Liguria, Caccia, la Lega propone normativa e calendario

| 3 maggio 2012 | 4 Comments

Caccia: la Lega propone normativa e calendario

Caccia: due provvedimenti per varare il nuovo calendario dopo la bocciatuira da parte della Corte Costituzionale. Il primo firmatario, Francesco Bruzzone (Lega Nord): «Salviamo la stagione venatoria dopo l’annullamento della legge regionale da parte della Consulta» Una proposta di legge per garantire alla Liguria un calendario venatorio per il 2012.

Questa mattina Francesco Bruzzone (Lega Nord Liguria-Padania) ha presentato una proposta di legge e un provvedimento amministrativo per definire con certezza le giornate in cui sarà possibile esercitare l’attività venatoria. L’iniziativa è stata assunta dopo la sentenza della Corte Costituzionale, che ha annullato la legge regionale n.12 del 2011 con cui veniva stabilito il calendario venatorio per tre anni.

«Ritengo indispensabile dare certezza sulle regole e le condizioni per la prossima stagione di caccia – ha spiegato Bruzzone – sulla cui base gli oltre 22.000 cacciatori liguri pagheranno anticipatamente tasse statali, regionali oltre ai previsti contributi agli organi di gestione ed alle compagnie di assicurazione». Il consigliere chiederà la trattazione urgente da parte del Consiglio regionale dei due provvedimenti: «Auspico la massima condivisione da parte di tutti coloro che intendono mantenere viva la caccia in Liguria».

Bruzzone confida che l’iter in commissione possa iniziare entro una decina di giorni in modo tale che i provvedimenti entrino regolarmente in vigore prima dell’apertura della stagione venatoria.

Attraverso la proposta di modifica alla legge quadro regionale sulla caccia (Modifiche al comma 7 articolo 34 legge regionale 1 luglio 1994 n. 29) Bruzzone intende, quindi, definire con certezza l’individuazione delle giornate in cui è consentito esercitare la caccia. E, con una proposta di deliberazione, così come stabilito dalla Corte Costituzionale, il consigliere intende definire il calendario venatorio per la prossima stagione che dovrà iniziare, relativamente al prelievo selettivo degli ungulati, il prossimo 1° giugno.

«Abbiamo ritenuto opportuno – ha concluso Francesco Bruzzone – presentare due provvedimenti affinché concretamente possa essere avviato il percorso normativo nell’ambito del Consiglio regionale ovviando alla mancanza di interventi concreti da parte della Giunta regionale che in merito si è limitata soltanto ad annunci giornalistici. Da quasi 20 anni nella nostra regione il calendario venatorio è stabilito con legge regionale. Adesso, invece, la Corte costituzionale ha deciso diversamente, benché nessuna norma sia cambiata».

***

La proposta di legge di iniziativa dei consiglieri regionali Francesco Bruzzone, Edoardo Rixi e Maurizio Torterolo Avente ad oggetto:

“Modifiche al comma 7 articolo 34 della legge regionale 1 luglio 1994 n. 29 (norme regionali per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo venatorio).”

Genova, 02 maggio 2012

Pdl: “Modifiche al comma 7 articolo 34 della legge regionale 1 luglio 1994 n. 29 (norme regionali per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo venatorio).”

Relazione

La presente proposta di legge intende inserire nella norma quadro regionale in materia di caccia una facoltà prevista dalla legge nazionale sull’attività venatoria (L. 157/1992) in particolare dai commi 5 e 6 dell’ articolo 18 della succitata normativa.

Così facendo la Regione Liguria, tenendo conto delle consuetudini locali e delle prassi consolidate nei 20 anni di vigenza della legge statale n. 157/1992, inserisce nella propria norma quadro la facoltà prevista al comma 6 dell’articolo 18 della medesima legge, di regolamentare diversamente l’esercizio venatorio da appostamento alla fauna selvatica migratoria nei periodi intercorrenti tra il primo ottobre e il 30 novembre di ogni anno.

