Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Deroghe: Ue, Messa in mora Italia

| 24 novembre 2011 | 86 Comments

Caccia: Ue; Messa in mora Italia, rischia sanzioni
Bruxelles apre 2/a procedura infrazione anche su tutela uccelli
24 novembre, 14:44

stornoBRUXELLES – L’avvio della nuova procedura d’infrazione rappresenta un vero e proprio ‘ultimatum’ da parte del commissario europeo all’ambiente, Janez Potocnik, in quanto l’Italia avra’ solo un mese per rispondere alla lettera di ‘messa in mora’ sulla caccia in Liguria e in Veneto. Roma avra’ invece due mesi di tempo per rispondere alla lettera di messa in mora relativa al recepimento nell’ordinamento nazionale della direttiva sulla ”protezione degli uccelli a livello nazionale e in diverse altre Regioni, tra cui Lombardia, Puglia, Lazio e Toscana” dove permangono problemi di deroghe per la caccia.

La Commissione europea chiede quindi all’Italia ”di conformarsi a tre sentenze della Corte di giustizia dell’Ue che risalgono, una al 2008 e due al 2010, in cui i giudici europei dichiaravano ”che la legislazione italiana non rispettava pienamente gli standard Ue in materia” di caccia e di protezione degli uccelli.

Nella prima sentenza, del 15 maggio 2008, la Corte ha condannato l’Italia in quanto la regione Liguria autorizzava, con legge regionale, la caccia agli storni e ai fringuelli.

La Liguria, in un primo tempo si e’ adeguata alla sentenza della Corte Ue evitando anche l’applicazione di deroghe, ma ”nel settembre 2011 con la legge sulla stagione venatoria 2011-2012 – scrive Bruxelles – viola ancora una volta gli obblighi dell’Italia legati alla direttiva sugli uccelli selvatici”.

Analogamente, l’11 novembre 2010, l’Italia veniva nuovamente condannata dalla Corte Ue in quanto la legge regionale del Veneto, ”contrariamente alla direttiva Ue, autorizzava la caccia alla passera, alla passera mattugia, al marangone, al fringuello, alla peppola o fringuello montanaro, allo storno e alla tortora dal collare orientale”. In seguito la Regione ”ha recepito correttamente la direttiva, ma ha continuato a rilasciare deroghe per la caccia in violazione alla normativa”.

Quanto all’applicazione della direttiva uccelli a livello nazionale e in diverse altre Regioni, la Commissione ritiene ”che diverse violazioni non sono ancora state corrette”. In particolare – spiega Bruxelles – il dispositivo che consente al governo italiano di impedire che le Regioni rilascino deroghe per la caccia in violazione della direttiva Ue, non è ancora operativo”.

http://www.ansa.it

*****************

CACCIA:BARDELLI(COMITATO MIPAAF),RISCHIO SANZIONI MILIONARIE

(ANSA) – ROMA, 24 NOV – ”Con l’apertura dell’ennesima procedura di infrazione comunitaria per le continue violazioni, da parte degli ordinamenti regionali, della direttiva Uccelli, l’Europa potrebbe condannare l’Italia a sanzioni pecuniarie per diversi milioni di euro”.
A dirlo Gianluca Bardelli, membro del Comitato tecnico faunistico venatorio nazionale del ministero delle Politiche agricole, che auspica la rapida approvazione delle linee guida sulla caccia per le Regioni.

”Ancora una volta – dichiara Bardelli all’ANSA – sono finite nel mirino europeo le disposizioni normative del Veneto e della Liguria che autorizzano la cosiddetta caccia in deroga”, cui si aggiungono ”altre violazioni da parte della Lombardia”.
Bardelli sollecita l’intervento del Comitato per la definizione delle linee guida rivolte alle Regioni, ”necessarie per risolvere l’attuale situazione di caos ed elidere l’alea di una severa condanna per l’Italia che sarebbe difficilmente
sostenibile dall’erario”.
”In questi ultimi tempi si sono aperti e poi chiusi troppi tavoli di confronto sulle tematiche venatorie, mentre si cerca di eludere il parere del Comitato, che e’ organo tecnico ufficiale consultivo per tutto quello che concerne l’
applicazione della presente legge”, sottolinea Bardelli. ”In questo momento le logiche politico-elettorali – conclude – non devono in nessun modo influenzare il mondo venatorio”.

