Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Marcite del Ticino, una risorsa per la fauna

| 24 febbraio 2012 | 2 Comments

Le marcite del Ticino sono una risorsa per la fauna: lo rivela una ricerca

Magenta – Le marcite, coltura storica “introdotta” dai monaci cistercensi nel medioevo, è tutelata dal Parco Ticino fin dagli anni ottanta. Oltre trecento sono gli ettari di marcita che gli agricoltori conservano in collaborazione con il Parco, permettendo di mantenere scorci paesaggistici di grande pregio.Quando l’inverno è particolarmente ostile, le temperature scendono sotto zero e la neve ricopre tutta la campagna, gli animali e soprattutto gli uccelli sono messi a dura prova perché il cibo scarseggia e il loro corpo ha bisogno di energie supplementari per resistere al gelo. In questi casi le marcite, grazie allo scorrimento dell’acqua che impedisce al terreno di gelare e scioglie la neve, offrono grandi quantità di alimento per la fauna e sono una risorsa fondamentale per superare il rigido inverno. Durante le scorse settimane nevose e di freddo intenso, la Fondazione Lombardia per l’Ambiente, tramite i ricercatori Fabio Casale e Riccardo Falco, ha effettuato alcuni sopralluoghi sulle marcite nell’ambito del Progetto cofinanziato dalla Fondazione Cariplo “Gestione e conservazione di agro-ecosistemi e di ambienti forestali a favore dell’avifauna di interesse conservazionistico nel Parco del Ticino” in collaborazione con il Parco del Ticino.
“Da queste prime osservazioni – spiegano i ricercatori Fabio Casale e Riccardo Falco – emerge la significativa importanza che le marcite hanno per alcune specie, soprattutto in situazioni di terreno innevato e gelato. Particolarmente significativi sono i numeri relativi a Beccaccino, Pavoncella, Allodola e Pispola, oltre alle presenze di Frullino (specie in declino in Europa, non comune come svernante in Pianura Padana), Tottavilla (specie di interesse comunitario, in declino in Europa) e Fanello (specie in declino in Europa, nidificante soprattutto in habitat montani e svernante nelle aree agricole planiziali)”. Il progetto “Gestione e conservazione di agroecosistemi e di ambienti forestali a favore dell’avifauna di interesse conservazionistico nel Parco del Ticino”, promosso da Fondazione Lombardia per l’Ambiente e Parco del Ticino e cofinanziato da Fondazione Cariplo, si prefigge di eseguire interventi che migliorino lo stato di conservazione degli ambienti agricoli e forestali presenti nell’area protetta, a favore dell’avifauna di interesse conservazionistico. Gli interventi hanno due obiettivi prioritari, da un lato la riqualificazione di habitat tutelati a livello europeo (praterie, querceti di farnia o rovere, foreste alluvionali di ontano e frassino, foreste miste riparie di grandi fiumi), dall’altro la creazione o il ripristino, di habitat idonei per l’avifauna degli ambienti agricoli (prati da fieno, siepi, tessere agro-ambientali, fasce prative temporaneamente non falciate, marcite ben conservate, ecc). Il progetto prevede anche azioni di monitoraggio della fauna che si affiancheranno alle attività di inanellamento dei migratori, che il Parco svolge ormai da più di dieci anni, presso la stazione di Vizzola Ticino (Va), e azioni di coinvolgimento e sensibilizzazione delle aziende agricole che operano nel territorio dell’area protetta, che saranno interessate anche nella diretta realizzazione di interventi, in particolare quelli legati alla riqualificazione degli agroecosistemi. Il progetto è partito all’inizio del 2012 e si concluderà a fine 2015.

La necessità di realizzare questo progetto nasce dai dati emersi da studi pregressi svolti nel Parco del Ticino ed in ambito lombardo. In particolare negli ambienti forestali del Parco del Ticino risultano evidenti negli ultimi anni forme di degrado dipendenti ad esempio dalla diffusione di specie alloctone invasive, mentre negli ambienti agricoli è emersa la necessità di creare, ripristinare mantenere prati stabili e marcite, nonché di mettere a dimora nuove siepi e nuclei arbustivi.

Una recente indagine a scala regionale sullo stato di conservazione dell’Averla piccola, specie di grande interesse conservazionistico, strettamente legata agli ambienti agricoli e particolarmente rappresentativa di ambienti agricoli tradizionali, ha inoltre permesso di verificare come tale specie sia attualmente presente solo a basse densità nel Parco della Valle del Ticino e che opportuni interventi di miglioramento dell’habitat potrebbero incrementare la disponibilità di habitat idoneo per la specie, come già effettuato con successo in altri contesti.

