Delegazione lombarda a Bruxell: moderata soddisfazione

| 23 marzo 2012 | 14 Comments

La Commissione regionale “Agricoltura, parchi e risorse idriche” ha argomentato in modo convincente le tesi a sostegno dell’attività venatoria in deroga in Lombardia a fronte di alcune posizioni di forte contrarietà espresse in diverse occasioni in sede europea e ha ottenuto l’impegno dei dirigenti competenti della rappresentanza italiana a Bruxelles ad adoperarsi per chiudere favorevolmente e positivamente la procedura d’infrazione avviata dalla Commissione europea.

E’ quanto emerso negli incontri che unadelegazione della Commissione regionale “Agricoltura, parchi e risorse idriche” ha tenuto oggi a Bruxelles, dopo che lo scorso mese didicembre il Consiglio regionale aveva approvato un ordine del giorno che prevedeva l’attivazione di contatti diretti con la Commissione europea per definire nel modo migliore i provvedimenti venatori per la prossima stagione. La missione istituzionale presso la Commissione europea aveva infatti l’obiettivo di concordare la cornice normativa entro cui inserire le disposizioni di legge inerenti l’esercizio in deroga dell’attività venatoria, senza il rischio di incorrere nuovamente in procedure d’infrazione da parte dell’Unione Europea.

La delegazione era composta dal Vice Presidente del Consiglio Carlo Saffioti (PdL), dal Presidente della Commissione Mauro Parolini (PdL), dall’Assessore regionale all’Agricoltura Giulio De Capitani, dal direttore generale dell’assessorato Paolo Baccolo e dai Consiglieri regionali Vanni Ligasacchi (PdL), Alessandro Marelli, Pierluigi Toscani e Jari Colla (Lega Nord), Mario Barboni (PD) e Valerio Bettoni (UdC).

“Abbiamo ottenuto dalla Commissione europea attenzione e disponibilità ad approfondire le ragioni della pratica venatoria lombarda -hanno detto Saffioti e Parolini- e dopo un confronto serrato confidiamo che già dalla prossima stagione venatoria vengano superati definitivamente tutti i problemi posti”.

La delegazione lombarda si è incontrata in mattinata con i rappresentanti dell’Ufficio Giuridico e Contenzioso Andrea Silvestri e Paola Pompermayer presso la sede di Italrap (Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione europea), mentre nel pomeriggio si è tenuta una riunione di lavoro presso la Direzione Generale Ambiente della Commissione europea “Direzione Infrazioni” con il direttore generale Pia Buccella.

Soddisfatti Mario Barboni e Valerio Bettoni, per un “incontro utile che ha posto le premesse per praticare la caccia in deroga in Lombardia in modo regolare e senza problemi. Il confronto è finalmente avviato e contiamo lo si possa felicemente portare a termine”. Meno fiducioso Vanni Ligasacchi, che, come Alessandro Marelli, “registra una certa chiusura in sede europea alla pratica di una delle tradizioni storiche più nobili della nostra regione, frutto di preconcetti difficili da superare”.

Nei suoi interventi il presidente Mauro Parolini e gli altri Consiglieri regionali hanno evidenziato dettagliatamente comei punti sollevati e lamentati dalla Commissione europea nella procedura di infrazione avviata nel novembre scorso non trovino riscontro pratico e concreto nella legge regionale sulla caccia in deroga, invitando i rappresentanti della Commissione europea a prendere nota e cognizione delle spiegazioni e delle argomentazioni fornite.
La Commissione lombarda ha già ufficialmente richiamato nei mesi scorsi l’Ispra a compiere fino in fondo il proprio dovere in materia venatoria, chiedendo alla Giunta regionale “di attuare ogni iniziativa utile a obbligare l’Ispra ad esprimere parere obbligatorio sulla consistenza delle specie cacciabili”. Questa raccomandazione si era resa necessaria poiché dal 2005 l’Ispra (ex INFS) dichiara di non essere in grado di fornire i dati richiesti secondo i criteri fissati dall’Unione Europea, e questa inadempienza di Ispra costituisce la principale motivazione delle procedure di infrazione avviate dall’Unione Europea nei confronti delle leggi venatorie lombarde. “In assenza dei pareri dell’Ispra -hanno suggerito Parolini e Ligasacchi- per legiferare potremo avvalerci dei pareri espressi dall’Osservatorio regionale degli habitat naturali e delle popolazioni faunistiche, che hanno pari valore e legittimità”.