(ANSA).

****************

***

Come riceviamo e cosi’ pubblichiamo

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***







Category: .In Evidenza, Liguria, Lombardia, Puglia, Toscana, Veneto

Comments (86)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. gianni scrive:

    basta con i cellettari. rovinano tutti. basta vedere il video che gira su san zeno. non è caccia quella. altro che tradizioni

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Sarà caccia quella che si pratica sparando ai polli colorati liberati un’ora prima dell’alba per paura che te li mangino le volpi o per paura che si allontanino troppo dal luogo in cui sono stati liberati rendendo difficile il loro ritrovamento…
      Ma fatemi il piacere !!!

      • rudi4x4 scrive:

        Parole sante caro Berlato!

        Venerdi sera il mio ATC ha indetto una riunione per decidere che colore mollare i fagiani il prossimo anno………….e a che ora ….
        Molti si lamentano che vengono mollati troppo presto e si muovono da dove li lanciano ……….e fan fatica a trovarli….. :lol: :lol:

      • Angelo scrive:

        Ben detto onorevole, purtroppo mi sembra che ormai tutto remi contro di noi…

      • gianni scrive:

        suvvia, siamo seri con quel cavolo di video siamo belli che sputtanati. tra l’altro sul corriere è sapientemente messo a fianco di quelli che usano le tagliole per catturare gli animali da pelliccia (ovviamente chiamati cacciatori di pelli) e di fianco all’articolo del bresciano (ovviamente specificato cacciatore) che ha seppellito vivo il suo breton…la caccia ha solo bisogno di due cose: di territorio in cui poter cacciare (parchi etc) e di Cacciatori seri che saranno anche la stragrande maggioranza ma che sono infangati e rimangono inebetiti di fronte a quelli che rovinano la categoria. chi vuole sparare 200 cartuccie vada al piattello che continuando così si va tutti al poligono

      • Cristian Romanelli scrive:

        e qui devo proprio darti atto,sante parole

    • STW scrive:

      Basta con quelli che dicono “BASTA AI CELLETTARI”; andate in riserva che probabilmente non vi rimane altro.

    • rudi4x4 scrive:

      Clap Clap Clap……….
      Ma i gran fagiani che probabilmente cacci li lanciano con la fionda?

    • nicola la spezia scrive:

      ma le riserve le hanno chiuse? no…. e allora vai nel pollaio e continua la tua caccia, noi cellettari a sparare ai polli non verremo mai e quindi non frantumare gli zebedei.

  2. SERGIO BERLATO scrive:

    Pe quanto riguarda il veneto, la posizione della Commissione si riferisce ad una normativa del 2002 che è stata modificata, proprio su richiesta dell’Unione europea sia nel 2005 che nel 2007. La prima modifica del 2005 riguardava la durata della legge regionale, inizialmente stabilita dal Consiglio regionale in 5 anni e poi portata di validità annuale; la seconda modifica del 2007 riguardava il fatto che erano state applicate contemporaneamente sia la lettera a) che la lettera c) dell’allora Direttiva CEE 409/79 ora 147/2009, limitando invece l’applicazione alla lettera c).

    • mac scrive:

      Preg.mo sig. Berlato,
      vedo con piacere che come al solito si guarda al cavillo legislativo anzichè al problema,
      Purtroppo è un sogno ma a me fa piacere raccontarlo:
      Vorrei che uno di coloro che pensano che gli storni siano in estinzione , politici, europei, anticaccia etc. fosse legato per 30minuto sotto un pino nei pressi di alcuni centri commerciali vicino all’ingresso dell’autostrada A1 a Calenzano (FI) verso le 17.00 di sera, e poi dopo averlo slegato, sperando di scorgerlo sotto 3-4 cm di guano stornale, chiederli se è sempre della stessa idea.
      Purtroppo il suo è un mestiere che non invidio perchè non avrei il coraggio SEMPRE di ingannare con i succitati cavilli le speranze di persone che credono o meglio che vogliono credere che ci sia qualcuno che sia DAVVERO dalla loro parte.
      saluti
      mac (cacciatore di Prato)

  3. Giusti Giacomo scrive:

    Caro Bardelli
    Ma L’EU le concede agli stati membri le deroghe si o no?
    Se si(come pare) ma chi ci deve governare fa i cav***cci sua cercate di mettere in mora questi politicanti da strapazzo,e fateli legiferare una volta per tutte.
    Non le pare che sia la soluzione giusta?
    Non le pare che i cacciatori italiani rispetto ai colleghi europei siano troppo presi per il cu*o?

