Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Campania: una parvenza di unione tra le AA. VV.

| 14 maggio 2012 | 94 Comments

Una parvenza di unione tra le associazioni venatorie….

Una sorta di un patto di non belligeranza tra le associazioni venatorie in Campania,per un nobile fine ma c’è chi non mantiene l’unione pur di primeggiare.
La provincia di Benevento,è un territorio dal punto di vista venatorio, depauperato,è un ‘ambito venatorio appannaggio di esclusività, ma in particolare è presente una classe di cacciatori interessati alla caccia, una classe di cacciatori poco attenta alla gestione venatoria,ma una classe di cacciatori facile esca della corretta disinformazione promulgata dalle rampanti canne da pesca nelle mani del piccolo Nettuno.
Ecco perché è importante la modifica della legge regionale 8/96.
La modifica di alcuni articoli della legge regionale che regolamenta l’attività del prelievo faunistico venatorio in Campania rappresenta garanzia di partecipazione ed imparzialità.
Non ci può essere democrazia se non c’è partecipazione:mi riferisco esclusivamente all’articolo 36 comma 4 della Legge Regionale 8/96 che impone la rappresentanza venatoria in seno ai componenti dei Comitati di Gestione esclusivamente alle tre associazioni venatorie più rappresentative numericamente,una quantizzazione che viene desunta dai tabulati che ogni associazione venatoria consegna all’Amministrazione Provinciale.
Solo per le associazioni venatorie in questo articolo di legge sussiste il distinguo numerico,mentre per la altre rappresentanze,agricole ed ambientali, viene riportato solo il riconoscimento nazionale.
E’ percepibile,intuibile ed universalmente condivisibile la necessità di invocare il senso di partecipazione per una certezza matematica del regolare svolgimento del processo democratico amministrativo di una entità che si regge esclusivamente con i proventi che gli esercenti elargiscono al fine di poter esercitare un diritto sancito dalle leggi dello stato.
Il numero limitato a solo tre associazioni venatorie,quando ne esistono sette non è sinonimo di partecipazione,non è sinonimo di democrazia.
E’ evidente che per diventare una delle tre associazioni venatorie maggiormente rappresentate,ovvero raggiungere quel quantum numerico di associati tali da rientrare nella trittica aureola della rosa rappresentativa venatoria,è imposto,indirettamente dalla legge, l’accaparramento degli assicurati,ovvero la rincorsa ai cacciatori perché si possa incrementare il numero dei soci anche attraverso l’utilizzo di tutte le potenzialità disponibili.
E’ normale tutto questo nel terzo millennio ?
Non appare anacronistico l’imposizione di limitazioni partecipative ?
Non traspare una parvente garanzia di parte a discapito degli elementi determinanti l’esistenza della componente ?
Questo invito rivolgo alla classe politica regionale campana,perché si rinnovi la legislazione venatoria in nome del principio fondamentale della democrazia,la partecipazione,ovvero l’applicazione di un principio che non determina alcuna spesa alla collettività,in quanto la caccia si autogestisce con i fondi versati dai cacciatori stessi.
Serino Cesare
Consigliere Comunale di Sant’Agata dei Goti (BN).

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: .In Evidenza, Campania

Comments (94)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. pas scrive:

    ma che vi credete che quest’anno noi paghiamo ad okki chiusi???…..migliorate l’art 34 se no i soldi nn li vedete quest’anno…

  2. Francesco R. scrive:

    Prima unite….poi disunite…poi unite di nuovo e ora ancora disunite e i comunicati stampa vengono scritti, a seconda del momento storico, a favore, contro o neutri……nemmeno qualche settimana fa si facevano proclamoni sulla grande unità raggiunta adesso………….intanto il tempo passa e questi parlano solo dei componenti degli ATC e tralasciando cosucce irrisorie come preapertura, caccia in deroga, periodi di caccia, specie cacciabili, diritto di accesso agli ATC, mobilità venatoria ecc……..PRIMA DI PARLARE DI DEMOCRAZIA (TANTO PER FARE SCENA) (n) CERCHIAMO DI NON OFFENDERE QUEI POCHI CHE USANO ANCORA IL CERVELLO PER RAGIONARE E NON PER EQUILIBRARE LA TESTA……. (dw) (dw) (dw)

    • Serino Cesare scrive:

      ….risposta tipica di chi è attaccato alla poltrona………..

      • Francesco R. scrive:

        Più che alla poltrona sono attaccato al divano (quello di casa mia)………
        Invece di ullulare alla luna, ci dice ALLORA quali sono le proposte che avete presentato alla regione Campania in merito a:
        Aumento delle specie cacciabili;
        Pre-apertura;
        Chiusura al 28 Febbraio;
        Mobilità venatoria senza prenotazione su tutto il territorio regionale;
        Caccia in deroga;
        Osservatorio Venatorio Regionale;
        Vado avanti?????????
        CI STATE BOMBARDANDO DI COMUNICATI SEMPRE  SULLO STESSO ARGOMENTO, OVVERO: AUMENTO DEI RAPPRESENTANTI DELLE ASSOCIAZIONI VENATORIE NEGLI ATC E CI INDORATE LA PILLOLA INFARCENDO IL TUTTO CON AMPOLLOSE PAROLE COME “DEMOCRAZIA” E “PARTECIPAZIONE”.
        Che i membri delle associazioni venatorie, negli ATC, da 3 passano a 10 non ce ne frega niente, caro Sig. Serino, NOI VOGLIAMO ANDARE A CACCIA IN MODO DECENTE E VOGLIAMO ESSERE DIFESI DAI NOSTRI SINDACATI. PUNTO E BASTA!!!!!! 
        Se ha deciso di DIFENDERCI prima di proferir parola SI INFORMI su cosa ci interessa…..se poi sta combattendo per ciò che interessa a lei, lo faccia pure, ma ci lasci in pace perchè la nostra benedizione NON LA AVRA’. Sono stato più chiaro, ora??? (:i) (:i)

        • serino cesare scrive:

          ……devi pensare che quando c’è partecipazione c’è democrazia e quando c’è democrazia c’è il governo del popolo,di tutto il popolo,in questo caso,cacciatori e quindi tutte le esigenze possono essere perorate. Ma se ci sarà sempre il governo di pochi mai ci sarà democrazia,perchè mai ci sarà partecipazione,mai ci sarà il popolo ad indicare e rappresentare la collettività…………..
          Intelligenti pauca. 

  3. domenico scrive:

    caro serino parli proprio tu di poltrone……………. si vede la situazione in provincia di benevento dove di di essere un consigliere comunale………. ma dammi una risposta il merito al Parco che dovevi congelare ….. le poltrone fanno comodo a tutti………….. pertanto in Campania se il popolo dei cacciatori si sveglia le AA.VV. sono estinte……………… (f) (:i) (:-p) (:-p) (:-p) (:-p) (:-p) (:-p) (:-p) (:-p) (:-p)

    • serino cesare scrive:

      Sicuramente sei disorientato caro Domenico,e mi posso permettere di dirtelo.
      Innanzitutto io qui mi dichiaro,contrariamente a te,io sono riconoscibile e nei comunicati ci metto la faccia,nome,cognome,recapito telefonico e quanto di me possa permettere di essere rintracciato.
      Presumo di aver capito chi sei,perchè esponendo una risposta del genere,intuisco il disorientamento e la provenienza intellettiva.
      Il sottoscritto è consigliere comunale per volontà del popolo,in quanto liberamente e democraticamente eletto,ed in tale veste il sottoscritto si assume anche la responsabilità di sostenere la nobile causa dei cacciatori,una categoria di cui orgogliosamente sono titolato,non per rappresentanza associativa ma per l’esercizio attivo cui mi dedico all’attività venatoria.
      Pertanto la poltrona in consiglio comunale me la gratifica il popolo che liberamente e democraticamente mi ha eletto e per il quale indistintamente svolgo il ruolo e la funzione,senza se,senza ma.
      La poltrona venatoria alla quale tu potenzialmente potresti alludere,ed in questo presumo doppiamente che sei effettivamente disorientato e disinformato,è la poltrona che si potrebbe conquistare comprandosi le tessere associative ed assicurative,che facilmente negli ultimi quindici anni si sono garantiti i tuoi amici e parenti,distribuendo pani e pesci,con i fondi della collettività venatoria.
      Il parco al quale alludi,non capisco a quale ti riferisci e se presumo quello che penso io,ho inteso anche chi tu possa essere e posso tranquillamente preannunciarti che il Parco,voluto anche dalle persone che tu sostieni è una realtà che non puoi demandare al sottoscritto nella posizione che occupa.Prima di esprimerti pensa bene sempre alle affermazioni che fai:sicuramente tu sei una delle classiche componenti essenziali della DISINFORMAZIONE.
      Il sottoscritto è sempre prontamente disponibile a qualunque confronto ed a scanso di equivoci lascio anche il mio recapito telefonico: 3383253622.
      Ti invito ed invoglio ad esprimere fatti reali e non immaginari.
      Saluti ed in bocca al lupo.
       
