Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

FIdC Veneto: Consiglio di Stato si pronuncia contro il ricorso

| 1 dicembre 2011 | 8 Comments

FIdC Veneto: il Consiglio di Stato si pronuncia contro il ricorso

Il Consiglio di Stato, accogliendo la richiesta dell’Assessore Stival di anticipare la propria decisione rispetto a quanto inizialmente fissato, si è pronunciato oggi in merito al ricorso presentato dalla Lega per l’Abolizione della Caccia respingendolo e riaprendo così le cacce in deroga in Veneto.

La decisione del Consiglio di Stato giunge dopo le due sospensive decise da parte del TAR Veneto e sancisce ancora una volta la sconfitta dell’oltranzismo animalista della Lac dimostrando la piena legittimità dello strumento del prelievo in deroga.

Una conclusione sulla quale non nutrivamo alcun dubbio e che dimostra altresì l’inutilità di posizioni solamente demagogiche tenute da chi invece di cercare proposte credibili e sostenerle nelle sedi opportune ha tratto spunto da queste vicende per continuare a illudere i cacciatori veneti cercando con scarsa coerenza di addossare ad altri responsabilità passate e prendersi meriti non suoi.

Federazione Italiana della Caccia Veneto – 30 novembre 2011

Allegato: Consiglio di Stato ordinanza 201105224 novembre 2011

***

Come riceviamo e cosi’ pubblichiamo

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***







Category: .In Evidenza, Federcaccia, Veneto

Comments (8)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Baghy scrive:

    Mentite sapendo di mentire e questa è la vostra coerenza di sempre, VERGOGNATEVI che siete ancora in tempo e finitela di esporre cartelli con su scritto “ABBIAMO VINTO” voi avete perso da sempre. Baghy

  2. CLAUDIO scrive:

    Vi congolate sugli allori, ma il merito non è vostro, non avete fatto niente per i cacciatori, ma i vostri soci prima o poi apriranno gli occhi, anche se molti l’hanno già aperti.

  3. alberto scrive:

    l’unico motivo per ringraziarti federcaccetta è quello di avermi fatto risparmiare i soldi delle cartucce visto che grazie alle vostre NON vittorie abbiamo tenuto i fucili nell’armadio per tutta l’annata venatoria…………………………FEDERCACCIA E FEDERCACCIATORI aprite gli occhi e mandate a quel paese i vostri dirigenti ma vi rendete conto di quanto vi pigliano per il naso……………SVEGLIA

  4. Fabrizio Masi scrive:

    Come mai non avete mosso un dito nel Lazio per ottenere la deroga almeno per lo storno? A Roma ce ne sono a milioni e stanno tutti a guardare questo animale invasivo e nocivo senza muovere un dito per non scontentare gli pseudo-animalisti che strombazzano con il megafono l’inutile grido di allarme che costa al cittadino fior di quattrini e le ass. animaliste si ingrassano. Voglio vedere se si riesce a reintrodurre questa specie nel calendario: mi appello a chi ha la possibilità di trattativa nelle sedi competenti.

  5. franc scrive:

    Neanche la copia dell’ordinaza sono riusciti a scannerizzare dritta, figuriamoci se riescono a ridigitare copiando i testi delle normative già scritte da altri.

  6. Bekea scrive:

    dimostra altresì l’inutilità di posizioni solamente demagogiche tenute da chi invece di cercare proposte credibili e sostenerle nelle sedi opportune ha tratto spunto da queste vicende per continuare a illudere i cacciatori veneti cercando con scarsa coerenza di addossare ad altri responsabilità passate e prendersi meriti non suoi.————————————————Sig. della federcaccia, la responsabilità è di chi comanda, ossia Stival e vostra, visto che siete voi i suoi consiglieri in materia venatoria, quindi adossare ad altri le responsabilità di ciò che è successo sulla questione deroghe è solo una falsità.:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  7. STW scrive:

    Oddio, mandateli a ZELIG!!!
    Non sanno neanche quello che scrivono sti tizi della fidc!!!
    Cose indicibili… :roll: :roll:
    Adesso la colpa delle continue sospensioni sarebbe di Berlato; ma da dove vengono fuori sti tizi fidc?!?
    PATETICI!!!!!!!!!!!!!! 8O 8O 8O

  8. franc scrive:

    Sono andato a curiosare sul sito della lac del veneto e non ho trovato alcuna traccia ne della sentenza del tar del veneto ne di questa del consiglio di stato. Chissa come mai non le hanno riportate?….. mentre sono presenti tutte le sospensive che abbiamo subito quest’anno.

Leave a Reply


5 + = 12

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.