Così facendo viene stabilito che in Liguria, in tale periodo, la caccia alla migratoria può essere esercitata, fermo restando il silenzio venatorio il martedì e il venerdì, per cinque giorni di cui tre a scelta in forma vagante e due a scelta da appostamento fisso o temporaneo.

Regione Liguria

Modifiche al comma 7 articolo 34 della legge regionale 1 luglio 1994 n. 29 (norme regionali per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo venatorio).

Articolo 1

(modifiche al comma 7. articolo 34 della l.r. n. 29/1994)

1. il comma 7. dell’articolo 34 della l.r. n. 29/1994 è sostituito dal seguente comma:

“7. Fermo restando il silenzio venatorio nei giorni di martedì e venerdì, tenuto conto delle consuetudini locali, e acquisiti in merito i pareri dell’Istituto Superiore per la Ricerca in campo Ambientale (ISPRA) ai sensi di quanto disposto dal comma 6 dell’articolo 18 della L. 157/1992, le giornate di caccia sono tre settimanali a scelta a cui si aggiungono due giornate settimanali per l’esercizio venatorio da appostamento alla fauna selvatica migratoria nel periodo intercorrente fra il 1 ottobre ed il 30 novembre

Articolo 2

(Dichiarazione di urgenza)

1. La presente legge regionale è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

***

Avente ad oggetto:

“Calendario venatorio regionale per la stagione venatoria 2012/2013 ”

Genova, 02 maggio 2012

Pdd: “Calendario ventorio regionalepre la stagione ventoria 2012/2013”

Vista la sentenza n. 105 del 2012 con la quale la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 1 comma 1 lettera A) B) C) D) numero 1), E), F), G), H), I), L), M), 2 e 3 della Legge regionale ligure 1 giugno 2012 n. 12 “Calendario venatorio regionale per le stagioni 2011/2012, 2012/2013 E 2013/2014. modifiche agli articoli 6 E 34 della legge regionale 1 luglio 1994, N. 29 (norme regionali per la p5rotezio ne della fauna omeotrerma e per il prelievo venatorio e successive modificazioni e integrazioni”.

Considerato che con la stessa sentenza la Consulta ha stabilito che i calendari venatori regionali debbano essere emanati con atto amministrativo e non possono avere valenza pluriennale

Preso atto del disposto di cui all’articolo 18 della legge n. 157/1992 (in particolare del comma 4 e seguenti) e dei contenuti dell’articolo 34 della Legge regionale n. 29/1994

Verificato che le disposizioni contenute nella presente proposta di Calendario venatorio ricalcano, con poche varianti, quelle presenti nei calendari delle passate stagioni, rispetto alla cui gestione non si sono registrati particolari problemi.

Preso atto che nel complesso la deliberazione disciplina: le giornate di caccia nelle Province liguri compresa la Zona faunistica delle Alpi, i periodi di caccia diversificati fra selvaggina stanziale e migratoria, le specie cacciabili e relativi periodi, gli orari di caccia, i carnieri giornaliero e stagionale, le varie tipologie di caccia e i periodi per l’attività di addestramento cani.

Prevede inoltre la possibilità da parte delle Province di vietare o ridurre l’attività venatoria nel caso si verificassero condizioni sfavorevoli allo svolgimento della stessa.

Regolamenta il rilascio del tesserino venatorio annuale e la riconsegna di quello della stagione venatoria precedente e le modalità di compilazione, anche per i cacciatori provenienti da altre regioni.

Vista la “Guida per la stesura dei calendari venatori redatta dall’ISPRA ( Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale).