       

  4. Scusate se vado fuori argomento
     Sabato 19 maggio ore 18.00 ci sarà un incontro a pagani(prov.salerno)al centro sociale(via de gasperi) con il presidente provinciale salerno dell’enalcaccia dino torre,con il seguente titolo:LA CACCIA AL BIOVIO;DALLA 157 AD OGGI STORIA-POLITICA-CACCIA-PARTITI E ASSOCIAZIONI PRESENTE E FUTURO.Chi e della zona o e interessato ad andarci fate un passa parola generale e far di tutto per esserci(molto probabilmente ci sarò anch’io)e vediamo che dice o che dicono……!!!(chi ha il navigatore in auto vi porterà direttamente sul posto)
    Notizia presa su un gruppo venatorio campano di fb postato dallo stesso torre.

    • serino cesare scrive:

      ……devi pensare che quando c’è partecipazione c’è democrazia e quando c’è democrazia c’è il governo del popolo,di tutto il popolo,in questo caso,cacciatori e quindi tutte le esigenze possono essere perorate. Ma se ci sarà sempre il governo di pochi mai ci sarà democrazia,perchè mai ci sarà partecipazione,mai ci sarà il popolo ad indicare e rappresentare la collettività…………..Intelligenti pauca.

  5. alessandro cannas scrive:

    Andrebbe allora modificato l’art 14 commi 1 e 10 della 157 per arrivare dove vuole Lei.
    Ma i cacciatori Le chiedono altro,non sono assolutamente interessati alle percentuali delle associazioni presenti nei vari atc o nel comitato faunistico regionale.
    E su questo, credo, non ci piove…Son realmente infastiditi per la nuova gestione imposta per l’accesso agli atc e mobilita’ e quant’altro diventi un reale ostacolo.
    Non fa’ presa se argomenta su questo….

    • serino cesare scrive:

      …… ma Lei conosce da chi è partita l’iniziativa per far succedere tutto questo ? Credo che anche Lei sia disinformato. Credo sia opportuno conoscere chi ha generato l’articolo 34 della Legge Finanziaria Regionale 2012 in Campania.Lei ne è consapevole ? Si informi bene,si documenti ed avrà delle risposte.Per questo motivo si invoca la PAR CONDICIO,la pari dignità,la partecipazione, perchè purtroppo regna la DISINFORMAZIONE.
      A dire il vero mi dispiace tantissimo di cotanta scarsa conoscenza della realtà dei fatti venatori campani 

      • alessandro cannas scrive:

        A me non interessa da chi e’ partita l’idea che rispecchia un articolo della 157 di fatto non siete riusciti ad arginare una scelta ben precisa.Che e’ ben diverso da cio’ che propone Lei. 

        • serino cesare scrive:

          ….. quindi l’articolo 34 della legge finanziaria 2012 della regione campania rispecchia la legge nazionale 157 del 1992 ? …….buono a sapersi,questa mi mancava……….
          ..signor Cannas,ma lei è di parte ? 

        • alessandro cannas scrive:

          Io sto con i cacciatori…..Non e’ un problema di percentuali di rappresentanza associativa,ma e’ una scelta POLITICA ben precisa..La quale non si risolve con l’aumento delle sigle…Deve indirizzare il tiro su ben altro….

      • alessandro cannas scrive:

        Non ci può essere democrazia se non c’è partecipazione:mi riferisco esclusivamente all’articolo 36 comma 4 della Legge Regionale 8/96 che impone la rappresentanza venatoria in seno ai componenti dei Comitati di Gestione esclusivamente alle tre associazioni venatorie più rappresentative numericamente,una quantizzazione che viene desunta dai tabulati che ogni associazione venatoria consegna all’Amministrazione Provinciale.
         Questo lo ha SCRITTO LEI MICA IO………………………………………………………………………………………ART 14 COMMA 10 LEGGE 157/92
        10. Negli organi direttivi degli ambiti territoriali di caccia deve essere assicurata la presenza paritaria, in misura pari complessivamente al 60 per cento dei componenti, dei rappresentanti di strutture locali delle organizzazioni professionali agricole maggiormente rappresentative a livello nazionale e delle associazioni venatorie nazionali riconosciute, ove presenti in forma organizzata sul territorio. Il 20 per cento dei componenti è costituito da rappresentanti di associazioni di protezione ambientale presenti nel Consiglio nazionale,per l’ambiente e il 20 per cento da rappresentanti degli enti locali……………………………… ……………………………………

        Non si rende conto che il prossimo anno per una scelta politica ben precisa della Regione Campania, avrete il tracollo dell’attivita’ venatoria,con pesantissime ripercussioni economiche del settore trasversale, che andra ad incidere anche sulla esistenza associativa e sugli atc che nel giro di un paio di anni saranno tutti falliti ,e Lei vuol dare spazio ad altre associazioni? E per fare cosa? Che di fatto vi hanno chiuso la caccia. 

        • serino cesare scrive:

          ……molto di parte Signor Cannas,è evidente la sua posizione!
          Come mai allora non dice niente della legge finanziaria regionale del 2009,se non sbaglio,nella quale fu blindata la presenza della Pro Segugio nei Comitati di Gestione ATC ?
          Come mai Lei non menziona che nell’articolo 34 della Legge Finanziaria 2012 della Regione Campania è stata blindata la presenza dell’ENCI nei Comitati di Gestione ATC ?
          Signor Cannas……….. non so se Lei vuole provocare o effettivamente tutelare qualcuno !
          A Lei è ben noto che sia la Pro Segugio che l’ENCI sono associazioni satelliti della sua protetta !
          Mi faccia il piacere !!!!!!
          Ma di cosa vuole parlare ???
          LE RIPETO,SONO A DISPOSIZIONE PER QUALUNQUE PUBBLICO CONFRONTO.
          Serino CESARE.Consigliere Comunale in S.Agata dei Goti(BN) Rec. Tel. 3383253622
          cesareserino@gmail.com     http://www.serinocesare.it
          Sono più che IDENTIFICABILE   !  NON TEMO CONFRONTI   !   Sono più che tranquillo nelle mie posizioni. Il sottoscritto pratica l’attività venatoria,non tutela i propri interessi.
          Mi sento in dovere di proteggere la caccia ed i cacciatori,NON SO LEI cosa protegge !!! 
          Certamente NON ha la facoltà di impedire il mio impegno,sono abituato a combattere e non mi tiro indietro.Proseguirò sempre questa battaglia in nome della DEMOCRAZIA,governo del popolo,in nome della PARTECIPAZIONE,della TRASPARENZA,della LEGALITA’.
          Il sottoscritto NON VIVE COI PROVENTI della CACCIA e dei Cacciatori…….. 

  6. max scrive:

    Serino,tu ai parte delle persone che potevano intervenire e non lo hanno fatto e vieni qui a parlare di rappresentanze?
    Vedi di ritornare sul pianeta campania,perchè qui ci stanno proponendo di andare a caccia alla migratoria per 30 giorni,prima risolvete questo,io con i miei piccoli mezzi cerco di fare qualcosa,tu con i tuoi un po’ più importanti dei miei fai qualcosa per questo il resto viene dopo!

    Quando metterete davanti il bene del cacciatore?Fin quando parli in questo modo ad ogni tua parola,c’è sempre più allonatanamento,sei fuori luogo non senti che la gente è incazzata,sai perchè non lo senti,perchè sei lontano dalla caccia dalla gente comune,come i politici di oggi.

    Allora ascolta fai qualcosa per i cacciatori poi per la tua associazione e riceverai in cambio molto,fai una manifestazione incatenati davanti alla sede della regione,cospargiti di benzina,fai qualcosa se tieni a noi,noi ne abbiamo le palle piene.

