Germania: da uno studio i lupi mangiano meno dell’1% del bestiame

| 21 marzo 2012 | 6 Comments

Secondo uno studio i lupi mangiano meno dell’1% del bestiame in Germania

Nonostante i lupi siano riapparsi in Germania, i fattori locali non dovrebbero preoccuparsi che queste creature attacchino e mangino il loro bestiame. Secondo una nuova ricerca infatti meno dell’1% degli animali delle fattorie fanno parte del menu dei lupi. Presentato sulla rivista Mammalian Biology, lo studio mostra come i lupi non rischiano il confronto con i cani da guardia o gli oggetti pericolosi per assicurarsi il cibo.

Zoologi del Centro di ricerca Senckenberg a Görlitz in Germania hanno studiato le abitudini alimentari dei lupi nei primi otto anni dal loro ritorno. Il team ha preso in considerazione quello che i lupi mangiano attualmente e come le loro abitudini siano cambiate negli anni. I risultati indicano che i lupi hanno un’alta capacità di adattarsi per soddisfare le loro esigenze alimentari.

I lupi erano scomparsi dalla Germania per molti anni. Stanno però lentamente ritornando.

“Le abitudini alimentari dei lupi sono state il punto più controverso da quando sono tornati in Germania e ha portato a un esame più approfondito delle abitudini alimentari dei lupi che sono migrati in Lusazia oltre 10 anni fa,” dice Hermann Ansorge, capo del Dipartimento di Zoologia del Museo di storia naturale Senckenberg a Görlitz. “Abbiamo esaminato cosa la dieta dei lupi e come questa sia cambiata dalla ricomparsa dei lupi nella Germania dell’Est.

Il team ha raccolto e testato oltre 3000 campioni di bisogni di lupo per trovare prove non digerite delle prede, come ossa, pelo, zoccoli e denti. I dati mostrano che gli ungulati selvatici rappresentavano oltre il 96% delle prede dei lupi e la maggior parte di essi erano caprioli (55,3%), seguiti da cervi (20,8%) e cinghiali (17,7%). Le lepri rappresentavano quasi il 3% delle prede.

Meno dell’1% delle prede studiate erano bestiame, dice Ansorge, che aggiunge: “Se le pecore e il resto del bestiame sono ben protetti e ci sono abbastanza animali selvatici, i lupi non rischiano il confronto con recinzioni elettriche e cani da guardia. Ci interessava scoprire come, perché e quanto velocemente fosse cambiata la dieta del lupo in Sassonia.”

I lupi sono arrivati in Germania dalla Polonia, dove mangiavano principalmente cervi. Nei primi anni dello studio, i ricercatori hanno riscontrato una proporzione significativamente più alta di consumo di cervi rispetto ai caprioli.

“Ci siamo chiesti perché i lupi avessero cambiato il loro comportamento o se fossero cambiate le condizioni iniziali,” dice il dott. Ansorge. Rispetto ai boschi polacchi, quelli della Lusazia sono più piccoli e sono attraversati da sentieri e campi. Questo significa che c’è più spazio per i caprioli e i cinghiali, mentre i cervi di solito si rifugiano nelle più spaziose aree boschive. Quindi i caprioli sono una preda semplice e frequente dalla prospettiva dei lupi, secondo i ricercatori.

Le condizioni ambientali hanno provocato i cambiamenti delle abitudini alimentari dei lupi, suggeriscono i ricercatori. I lupi si sono adattati velocemente, ci sono volute meno di due generazioni per abituarsi alle nuove condizioni del nuovo habitat. Attualmente, 9 branchi di lupi vivono in Lusazia con circa 34 giovani esemplari. “Le probabilità di un conflitto tra uomo e lupo sono molto basse,” dice il dott. Ansorge. “Non c’è niente, che ostacola il ritorno dei lupi.”

Per maggiori informazioni, visitare:

Istituto di ricerca Senckenberg:
http://www.senckenberg.de/root/index.php?page_id=71

Mammalian Biology:
http://www.sciencedirect.com/science/journal/16165047

Categoria: Varie
Fonte: Mammalian Biology; Istituto di ricerca Senckenberg
Documenti di Riferimento: Wagner, C., et al., “Wolf (Canis lupus) feeding habits during the first eight years of its occurrence in Germany”, Mammal. Biol., 2012. doi:10.1016/j.mambio.2011.12.004
Codici di Classificazione per Materia: Biotecnologia; Coordinamento, cooperazione; Protezione ambientale; Ricerca scientifica

RCN: 34421

Tratto da http://cordis.europa.eu

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: Curiosità

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. alessio bitossi scrive:

    caduto il muro…entrano i LUPI :wink:

  2. Bekea scrive:

    Se anche in Italia i lupi cambiassero abitudini alimentari si potrebbero abituare a pasteggiare a Monte Citorio lì la selvaggina non manca. (up) (up)

  3. dardo scrive:

    si ma lo mangiano agli allevatori……!!!!!!!!

  4. Agostino scrive:

    1%di animali domestici?Perchè probabilmente mangiano animali selvatici mica possono essere diventati vegetariani improvvisamente…Nonostante lì…si possa cacciare nei parchi.Meditate animalisti…meditate.

  5. luigi49 scrive:

    Strano…in Svizzera, precisamente in Val Bregaglia, il Governo Cantonale ha concesso di abbattere un lupo che non ne voleva sapere proprio di mangiare caprioli, cervi o lepri…questo preferiva di gran lunga l’abbacchio….vuoi vedere che era uno dei nostri? (:-p)

    • Agostino scrive:

      Se vede che i lupi de quer cantone c’hanno problemi co’ la carne rossa e quelli tedeschi co’ la carne bianca :lol:

Leave a Reply


+ 2 = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.