“Stiamo lavorando in modo trasversale in Consiglio regionale -hanno concluso Carlo Saffioti e Mauro Parolini- perché i provvedimenti della Regione sulla caccia siano sempre più coerenti e rispettosi delle tradizioni della pratica venatoria lombarda. Intendiamo promuovere ogni azione utile sia a Roma che a Bruxelles perché nel rispetto della direttiva europea anche in Lombardia l’attività venatoria sia garantita e praticata come avviene in tanti altri Paesi europei“.

http://www.ladeadellacaccia.it

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: .In Evidenza, Deroghe, Lombardia

Comments (14)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. cele scrive:

    resto basito!! non vengono riconosciute le nostre secolari tradizioni!!!??? allora si facciano deroghe x reti e archetti visto che quelli sono mezzi tradizionalmente proibiti. oww

  2. corrado scrive:

    IL NOSTRO LIGA NON è  PER NULLA CONTENTO…

    A QUESTO PUNTO  GIUSTAMENTE FORSE CONVIENE AANDARE AL CONTENZIOSO…E BYPASSARE GLI UFFICI  (LIPU E WWF ) PURTROPPO DI BERUXELLES
      CELE…O SI VINCE O SI MUORE..

    MA QUESTI VORREBBERO VEDERCI  “SUICIDARE” 

  3. cele scrive:

    Corrado,se penso che ai bresciani e ai nostri avi camuni,non vengono riconosciute le tradizioni…significa che vogliono ignorare la storia… (:n)

  4. Giusti Giacomo scrive:

    Anche quello europeo e`un gran carrozzone mangia quattrini,e`inutile!!!!
    E noi non siamo capaci nemmeno di recepire nei modi corretti una legge europea.

  5. fiore scrive:

    invece di chiedere le nicchie Veneto e Lombardia…. perchè non avete chiesto a livello nazionale?? credete forse che le piccole eccezioni possano passare??

    o non era che tutte le cacce hanno pari dignità e rispetto!! ma i cacciatori no?

  6. cele scrive:

    Fiore!! come fa la Regione Lombardia a chiedere la caccia in deroga x la Toscana? ovvia….

     

  7. Bekea scrive:

    Fiore, pensati tu per i tuoi politici di riferimento noi Veneti e Lombardi i nostri rappresentanti li abbiamo.

    • fiore scrive:

      difatti invece di partire alla chetichella, prima sarebbe meglio raccattare qualche straccio di rappresentante nazionale!!

      più dilatata è la richiesta e il rammarico per il non lavoro dell’ispra e più si avrebbe credibilità!

      • Giusti Giacomo scrive:

        Fiore hai ragione piena,ho scritto qualcosa di simile da qualche altra parte.
        Per avere piu`forza bastavano due rappresentanti per ogni regione.
        Forse avremo raccolto la stessa cosa,perche`dell’Italia hanno poca considerazione,ma almeno ci presentavamo uniti.
        La prova della poca considerazione italiana in EU,e`che in altri Paesi hanno reti,vischio,e cacciano in deroga specie di uccelli che qui ti mettono in galera se solo sanno che lo pensi.

  8. Giacomo scrive:

    A me sembra che Fiorello abbia fatto riferimento a legge nazionale non della sua regione o mi sbaglio ? Bravo Fiore quoto 100×100. :wink:  salutiamo      

  9. SCOLOPAX scrive:

    QUA OGNUNO SI VUOL ZAPPARE IL PROPRIO ORTICELLO,
    ALLA FINE MAGARI QUALCHE VOTO IN PIU’ SI RACCOGLIE

  10. Radere igor scrive:

    Suvvia, almeno si son fatti un giretto a Bruxellexxxxxxxxxe a spesucce nostre. Con tutti i caxxi che hanno da fà da quelle parti, aspettavano solo che si andasse noi a fare i bischeri. Strano che l’uomo che “inventò Berlato” non sia riuscito a portare a casa risultati. Forse perchè li non doveva starci? Ma che lo sappiano anche loro? Mha, intanto si son parati er culo per la prox. stagione venatoria, avendo bell’eppronta una scusa plausibile, poi ci saranno le promesse pre elettorali e poi il bunga bunga generale, ma ricoradateve che del trenino, io fò l’ultima carrozza. :mrgreen:  

  11. Roberto scrive:

    Cosa andate a buttare soldi in 10 persone,cosa avete risolto? Scrivetelo!  Chiacchiere (f)  

  12. cele scrive:

    vedo commenti abbastanza vergognosi!!!! :oops:

Leave a Reply


7 + = 15

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.