    Senza offesa. 

    • serino cesare scrive:

      ……ripeto,io mi identifico,il mio cell è 3383253622, non mi nascondo.Sono disposto a qualunque confronto.Credo che sei disinformato,perchè la fonte della disinformazione è sempre colma di acqua da trasportare agli assetati di notizie.Le tue sono notizie ed informazioni di parte,ripeto esclusivamente di parte.SONO DISPOSTO A CONFRONTI.
       

  7. alessandro cannas scrive:

    E Le dico anche il perche’, non fa’ presa.
    Aumentando le rappresentanze venatoria non e’ indice di qualita’, sul risultato finale,la fa’ la qualita’ della rappresentanza che in questi casi deve esser assolutamente ridotta a non piu’ di tre associazioni,e son anche troppe..Indirizzando lo Stato ogni 5 anni a far un conteggio a livello nazionale sulla reale percentuale di  iscritti, rispettando la percentuale per il loro riconoscimento,in caso contrario l’associazione venatoria che non ha piu’ le percentuali previste dalla 157 deve perdere il riconoscimento nazionale ed esclusa da qualsiasi comitato e ripartizione economica. La democrazia passa anche per questo,ovvero se dai un risultato sei eletto, altrimenti no.

    • serino cesare scrive:

      ..non concordo.PARTECIPAZIONE E’ D£MOCRAZIA. Le associazioni non possono differenziarsi,sono tutte eguali. E’ IMPORTANTE LA PAR CONDICIO ! Non ci può essere corsa all’accaparramento delle tessere assicurative,perchè si deve andare a tutelare i propri interessi.
      E’ necessaria la TRASPARENZA nell’azione di gestione degli ATC  !!!!!!!!!!!
      E la trasparenza si garantisce con la PARTECIPAZIONE . 

    • serino cesare scrive:

      La democrazia è ben altro,è partecipazione,è trasparenza,è legalità,è meritocrazia.
      Non credo siamo a questo livello con le associazioni venatorie limitate in numero di tre a rappresentare la collettività venatoria.
      Le associazioni venatorie sono anche e soprattutto rappresentanze sindacali e pertanto tutte devono sedere ai tavoli di concertazione,di decisione.
      Non può esserci una sola parte a decidere:perciò siamo ridotti a questi termini,se Lei è ben consapevole delle condizioni in cui noi cacciatori campani siamo messi.
      Noto una elevata risposta di parte ai miei comunicati stampa.
      E’ sinonimo di negazione della evidenza dei fatti,della realtà e pertanto alta espressione di chi non vuole tutelare i cacciatori ma esclusivamente i propri interessi.SONO A DISPOSIZIONE PER QUALUNQUE CONFRONTO IN MERITO,per qualunque disquisizione,per onorare la verità,esclusivamente la VERITA’.Non mi tiro indietro a nessun confronto pubblico. Il mio recapito telefonico è 3383253622.
      Distinti saluti. 

      • Francesco R. scrive:

        Non si tira indietro….BRAVO…..allora perchè quando le fu chiesto di interloquire con la Confavi non lo ha fatto??? o per lei le parole partecipazione e democrazia valgono solo per chi le fa più comodo e per gli altri invece ci pensa Dio???!!!!
        Invece di darci il suo numero di cellulare…..il cellulare lo usi per chiamare chi, tra i pochi, sta chiedendo a gran voce l’unità di tutte (VERAMENTE PERO’ DI TUTTE) le associazioni e……. voi RICONOSCIUTE………. fate finta di non sentire……..
        (:-p)
        (:-p)
        (:i)
        (:i)

        • serino cesare scrive:

          ….secondo me anche Lei è fuori luogo o disorientato o disinformato.
          Io non ho nessuna difficoltà ad interloquire.Forse non è chiaro il concetto : io sto conducendo la mia battaglia,come consigliere comunale,come carica politica,perchè nel mio comune rappresento anche una parte dei cacciatori e pertanto non credo che altre persone abbiano la facoltà di sminuire questo mio interesse nè tantomeno di battagliare una mia iniziativa.Il sottoscritto parla come cacciatore a difesa della caccia.Credo che stiate effettivamente lontani o fermi nella storia.
          Io faccio la mia battaglia,se avete attributi,fate la vostra,certamente io non vi ostacolo come state facendo voi,sono trasparente e tranquillissimo.
          State tranquilli,fate la vostra battaglia per la caccia e per i cacciatori:vedrete che si arriverà ad un punto d’incontro. Forse non avete tanto chiare le idee nei miei confronti.
          Sono disposto a qualunque pubblico confronto ed a qualunque titolo.
          Serino CESARE
          Consigliere Comunale in Sant’Agata dei Goti(BN)
          Rec. Tel. 338 3253622
          cesareserino@gmail.com
          http://www.serinocesare.it

          NB; sono A DISPOSIZIONE. 

  8. Francesco R. scrive:

    Letti i commenti: QUANTI INTELLIGENTI PAUCA….SIG. SERINO, VERO???????????
    (:-p)  (:-p)  (:-p)  (:-p)  (dw)  (dw)  (dw)  (dw)  (:n)  (:n)  (:n)  (:i)  (:i)  (:i)  (y)  (y)  (y)   :mrgreen:  :mrgreen:  :mrgreen:  :mrgreen:

  9. serino cesare scrive:

    …..infatti….. vero. E tutti della stessa parte,figli della disinformazione totale.A dire il vero mi dispiace pure che siano così disinformati….e disorientati,nel tempo,nello spazio e nelle cognizioni,ma certamente non per colpa loro !

    • alessandro cannas scrive:

      Allora sia chiaro,dica Lei come stanno le cose,ci dica come e’ andata la cosa, con nomi e cognomi e sigle associative e relative responsabilita’…Non tiene questo concetto, che ce’ disinformazione e non conoscenza,par condicio democrazia e quant’altro adesso detto,  NON  e’ mai entrato nel merito…Lo faccia, siamo tutti ad ascoltarla….Ci sveli l’arcano….

      • serino cesare scrive:

        ….Cannas,Lei a mio avviso l’arcano lo conosce bene,perchè Lei fa parte del sistema,da come intuisco…… quindi di cosa vuole parlare ? Stia tranquillo.

        • alessandro cannas scrive:

          Ha scritto ben 15 post sensa dire nulla…Io son un semplicissimo tesserato come lo sono gli altri che frequentano il sito.
          :lol: Ovviamente NON e’ ancora entrato nel merito della questione.

  10. max scrive:

    iO SONO IL PRIMO CONTRO FEDERCACCIA TRA POCO AVRà 57 TESSERE IN MENO GRAZIE AL FATTO CHE HO INFORMATO DI QUELLO CHE è SUCCESSO AD UNA BUONA QUANTITà DI CACCIATORI CHE NON FARANNO PIù ASSICURAZIONI A FEDERCACCIA COSì STANNO FACENDO IN MOLTI SE NON MODIFICANO QUESTO ARTICOLO 34 E CI CREANO UNA MOBILITà SOSTENIBILE,VOGLIAMO PRIMA QUESTO POI IL RESTO,SE NO NIENTE A NESSUNO.
    SERINO LA PRIORITà NOSTRA è L’ARTICOLO 34 CHE FEDERCACCIA HA TACITAMENTE FATTO PASSARE,MA NE PAGA LE CONSEGUENZE .
    E’ FINITA L’ERA DELLE PECORE. 

