Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Referendum: la Lac risponde a Veneziano Arcicaccia

| 21 aprile 2012 | 18 Comments

“Il presidente di Arci-caccia Osvaldo Veneziano rimprovera i politici regionali piemontesi (Cota, Sacchetto in testa, puntualizziamo) di non sapere fare il proprio mestiere e di volere sperperare soldi pubblici per lo svolgimento di un referendum che si potrebbe facilmente evitare attraverso l’approvazione di un provvedimento legislativo.

Concordiamo assolutamente con le valutazioni di Veneziano perché di proposte di legge idonee per superare il referendum ne sono state depositate ben due in 3^ Commissione, quella presentata da IdV e dal Movimento 5 Stelle e quella dei Verdi – Verdi di Lupi.

La responsabilità dello sperpero di 20 milioni è da addebitare integralmente a Cota, Sacchetto e alla maggioranza che governa la Regione.

Quello che Osvaldo Veneziano non sa è che per superare il referendum una nuova legge dovrebbe recepire integralmente le richieste referendarie e che non sono proponibili proposte di legge che possano “interpretare e risolvere nel rispetto della migliore cultura venatoria piemontese i quesiti referendari” perché i quesiti tendono a limitare l’attività venatoria. Una legge che recepisse solo parzialmente le richieste referendarie o addirittura fingesse di recepirle farebbe trasferire il quesito sulla nuova normativa. Se i cacciatori dell’Arci toglieranno il loro sostegno a questi politici che vogliono fare spendere soldi pubblici per il referendum siamo contenti: anche noi lo stiamo facendo. Se poi volessero anche sciogliere l’Arci-caccia visto che l’Arci regionale piemontese invita ad andare a votare e votare sì, saremmo ancora più contenti.”

Roberto Piana

Presidente della Sezione Piemonte della LAC

Componente del Comitato del Referendum caccia piemontese www.referendumcaccia.it

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Category: Arcicaccia, Piemonte

Comments (18)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giacomo scrive:

    Se poi volessero anche sciogliere l’Arci-caccia visto che l’Arci regionale piemontese invita ad andare a votare e votare sì, saremmo ancora più contenti.”
    ———————————————————————————————–
    8-O  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:  :lol:   :lol: :lol:  :lol:  :lol:  :mrgreen: :-P  :-P  :-P  

  2. francesco cattani scrive:

    Carissimo Presidente Veneziano,ha sentito la musica? E’ inutile che lei faccia proclami,magari perchè crede nell’appoggio anche di qualche cacciatore,quest5i suoi compagni di merende le hanno cantato la verità senza stonare come, invece, spesso succede a lei.Allora segua il consiglio intelligente della LAC,sciolga Arcicaccia, e la smetta di prendere in giro i cacciatori che fino ad oggi l’hanno seguita solo per fedeltà al partito comunista e gli faccia riacqustare la dignità di essere cacciatori liberi di scegliersi chi meglio può rappresentarli.

  3. fabrizio scrive:

    raccogliere le firme per un referendum, costringere la regione a indirlo e poi dare la colpa del ridicolo referendum agli altri,  presuppone una notevole indifferenza per l’ onesta’ intellettuale e anche per il comune buon senso.
    I contorcimenti dialettici della LAC rendono l’ idea del vicolo cieco in cui minoranza animalista si e’ cacciata e del disperato tentativo di uscirne.
                                                                                     Fabrizio

    • francesco cattani scrive:

      Fabrizio,penso che ti riferissi ai comuni cittadini,cacciatori e non ,quando parli di onestà intelletuale e buon senso,perche questi che ora si sputtanano a vicenda,magari per tenere buoni quei quattro voti di chi è ancora iscritto con loro,stanno solo dimostrando pochezza mentale.

