Cacce tradizionali: la riconquista culturale!!!

| 28 marzo 2012 | 11 Comments

54a ASSEMBLEA NAZIONALE ANUUMigratoristi
Bergamo, 24 marzo 2012

Intervento del Responsabile Cacce Tradizionali Andrea Trenti

Cacce tradizionali: la riconquista culturale!!!

Le cacce tradizionali hanno sempre rappresentato una serie di elementi culturali, sociali, venatori ed economici di sicuro rilievo, scrivendo pagine di storia nelle realtà rurali del territorio italiano: un forte legame umano all’interno della popolazione che puntualmente viene tramandato dalle varie generazioni.
Senza entrare in sterili diatribe sulla causa per cui questa tipologia di caccia è stata fortemente penalizzata nel corso degli anni, dobbiamo ancora una volta avere il coraggio di affrontare la questione in modo tecnico.
Il torto subito è oggettivo: l’esclusione dalle specie cacciabili di alcune specie migratrici (in ottimo stato di conservazione) che per secoli hanno rappresentato una consuetudine tipica e sostenibile delle nostre province, non ha avuto fondamenti tecnico-scientifici ma unicamente di natura emotiva.

La situazione attuale è molto complicata dal punto di vista politico: dopo la sentenza della Corte di Giustizia Europea del 15/07/2010, in cui lo Stato Italiano veniva obbligato a modificare l’articolo 19 bis della legge 157/92, nulla è stato fatto in questa direzione per soddisfare le richieste dell’Unione Europea. Questa immobilità ha portato la Commissione a inviare, il 24/11/2011, una richiesta di messa in mora all’Italia per i mancati adempimenti, portando alla luce le presunte criticità di alcune Regioni nell’applicazione del prelievo in deroga.

Per riflettere su questa situazione, l’esempio più eclatante riguarda la Regione Lombardia. Al punto 2.2.2.3 la Commissione Europea sottolinea alcune carenze dell’Ente regionale riguardanti la mancanza di motivazioni, la mancata evidenziazione di soluzioni alternative soddisfacenti, la mancanza delle ragioni astratte e l’invalidità degli ultimi dati INFS (ora ISPRA) relativi alla stagione venatoria 2005-2006.
Lascia molto perplessi il fatto che la Commissione evidenzi alcune criticità senza per contro fornire indicazioni specifiche per attuare i provvedimenti normativi nel modo corretto, come avviene per altri Stati membri.
È bene sottolineare uno spunto normativo basilare per tutte le Regioni italiane interessate al prelievo in deroga: la Regione Lombardia in tutte le comunicazioni e
ordinanze ricevute dalla giustizia europea non aveva l’obbligo di abolire la l.r. 24/2008 (cosiddetta “legge quadro sulle deroghe”), bensì di modificarne alcune parti e per questo motivo, nel corso degli ultimi anni, il Consiglio regionale lombardo ha provveduto ad abrogare solamente i commi 1, 3, 4 bis e 4 ter dell’art. 4 della l.r. 24/2008. In sostanza, la struttura della legge è attualmente vigente fornendo una concreta possibilità di utilizzare il medesimo atto legislativo come punto cardine sul quale predisporre un nuovo progetto di legge di valenza annuale.

Siamo soddisfatti che la Regione Lombardia abbia creato una Commissione di Consiglieri delegati alla risoluzione del problema che, in viaggio istituzionale, hanno raggiunto Bruxelles il 22 marzo per veder riconosciute le cacce tradizionali come patrimonio di usanze e consuetudini locali, un concetto già previsto dall’art. 2 e dall’art. 9, comma 1, lettera c), della Direttiva 2009/147/CEE, nonché soluzione proposta anche dalla nostra Associazione e dal mondo venatorio in generale.
A sostegno di questa “spedizione” abbiamo consegnato tutto il materiale tecnico raccolto in questi anni a supporto delle nostre rivendicazioni, dimostrando come altri 15 Stati membri applichino abitualmente le deroghe di cui al citato art. 9, spesso con analoghe motivazioni di fondo, senza che per questo la giustizia europea gli “tiri le orecchie”.
I principi ispiratori sui cui trovano la base le nostre motivazioni partono dalle ragioni culturali, sociali ed economiche in secoli di storia rurale, che non possono essere cancellati con noncuranza.

Se pensiamo che, ad esempio in Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Lettonia, Malta, Olanda e Spagna sono consentite deroghe in virtù delle tradizioni e usi locali, troviamo forza nel portare avanti quelle che consideriamo le nostre legittime richieste.