  11. Eps scrive:

    Cari Amici
    giusto per darvi una informativa sulla questione, giovedi 17 maggio 2012 alle ore 16.oo, si celebrera’ presso la regione campania l’ultimo atto di una sconcia vicenda. Infatti si riunisce il Comitato Tecnico Regionale per approvare in via definitiva il calendario venatorio e dulcis in fondo il nuovo regolamento di gestione per la iscrizione agli ATC cosi’ come modificato dall’art. 34 della legge finanziaria 2012/ iscrizione all’ATC di residenza venatoria per la caccia alla stanziale e trenta giornate previa prenotazione alla migratoria ivi compreso l’ATC di residenza venatoria, con il versamento alla regione campania di ulteriori 31 euro oltre i 31 euro gia’ versati per la stanziale….. sentiamoci giovedi’ sera, perche’ ci saranno novita’ importanti per tutti…….parola di Eps!!!!!!!!! a dimenticavo: le associazioni venatorie nazionali sono riconosciute per legge, non debbono dimostrare di possedere il quindicesimo di iscritti dei cacciatori nazionali, cosi’ come qualche anno fa ha dovuto dimostrare l’unico soggetto che era riuscito a raggiungere quel quindicesimo, poi fagocitato, poi se vogliamo ricondurre tutto alle origini, perche’ farebbe piu’ comodo a qualcuno, a me sta pure bene, infatti all’origine esisteva la FIDC e lo EPS parlo dei primo del 1900 poi tutto il resto………… la storia e chiara ed i corsi ed i ricorsi storici pure………

    • X eps

      L’unica cosa che hai detto bene,le aa.vv nazionali quando fecero la 157 si fecero riconoscere per legge(federcaccia,eps,italcaccia,arcicaccia,annu,liberacaccia e enalcaccia)e anche se una di loro per caso arrivasse a 0 iscritti rimarrebbe sempre in piedi e farebbe parte nei tavoli dove ci decide……..mica furono fesse nel 92……!!!  -o-  (dw)Giusto eps e così o mi sbaglio?

      • Eps scrive:

        E’ proprio così, hai perfettamente ragione……. e la cosa grave, che fa pensare, e che tu ben conosci, è il ricorso fatto da chi era riconosciuto per legge dal 92, a chi aveva richiesto il riconoscimento dimostrando il quindicesimo degli iscritti. Nel mondo petrolifero esistono le sette sorelle, che vuoi o non vuoi, anche se si fanno concorrenza, non litigano mai. Nel mondo animale si dice che cane non morde cane. Nelle associazioni venatorie…….lascio a te di completare il dscorso!!!!!!!!!!!!!!

    • max scrive:

      Novità di che genere ????ancor più negstive?Non c’è nessuna speranza di cambiare qualcosa all’ultimo?rispondete grazie.

  12. prof.giuseppe costa scrive:

    Purtroppo , la divisione del mondo venatorio è nella tessera associativa. Oltre dieci le associazioni venatorie e tutte a sentir loro , hanno ragione.La realtà :dopo l’approvazione della legge 157/92 il popolo dei cacciatori è stato ridotto al 50%. Uniamoci sotto la solita bandiera di Caccia-Ambiente-Agricoltura-Pesca-Tradizioni, un federalismo venatorio nel rispetto delle cacce tradizionali e nella valorizzazione della nostra cultura rurale . 

    • serino cesare scrive:

      …….basta semplicemente rendere partecipi le sette associazioni riconosciute nel processo gestionale degli ATC. E’ semplicissimo:solo così ci sarà la trasparenza con la partecipazione,la legalità con la corretta informazione e così via.
      Non costa nulla l’approvazione di tale modifica alla legge regionale.
      Se in seno al comitato di gestione degli ATC ci deve essere l’ENCI,non vedo perchè non ci debbano essere le normali e regolari associazioni venatorie riconosciute.
      Continuando a selezionare le tre maggiori associazioni venatorie,si continuerà a favorire la parzialità e non ci sarà pari dignità decisionale bensì oligarchia a discapito della democrazia.

  13. Andrea Di Mauro scrive:

    ED ALLORA scriviamo le verita? ???????????????
    Il 17 ed il 23 Aprile scorso si è riunito a Napoli il CTFVRegionale, con 5 punti all’ordine del giorno, due dei quali:
    1) L’APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTODI ATTUAZIONE PER LA RIORGANIZZAZIONE DEGLI ATC IN CONSEGUENZA DELLE MODIFICHE ALL’ART. 34;
    2) DISCUSSIONE DELLA BOZZA DEL  CALENDARIO VENATORIO;

    Orbene, tralasciando x ordine di spazio le discussioni vi riassumo le posizioni assunte delle associazioni venatorie:

    Nelle votazioni finali del 23 Apr. in merito all’approv. del regolamento le posizioni sono state le seguenti :

    HANNO VOTATO  NO ALL’APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO:
    EPS – FIDC – PROV DI SA E CE – WWF LIPU FARE VERDE -

    HANNO VOTATO SI
    ARCI CACCIA – LIBERA CACCIA- ENAL CACCIA – (CON MODIFICA ALLE 30 GG) ENCI -CAI COLDIRETTI – PROV.AV – BN –

    ERANO ASSENTI ALLA SEDUTA:
     ANUU -  ITAL CACCIA

    Nella seduta del 17 Per quanto riguarda la bozza del  calendario venatorio anche triennale,  la FIDC si è opposta alla nuova bozza, in quanto non è stata varata seguendo le direttive di Kc ma quelle di bird life, stiamo organizzandoci x azioni maggiori…….
    TUTTE LE ALTRE ASSOCIAZIONI HANNO APPROVATO……………………….

    Allora, cari amici cacciatori queste sono le verità………..
    a voi le conclusioni …..

    il 17 Maggio davvero ne vedremo delle belle…..

    Andrea Di Mauro

    • alessandro cannas scrive:

      Andrea,la riorganizzazione delle giornate con teleprenotazione e quelle per la stanziale,sono state estese anche alle varie strutture private di caccia previste dalla normativa?
      Come mai chiedono l’approvazione del calendario su indicazione della birdlife? Che non c’entra nulla?
      Come mai la federcaccia chiede l’applicazione dei kc quando usando la direttiva si puo’ applicare benissimo tutte le concessioni previste dalla stessa per ottemperare al’art 7 comma 4 e art 18 comma 1 bis? Visto anche il documento al quale ha partecipato alla stesura? Come mai annu e italcaccia erano assenti?  
      Posso avere tutto il materiale in merito alle varie modifiche?

      • Andrea Di Mauro scrive:

        x alessandro….

        Il fatto gravissimo, caro alessando è che le AAVV hanno votato a favore del regolamento pur chiedendo di modificarne prenotazione e giornate, tranne EPS e FIDC che hanno detto NO a priori….. QUINDI SFATIAMO IL MITO !!!!!!!!

        ANCORA PIU GRAVE,,,, ALTRE ASSOCIAZIONI HANNO DISERTATO LA RIUNIONE DEL 23…….
        Quindi invito l’amico Serino a documentarsi dal SUO presidente regionale….. Prima di Scrivere, rischia di essere smentito dai fatti.

        Per il calendario, La FIDC ha chiesto di rispettare KC …. e credo che fin qui non ci sia nulla di strano, il problema è che la Regione ha stilato un calendario seguendo dettati di Birdlife, che come tu sai meglio di me è strumento anticaccia.
        A questo solo ed esclusivamente FIDC si è opposta……. addirittura Anuu e Italcaccia erano assenti……

        Non appena avrò i verbali della Seduta te li faccio avere, ma l’amico Filippo Venditti, presente al tavolo ed anche lui contrario (e lo ha votato) al nuovo regolamento, avrà anche lui copia del verbale e potrà confermare quanto scrivo.

        Resto a tua disp. x tutto quanto potrò fare, cmnq mi sto muovendo anche per altre vie… 

        • alessandro cannas scrive:

          Volevo sapere altro…..Comunque a che titolo usano birdlife? Non e’ questione che sia uno strumento anti-caccia..Non puo’ esser preso come testo per stilare un calendario che e’ diverso. 
          Anche sui KC, potete chiedere ben altro applicativo.
          Gli assenti …La conosci quel film dove l’attrice principale vestiva le vesti dell’ignara? Che disse? Io non c’ero?
          Comunque informati se determinati vincoli siano o non siano stati allargati alle riserve di caccia o altro istituto privato di caccia…  

        • Giacomo scrive:

          Caro Andrea un’altra cosa grave e molto importante secondo il mio punto di vista è che per tutte queste modifiche noi ancora non abbiamo saputo la motivazione !! Quale motivazione è stata data alle modifiche che hanno messo in essere ? Lo avete chiesto a chi di dovere ! Mi sembra che sia una cosa importante per la discussione e per la battaglia che la nostra Fidc sta conducendo. Speriamo bene. Salutiamo :wink:

        • serino cesare scrive:

          ……a me interessa che tutte le associazioni venatorie riconosciute vadano a gestire l’ATC !
          Una volta che tutte saranno in quella posizione,vedremo come funzionerà la caccia.
          Il resto delle critiche e così via,sono relative:valuto solo le costruttive.Quelle demolitive poco mi interessano. 

