Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Friuli: il colpo in piuì non piace al wwf

| 23 maggio 2012 | 3 Comments

Un colpo in più per i cacciatori, il Wwf contrario

La commissione approva la modifica del regolamento Gli ambientalisti: «Ci sono specie che stanno scomparendo»

TRIESTE. Più colpi in canna per i cacciatori del Friuli Venezia Giulia: la modifica potrebbe essere in vigore già dalla prossima stagione, a settembre. Ma il Wwf, che non approva certo l’iniziativa, osserva: «C’è bisogno d’altro, si continua a cacciare alcune specie che ormai sono rare».

La novità in materia di caccia è stata annunciata ieri da Mara Piccin, consigliere regionale della Lega Nord: per ora c’è solo il via libera della commissione, e deve arrivare il voto definitivo del Consiglio regionale, atteso con l’approvazione della legge comunitaria. «Ragionevolmente – ha annunciato Piccin –, già da settembre, i cacciatori soci nelle riserve di pianura potranno esercitare l’attività venatoria utilizzando il fucile con canna ad anima liscia fino a tre colpi». Si passa così a un colpo in più del limite consentito fino a oggi. «Abbiamo presentato un emendamento votato dalla maggioranza – ha spiegato Piccin –, che completa un articolo della legge di manutenzione del 2010. Mettiamo la parola fine a un caso di iniquità per i nostri cacciatori: inizialmente, con la legge 6 sulla caccia approvata nella legislatura Illy, tutto il territorio della nostra regione faceva parte della zona faunistica delle Alpi. All’interno di quest’area – ha ricordato – la legge stabiliva che i cacciatori potessero ricorrere all’utilizzo di due soli colpi, a differenza di quanto accade nelle altre regioni, dove i colpi sono tre.

La legge 6 è stata poi smantellata dalla Consulta, e la pianura è stata esclusa dalla zona faunistica delle Alpi. Il risultato? Le riserve di caccia di pianura non godevano più delle tutele della zona faunistica, ma mantenevano il limite dei due colpi. Il nostro emendamento, passato in commissione, aspetta solo la fumata bianca dell’aula. Al netto degli imprevisti – ha concluso Piccin – confidando che la legge comunitaria venga discussa entro l’estate, la prossima stagione venatoria si aprirà nel segno dei tre colpi in pianura». Il commento degli ambientalisti è a meta tra il scettico e lo sconfortato. «Stanno preoccupandosi per cose di questo tipo – ha affermato il presidente del Wwf regionale, Roberto Pizutti –, ma sono cose relativamente secondarie.

Sono invece essenziali altre norme che non vengono nemmeno prese in considerazione e che abbiamo proposto da tempo». Una delle priorità sarebbe la definizione delle specie cacciabili. «Una serie di specie che non dovrebbero essere cacciate – ha ricordato Pizzutti – sono invece ancora formalmente possibili da cacciare». Tra queste, per esempio, c’è l’allodola, di cui anche l’Arpa, di recente ha segnalato una presenza in netta diminuzione. «Non vogliono discutere di questi problemi per favorire una lobby – ha concluso il numero uno del Wwf –, ma in questo modo si può arrivare a conseguenze di carattere europeo».

http://messaggeroveneto.gelocal.it

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: Friuli venezia giulia, WWF

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giovanni59 scrive:

    …. ah no???…..ma và !!!!!! :twisted:

  2. Bekea scrive:

    Che castroneria di comunicato. La possibilità di avere il terzo colpo a disposizione non vuol dire nella pratica che tutti adesso spareranno tutti 3 i colpi a loro disposizione solo per il piacere di farlo. Da questo si capisce che ogni pretesto è sfruttato per farci passare per sparatutto senza cuore.

    • dardo scrive:

      caro Bekea ma questi vuvuefiani fanno le stime di prelievo tanti cacciatori tanti ucellini uccisi, ma non sanno che tutti noi lavoriamo, abbiamo una famiglia, e svolgiamo un titpo di caccia differete, così dimostrano di essere più ignoranti di un sasso, come si dice se si vaga nel buio prima o poi si inciampa.

Leave a Reply


7 + 3 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.