Tappi elettronici amplificati CENS

Sicilia: Piano Faunistico deve essere sottoposto a valutazione

| 20 marzo 2012 | 1 Comment

Sicilia: Il Piano faunistico venatorio deve essere sottoposto a valutazione d’incidenza

Il Piano faunistico venatorio deve essere sottoposto a valutazione d’incidenza, coerentemente alla normativa nazionale e alla direttiva habitat. Lo afferma il Tribunale amministrativo regionale (Tar) della Sicilia – con sentenza 14 marzo 2012, n. 552 – che dà ragione alle associazioni ambientaliste – fra cui Legambiente Comitato Regionale Siciliano Onlus – e torto alla regione Sicilia.

Il calendario venatorio 2010/2011 della Sicilia unitamente al piano faunistico venatorio 2006-2011, infatti, non risulta essere stato preceduto dal valutazione di incidenza. La regolamentazione dell’attività venatoria nel territorio della Regione non prevede il divieto di caccia temporaneo in tutti i Siti Natura 2000.

La rete ecologica di aree protette di rilievo comunitario e di preminente valore per la salvaguardia della biodiversità europea (Natura 2000) è istituita dalla direttiva habitat (recepita nell’ordinamento italiano con apposito decreto). Ed è composta da una serie di siti, definiti d’importanza comunitaria (Sic)- strategici per il conseguimento degli obiettivi della Direttiva – nonché di zone di protezione speciale (Zps) per la salvaguardia dell’avifauna individuati dagli Stati membri.

Gli Stati, oltre a individuare tale aree, nella programmazione e pianificazione territoriale devono tener di conto della valenza naturalistico-ambientale dei Sic e delle Zps. E questo per evitare che siano approvati strumenti di gestione territoriale in conflitto con le esigenze di conservazione degli habitat e delle specie di interesse comunitario.

In Italia la valutazione d’incidenza è prevista per tutti i piani territoriali, urbanistici e di settore, compresi i piani agricoli e faunistico-venatori e le loro varianti. Ai fini della valutazione di incidenza, i proponenti di piani e interventi non finalizzati unicamente alla conservazione di specie e habitat di un sito Natura 2000, presentano uno “studio” volto ad individuare e valutare i principali effetti che il piano o l’intervento può avere sul sito interessato.

Dunque, il calendario venatorio nella misura in cui recepisce le indicazioni di un Piano faunistico venatorio che illegittimamente non è stato oggetto della valutazione di incidenza, autorizzando la caccia nelle Zps ed in prossimità dei Sic, si presta a diventare un facile strumento di elusione e violazione della normativa comunitaria. Se, infatti, in presenza della doverosa valutazione di incidenza fatta a monte e in sede di pianificazione dell’attività venatoria, può dirsi rispettata l’esigenza di ponderare gli effetti di tale attività sulle zone di Rete Natura 2000, lo stesso non può dirsi quando tale valutazione manchi. E questo perché i singoli calendari venatori, che richiamano e concretizzano quell’attività (illegittimamente) pianificata, realizzano sulle zone protette il pericolo di danno che proprio la valutazione di incidenza è chiamata a scongiurare.

Ele.San.

http://www.greenreport.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: Sicilia

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. filippo scrive:

    Valutazione VIA E VAS ,non come proposto nella bozza di modifica del PFV, dove si prevede che nelle zone Natura 2000 ( ZPS) vadano preferibilmente i residenti .Tale concetto va in contrasto con la 157/92 che regola la caccia in ATC ,e quindi impugnabile ,si ricorda che  la licenza di caccia non verrebbe rinnovata dai cacciatori residenti nelle città. E principalmente dai palermitani in quanto non avrebbero territorio cacciabile . 

Leave a Reply


2 + 2 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.