Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Grosseto: cinghiali, troppi incidenti. Le Generali abbandonano la Prov.

| 13 aprile 2012 | 2 Comments

Scontri con i cinghiali, le Generali non assicurano la Provincia

Troppi cinghiali, troppi incidenti e troppi risarcimenti, troppo alti. Dopo trent’anni le Generali “mollano” la Provincia di Grosseto sulle assicurazioni sulla responsabilità civile verso terzi usate in caso di incidenti stradali provocati da animali selvatici.

GROSSETO. Troppi cinghiali, troppi incidenti e troppi risarcimenti, troppo alti. Dopo trent’anni le Generali “mollano” la Provincia di Grosserto per le assicurazioni sulla responsabilità civile verso terzi in caso di incidenti stradali provocati da animali selvatici. E la Provincia è costretto ad andarsi a cercare un’assicurazione fin in Australia.

Succede nella “wild wild Maremma”, dove i 2mila chilometri delle strade provinciali sono attraversate più da cinghiali e daini che da cristiani e dove negli ultimi tre anni 301 di loro hanno mandato fuoristrada gli automobilisti di passaggio, causando danni più o meno gravi. Solo nel 2011 tre morti su strada sono state causate da cinghiali spuntati all’improvviso dalla macchia.

Un rischio che le assicurazioni non vogliono più prendersi e, soprattutto, non riescono più a contenere. Così, l’agenzia delle Generali, dopo l’ultimo contratto triennale, ha fatto un passo indietro. Il premio annuo di 256.713 euro, che poteva aessere aumentato di altri 90mila euro, non bastava a coprire le richieste di risarcimento. Dal 2009 al 2011 ben 625 automobilisti hanno avuto un incidente sulle strade provinciali. La metà, come detto, a causa degli animali, il resto per buche o altre cause.

È però quella metà a incidere di più sulla decisione delle Generali che hanno deciso di pssare la mano.

E così la Provincia si è messa alla ricerca di una nuova compagnia. Ma non è stato facile trovarla. Dopo due aste deserte il broker che lavora per la Provincia è stata individuata l’australiana Qbe Insurance, uno dei primi 25 gruppi assicurativi del mondo, presente in 52 Paesi e con tariffe molto competitive.

Gli austrialiani hanno assicurato l’ente per 397mila euro, con poco più di 140mila euro.Le clausole dell’assicurazione, però, sono un po’ cambiate. Con le Generali la franchigia era di 500 euro; con la Qbe di 5mila. Dunque fino a quella cifra, sarà la Provincia a metter mano al portafoglio.

http://iltirreno.gelocal.it/

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: Generale, Toscana

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. beppe scrive:

    La provincia di firenze insegna a tutta Italia come fare………..
    ha tabellato con i triangoli di ” pericolo attraversamento fauna selvatica” tutte le strade provinciali di firenze. quindi andando a 30 all’ ora in prossimità di fauna selvatica si riesce ad evitare l’incidente !

  2. dardo scrive:

    tutti quelli che hanno subito un danno da selvatici mandino una lettera di rimborso alla brambilla!!!!! vedrete che vi pagherà aaaaaahhhhhhaaaaaaahhhhhhaaaaahhhhhaaaahhhhh!!!!!!!

Leave a Reply


3 + = 9

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.