        • serino cesare scrive:

          …..scusami Andrea,se mente non mi tradisce,tu qualche anno fa,facevi parte dell’ANUU e se ben ricordo ti ho conosciuto proprio a S.Antonio Abate,nell’assemblea regionale,nella quale il Presidente Nazionale dell’Anuu, l’Avv.BANA, ti conferì una importante delega nazionale.Ricordo bene ?

        • Baghy scrive:

          Se non sbaglio faceva parte anche della Confavi qualche tempo fa e con qualche incarico importante a livello regionale, che strani giri di poltrone all’insegna della coerenza. ovviamente se mi sbaglio chiedo venia.Baghy

    • maxim scrive:

      Forse le 30 giornate verranno portate a 50 non più con prenotazione ma con comunicazione,comunicazione che varrà per tutta la regione,una volta comunicato si andrà dove si vuole,queste sono le cose che federcaccia dice in questi giorni,ora dato che lei sig ANDREA DIMAURO  è più informato ci dica se queste sono le soluzioni o sono tutte fandonie che federcaccia si inventa per tenere buoni i suoi tesserati?

      Attendo una sua gentile risposta. 

      • Andrea Di Mauro scrive:

        Caro Maxim,
        FIDC e nei fatti lo ha messo su carta è contraria al regolamento degli ATC …. PUNTO !
        A noi non interessa che il numero delle giornate siano 50 o 30…. Questo sistema non va bene .
        Se lei mi dice da dove scrive, e CHI DI FEDERCACCIA DICE QUESTE COSE MI FAREBBE COSA GRADITA….
        Dato che l’unica linea di FIDC espressa a livello Regionale è quella di essere Contraria alla modifica dell’art 34 al regolamento degli ATC eccetera.
        Attendo

        • max scrive:

          Dunque in questi giorni ho chiamato tutte le sezioni provinciali FEDERCACCIA  della campania,alcuni come benevento mi hanno detto che non sanno nulla,salerno che è stata quella più esaustiva,mi ha detto questo: noi della provincia di salerno e dietro di noi ce-av-bn- siamo per l’abrogazione dell’articolo 34 e di ritornare come lo scorso anno.Mentre napoli vuole le 50 giornate con comunicazione EPPOI POTER ANDARE INDISTINTAMENTE IN OGNI PROVINCIA!questo è quanto.Onestamente mi aspetto qualche proposta in più da federcaccia,perchè siamo onesti la regione vuole più soldi e noi vorremmo più mobilità,siamo anche disposti a pagare un po’ di più ma togliamo questa benedetta prenotazione presente nel centro-sud solo nella nostra regione.
          Muoviamoci prima che sia troppo tardi. Lei come la vede e ci sono proposte della federcaccia,sia per la mobilità che tabellazione parchi,ect ect?

          La sAlauto e ringrazio.

          FIN QUANDO NON VEDIAMO NERO SU BIANCO MODIFICHE DELL ARTICOLO 34 NON SI PAGA NESSUNO. 

        • vincenzo scrive:

          Signor di Mauro a noi interessa eccome andare a caccia alla migratoria,la maggiorparte dei cacciatori è preoccupata proprio per questi maledetti 30 giorni!Forse non vi è chiaro!!!!!!!!!!!!!
          Mi raccomando domani pomeriggio cercate di togliere questi NUMERI AL LOTTO per la caccia alla migratoria!!!!!!!Se un tordo o una beccaccia la posso cacciare dal 1.10 al 20.01 devo poterci andare quando mi fa comodo(nel rispetto della legge)per tutto il periodo che è presente in calendario senza ulteriori restrizioni non dimenticatevi che tantissimi cacciatori anzuiani come mio padre non hanno telefonino e internet,a stento riescono a segnare la giornata sul tesserino,quindi si tolga anche questa sciocchezza della teleprenotazione!!!
          Domani pomeriggio FATE IL POSSIBILE per SALVARE LA CACCIA IN CAMPANIA,
          Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 

  14. Francesco R. scrive:

    …………E SE CI SONO LE SETTE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE, PIU’ L’ENCI (OTTO)….PERCHE’ NON CI DOVREBBE ESSERE ANCHE LA CONFAVI???????? E QUI’ CHE CASCA L’ASINO SIG. SERINO……..

    • alessandro cannas scrive:

      La confavi NON e’ una associazione riconosciuta a livello nazionale….Ovvio, e non potra mai esser presente in nessun tavolo e in nessun atc e in nessun comitato faunistico.

      • Francesco R. scrive:

        Si è vero. Però visto che in Campania si sta modificando la Legge Regionale sulla caccia basterebbe una piccola postilla di un rigo dove si riporta: “Tutte le associazioni venatorie operanti nella Regione Campania sono riconosciute a livello regionale”. Troppo difficile? SOLO CHE LE SETTE SORELLE NON VOGLIONO, ANCORA, INVECE, PIU’ SEMPLICE.
         

        • alessandro cannas scrive:

          No Francesco,non puo’ esser fatto perche’ prevaricherebbe la legge 157 del 92, art 14 comma 10,che dice ben altro.

        • Francesco R. scrive:

          Alessandro non sono daccordo. In Campania ci sono decine di associazioni di volontariato o ambientali che hanno solo il riconoscimento regionale quindi non vedo perchè non si possa anche riconoscere una assocazione come l’ACC (Associazione Cacciatori Campani) che è si confederata Confavi ma opera ed è strutturata sul territorio regionale.
          Poi ammesso che abbia ragione tu. Ai cacciatori non interessa chi siede ditro i tavoli ma le decsioni che portano. Quindi penso che ben si possano fare riunioni tra tutte le associazioni (ma proprio tutte) in una pizzeria, stabilire una linea guida e poi il Tizio di turno la porta nei tavoli che contano (parlando però a nome di tutte le associazioni e di tutti i cacciatori)…questo penso si possa fare o anche per riunirsi tra di loro (le associazioni) serve il riconoscimento??? ED E’ PROPRIO QUELLO CHE MANCA IN CAMPANIA LE ASSOCIAZIONI NON INVITANO ALTRE ASSOCIAZIONI SOLO PER PRE-CONCETTI INUTILI, STUPIDI E STERILI……..POI PARLANO DI DEMOCRAZIA PARTECIPATA……… oww  oww

  15. Andrea Di Mauro scrive:

    Giacomo, chiedere a chi ????

    L’assessorato all’ Agricoltura è nelle mani di Caldoro, la Campania vuole soldi  e sembra che da napoli si siano inventati tutto questo per favorire anche la mobilità x gli amici cacciatori di napoli.
    Ma non credo che poi alla fine sia tanto una buona cosa…..

    Altra notizia che mi è giunta oggi all’orecchi è che un gruppo di cacciatori cilentani vuole ricorrere al tar contro questa modifica regionale per bloccarla definitivamente, ma la cosa grave è quella che si appelleranno alla residenza anagrafica nelle Aree Contigue ai parchi.
    Il che significa che, qualora passasse questa tesi, anche i cacciatori di SA 1 non potrebbero piu accedere a tale ambito….

    • vincenzo scrive:

      La storia dei cacciatori di Napoli proprio non la capisco,Avellino(è il mio secondo atc)ho sempre trovato posto,così come per Benevento!!poi pagando i 10.33 potevo fare 20 giorni dappertutto,certo Caserta non lo davano,troppe richieste,ma davvero il problema per i cacciatori napoletani non lo vedo!Contenti con 30 giorni e prenotazione???MAH!!!!!!!!!

  16. luigi scrive:

     Per  Andrea Di Mauro, se mi puoi informare sulle aree contigue ai Parchi? Ma allora esistono queste aree contigue in provincia di Salerno? Come mai le aree contigue al Parco del Taburno Camposauro non esistono e come si deve fare per istituirle? chi dovrebbe essere il promotore dell’ l’istituzione di queste aree? Da chi devono essere frequentate dal punto di vista venatorio ( dai cacciatori residenti o anche dai non residenti ) e perchè in alcune realtà già ci sono mentre in altre non se ne parla nemmeno? Ti ringrazio anticipatamente. E’ proprio vero: fatta l’Italia bisognerebbe fare gli italiani.  