Un altro passaggio essenziale è la determinazione della piccola quantità: la Commissione Europea sostiene che gli ultimi dati forniti dall’ISPRA nel 2005 non siano totalmente attendibili in quanto l’Ente stesso li ha successivamente reputati inesatti.
Considerato che l’Istituto sta venendo meno agli obblighi che la legge gli affida e da tempo è inadempiente sul fornire i dati necessari per stabilire la piccola quantità, dobbiamo creare nelle Regioni italiane gli Osservatori Regionali che, per legge, possano sostituire il lavoro dell’ISPRA ove inefficace/inadempiente anche alla luce della sentenza della Corte Costituzionale n. 16/2012 riguardante la Regione Sardegna.
Il 18/10/2011 il Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri inviava la nota n. 7137 alle Regione italiane avente a oggetto alcuni chiarimenti forniti dalla Commissione Europea in materia di caccia. In particolare, si riportano alcune (per noi inaccettabili) affermazioni circa le motivazioni adottate per consentire la caccia in deroga relative al mantenimento di una tradizione culturale fortemente radicata sul territorio. Si aggiunge che il richiamo ad abitudini di caccia risalenti al Medioevo o alle antiche necessità di “integrare la povera alimentazione della gente del popolo con proteine animali” non appaiono pertinenti nell’attuale contesto, in particolare a causa della radicale diversità della situazione storica, sociale, ambientale e giuridica.

Sono affermazioni gravi, sia sotto l’aspetto culturale che umano. Ogni nostro atteggiamento nella vita quotidiana è frutto di esperienze tramandate e insegnamenti avuti nel passato, mentre si vorrebbe, con un colpo di spugna, cancellare questa lunga storia, un paradosso che il mondo istituzionale dovrà sistemare al più presto perché anche i cacciatori sono cittadini italiani che hanno tutto il diritto di vedersi rispettati come avviene nel resto dell’Europa.
Risulta difficile comprendere come la Commissione Europea possa lasciare spazio a considerazioni anomale sia sotto l’aspetto legislativo (altri Paesi Membri applicano il prelievo in deroga per le stesse ragioni), che di quello sociale ed economico, e invece non riconosca questo valore oggettivo derivato da usanze rurali ben radicate e presenti in molte zone del territorio italiano.

Tornando ad aspetti tecnico-giuridici: il punto 3.4.10 della Guida interpretativa alla Direttiva 409/79/CEE (ora 147/2009/CEE) recita: “In questo contesto il termine soddisfacente potrebbe essere interpretato nel senso di una soluzione che risolve il problema particolare dinnanzi al quale si trovano le autorità nazionali”.
Il punto 3.4.14 prosegue ribadendo che: “nel caso della caccia ricreativa, questa domanda è legata inestricabilmente al fatto che tale tipo di caccia possa essere considerata quale impiego misurato ai fini dell’art. 9, comma 1 lettera c”.

Risulta quindi determinante autorizzare il prelievo di talune specie, sempre in più che favorevole stato di conservazione, per salvaguardare le tradizioni e le usanze popolari che esprimono un bisogno fortemente legato ad alcune aree rurali del territorio italiano. Un mondo istituzionale attento ai bisogni e alle necessità dei cittadini che lo eleggono a rappresentante, non potrà sottrarsi a questa necessità di attenzione se vorrà realmente essere interprete di democrazia.

Andrea Trenti

 Scarica la relazione in formato PDF: RELAZIONE ANDREA TRENTI 54a Ass. naz

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: ANUU, Cultura

Comments (11)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. corrado scrive:

    ho sentito per bocca dei partecipanti….di grosse riluttanze esclusivamente ideologiche ..da parte della commissione, mi son state riferite posizioni prettamente anticaccia miranti a voler negare per la lombardia  cio che è ampiamente ammesso per altre zone europee(o stati..)..
    questo non ci deve avvilire ma caricare di entusiasmo e voglia di fare…la commissione non ha detto  nonm si puo’ ha detto non si  deve..

    la cosa è ben diversa…
    voglio ricordare a tuttti coloro che commenteranno poi che senza questo  (viaggio  della speranza ..) a bruxelles..in lombardia quest’anno non si sarebbe oparlato  sicuramente di  deroghe…vi ricordate la posizione di Formigoni lo scorso dicembre??
    ora vediamo cosa si riescie ad imbastire..magari  assieme ai colleghi veneti  anche loro presenti lassu’      

  2. cele scrive:

    purtroppo Corrado,mentre i nostri cercano di creare e imbastire e altri solo criticare,gli oppositori mandano funzionari in uffici strategici…questo è il problema.ciao

  3. peppol@ scrive:

    in europa sono democratici verso la caccia come dalle parti dell’istituto bolognese

  4. Maurizio scrive:

    Risulta difficile comprendere come la Commissione Europea possa lasciare spazio a considerazioni anomale sia sotto l’aspetto legislativo (altri Paesi Membri applicano il prelievo in deroga per le stesse ragioni), che di quello sociale ed economico, e invece non riconosca questo valore oggettivo derivato da usanze rurali ben radicate e presenti in molte zone del territorio italiano.