Visti i pareri espressi dal suddetto istituto sui calendari venatori della Regione Liguria

Principali riferimenti normativi e interpretativi

Valutata la necessità di armonizzare il Calendario venatorio ligure con quelli dei Paesi europei del bacino del mediterraneo ed in particolare con le disposizioni vigenti in Francia, nazione a noi confinante

Richimate:

• La Direttiva 2009/147/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 30/11/2009

• La “Guida alla disciplina della caccia nell’ambito della direttiva 79/409/CEE sulla conservazione degli uccelli selvatici – Direttiva Uccelli selvatici”

• Il Documento “Key concepts of article 7(4) of directive 79/409/EEC on periodo f re production and prenuptial migration of huntable bird species in the EU”

• La Legge 4 giugno 2010 n. 96 (Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee – Legge comunitaria 2009)

• La legge 11 febbraio 1992 n. 157 ( norme per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo venatorio) e successive modifiche

Considerato che:

• L’articolo 18 della l. 157/1992 e successive modifiche, al comma 1, stabilisce i termini (terza domenica di settembre – 31 gennaio) entro i quali è possibile esercitare l’attività venatoria, associando a quattro gruppi di specie cacciabili i rispettivi periodi di caccia.

• Lo stesso articolo, al comma 2, attribuisce alle Regioni il potere di modificare i suddetti periodi attraverso l’anticipazione o la posticipazione rispettivamente dell’apertura e della chiusura della stagione venatoria, fermo restando che i “….. termini devono essere comunque contenuti tra il 1° settembre ed il 31 gennaio dell’anno nel rispetto dell’arco temporale massimo indicato ….” per le singole specie.

• Il comma 1- bis dell’art. 18 della legge 157/1992 e successive modifiche, per effetto delle modifiche introdotte dall’art. 42 della l. 96/2010, stabilisce che l’esercizio venatorio “…. è vietato, per ogni singola specie: a) durante il ritorno al luogo di nidificazione; b) durante il periodo della nidificazione e le fasi della riproduzione e della dipendenza degli uccelli.”.

• I predetti periodi di caccia, anche dopo l’espresso recepimento della direttiva 2009/147/CE, per effetto delle modifiche introdotte all’art. 18 della l. 157/1992 dall’art. 42 della legge 96/2010, non sono stati modificati dal legislatore statale in quanto evidentemente ritenuti conformi alle previsioni della stessa direttiva 2009/147/CE.

• L’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) nella “Guida per la stesura dei calendari venatori ai sensi della legge 157/1992, così come modificata dalla legge comunitaria 2009, art. 42” chiarisce che, a prescindere dall’inizio dei movimenti di risalita verso i luoghi di nidificazione, la “… la caccia agli uccelli migratori dovrebbe terminare alla metà della stagione invernale”, esiste evidentemente un certo margine di discrezionalità nel definire una data corrispondente alla metà dell’inverno, ma la scelta della parte finale del mese di gennaio appare ancora oggi un compromesso accettabile e questo limite è stato suggerito dall’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica (oggi ISPRA) al legislatore nazionale in occasione della stesura della legge n. 157/92.”

• Il calendario venatorio è, ai sensi dell’art. 18, comma 4 della legge 157/1992 e successive modifiche, una competenza delle Regioni, che lo emanano quindi nel rispetto dei periodi di caccia di cui sopra.

• La direttiva 2009/147/CE, così come in precedenza la direttiva 79/409/CEE, non indica date precise in merito alla stagione di caccia ma, lasciando agli Stati membri dell’Unione la definizione dei calendari venatori, si limita a stabilire che gli uccelli selvatici non possano essere cacciati durante la stagione riproduttiva e di dipendenza dei giovani dai genitori e, limitatamente agli uccelli migratori, durante il ritorno ai luoghi di nidificazione (migrazione prenuziale o primaverile o “ripasso”).

• In riferimento al ruolo dell’Ispra la Corte Costituzionale con sentenza N.332 del 2006 ha ritenuto non obbligatorio e non vincolante il parere dell’ ISPRA ove la regolamentazione regionale si mantenga nei termini di tutela fissati dalla legge quadro nazionale.

