Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Umbria: Domenica la preapertura

| 28 agosto 2013 | 2 Comments

cacciatore fucileL’Umbria a caccia. Trentamila i fucili pronti a sparare. Domenica la preapertura
L’assessore regionale Cecchini frena le polemiche: “Trovato il giusto equilibrio tra le varie esigenze”

Sono pronti a sparare gli oltre 30mila cacciatori (questo il numero di licenze regolari del 2012: per poterla rinnovare o presentare domanda ex novo c’è tempo fino a sabato). Con la preapertura fissata per domenica, l’attesa va ormai consumandosi per lasciare il posto all’azione. I fucili sono carichi. Soprattutto di pallottole, anche se non manca qualche polemiche.
A quattro giorni dall’inizio della stagione venatoria 2013/2014 non mancano ovviamente i punti di disaccordo tra chi imbraccerà il fucile e chi ha fissato le regole per la nuova stagione.
Polemiche e dissapori che l’assessore regionale alla caccia e alla pesca, Fernanda Cecchini, smorza riproponendo il concetto di punto d’equilibrio che aveva usato in sede di presentazione del calendario venatorio lo scorso mese di giugno. “Il calendario si propone – ha spiegato l’assessore – come un punto di equilibrio tra le diverse istanze provenienti dai diversi soggetti che compongono il mondo venatorio con l’obiettivo di operare scelte il più possibile appropriate, nel pieno rispetto delle leggi vigenti, nazionali ed europee”.

http://www.corrieredellumbria.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Umbria

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. tortoioli claudio scrive:

    Ma quale punto di equilibrio? siamo tra i più penalizzati del pese, basta guardare i calendari delle altre regioni, faccio un solo esempio le Marche cacciano in preapertura 4 giornate, e 6 giornate a febbraio.
    Regione e provincia  hanno scelto di penalizzare i cacciatori, e tutti gli operatori del settore.
    Favorendo per tornaconto (elettorale)  verdi e alcune feudali associazioni agricole) vergognoso la nostra risposta deve essere zero voti al PD e doppio zero al PDL ,alle prossime soltanto liste espressione della società civile.

Leave a Reply


+ 4 = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.