Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Adesso tocca alla caccia “parlata”

| 14 febbraio 2012 | 7 Comments

Stagione in archivio, bilancio e impressioni
E ADESSO SI PASSA ALLA CACCIA «PARLATA»

Anche la stagione venatoria 2011-2012 è alle spalle, ricoperta dalla neve e dal gelido ghiaccio come gran parte del nostro paese in questi giorni. Ognuno di noi ha senz’altro vissuto tanti momenti indimenticabili, segnati da gioie, delusioni, attese, ricerche, immersi nella natura e per qualche tempo dimentichi delle frenesie e delle urgenze che la vita “civile” quotidianamente ci riversa addosso.
La caccia è infatti, anche, una via di fuga da tutto ciò, un modo per ritornare almeno temporaneamente allo stato primigenio dell’uomo. Oggi certamente abbiamo tutte le più moderne attrezzature e accessori per esercitare questa nostra attività, però il nocciolo della sfida tra uomo e animale è rimasto inalterato così come, presumiamo, siano rimaste inalterate nei millenni le emozioni che si provano prima, durante e dopo che tale sfida si è consumata.
Non per niente, parlare di caccia a chi non la conosca e non la pratichi spesso è difficile perché non poche delle “giustificazioni” che possiamo addurre derivano da aspetti emozionali, quindi irrazionali, che in quanto tali devono essere vissuti per essere compresi.
Benissimo, e reale, parlare di gestione, controllo delle specie, miglioramento degli habitat, creazione di reddito, contributo alle indagini scientifiche e quant’altro sia inquadrabile in un ragionamento logico e lineare, ma questo, pur essendo molto, non è tutto.
A partire da oggi, dunque, riprende il via la caccia parlata, che avrà senza dubbio e come sempre moltissima carne da mettere al fuoco in vista della prossima stagione: anche se riteniamo effimero qualunque risultato non supportato da un solido recupero di credibilità del nostro mondo rispetto alla società civile e alle istituzioni medesime.
Teniamoci allora cari nella memoria i ricordi che ci ha regalato la stagione appena finita, perché nulla garantisce che la prossima sarà migliore, anche se lavoreremo per evitare perlomeno che sia peggiore. Arrivederci amata caccia!

Massimo Marracci

http://www.bresciaoggi.it/

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: .In Evidenza, Generale

Comments (7)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Bekea scrive:

    Condivido in pieno…ma. Se guardiamo bene, dovrebbero essere i presidenti delle AAVV. a dare il buon esempio ed essere i più ferrati in materia, ma aimè da certi comunicati appena letti e commentati si capisce che non è così.Quindi sarà dura combattere sul piano della comunicazione i nostri detrattori.

  2. cele scrive:

    Più viene auspicata l’unione più nascono frammentazioni,mentre il nostro mondo lotta x mantenere o avere quello che ci spetta gli enti superiori ci bastonano…tanti auguri di un buon e durissimo lavoro Massimo.

  3. bighunter59 scrive:

    Non so voi ma dalle mie parti di “caccia sparata” ne abbiamo vista ben poca quest’anno. :cry:

  4. renzo scrive:

    Non per niente, parlare di caccia a chi non la conosca e non la pratichi spesso è difficile perché non poche delle “giustificazioni” che possiamo addurre derivano da aspetti emozionali, quindi irrazionali, che in quanto tali devono essere vissuti per essere compresi.

    ————————————————————————————————————
    Comprendo molto bene il senso di questa frase, e ne faccio bandiera tutti i santi giorni.
    Certo che parlare e discutere (anche) di caccia con le persone che ne sono avverse , risulta molto più dolce e semplice se queste ultime accendono il cervello in toto e non solo per deambulare, cibarsi e offendere e denigrare a prescindere .

    Per questo è difficile ! Bisogna che il nostro interlocutore sia armato di intelligenza; in qualche caso risulta deficitario in partenza :lol:

    • Marcello Lentini scrive:

      Ciao Renzo,ho avuto la “fortuna ” di incontrarne due(2), una su FB e l’altra su BH.Credimi e stata una cosa molto piacevole.
      Buona serata a tutti :wink:

      • renzo scrive:

        NE SONO CONVINTO !  Chiacchierare con chi non si chiude a riccio, magari per moda , fa sempre piacere . Poi ognuno resta delle proprie idee.. e ci mancherebbe .. però ! (n)

  5. renzo scrive:

    Ah.. bella la modifica sul modo della scrittura dei post . Bravo Daniele !  (n)

Leave a Reply


2 + 9 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.