Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Rimini: Urca stima il 40% di caprioli morti per la neve

| 16 febbraio 2012 | 7 Comments

Rimini: Strage sotto la neve, morto il 40% dei caprioli

Rimini, 16 febbario 2012 – L’UNICA certezza è che si tratta di una strage. Restano da definire solo le proporzioni. Perchè al momento si può solo ipotizzare quale abbiano pagato gli animali in queste due settimane di neve e gelo. Secondo l’associazione dei cacciatori Urca di Rimini quest’anno le perdite di caprioli dovrebbe essere compresa fra il 35 e il 40 per cento della popolazione. «Un numero davvero impressionante — spiega Pier Claudio Arrigoni, responsabile della tutela faunistica della Provincia — se paragonato a un inverno normale, durante il quale ne muore circa il 5%. Al momento non è possibile fare una stima precisa, ma sicuramente si tratta di perdite molto gravi».
E per questo motivo la giunta provinciale a partire da oggi ha chiuso in anticipo la caccia di selezione al capriolo. «La sollecitazione — svela Arrigoni — è arrivata dagli stessi cacciatori e dagli ambiti territoriali di caccia. Una proposta da sottolineare e che conferma il grande cambiamento culturale avvenuto nel mondo della caccia».
La chiusura della caccia di selezioni sarebbe andata avanti fino al 10 marzo. I caprioli dovrebbero essere gli animali selvatici più colpiti dall’eccezionale nevicata, anche se non saranno certo gli unici.
«Credo che anche i cinghiali abbiano subito perdite consistenti — prosegue Arrigoni — Soprattutto in caso di cucciolate anticipate: se la madre non ha preparato un ambiente sufficientemente caldo, tanti piccoli cinghiali potrebbero non essere riusciti a sopravvivere. Danni ingenti anche per i fagiani, meglio invece dovrebbe essere andata alle pernici.
Quanto ai lupi, anche per loro si è trattata di una situazione anomala: in questi giorni si sono potuti nutrire con le carcasse di animali morti, ma molti sono disorientati».
Come l’esemplare ritrovato l’altro giorno a Ponte Messa e prontamente soccorso: il lupo di circa un anno e mezzo e del peso di 24 chili è stato curato e quindi trasferito al parco regionale boschi di Carrega di Parma. A prendersi cura dell’esemplare è stato l’ufficio tutela faunistica, il corpo forestale e l’unità veterinaria dell’Ausl «E’ stato un lavoro di equipe — spiega ancora il responsabile provinciale Arrigoni — Dobbiamo ringraziare anche l’impegno messo in campo dalle guardie ecologiche volontarie e le gaurdie venatorie. C’è grande sensibilità da parte di tutti nei confronti degli animali». Oggi in alta Valmarecchia un elicottero della Forestale si alzerà per portare fieno agli animali selvatici in difficoltà a trovare cibo.

PESANTE il bilancio anche per gli animali delle aziende agricole della zona. Una stima più precisa verrà fatta oggi pomeriggio nel tavolo convocato dalla Provincia. «L’azienda più colpita è la Tosi di Pietracuta — spiega Augusto Braschi — dove nel crollo della stalla sono morte 35 vacche da latte e alttre sono rimaste ferite. In un altro crollo a Sant’Agata sono morti 6 o 7 bovini, mentre a San Leo c’è stata una strage nel capannone di polli che ospita solitamente 10-15mila esemplari. Ma credo che non sia finita qui: a farne le spese potrebbero essere anche maiali e pecore».

Filippo Graziosi

http://www.ilrestodelcarlino.it

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: Emilia Romagna, URCA

Comments (7)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Fedeli massimo scrive:

    Un bel macello :(

  2. franco delp scrive:

    ccccccc

  3. franco delp scrive:

    ciao  sono franco sono un cacciatore (come funzione il sito)grazie in bocca al lupo

  4. Baghyra scrive:

    Purtroppo è selezione naturale, vorrà dire che si salveranno solo gli animali più forti
     

  5. fiore scrive:

    la natura è natura!! vita e morte, tutto serve

  6. alessio bitossi scrive:

    franco delp, per essere accreditati devi offrire una cena o un pranzo a base di selvaggina, al capo Daniele, e a due o tre accoliti!
    (n)  

Leave a Reply


8 + 2 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.