  17. Giovanni59 scrive:

    Ma si può sapere di che parlate (????????????????), atc, comitati di gestione, democrazia, politica, regolamenti, sembra che abbiate ormai metabolizzato tutto questo schifo e che ognuno sgomiti x trovare quel mt di terra dove poter cacciare. Io mi aspetterei invece il TOTALE azzeramento di tutte le aavv presenti in Campania, poi mi aspetterei un’unica ass.ven. e una battaglia totale e senza esclusioni di colpi x resettare quanto sopra e al costo di perdere un’anno riportare la caccia in termini di libertà di movimento su tutto il territorio Campano…in Sardegna funziona così, e così DEVE restare.Da queste parti ogni anno succede che ogni aavv compra con i propri mezzi, lepri e pernici che vengoro regolarmente lanciate in periodo di caccia chiusa, e tutto questo avviene senza grandi dispute ne discorsi dell’assessore di turno, avviene e BASTA. -o-

  18. Andrea Di Mauro scrive:

    Cercherò di rispondere a tutti……

    X Alessandro cannas, scusa ma ho perso il filo, questa modifica in questione non porta modifiche per l’accesso a riserve…. x birdlife questa è una trovata di “Vigilante” noto dirigente dell’Ufficio caccia della Regione al quale ha risposto solo federcaccia con Ricciardi e con le nostre controdeduzioni portate in Regione.
    x max e vincenzo
    Il problema più grande è che il CTFV Regionale è un organo consultivo e non vincolante, Io sono un migratorista  e per giunta di acquatici….. Quindi immaginate come sto… Ma a prescindere questo scatenerà parecchie reazioni… Noi stiamo sensibilizzando politici amici anche x agirare il problema con l’approvazione della nuova legge sulla caccia…..

    XLuigi   Purtroppo in provincia di salerno l’area esiste e si è concretizzata con il II° ATC…
    L’istituzione è demandata all’ente Parco ed alla Regione….

  19. max scrive:

    PURTROPPO TUTTE LE ASSOCIAZIONI PRESENTI NEL COMITATO TECNICO REGIONALE HANNO DATO UNO SPETTACOLO INDECENTE,NON SONO RIUSCITI A CAPIRE DI METTERE AVANTI ALMENO PER UNA VOLTA IL BENE DEI CACCIATORI,NESSUNO ESCLUSO.

    GUARDATE COSA SONO RIUSCITI A FARE IN PUGLIA LE ASSOCIAZIONI VENATORIE,SI SONO RIUNITE ED HANNO FATTO UNA PROPOSTA COMUNE,PIù CREDIBILE,PRESA SICURAMENTE PIù IN CONSIDERAZIONE,DI QUANTO NON AVVENGA QUANDO SI è DIVISI! 

    QUI INVECE DOBBIAMO SENTIRCI LA LITANIA DI SERINO CHE DICE NA COSA ED IL SUO PRESIDENTE REGIONALE NE FA UN’ALTRA.OPPURE FEDERCACCIA DI SALERNO DICE UNA COSA QUELLA DI NAPOLI NE DICE UN’ALTRA….MA CHE SIAMO AL CABARET?IN QUALUNQUE POSTO DI LAVORO SARESTI RIPRESI DAL CAPO,RIMESSI ALL’ORDINE,MA SE IL CAPO SI CHIAMA BUGLIONE ALLORA COSA VUOI RIMETTERE IN ORDINE….

    IO STO INVIANDO FAX EMAIL AL PRESIDENTE NAZIONALE PERCHè PRENDA IN MANO L REDINI DELLA FEDERCACCIA CAMPANA CHE è ALLO SBANDO PALESE.

    NOI CACCIATORI ABBIAMO UNA PRIORITà ORA SI CHIAMA ARTICOLO 34 E MOBILITà,O CI DATE LA MOBILITà SU TUTTO IL TERRITORIO REGIONALE  66 GIORNATE QUESTO è QUELLO CONSENTITO,SENZA PRENOTAZIONE E SIAMO DISPOSTI A PAGARE ANCHE DI PIù,O SE NO SI RITORNO A COME STAVAMO LO SCORSO ANNO MA SENZA PRETENDERE DI PIù.

    SI EVINCE CHE SIAMO DISPOSTI A PAGARE DI PIù MA DATECI UN POCO IN PIù.

    SONO USCITI DEGLI STUDI INTERESSANTI SUL CALENDARIO VENATORIO,SONO DA PROPORRE ALLA REGIONE CHE NON PUò FAR ALTRO CHE APPROVARLI PERCHè SERI E NON DI PARTE,MI RIFERISCO ALLA FACE  GLI STUDI SULLA MIGRAZIONE E CONSERVAZIONE DELLA SPECIE.

    SE SIETE CREDIBILI LA REGIONE VI ASCOLTA SE SIETE E PROPONETE IL NULLA E CON DIVISIONE SUCCEDE QUELLO CHE STA ACCADENDO GRAZIE ALLA VOSTRA POCA PROFESSIONALITà,MI FA SPECIE CH ALCUNI PRESIDENTI DI AVV PARLINO IN DIALETTO,MA OLTRE A QUESTO NON SANNO NULLA CHE TRISTEZZA QUESTA CAMPANIA…..

  20. prof.giuseppe costa scrive:

    La miopia dei soliti portatori di fumo . Il cacciatore Italiano deve essere coeso .Ancora una volta nascondiamo la testa sotto terra.Uniamoci in:Caccia-Ambiente-Agricoltura-Pesca-Tradizioni ,la voce dei cacciatori Italiani  e del mondo rurale . “Nessun Dorma”

  21. serino cesare scrive:

    Signori…..ma avete dimenticato che noi cacciatori versiamo anche la tassa regionale ? E quei soldi dove stanno ? Sono congelati ? Dobbiamo pagare ancora ?
    E dove andiamo a caccia ? Abbiamo una grande percentuale di territorio in Campania,inibita alla caccia….
    Ci rendiamo conto.
    Qui bisogna rifare tutto ex novo ! 

  22. serino cesare scrive:

    …….signori cacciatori mi è sorto un dubbio,gradirei un contraddittorio o almeno una smentita.
    Nel 2009 nella Legge Finanziaria Regionale della Campania fu decretata la partecipazione della Società Italiana Pro Segugio nei comitati di gestione degli Ambiti Territoriali di Caccia.La regione era governata dal centro-sinistra.
    Nel 2012,quest’anno,nella Legge Finanziaria Regionale della Campania è stato decretato col famoso articolo 34 la partecipazione dell’ENCI,Ente Nazionale Cinofilia Italiana,ai comitati di gestione degli Ambiti Territoriali di Caccia. L’attuale governo regionale della Campania è di centro-destra.
    Da fonti informative certe,mi risulta che sia la Società Italiana Pro Segugio,sia l’ENCI sono società satelliti della Federcaccia,ovvero orbitano nell’aureola della Fidc.
    Partendo dal postulato che la politica quando deve blindare una modifica legislativa la inserisce nella legge finanziaria,come mai c’è stata questa blindatura di associazioni satelliti di un’altra nella gestione degli ATC ?
    Non riesco a darmi spiegazioni.
    Ma mi è sorto un’altro dubbio:a quanto pare,non so se risponde a verità,la Fidc sta ostacolando l’ingresso di tutte le associazioni venatorie riconosciute nei comitati di gestione degli ATC,così come proposto da autorità politiche regionali.
    Non riesco a darmi spiegazioni.
    Sarà vero tutto questo ?
    Di Mauro,Cannas ed altri amici,sapreste darmi condivisibili delucidazioni in merito ?
    Vorrei autochiarirmi questi dubbi,perdonatemi.
     

  23. Giacomo scrive:

    Anche io Serino ho dei dubbi ! Quali motivi sono stati addotti alle modifiche che hanno fatto rispetto all’anno scorso con l’art. 34. La tua associazione come mai non se lo ha chiesto per farlo sapere agli iscritti ? Non credi che sia importante che una regione che cambia una legge così importante deve addurre le dovute motivazioni ? :roll:  Salutiamo

    • serino cesare scrive:

      …… forse non ho reso chiaro il concetto prima espresso,o meglio non sono riuscito a farmi capire.Chiedo scusa per il mio scarso impegno ad esporre le cose:mi pare che ho riportato che la Pro Segugio nel 2009 è stata inserita nei comitati di gestione degli ATC da un articolo della legge finanziaria della regione Campania.
      Un’altra legge finanziaria della regione Campania,quella di quest’anno,2012,con l’articolo 34 ha inserito anche l’ENCI nei comitati di gestione degli ATC.
      Nel 2009 la regione Campania era governata da una maggioranza di centro sinistra a guida Bassolino.
      Nel 2012 la regione Campania è governata da una maggioranza di centro destra,a guida Caldoro.
      La Pro Segugio e l’ENCI sono associazioni satelliti della Federcaccia………
      Quale dubbio esiste ?
      Intelligenti pauca. 