  4. lucas scrive:

    Spero che l’Italia esca presto dall’Unione Europea che ha portato solo guai al popolo e ha fatto la fortuna di pochi speculatori.
    L’U.E. è il regno dell’ipocrisia…ci sono stati come la Romania che fanno come gli pare e nessuno gli dice niente…e andiamo a guardare la caccia ai fringuelli in Italia.

    • gianni scrive:

      Si poi il gas per riscaldarti e il petrolio lo paghi tu con la lira svalutata. e un grazie sentito a achille ha votato al referendum per il nucleare. non questo quello dell’ 86 che ci ha dato una spintarella in più in verso il burrone. comunque il video era un tantino bruttarello. dai sembrava la scena di fantozzi e filini a caccia

      • lucas scrive:

        Io faccio i conti terra terra. Con la tanto vituperata lira la benzina la pagavo 1500 lire al litro, ora con l’euro il corrispettivo di 3000.
        Basta con queste favolette che alla befana non ci crede più nessuno.

  5. Niky scrive:

    Non credo proprio che l’On Berlato voglia ingannare i cacciatori, anzi ci ha sempre messi al corrente di tutto ciò che accadeva al riguardo caccia, e il suo commento ancora una volta era per spiegare a TUTTI, anche a quelli in malafede, il problema deroghe in Veneto.

  6. Springer scrive:

    Ancoraaaaaaaaa…..!!!!! E non se ne puo’ piu’ di sta storia …..
    Ma i ” cellettari ” ( non chi ” celletta ” ma chi gli promette/prepara leggi per poterlo fare ) non li mette in mora nessuno…??
    Se non siete capaci di far leggi inoppugnabili per cacciare in deroga lasciate perdere e accontentatevi di quello che potete cacciare senza far artifici cheogni anno vi vengono male . :wink:

    • nicola la spezia scrive:

      caro mio, inizio a avere un po’ i koglioni pieni dei tuoi commenti. Io caccio lo storno da anni e per nulla mollerei questa battaglia. Non vengo a sindacare la tua caccia e non voglio che i pollaioli vengano a sindacare la mia. Se tu sei contento dei tuoi polli, vai, spara e divertiti, ma non starci a frantumare le palle con le tue inutili morali. Grazie.

    • STW scrive:

      Come al solito, persa ottima occasione per non dimostrare la tua spaventosa e patetica ignoranza.
      Per favore, motiva puntualmente o anche tu TACI; che poi prendi le solite bastonate che non sai parare malgrado la tua (al solito, patetica) bravura a provocare.
      Per me oltre ad essere poco o per nulla cacciatore, godi anche a prendere bastonate; un po’ brambillo-masochista, direi. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    • Springer scrive:

      Azz…. e dire che mi sembrava di aver espresso chiaramente un concetto del tutto elementare…Per chi sa leggere e interpretare concetti di una estrema semplicita’ ovviamente .
      Dimenticavo , purtroppo , che per alcuni di voi il sapersi confrontare , l’ educazione , il solo riuscire a capire quello che uno scrive e’ al di fuori della personale portata intellettiva …. :wink:

      • STW scrive:

        BLA BLA BLA BLA…. AHUUUUUUUUUUUUUU… ululati (del nulla e sul nulla) alla luna… :twisted: :twisted: :twisted: :twisted:
        Voi brambillo-masochisti siete perfino comici nella vostra tristissima situazione di incontinenza verbale e provocatoria :roll: :mrgreen: :mrgreen:

  7. Dario scrive:

    il video di san zeno è un obbrobrio, mi sono vergognato. Non si può fare quelle cose, non si può continuare così. Questa roba è un problema per tutti