L’opportunità di affrontare tali problematiche nel Parco del Ticino, con gli interventi previsti nel progetto, deriva inoltre da esperienze analoghe di successo realizzate in altre aree protette. Alcune delle azioni previste nel progetto sono infatti state infatti già testate positivamente in altri territori. Ad esempio in ambito montano con il Progetto LIFE Natura “Alpe Veglia e Alpe Devero”, per quanto concerne il pascolo controllato con finalità naturalistiche e in ambienti di fondovalle, e con il Progetto LIFE Natura “Fiume Toce” per quanto concerne la gestione dei prati da fieno con finalità di conservazione dell’avifauna. Tali tipologie di intervento rappresentano un’innovazione in termini di conservazione di habitat e specie per gli ambiti planiziali e l’interesse alla loro realizzazione deriva dalla possibilità di implementare e verificare in una delle aree protette più vaste della Pianura Padana sia la loro validità ecosistemica sia la loro ripetibilità su scala ampia (area protetta) e su scala locale (azienda agricola).

I risultati della ricerca

Dalle osservazioni ornitologiche effettuate dai ricercatori sono state rilevate ben 34 specie. Nell’elenco qui sotto sono riportati il numero di individui osservati e, tra parentesi, la suddivisione dei numeri tra marcite localizzate nel Milanese e nel Pavese.

Airone guardabuoi n. 2 (2 MI, 0 PV)

Garzetta n. 5 (5 MI, 0 PV)

Airone bianco maggiore n. 5 (5 MI, 0 PV)

Airone cenerino n. 27 (25 MI, 2 PV)

Ibis sacro n. 4 ( 4 MI, 0 PV)

Germano reale n. 32 (32 MI, 0 PV)

Gheppio n. 1 (1 MI, 0 PV)

Sparviere n. 2 (1 MI, 1 PV)

Poiana n. 5 (3 MI, 2 PV)

Fagiano n. 1 ( 0 MI, 1 PV)

Gallinella d’acqua n. 2 (1 MI, 1 PV)

Pavoncella n. 422 (43 MI, 379 PV)

Frullino n. 1 (0 MI, 1 PV)

Beccaccino n. 90 (9 MI, 81 PV)

Tottavilla n. 2 (0 MI, 2 PV)

Allodola circa n. 350 (circa 200 MI, circa 150 PV)

Pispola circa n. 750 (circa 150 MI, circa 600 PV)

Spioncello circa n. 160 (circa 10 MI, circa 150 PV)

Ballerina gialla n. 7 (1 MI, 6 PV)

Scricciolo n. 2 (2 MI, 0 PV)

Passera scopaiola n. 1 (1 MI, 0 PV)

Pettirosso n. 10 (6 MI, 4 PV)

Codirosso spazzacamino n. 1 (0 MI, 1 PV)

Merlo n. 6 (1 MI, 5 PV)

Cesena n. 4 ( 1 MI, 3 PV)

Tordo bottaccio n. 1 (0 MI, 1 PV)

Tordo sassello n. 1 (0 MI, 1 PV)

Cornacchia grigia n. 64 ( 7 MI, 57 PV)

Storno n. 186 (56 MI, 130 PV)

Fringuello n. 114 (1 MI, 113 PV)

Peppola n. 10 (0 MI, 10 PV)

Lucherino n. 5 (5 MI, 0 PV)

Fanello n. 45 (45 MI, 0 PV)

Migliarino di palude n. 29 (2 MI, 27 PV)

http://www.assesempione.info

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: Curiosità, Lombardia

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giacomo scrive:

    ……e azioni di coinvolgimento e sensibilizzazione delle aziende agricole che operano nel territorio dell’area protetta, che saranno interessate anche nella diretta realizzazione di interventi, in particolare quelli legati alla riqualificazione degli agroecosistemi. Il progetto è partito all’inizio del 2012 e si concluderà a fine 2015.
    ——————————————————————————————————
    Quanto abbiamo detto sulla programmazione del territorio ASP ai fini faunistici nel post di Sergio Gunnella -abolire gli ATC- da quello che ho letto sopra non sono seghe mentali, è soltanto la realtà dei fatti di quello che bisogna fare per salvare flora e fauna. Da come ho sempre detto e da quello che in questo progetto dicono gli esperti, per la caccia e per l’habitat bisogna coinvolgere le aziende agricole ci sta poco da fare ! In più ho sempre affermato la valorizzazione e la rinascita delle zone umide come per esempio i prati marcitoi menzionati in questo progetto la dove sono stati sostituiti dall’agricoltura intensiva. Intendiamoci : questo non si deve fare solo nei parchi ma deve essere un progetto regionale adibito ad un solo ambito.
    Sono felicissimo di aver letto di questa iniziativa, per me è stata una vittoria di questo sito che ci ha dato la possibilità di esprimerci per fare opea di convincimento a che tutto ciò potesse avvenire. Io ne sono orgoglioso non so gli altri.    :wink:     Salutiamo
    PS. Dall’elenco delle specie mancano i predatori da eliminare. C’è solo la cornacchia grigia. In tutto tra Milano e Pavia 64, 7 a Milano e 57 a Pavia. Secondo me bisognerebbe portare il numero da 57 a 7 come MIlano.          (up)         Risalutiaaamo 

  2. Giacomo scrive:

    Ma volevo aggiungere : ma a Pavia i selecontrollori cosa ci stanno a fare ? A pettinare le bambole ? Metteteli a selecontrollare i predatori !!!!!!           :mrgreen:       8-O       :-D

Leave a Reply


7 + = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.