    • serino cesare scrive:

      ….non capisco il riferimento alla mia associazione che senso abbia ?
      Qui si parla di andare a caccia,una cosa che in Campania è un pò difficile,visto che c’è una oligarchia amministrativa nella gestione degli ATC……………
      Difficile capirlo ???
      Perciò chiedo pari dignità,partecipazione,democrazia,trasparenza………….
      Le associazioni venatorie hanno la stessa funzione dei sindacati e pertanto le azioni si devono concertare…………….. non possono deciderle solo poche intime………..
      …tanto difficile a capirsi ????!!!!!!!!!!!!!! 

      • Giacomo scrive:

        Bene allora te lo spiego più chiaramente : Se durante la discussione dell’articolo 34 è stato detto che si dovevano dare solo 30 giornate e con la prenotazione, a questo si doveva addurre la  motivazione che noi vogliamo sapere, e cioè : per quale motivo sono state date solo 30 giornate alla migratoria e per quale motivo con la tele prenotazione se noi già segnamo la giornata sul tesserino ? Per quale motivo io devo per forza chiedere la residenza venatoria solo nell’ATC dove risiedo ? Per quale motivo hanno cambiato i confini degli ATC provinciali ? Per quale motivo non si è tenuto conto delle richieste dei cacciatori con migliaia di firme raccolte da Fidc. Chiaro adesso ? Informati dal tuo presidente regionale e dai delle risposte ai tuoi tesserati !! :-D  Salutiaaamo  

        • serino cesare scrive:

          ……….forse non è chiara la origine dell’articolo 34…………… Per me,per Noi Cacciatori,per la mia associazione,l’articolo 34 NON DOVEVA proprio nascere,perchè quando si fa una modifica ad una legge,per blindare quella modifica,la si inserisce nella legge finanziaria.Ed alla regione Campania così è stato fatto. Secondo me state proprio su altri pianeti,avete il concetto della disinformazione ben consolidato.
          Sapete chi ha fatto partorire l’articolo 34 inserito in legge finanziaria regionale ???
          O presumo che non lo volete dire o presumo che siete molto ma molto disinformati.
          INTELLIGENTI PAUCA.

  24. Andrea Di Mauro scrive:

    CESARE TU VIVI SU MARTE, OPPURE MENTI SAPENDO DI MENTIRE….
    i
    AMICI CACCIATORI NON FATEVI INFINOCCHIARE……. IN QUESTO MOMENTO A NAPOLI E’ IN CORSO LA RIUNIONE DEL CTFVR CON ALL’ORDINE DEL GIORNO CALENDARIO E NUOVO REGOLAMENTO DEGLI ATC

    CONTRARI AL REGOLAMENTO SONO SOLO EPS CON L’AMICO VENDITTI E FIDC CON IL PRES. RICCIARDI…..

    IL RESTO DELLE DECANTATE ASSOCIAZIONO DI CATEGORIA , SINDACATI UNITI E BLA BLA BLA STANNO VOTANDO SI A QUESTA CHIAVICA CHE TU, CARO CESARE , DICI DI NON CONDIVIDERE.
    QUA SE C’è UNA COSA DA FARE LA DEVI FARE TU……. CHIAMA IL TUO PRESIDENTE E CHIEDIGLI SPIEGAZIONI…..

    LA FIDC E L’EPS, CARI AMICI, SONO LE UNICHE ASSOCIAZIONI CHE SI STANNO BATTENDO IN MODO INECUIVOCABILE CONTRO QUESTA ASSURDA NORMATIVA, LO DIRANNO LE DOCUMENTAZIONI CHE PUBBLICHEREMO…..

    CESARE, IO TI STIMO, MA IN QUESTO MOMENTO NON FAI UNA BELLA FIGURA, CREDIMI…….
    TI STAI ESPONENDO MENTRE IL TUO PRESIDENTE REGIONALE FA IL CONTRARIO DI QUELLO CHE TU SCRIVI…

    CACCIATORI CAMPANI TUTTI SIAMO PROPRIO L’ULTIMA REGIONE D’ITALIA IN MANO A QUESTI POLITICANTI DA QUATTRO SOLDI ED A QUESTI RAPPRESENTANTI CHE NE VALGONO ANCORA MENO……

    RICORDATELO……… ALLE URNE ED IN TUTTE LE ALTRE OCCASIONI…… I VOSTRI AMICI ED I VOSTRI NEMICI, ANCHE NELLA SOTTOSCRIZIONE DELLE TESSERE , NON DATE POTERE A QUESTI VOLTAGABBANA……. 

    SCUSATE X LO SFOGO.. 

  25. max scrive:

    Andrea di Mauro sono d’accordo su quanto dici,ma mi devi consentire una cosa,una parte di federcaccia sta chiedendo l’abolizione la parte più importante cioè quella che decide sempre tutto(federcaccia napoli ed è quella che ha proposto(buglione e company) l’articolo 34 a caldoro ) sta chiedendo 50 giornate con mobilità libera con il resto invariato cioè solo stanziale sul proprio atc.

    Quindi bene che ci vada fanno passare questa,male rimane tutto così com’è con artic 34,pregate signori,pregate,perchè se dovesse passare così com’è o 50 giornate con prenotazione sotto la regione io ci vado pure da solo.

    Attendiamo notizie,dico al signor serino,che effettivamente i suoi interventi sono fuori luogo e lontano anni luce dai cacciatori e dallo stato d’animo che viviamo in questo momento.
    Saluti. 

    • Andrea Di Mauro scrive:

      Max, ti dico che la riunione di ieri in CTFVR è stata molto interessante.
      Ti ripeto che la FIDC, l’  EPS e le Province di CE e SA hanno impedito le votazioni di Calendario venatorio e del Regolamento x gli ATC…………….

      Per il resto quello che può pensare una singola Presidenza Provinciale anche di Fidc conta poco….
      La linea di FIDC è quella portata in CTFVR.

  26. Andrea Di Mauro scrive:

    Solo x la cronaca, al CTFVR Campano erano assenti ARCICACCIA, ENALCACCIA, ANUU….
    E POI SI PARLA DI FIDC……
    VERGOGNA !!! VERGOGNA!!!!!!! VERGOGNA!!!!!!

  27. Qua si deve risolvere pure il problema(quando ne parliamo nessuno dei presidenti risponde)del perchè le aa.vv non riconosciute non vengono chiamate dalle riconosciute(almeno da qualche parte non dico nei tavoli dove si decide)e qua si vede che stanno pieni di malafede……e gia questo dovrebbe far riflettere ai tesserati di tali specie di associazioni……!!!

    • Eps scrive:

      Amici scusatemi se mi intrometto a questo punto:
      Ma vorrei darvi un paio di notizie
      1: da fonti ufficiose e di corridoio!!!! come si suole dire a volte, si è saputo che per quanto riguarda gli ATC rimarranno tutti così come sono delimitati dagli attuali confini provinciali 1 per ogni provincia e salerno 2
      2: ogni cacciatore avrà la residenza venatoria dove possiede la residenza anagrafica e pagherà la quota all’ATC di residenza anagrafica
      Problema ATC di Napoli: Prenotazione con le moderne tecnologie sia per le giornate di caccia alla stanziale che potrebbero essere 3 fisse a settimana e sia per le 30 giornate di caccia alla migratoria.
      Allora mi è venuto di chiedere, ma la doppia prenotazione la faranno solo i cacciatori residenti a Napoli. E no la doppia prenotazione la faranno tutti i cacciatori della campania.

      Per le associazioni venatorie non riconosciute, credo personalmente che non siedano ai tavoli delle consultazioni solo perchè una legge regionale non lo prevede, ma per quanto mi riguarda rappresentano comunque i cacciatori loro iscritti e possono tranquillamente chiedere copia di tutti gli atti relativi alla materia venatoria agli enti interessati.
      Saluti

  28. luigi scrive:

    Andrea, oltre alla notizia dell’assenza delle associazioni da te citate al CTFVR, ci puoi dire di più ( quello che mi interessa è sapere cosa si è deciso sull’art. 34 ). Grazie.