  4. mirco vatteroni scrive:

    veneziano avrebbe fatto bene a cricare anche la Bresso ed atri che , con il suo assenso e di altre asociazioni venatorie, hanno portato i cacciatori piemontesi alla vergogna nazionale (:i) ; oggi tutti hanno paura del referendum ed allo stato attuale , lega permettendo, chi sta meglio sono proprio i cacciatori.

  5. Giusti Giacomo scrive:

    :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
    Queste cose hanno dell’incredibile!!!!
    Da una parte la lac che non sa come uscire dal ginepraio dove si sono infilate tutte le ass.animalare,dallaltra il buon veneziano smentito,deriso e preo a pesci in faccia dai suoi amici che come noi gli consigliano di sciogliere l’arci caccia,e darsi una buona volta …………all’ippica.
    Che figuruccia!!!!

  6. Ezio scrive:

    In questa lettera della LAC c’è il classico “tutto” ed il classico “contrario di tutto” tipicamente italico di questo momento storico.
    Condito anche da svariate “inesattezze” di cui la più macroscopica è quella in cui si dice che Arcicaccia regionale invita a votare “SI”.
    Ci sarebbe da rispondere solo e semplicemente e malinconicamente:”BOH!”
    Ma la sostanza VERA del tutto è che gli animalisti/anticaccia non sanno più come fare a dare la responsabilità ad altri per il mucchio di soldi che si stanno per buttare dalla finestra, quando in REALTA’ è soprattutto LORO.
    Sono LORO infatti che hanno combattuto per quasi 30anni per arrivare a questo INUTILE e DANNOSO, persino per la natura, referendum. Ed ora che ci sono finalmente riusciti si stupiscono dei soldi che si andranno a spendere??
    In quanto ad Osvaldo, che ha fatto un comunicato contro l’attuale politica, che appare inadeguata e peraltro non mi pare e non credo solo in Piemonte, ma questa sarà una visione solo mia, è stato tirato per la “giacchetta” in questa presa di posizione assolutamente di parte ed assolutamente poco credibile.
    L’ultima ed ennesima dimostrazione, che le AV devono stare lontane dalla politica. Hanno solo da rimetterci. In un modo o nell’altro.
     
     

    • Maurizio scrive:

      Ma la sostanza VERA del tutto è che gli animalisti/anticaccia non sanno più come fare a dare la responsabilità ad altri per il mucchio di soldi che si stanno per buttare dalla finestra, quando in REALTA’ è soprattutto LORO.
      Sono LORO infatti che hanno combattuto per quasi 30anni per arrivare a questo INUTILE e DANNOSO, persino per la natura, referendum. Ed ora che ci sono finalmente riusciti si stupiscono dei soldi che si andranno a spendere??

      Ovvio che è una forzatura, ben pensata, visto il momento storico, critico dell’Italia, per tentare di far passare integralmente le loro proposte restrittive tramite un documento legislativo.

      Maurizio

  7. giannirm scrive:

    Nell’ultima frase di questo articolo Lac sono d’accordo con loro, il 90% dei cacciatori è d’accordo per lo scioglimento dell’Arcicaccia, che a differenza della Lac non fà il proprio dovere per cui viene pagata la tessera. (up)

  8. Ezio scrive:

    Hai ragione Giannirm. Ed insieme ad Arcicaccia, e magari pure un pochetto prima, si sciogliessero pure TUTTE quelle organizzazioni ed associazioni, anche e NON solo a competenza  venatoria, ovvio, …moooolto ma moooolto più potenti e ricche di Arcicaccia, che ne fanno tribulare di persone da DECENNI …anche tra quelle che vanno a caccia. :roll:
    Comunque  LAC!! Perchè non inizi a dare il buon esempio?? :twisted:

  9. Peter scrive:

    Al mio paese c’è un proverbio che così recita: “fra lui e lei scegliere non saprei”. :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :twisted: :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: Ci sarebbe da sbellicarsi dalle risate se non fosse per questa commedia tragicomica del referendum. Potessi farlo, queste genti li impacchetteri e li spedierei per direttissima a sciacquarsi le budella nelle fognature cittadine; purtroppo non si può e si deve convivere con questi ipocriti. oww oww oww oww oww oww oww oww Strappatevi i capelli l’un l’altro solo questo vi rimane da fare.