    Probabilmente gli altri stati hanno rappresentanti non anticaccia.
    Una nota a margine: si parla di “Europa” di “Comunità europea”, poi come in questo caso uno va a Bruxelles e si devev confrontare con i propri rappresentanti e non con un rappresentante EUROPEO che si occupi di una particolare mteria, mah………

  5. Giusti Giacomo scrive:

    A voi l’Europa unita,unita si fa per dire,ha dato qualcosa?
    E`soprale parti e/o fa il bene dei cittadini?
    No,non lo fa`,anche dll’EU,il cittadino italiano prende legnate,e allora quando ci saranno elezioni europee,il Giusti,andra`a pescare!

  6. Le cacce tradizionali hanno sempre rappresentato una serie di elementi culturali, sociali, venatori ed economici di sicuro rilievo, scrivendo pagine di storia nelle realtà rurali del territorio italiano: un forte legame umano all’interno della popolazione che puntualmente viene tramandato dalle varie generazioni”.

    “ La caccia se la conosci la rispetti” ed io, attraverso le immagini, ho cercato,ancora una volta di svelare, a coloro che non la conoscono, la vera essenza della caccia, la sua poesia, il suo fascino straordinario e prorompente che riesce a coinvolgere non solo l’attore, ma anche lo spettatore distratto o disinteressato che, sia pure per caso, si trova ad assistere allo spettacolo, can la sua fantasmagorica atmosfera,  le sue albe, i suoi versi, il suo paesaggio. Lo spettacolo della tradizionale caccia al capanno che verrà riproposto sabato e domenica prossimi da Le Nuove Stagioni sul canale 836 di SKY, sperando possa servire a qualcosa!
    Ciao, Marco e…. avanti tutta!
    diego
     
     

  7. Errata corrige: leggasi “con” la sua….e non can
    diego

  8. francesco cattani scrive:

    Carissimo Diego,ho avuto la fortuna e l’onore insieme all’amico Giulio Usai di poter essere attore e beneficiario del tuo grande lavoro di comunicazione a fovere della caccia e delle sue affascinanti tradizioni.Sono iniziative che dovremmo far nascere almeno a livello di ogni regione per rappresentare a tutti,cacciatori e non,la favola della caccia.Non debbo star qui a complimentarmi con te per la tua professionalità,signorilità e bontà,perchè l’ho toccata con mano e i tuoi filmati ne sono testimonianza concreta,dai quali traspare il tuo amore per la caccia rappresentandola in tutte le forme con lo stesso amore e la stessa passione che nutri per la tua preferita:la beccaccia.Mi auguro,visto quello che sta nascendo in queste ore tra persone del nord,del centro e del sud,che si possa organizzare a Bastia Umbra,in occasione del 3° CAPETAV,sotto il tuo patrocinio un incontro per presentare a tutti questa novità che potrebbe rappresentare l’uovo di Colombo per tutti i cacciatori di buona volontà.Un abbraccio,lFrancesco.

  9. Caro Francesco,
    sono quasi le due e l’ora di andare a letto è passata da un pezzo. Per ora ti posso dire soltanto grazie di cuore per le cose che hai scritto. Domani (oggi) cercherò di entrare  nel merito della interessante proposta di incontro che hai formulato  per CA.PE.TAV..
    A domani e …ancora grazie.
    Saluti cari.
    diego

  10. francesco cattani scrive:

    Buon giorno Diego,io credo nei buoni propositi e alle iniziative che partono dal basso,sono stanco dei soliti soloni della politica e dell’associazionismo venatorio,non volermene sono anziano anche io,e adesso ci mancavano i professori,intanto la brava ed umile gente si da fuoco per disperazione.Diamo fiducia a questi giovani che vogliono fare qualcosa per il bene della caccia,mettiamo da parte le divisioni ideologiche e i proclami di reale memoria,diamo uno scossone,ma tutti uniti,e vedremo cadere tutti dal possente albero che vuole tutte le cose restino al loro posto perchè sa che le novità non saprà gestirle.

    • Caro Francesco,
      per quanto mi riguarda sono disponibile, con Le Nuove Stagioni, per l’eventuale incontro da realizzare in occasione di CA.PE.TAV.-
      Concordo sul “taglio” che dovrebbe assumere l’iniziativa, che è poi quello indicato dall’amico Renzo Stella: UNITI NELLA PROPRIA DIVERSITA’.
      Fammi sapere.
      Saluti cari.
      diego

Leave a Reply


1 + 4 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.