• Il documento “Key concepts of article 7(4) of Directive 79/409/EEC on period of reproduction and prenuptial migration of huntable bird species in the EU” (Concetti fondamentali dell’articolo 7(4) della Direttiva CE 79/409 sul periodo di riproduzione e migrazione prenuziale delle specie di uccelli cacciabili nella UE) elaborato dal Comitato ORNIS, documento ufficialmente adottato dalla Commissione europea nel 2001, fornisce specie per specie e paese per paese, le date (decadi) di inizio e durata della riproduzione e di inizio della migrazione prenuziale.

• La Guida Interpretativa della direttiva 2009/147/CE, al paragrafo 2.7.10, poichè esiste la circostanza che varie regioni di un singolo stato membro siano poste su latitudini differenti e abbiano quindi correlate difformità climatiche in grado di determinare oscillazioni temporali nell’inizio della migrazione pre nuziale, consente alle regioni degli stati membri di discostarsi, nella fissazione delle stagioni di caccia, dai KC nazionali, utilizzando dati scientificamente validi riferiti alla realtà regionale.

• La “Guida alla disciplina della caccia nell’ambito della direttiva 79/409/CEE sulla conservazione degli uccelli selvatici – Direttiva Uccelli selvatici” è un documento di carattere generale e di indirizzo prodotto dalla Commissione Europea nel Febbraio 2008 quale riferimento tecnico per la corretta applicazione della direttiva per quanto attiene l’attività venatoria, con particolare riferimento ai paragrafi 2.4.25, 2.7.2, e 2.7.10.

• Da un confronto fra la Guida ISPRA ai calendari venatori con i documenti europei KC e Guida Interpretativa della direttiva 147/2009/CE emerge che l’ISPRA propone una restrizione all’attività venatoria di 20 giorni per la gran parte dell’avifauna migratoria (anatidi, turdidi, scolopacidi, rallidi, caradridi) rispetto ai periodi oggi vigenti nella legge nazionale 157/92.

• In Italia la quasi totalità delle zone umide regionali di maggior interesse per lo svernamento ed il transito di specie di avifauna acquatica sia cacciabili che protette insiste all’interno di aree interdette all’attività venatoria. Questa circostanza rende fortemente ridotto il “disturbo” arrecato nelle aree residue dalla stessa attività venatoria alle specie di cui trattasi specie in Liguria in quanto le zone umide sono praticamente inesistenti

• Il rischio di confusione nell’identificazione delle specie cacciabili, sollevato dall’ISPRA nella nota sopracitata del 29 luglio 2012, è analizzato nella Guida Interpretativa della direttiva 147/2009/CE ai paragrafi 2.6.10 e 2.6.13 e in tali punti non è mai proposto il divieto di caccia alle specie simili.

• In base ai paragrafi 2.7.2 e 2.7.9 della guida interpretativa alla direttiva 2009/147/CE, la sovrapposizione di una decade tra il periodo della caccia e il periodo della migrazione prenuziale è considerata una sovrapposizione “teorica” o “potenziale” (in quanto è possibile che durante questo periodo non vi sia effettivamente alcuna sovrapposizione) e quindi tale da ammettere l’attività venatoria, mentre la sovrapposizione per periodi superiori ad una decade farebbe cessare l’incertezza e quindi si tratterebbe di una sovrapposizione “reale”.

• L’ISPRA, con nota di riscontro prot. n. 29844T-A 11 del 13 settembre 2010, avente ad oggetto “Interpretazione del documento “Guida per la stesura dei calendari venatori ai sensi della legge n. 157/92, così come modificata dalla legge comunitaria 2009, art. 42””, ha comunicato alla Federazione Italiana della Caccia che : “rientra nelle facoltà delle Regioni l’eventuale utilizzo della sovrapposizione di una decade nella definizione delle date di apertura e chiusura della caccia rispetto a quanto stabilito dal documento “Key Concepts of article 7(4) of Directive 79/409/EEC on Period of Reproduction and prenuptial Migration of huntable bird Species in the EU”, considerato anche che questa possibilità è prevista dalla “Guida alla disciplina della caccia nell’ambito della direttiva 2009/147/CE sulla conservazione degli uccelli selvatici”.