    • Andrea Di Mauro scrive:

      Luigi, niente il tutto è stato rinviato al 23 di maggio……..
      Sia il parere sul calendario venatorio, sia il parere sul regolamento all’art 34…. tutto qua..

      • max scrive:

        Signor Di mauro l’aria che tira qual’è ci dica se c’è possibilità che le cose migliorino o meno?Si sta per caso aspettando la nuova legge regionale sulla caccia per fare altre cose?Ricordatevi disposti a pagare di più visto che questo è l’unica cosa certa ma avendo qualcosa di più,quel qualcosa di più sono la mobilità libera non dico molto ma almeno 20 giornate ci vogliono naturalmente sul proprio atc stanziale e migratoria,partenza imprenscindibile.
        Saluti. 

        • Andrea Di Mauro scrive:

          Max indubbiamente c’è una battaglia in corso …. Inutile dire che il problema è proprio quello della migratoria negli ATC di residenza,  pagare i 30 euro ma avere piu giornate alla migratoria  almeno 50 solo con prenotazione potrebbe risolvere tutto……… Queste potrebbero essere alternative valide, ma non vedo, onestamente altre vie, se non quella di un’approvazione della modifica alla 8/96 che accontenterebbe tutti. Dopo il 23 ne sapremo sicuramente di più.
          Ti dido solo che a me è scaduto il porto di fucile e non sto rinnovando assolutamente nessuna tassa ……
          Anche l’amico Filippo è stato al comitato quindi chiedo anche a lui di dirci qualcosa…..

        • max scrive:

          50 giornate per la migratoria con prenotazione,ma con migratoria e stanziale nel proprio atc di residenza?
          Ma se no 50 giornate con prenotazione anche nel proprio atc è follia pura,è inutile che ci fanno o che ci fate credere che state facendo molto,perchè non è vero!

          Preferisco 66 giornate migratoria con comunicazione(non prenotazione,siamo gli unici al centro sud,non fate credere che state facendo sforzi,siamo gli unici ripeto nel centro sud che vanno alla migratoria con prenotazione,vergogna,falsi!!!) solo per la migratoria a 31 euro e sul proprio atc solo stanziale.Ancora una volta mi rendo conto che ci state prendendo in giro compresa fidc anzi in primis non va bene,la caccia muore così.

  29. serino cesare scrive:

    …………..signori 45mila cacciatori campani,c’è una lamentela palese ed evidente e si cerca di deviare i discorsi su tutt’altro.Io dico,fortunatamente che questo oramai famoso articolo 34 della legge finanziaria 2012 della regione Campania è stato partorito distocicamente e da parte mia ringrazio vivamente chi o per errore o per distrazione l’ha scritto.
    Il problema sarebbe sorto se fosse stato correttamente scritto e spiego perchè,in maniera tale che i tanto famosi protettori della sempre più grande associazione venatoria si rendano conto di quanto affermano.
    Se fosse stato scritto correttamente,non ci sarebbe stata tutta questa discussione,tutta questa apertura informativa,ma sarebbe stata la classica imposizione senza concertazione dei maghi della grande associazione.
    E’ questo che purtroppo non si riesce a percepire,a capire.
    Ci sarebbe stata l’imposizione di quanto descritto e tutti i cacciatori campani sarebbero stati per l’ennesima volta illusi.
    Infatti il concepitore di questo limitativo disegno che si nasconde nei meandri della grande associazione non si capacita e cerca assieme ai suoi accoliti di demonizzare comunque la sua rappresentanza attraverso le esche che lanciano con le rampanti canne da pesca in dotazione.
    Grazie veramente per aver creato questo equivoco:adesso i cacciatori campani stanno iniziando a percepire chi vuole che non ci sia la caccia in campania ma cura attraverso la caccia ,i propri interessi.
    PER QUESTO CHIEDO E CHIEDERO’ SEMPRE LA PARI DIGNITA’ TRA LE ASSOCIAZIONI VENATORIE PER LA GESTIONE DEI COMITATI DEGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA.
    La trasparenza,la legalità sono visibili solo attraverso la partecipazione,la concertazione,questo il senso della DEMOCRAZIA.
    Ravvedetevi amici cacciatori campani da questi personaggi che vivono di caccia,perchè loro della caccia ne hanno fatto un indotto personale.

  30. Giacomo scrive:

    Nei tempi passati ci stavano gli ombrellai che vendevano gli ombrelli per le strade dando la voce per farsi sentire in ogni casa. Un giorno uno di questi ombrellai fu anticipato da uno che vendeva l’aceto sfuso. L’ombrellaio per gelosia pensando che chi comprava l’aceto non avesse comprato l’ombrello ebbe la brillante idea di sostituire al nome ombrello il nome PARA’ ACQUA e ogni volta che quello che vendeva l’aceto dava la voce dicendo ACETO FORTEEEE ! Lui da dietro diceva PAR’ACQUAAA signòòòò !!!   :-P :-P :-P  :-D   Salutiaaamo.

  31. serino cesare scrive:

    ……… quando la verità fa male ……… è come Fedro disse nella sua favola…. quando la Volpe non arriva a mangiare l’uva,diceche è acerba………

  32. luigi scrive:

    … o anche” quann’u soce nun arriva au lardo dice che sa di rancido”, alias ” quando il topo non può mangiare il lardo, perchè ben custodito, si giustifica dicendo che è irrancidito”.

  33. vincenzo scrive:

    Ho fatto solo una piccola riflessione:Quando c’era la sinistra in Campania e la “comandava”Arcicaccia,siamo andati a caccia fino al 31.01 senza tutti questi casini!!!Da quando si è insediato Caldoro e la destra(amica dei cacciatori,che ha preso anche i miei voti) e la “comada”la F.I.D.C  SOLO DISASTRI!!!!!Lo scorso anno niente preapertura,tordi e beccacce al 19.01(in cambio delle cornacchie al 09.02)e adesso questo GRAN DISASTRO delle 30 giornate su teleprenotazione (per far contenti i napoletani?)???La destra è stata capace solo di FARE DISASTRI e QUESTA è L’ENNESIMA RIPROVA!!!Se le cose rimangono così,se non si toglie la Prenotazione ed i 30 giorni ALMENO NELL’ATC DI RESIDENZA la cara DESTRA CHE HO VOTATO ha avuto l’abilità (senza verdi in giunta)di farci togliere(e saremo parecchi)l’unica passione che avevamo nella vita:la CACCIA!!!
    Sono stati (con i fatti)capaci di farmi ricredere a 45 anni sulla politica di sinistra e SOPRATUTTO su come ha gestito in passato le cose ARCICACCIA,molto meglio di questi quattro INCAPACI che ci ritroviamo adesso in Regione!!!!! (:n)

  34. http://youtu.be/3zJ8j0GWw9U   convegno caccia a pagani (provincia salerno)  sabato 19 maggio 2012 organizzato dal presidente provinciale di salerno enalcaccia (dino torre) 

  35. max scrive:

    si sa nulla di questo testo unificato?Qualcuno di voi conosce?

    VIII COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE è CONVOCATA MARTEDì 22 MAGGIO ORE 12

    ORDINE DEL GIORNO:

    -TESTO UNIFICATO  PROPOSTE DI LEGGE AVENTI AD OGGETTO:”NORME PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA SELVATICA E DISCIPLINA DELL’ ATTIVITA’ VENATORIA IN CAMPANIA”

    Valentino buona iniziativa per mettere al corrente i cacciatori ora bisogna trovare gli agganci giusti….. 

  36. max scrive:

    we allora novita’ sulla riunione di oggi?

    • Associazione Culturale Amici della Caccia scrive:

      Ancora Fumata Nera!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! le solite associazioni fanno venire meno il numero legale, ed il comitato tecnico regionale di oggi 23 maggio non discute e non approva il calendario venatorio ed il regolamento degli ATC……………

  37. max scrive:

    SALTATA ANCHE LA RIUNIONE DI OGGI,PERCHè IN MOLTI NON SI SN PRESENTATI!VERGOGNA

  38. Giusti Giacomo scrive:

    Nomi e appartenenza di chi è stato a casa!

Leave a Reply


3 + = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.