  10. mirco vatteroni scrive:

    che domani si prenda una decisione sulla fattibilità del referendum , mi sembra  una cosa strana, in quanto, pronunciarsi in questo momento, visto le imminenti consultazioni amministrative del 6 e 7 maggio p.v.,comportrebbe una emorragia di voti ( oltre a quelli già preventivati) a cui il Governo regionale di centro destra andrebbe incontro.
    Ciò che più mi rammarica è il motivo per cui in tutti questi anni si è arrivati a tanto, visto che le motivazioni per affrontare  questo argomento, iniziato nel 1987, a cui a fatto seguito una nuova legge nazionale, condivisa dal mondo venatorio ed ambientale, certamente non mancavano; in più i governi regionali che si sono succeduti, hanno pensato bene di  “inventarsi” ulteriori restrizioni , a cui hanno fatto seguito quelle di  molte A.T.C. . a NULLA E’ VALSO! Veneziano si scrolli di dosso gli amici ambientalisti o vedrà presto la sua fine, per altro già visibilmente compromessa dalle sue dichiarazioni anticaccia.
    I cacciatori hanno bisogno più che mai di personaggi vicini al mondo venatorio che a quello politico. 

  11. Argo scrive:

    Non cìé rimedio. Parli con i cacciatori e ti ridono in faccia, parli con la LAC e ti prendono a pesci in faccia ( pesce avariato per giunta ). Fregatene, è la disperazione. :mrgreen: :mrgreen:

    Argo

  12. Giovanni Aiello scrive:

    Gente strana siamo i cacciatori. Da certi discorsi che leggo, si da più credito ai nostri nemici che a un comunicato di Veneziano contro un referendum assurdo. Con tutti i difetti che può avere, con tutti gli errori che fa ed ha fatto, che diamine non ha emesso un comunicato a favore del referendum. :evil:

    • Giannirm scrive:

      La mia… era solo di aver trovato alquanto singolare e divertente che si chieda entrambi, anticaccia e cacciatori lo scioglimento dell’arcicaccia. :mrgreen: :lol: :lol: :mrgreen:

  13. alessandro cannas scrive:

    Il comunicato alla fine e’ in linea con la posizione di Veneziano che in piu’ riprese ha invitato la Regione Piemonte AD “INTERPRETARE” i quesiti referendari,il cui indirizzo darebbe la vittoria agli animalari.Insomma: Si son dato una mano a vicenda….. -o- :oops: -o- :oops: Imbarazzante!

  14. alessandro cannas scrive:

    Il comunicato alla fine e’ in linea con la posizione di Veneziano che in piu’ riprese ha invitato la Regione Piemonte AD “INTERPRETARE” i quesiti referendari,il cui indirizzo darebbe la vittoria agli animalari.Insomma: Si son dati una mano a vicenda….. -o- :oops: -o- :oops: Imbarazzante!

  15. beppe 82 scrive:

    IN ITALIA ANZI IN PIEMONTE SIAMO INDIETRO DI ANNI MA ANNI LUCE INVECE IN EUROPA SI EVOLVONO SEMPRE DI PIU’ …AD ESEMPIO FRANCIA I CACCIATORI SONO UNA VERA FORZA ANCHE POLITICAMENTE E’ SONO RAGGRUPPATI TUTTI ASSIEME E’ TUTELATI E’ rispettati!nel vero senso della parola…certo arci caccia potrebbe sparire ma che facciano da esempio anche quelle che ragruppano o raffigurano la gran maggioranza dei cacciatori! :twisted: :twisted:

Leave a Reply


1 + = 8

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.