Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Todi (non) ricorda Antonio Pinotti

| 29 agosto 2013 | 8 Comments

Antonio PinottiTodi (non) ricorda Antonio Pinotti
Amaro sfogo del figlio dello storico esponente socialista tuderte in attesa di una “intitolazione”

“Ab imo pectore, premesso che l’intitolazione di uno spazio cittadino ad un personaggio non è vicenda privata, ma questione di carattere pubblico, e che ben altri problemi di più rilevante importanza incombono sulla testa della gente, intervengo su di una vicenda che merita chiarezza ed una presa di posizione definitiva: una intitolazione di una “qualunque cosa” al compianto amico Antonio, anche mio Padre.
Desidero prima di tutto ringraziare le uniche due persone che si sono adoperate per il buon esito di questa vicenda: il Sig. Giancarlo Castrini ed il Sig. Floriano Pizzichini. A quasi tre anni dalla sua scomparsa, mio padre avrebbe chiesto di lasciar cadere nell’oblio un’iniziativa che assumerebbe sempre più , facendo e mettendo tanta forza, altresì non chiesta, il sapore amaro, non zuccherato, di una regalia. Troppi anni e troppe promesse. Chi vuole ricordare Antonio, lo ricordi in cuor suo…..per quello che è stato.”
Spero con questa mia di chiudere definitivamente una vicenda che rischia di rasentare il ridicolo. A Todi sono da tutti conosciuto e mi spiace essere stato costretto, pur non essendo nel mio stile, ad intervenire più volte su questa vicenda a dir poco stucchevole.
Constatato con amarezza che rispetto a tutto ciò mi sono trovato solo e mi domando: dove sono i socialisti? dove sono i compagni di una vita di mio padre? Perchè sono stato lasciato a camminare da solo? Il silenzio di questi tre anni offende la dignità di chi ha scritto, nel bene e nel male, un pezzo di storia di Todi, dei socialisti tuderti, e di chi in lui si è riconosciuto, e, come me , ha aspettato, in silenzio, un naturale pubblico riconoscimento.
La mia famiglia, nelle persone del sottoscritto e di mia madre Clorinda, chiedono ufficialmente che l’amministrazione comunale di Todi non prenda alcuna iniziativa in merito ad una qual si voglia intitolazione al defunto Antonio Pinotti.
Mi auguro che questo mio intervento ponga fine definitivamente ad una vicenda che avrebbe meritato un epilogo ben diverso.

http://www.iltamtam.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Umbria

Comments (8)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Renzo scrive:

    In cuor mio resta il ricordo di una Persona con la P maiuscola. Di una persona con la quale non bastavano dieci minuti al telefono e nemmeno mezza ora di persona perche il tempo fuggiva via ; non sarebbero bastate nemmeno giornate intere. Troppo poco il tempo , qualunque fosse, passato a discorrere con Antonio. Era un piacere starlo a sentire, discutere, parlare, anche far battute. Ora il mio personale piacere è rimasto quello di aver conosciuto una persona degna di questo appellativo. A me manca, e tanto. Il poco tempo che mi è stato concesso per conoscerlo, vista anche la grande distanza che ci separava, mi è servito per imparare di più sul nostro mondo, che se avessi frequentato corsi universitari sul settore . Purtroppo, così ha voluto qualcuno più grande di tutti noi.Mi ha anche lasciato un grande rimpianto: quello di non averlo conosciuto molto, molto tempo prima . Spero che da lassù possa intercedere con chi conta davvero per far rinsavire le teste di questo mondo malato .Grazie Antonio, grazie .

  2. Ezio scrive:

    Nel frattempo in Italia sono state intitolate aule di palazzi istituzionali e poste  “statue” in piazze pubbliche  a “non si sa bene chi” e per “non si sa bene cosa”…… o si sa??!!
    Anche questa vicenda è perfettamente in linea con il non senso imperante nel nostro ancora e sempre bistrattato Paese.
    Antonio il Grande, come lo chiamavo e come lo chiamo tutt’ora, ha però un posto d’onore nei cuori e nelle menti di tutte quelle persone che hanno avuto l’onore ed il piacere di conoscerlo.
    Ed io sono tra quei fortunati.
     

  3. Giacomo scrive:

    Come si può fare ad avere in casa propria in quel di Todi un uomo come Antonio che sicuramente ha fatto conoscere questo paese a tutta Italia e a tanti di noi, attraverso il suo sapere, il suo comportamento signorile e affabile, la sua incommensurabile modestia, la sua volonta ferrea di portare avanti progetti sia sociali che di natura ambientale come fauna e habitat naturali, diffondendo con estremo sacrificio (rimettendoci anche la sua stessa salute), idee e indirizzi, chiarendoli con estrema semplicità per farli comprendere anche al più spovveduto e proprio i suoi compaesani non hanno capito molto della grandezza di umanità e bontà nonchè di grande cultura che aveva il nobile Antonio in cuor suo. Io ancora lo ringrazio ! E come potrei dimenticarlo se proprio su questo sito mi ha dato agio di discutere con lui ( io non l’ho conosciuto di persona) della mia passione per la caccia che magistralmente lui sapeva e aveva conoscenza oltre ogni limite illuminandomi dove io peccavo di ignoranza in matera. Ma sicuramente Antonio non era solo tutore di una caccia vera ma anche di un verità vera, quella che fa di una persona un uomo da seguire come esempio. Ancora ti ringrazio caro Antonio e spero che lo facciano anche a Todi il paese che ti ha dato i natali e poi ti ha dimenticato non ostante il tuo grande amore per tutti loro e per tutti noi. Ancora ti voglio lasciare come ho sempre fatto su questo sito con immutevole riconoscenza, con un cordiale e rispettoso… SALUTIAMO.     

  4. igor radere scrive:

    Antonio, poco mi interessa se i tuoi concittadini, o meglio i politici del paesello non ti ricordano, non son degni di allacciarti neppure le scarpe. Ciò che conta è che a ricordarti sia il TUO mondo, quello dei Cacciatori. A ottobre, quando ritornerò in quella scuola, con tutti quei bambini, vieni a trovarmi.
    Ciao Antonio.

  5. cele scrive:

    Vive nella memoria…e manca la sua conoscenza e pacatezza!

  6. Pierpaolo scrive:

    Lo ricordo sempre con grande Affetto..

  7. fiore scrive:

    ero nelle Marche in vacanza, così sono andato a trovarlo a Todi, anche se non sono riuscito a trovare il luogo preciso sono certo che gl’avrà fatto piacere, il posto è proprio da cacciatori, a mezza costa sulla collina di Todi con sotto un campetto d’ulivi con il covo dell’orecchiona e ancora più giù fino a raggiungere il piano un bel campo di girasoli pastura sicura per colombacci….. 

Leave a Reply


+ 9 = 15

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.