Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

AIW: La verita’ sugli orsi di Acquafondata (Frosinone)

| 17 aprile 2012 | 1 Comment

C’è voluto un po’ di tempo, qualche indagine giornalistica e qualche indagine personale, ma alla fine qualcosa si è chiarito: non era del tutto una bufala la notizia data dal quotidiano “Ciociaria Oggi” lo scorso 11 aprile, né possono ritenersi del tutto infondate le critiche avanzate dal sottoscritto a commento di questa notizia. Ovverosia, la segnalazione di due femmine e di un maschio di orso marsicano in Comune di Acquafondata (Frosinone), in pratica poco lontano dalla città di Cassino e dal confine campano.

La verità sembra essere la seguente: in quei giorni, per un caso fortuito, qualcuno (pare guardiacaccia della locale Azienda Faunistico-Venatoria), avrebbe ritrovato un collare da radiotelemetria, cioè quelli che da molti anni (troppi!) nel Parco Nazionale d’Abruzzo i ricercatori hanno messo a diversi esemplari di orso per seguirne i movimenti tramite triangolazioni satellitari. Un’altra voce dice che non vi sarebbe certezza sulla reale appartenenza ad un orso di questo radiocollare (nel senso che potrebbe essere anche di qualche lupo, seppure non si sia a conoscenza di ricerche su lupi muniti di radiocollari in Appennino); ma a rigor di logica che si tratti di un radiocollare portato da un orso dovrebbe essere la cosa più ovvia, visto le ricerche in corso da anni con questo metodo; ma ciò non è fondamentale. A seguito di questo fatto, l’unico che sembrerebbe certamente reale (il ritrovamento del collare), si sarebbe (o meglio si è) scatenata una caccia all’ipotetico animale che quel collare portava, presupponendo che si trattasse di un animale ucciso da malintenzionati (bracconieri o pastori). La ricerca di questi eventuali ed ipotizzati resti pare abbia coinvolto alcune autorità (allertate da chi?), quali la protezione civile e/o l’esercito. Certo è che almeno un elicottero dell’esercito vi avrebbe partecipato.

La notizia della presenza di due femmine e di un maschio di orso marsicano avrebbe invece,supporto di verità sulla base di voci sul fatto che in quella zone a sud del Parco Nazionale i ricercatori (ma anche gli abitanti locali) fossero a conoscenza della presenza e/o di spostamenti di orsi in quella zona , secondo alcuni, appunto, di due femmine ed un maschio.

Tutto qua. Quindi, semplice e fondamentalmente veritiero il dettagliato e vistoso (quasi mezza pagina del quotidiano) articolo giornalistico. Un crisma di credibilità non indifferente (a meno che non si voglia pensare ad un attacco di follia da parte del redattore!). Venuto a conoscenza del suddetto articolo, il sottoscritto ritenne di intervenire con il commento di cui al comunicato stampa del 13 aprile. Comunicato stampa che qualcuno in alto loco ha ritenuto di sconfessare con la tecnica di ignorarlo, ma il cui silenzio stampa in merito ha invece avvalorato e che ora i fatti venuti alla luce confermano.

Ragion per cui, tutti i commenti del sottoscritto contenuti in quel comunicato devono ritenersi attuali.

Intanto, forse perché di maggiore impatto mediatico – sebbene di nessuna pratica utilità ai fini della protezione dell’orso e della tutela del suo habitat -, c’è chi pensa di salvare l’orso con… i fumetti! Tutto purché non si parli di seminare campi di mais, di favorire la pastorizia ovina e di controllare il turismo.

Franco Zunino
Segretario Generale dell’AIW
(già studioso dell’Orso marsicano)

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: Lazio, wilderness

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. fiore scrive:

    Ricercatori del Dipartimento di Ortofrutticoltura dell’Universita’ di Firenze (Italy) e di Bonn (Germany) sono stati gli “iniziatori” della nuova scienza. 
    vedi “Plant, Signaling & Behiavior” (Piante, Comunicazione  & Comportamento) studio pubblicato dai ricercatori italiani su di una loro rivista.
    Da queste ricerche e studi recenti ormai si e’ dimostrando che anche le Piante, oltre agli Animali, hanno un cervello e quindi possibilita’ cognitive, emozioni, pensieri ed elaborazione degli stessi, e sanno o per lo meno tentano di risolvere i problemi che si presentano.  
    Alcuni ricercatori italiani sono stati fra i primi a fare queste scoperte: “Le Piante hanno una testa pensante con la quale comunicano, prendono decisioni (anche in caso di difficolta’), ricordano, cioe’ hanno memoria e perfino una sorta di autocoscienza“. 
    Le Piante mettono in atto una trasmissione sinaptica identica a quella dei tessuti neurali animali. 
    Esse comunicano con le altre piante attraverso l’atmosfera ed il terreno stesso nel quale sono radicate.
    Il loro cervello segreto e’ nell’apice radicale delle radici ! e precisamente nelle cellule della zona detta di “transizione” esse comunicano fra di loro e quindi con tutte le cellule della pianta, per mezzo di neurotrasmettitori, come glutammato, glicina, sinaptogmina, acetilcolina, gaba; nella regione di transizione ci sono cellule con capacita’ simili a quelle dei neuroni animali; hanno persino cura “parentale”, cioe’ dei loro figli !
    Ormai e’ tempo porre anche le Piante nel novero degli esseri intelligenti !
    Cio significa che Tutte le Piante quindi e gli Animali hanno anche intelletto, memoria, sensazioni di piacere, eccitazione sessuale, simpatie ed antipatie con altri animali della stessa specie e/o con altri di altre specie.
    Quindi le riflessioni che nascono da queste poche righe e’ che alle Piante ed agli Animali DEVE essere  dato rispetto, amore ed aiuto in quanto nostri compagni sull’astronave Terra !
    Quindi ricordatevi che ogni volta che vedete una pianta, parlate con loro, fategli sentire della buona musica dolce e melodiosa, abbiate nei loro confronti sentimenti di amore e NON di distruzione.
    Un motivo di riflessione in piu’, anche per i Vegetariani fondamentalisti….. che uccidono, oltre ai microbi, in certi casi anche le piante per cibarsene……!

Leave a Reply


7 + 5 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.