il puma si trovava sul ciglio della strada e si è nascosto tra il mais quando la vettura è sopraggiunta. Il pomeriggio del 1 settembre l’animale era riuscito a sfuggire per un soffio alla cattura alla cascina Livelli Rossi, dove il felino è stato avvistato dodici volte.
Una persona ha notato il puma (certo si tratti di un cucciolo) arrampicarsi sulla recinzione della centrale a biogas della cascina. L’uomo ha allertato immediatamente i carabinieri e i militari si sono precipitati sul posto con la polizia locale e la guardia forestale.
Le forze dell’ordine hanno isolato la zona e tenuto lontani i curiosi, subito dopo sono entrate nella centrale con i segugi. Ma del puma, non c’era più traccia. (fonte Ansa).]

http://brescia.corriere.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: Curiosità, Lombardia

Comments (14)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. peppol@ scrive:

    dite al prefetto di mettergli il sale sotto la coda…personalmente

  2. franc scrive:

    Con che segugi sono entrati nella cascina? da lepre?
    Non credo che in italia vi siano segugi abilitati a seguire questi felini a meno che non siano andati a prenderli per l’occasione in africa.

  3. Springer scrive:

    Poco prima delle vacanze estive ( giuro ) mi stavo giusto chiedendo come mai quest’anno non si fosse ancora parlato di Puma o Pantere nere in liberta’ avvistate da qualche parte . Adesso sono molto piu’ tranquillo….  :-D

  4. Diego scrive:

    Il caldo di agosto…un bel bicchierino di vinello fresco…il gioco è fatto :lol:

  5. begallo scrive:

    anche la detenzione in una cella(gabbia) delle carceri italiane, dato l’affollamento, secondo me  è troppo cruenta, ma il prefetto forse non lo sa……

    • Ghibli scrive:

      quando sono in 6 in una cella da tredici metri quadrati non si devono lamentare stanno caldi
      bisognerebbe suggerire loro di incominciare ad abbaiare visto che gli animalisti hanno decretato che in Emilia Romagna un cane deve avere almeno 20 mq di box

  6. Renzo scrive:

    ….io ho visto un caimano di circa tre metri nel torrente sotto casa … ma non mi crede nessuno … :lol: :lol:

  7. ennio scrive:

    ….non sarà mica un bel gatto nero….????? di quelli  che  per alcuni portano sfiga??? :lol: :lol:
     

  8. franc scrive:

    Ma il prefetto Paola Picciafuochi ha deciso di vietare le gabbie che erano state collocate in campagna: il metodo di cattura è considerato troppo cruento e potrebbe ferire o uccidere l’animale.
    Vorrei sapere in base a cosa il prefetto ha stabilito che il metodo di cattura con le trappole è troppo violento  e se per caso questo animaletto, che può arrivare a pesare anche 70 Kg, arreca danni alle persone ne risponde diretamente il prefetto?

  9. Roberto scrive:

    Inaudito!!!
    Pensate (preghiamo che non succeda) se il “piccolo micino” dovesse aggredire un bimbo che con i genitori passeggia nella campagna adiacente e dovesse causargli anche “solo” (si fa per dire) delle ferite, Voi cosa direste amici miei?…..All’Illustrissimo Signor Prefetto?
    Mah…..
    Saluti
    Roberto

Leave a Reply


1 + 6 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.