Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Carni di selvaggina, una ghiotta opportunità di sviluppo

| 2 marzo 2012 | 5 Comments

Bologna: Carni di selvaggina, una ghiotta opportunità di sviluppo locale

Il seminario del 19 marzo 2012 a Grizzana Morandi offre a tutti i soggetti della filiera (ristoratori, esercenti, macellai, tecnici e veterinari, ecc.) gli strumenti conoscitivi di base per valutare l’opportunità economica rappresentata dalle carni dei capi di selvaggina abbattuti nel territorio bolognese. È consigliabile iscriversi al più presto per non perdere questa importante occasione formativa.

(Foto Mazzamurro)

Bologna la dotta, la rossa, la grassa e così via. Bologna e la sua provincia offrono numerose attrattive e diverse chiavi di lettura: arte e cultura, natura e paesaggio, gastronomia.

C’è però una fetta di pubblico, forse non estremamente numeroso ma certamente molto appassionato, che dell’Appennino bolognese conosce un tesoro nascosto ai più: la sua fauna selvatica. Sono cacciatori ben preparati che fra queste colline vengono in cerca di caprioli, cinghiali, cervi, daini, un patrimonio faunistico davvero invidiabile sia per qualità che per dimensione.

Il microclima locale, un paesaggio agrario a mosaico in cui si alternano boschi, boschetti, arbusteti a campi coltivati e pascoli, la quantità e l’assortimento di cibo disponibile nei diversi habitat favoriscono infatti la presenza delle specie ungulate: si parla di almeno 18.500 caprioli, 1.100 daini e 1.000 cervi più 7.000 cinghiali. Un invitante richiamo per i cacciatori e al tempo stesso una ghiotta opportunità per ristoratori e macellai che possono disporre di una materia prima di valore e fortemente legata al territorio.

Le carni degli ungulati, infatti, rappresentano un prodotto eccellente sotto il profilo alimentare e dietetico. Magre, povere di colesterolo, ricche di proteine e soprattutto dotate di caratteristiche organolettiche uniche – gli animali infatti si nutrono di alimenti contenenti essenze presenti solo nella vegetazione spontanea – queste carni sono tenere e digeribili, purché sottoposte a cotture non prolungate e poco speziate (contrariamente a quanto si crede!).

Un altro aspetto da sottolineare riguarda la sicurezza al consumo, garantita da una normativa stringente in materia igienico-sanitaria, che regola la destinazione degli animali selvatici abbattuti e assicura la completa tracciabilità del prodotto.

La creazione di una filiera di carni di selvaggina nel territorio bolognese può apportare perciò un contributo significativo allo sviluppo economico locale oltre a rappresentare un obiettivo dell’attuale Piano faunistico venatorio provinciale.

Un passo importante in tal senso è costituito dal seminario – proposto da Dinamica con il contributo della Misura 331 del Programma regionale di sviluppo rurale e il finanziamento di ATC BO3 – che si svolgerà nell’intera giornata di 19 marzo 2012 a Grizzana Morandi (presso l’agriturismo “I Fondacci”) e a cui seguiranno altre iniziative di approfondimento. Un’occasione formativa da non perdere, rivolta a tutti i soggetti della filiera (ristoratori, esercenti, macellai, tecnici e veterinari, ecc.) nella quale verranno illustrati gli strumenti di gestione della fauna, i metodi di abbattimento e la loro influenza sulla qualità e sull’igiene delle carni, le disposizioni normative sulla commercializzazione della selvaggina e altri contenuti di grande interesse.

Programma del seminario (240 KB)
Modulo di iscrizione (517 KB)

 

Tratto da http://www.provincia.bologna.it

 

 ***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: .In Evidenza, Cultura, Emilia Romagna

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giacomo scrive:

    La carne di selvaggina è AFRODISIACAAAAA !!! Gli antichi romani ad ogni matrimonio mettevano immancabilmente a tavola selvaggina da penna in special modo starne e coturnici che cacciavano con reti. E’ verrissimo credetemi, io quando andavo a coturnici dopo averle gustato a tavola, mia moglie si andava a rinchiudere a chiave ed usciva la mattina dopo. Ma nulla da fare       :-D     mica si poteva chiudere per una intera settimana.      :-P      :-P      :-P      Salutiaaaaaamo 

  2. renzo scrive:

    Cancella questo post ! Se trovi quello che vuole scherzare potrebbe esagerare con le battute poco felici …..  :oops:

  3. Giacomo scrive:

    ……e cosa ho detto di male ? Se qualcuno vuoe scherzare che lo faccia pure basta che lo faccia con moderazione.        (f)        Salutiaaamo

  4. renzo scrive:

    … non hai detto nulla di male ,ci mancherebbe , ma sai com’è non vorrei che poi qualche esterno ne approfittasse per dire cose poco educate . Comunque va benis (n) simo così . 

  5. Giacomo scrive:

    Grazie della concessione ! A buon rendere.     8-O

Leave a Reply


+ 5 = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.