• Il documento Ornis KC e la Guida Interpretativa della direttiva 2009/147/CE sono i riferimenti tecnici per la corretta applicazione della direttiva negli Stati Membri pur non rientrando nell’ordinamento giuridico nazionale e comunitario.

• Le indicazioni dell’ISPRA sullo stato di conservazione delle specie di uccelli migratori, contenute nella Guida ai Calendari venatori……, (categorie SPEC) sono direttamente le conclusioni solo dell’ente BirdLifeInternational e non rappresentano la posizione ufficiale della Commissione Ambiente UE, che infatti analizza tutti i dati scientifici disponibili prima di definire lo stato di conservazione delle diverse specie e sottoporle successivamente ai Piani di Gestione Internazionali. La situazione demografica delle diverse specie di uccelli migratori va quindi stabilita sulla base di tutte le fonti di letteratura internazionale, nazionale e regionale più aggiornate e non solo sui dati di BirdLifeInternational.

• La Sentenza 24 febbraio 2011 N. 02443/2011 Reg.Prov..Coll. N. 08208/2010 REG.RIC. della Sezione Prima Ter del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio riguardante il decreto del Presidente della G.R. del Lazio in data 09.8.2010 nr. T0379 avente ad oggetto “Adozione del Calendario Venatorio Regionale e Regolamento per la stagione Venatoria 2010-2011 nel Lazio” e di ogni atto presupposto e/o connesso dispone tra l’altro: “Che, come già specificato dalla Sezione nella propria Ordinanza dell’11.11.2010, l’art.7 c.1 della legge n.157 del 1992 qualifica l’Ispra come “organo scientifico e tecnico di ricerca e consulenza per lo Stato, le Regioni e le Province”, la cui funzione istituzionale non può, pertanto, essere quella di sostituirsi alle Amministrazioni nel compimento delle proprie scelte in materia di caccia, ma quello di supportarla sotto il profilo squisitamente tecnico.

Sotto tale profilo va, incidentalmente, rilevato come l’Istituto abbia carattere nazionale, cosicché può verificarsi la necessità di valutare le specifiche realtà regionali. Ne deriva che, applicando i principi generali in materia di rapporto tra provvedimento finale ed attività consultiva a carattere di obbligatorietà e non di vincolatività (carattere, quest’ultimo da riconoscersi ai pareri Ispra nel solo caso sopra ricordato), il parere reso da tale Organo sul Calendario venatorio può essere disatteso dall’Amministrazione regionale, la quale ha, però, l’onere di farsi carico delle osservazioni procedimentali e di merito e, pertanto, di esprimere le valutazioni, che l’hanno portata a disattendere il parere”.

• La sentenza 10/10/2011 N. 01508/2011 Reg. Prov. Coll. N. 01664/2011 REG. RIC. della Sezione Prima del Tribunale Amministrativo regionale per il Veneto riguardante la delibera della Regione Veneto DGR n. 1041 del 12.07.2011 ha introdotto un importante precedente giuridico che deve essere opportunamente richiamato e considerato

Propongomno al Consiglio regionale

L’approvazione delle seguenti disposizioni in materia di calendario venatorio regionale per la stagione venatoria 2012/2013.

http://www.levantenews.it

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: .In Evidenza, Liguria

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. renzo scrive:

    Io ho fiducia, nonostante tutto . Sono sicuro che Bruzzone e Briano faranno un buon lavoro come sempre .     A genova si dice ….. : se cade una bagascia in mare ……

  2. renzo scrive:

    URCA : Genova va scritto con la MAIUSCOLA ! capra ! 

  3. alessandro cannas scrive:

    Complimenti a Bruzzone e al seguito alla Briano, per aver colto la palla al balzo! (n) (n)

Leave a Reply


9 + = 17

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.