  8. Giacomo scrive:

    Il bello è che non si riesce a capire chi ha ragione ! Tutto bene, tutto bene siamo i migliori e poi ci pilucchiamo le multe perchè non va bene niente. Ma non è che ha ragione la Fidc alla fin fine ? :mrgreen: Salutiaaamo

    • STW scrive:

      Te lo ho chiesto più e più volte, mai mezza risposta; lo richiedo:
      QUANTO HA PAGATO AD OGGI L’ITALIA DI MULTE PER LE DEROGHE?
      Cifre dimostrabili, grazie.
      Altrimenti il silenzio è un’ottima opzione… :roll:

  9. pino56rm scrive:

    Io non dico basta con i cellettari, ma basta alle deroghe! Si faccia finalmente qualcosa per reinserire fra le specie cacciabili quelle che godono di ottima salute – vedi storno, piccione, tortora dal collare, ecc. – tutte quelle specie, insomma, a cui è possibile sparare negli altri stati della UE. Non è possibile sentire tutti gli anni la solita solfa dei ricorsi ai vari TAR, multe dalla UE, lav, lac, wwf, lipu, cip e ciop che minacciano sfraceli nei confronti di quelle regioni che sfornano calendari che non sono di loro gradimento; basta con l’ispra che non ha mai dati certi ma “è il suo parere quello a cui ci si deve attenere”; basta con quei poveri imb…..lli che vanno in giro per la città a scacciare gli storni da Via Giulio Cesare per ritrovarli a Via Cola di Rienzo ……… poi mi sveglio e ……… ritrovo tutto come prima. Anzi, peggio!

    Vedo Studio Aperto e c’è una signora genovese ancora terrorizzata perchè in pieno centro i cinghiali le hanno sbranato un cagnolino e lei si è dovuta rifugiare sul cofano di una macchina. Certo dispiace per il cane, ma se fosse stata la signora la vittima?
    Chissà se l’amico degli animali di striscia la notizia andrà ad intervistare i cinghiali per sapere il perchè del loro gesto …..

  10. fiore scrive:

    che paese strano!!! dice che c’è la crisi e io faccio 10 ore il giorno compreso il sabato!! dice che le deroghe sono a norma di legge e puntualmente arriva la multa della UE dice che si sta stroncando la mafia e a Roma tutti i giorni si spara come a Chicago nel 20 dice che si lotta contro l’evasione fiscale e si aumenta l’iva

    ma a forza di raccontare frottole …. poi la gente s’arrabbia !! e come disse un signore intervistato l’altro giorno : certo l’immagini che vediamo alla tv di manifestazioni violente sono da condannare ma ANCHE TUTTO QUESTO PRENDERE PER IL CULO NON E’ VIOLENZA UGUALE!!!!!

  11. Ben scrive:

    Egoisticamente parlando, se non avevamo la deroga in Toscana allo storno, non avevamo preso nulla di nulla, quindi lo caccio sino al 18/12 e se qualcuno dovrà pagare delle multe per l’incompetenza di chi legifera, onestamente, non me ne può fregare di meno… tanto la nave fa già acqua da tutte le parti, figurati il pagare una multa alla UE, se ci rovina proprio quella… .
    Almeno potremo ringraziare il Governo che, a suo tempo vestiva di rosso e fece sì che lo storno uscisse dalle specie cacciabili e non si dica che non è sempre stato numeroso… alla befana non ci crede più nessuno!!! :wink:

  12. prof.giuseppe costa scrive:

    In Italia, la situazione deroghe sembra più un problema politico che tecnico .Posizioni strumentali che ostacolano immotivatamente una corretta attuazione nel rispetto delle norme comunitarie.I cacciatori italiani hanno la possibilità di voltare pagina ,uniamoci tutti sotto la solita bandiera :Caccia-Ambiente-Agricoltura-Pesca-Tradizioni. “NESSUN DORMA”

  13. Luca scrive:

    Colle San Zeno brescia :

    http://www.youtube.com/watch?v=iVWMixVNf04

    Bravi! Questa è la caccia in deroga? C’è da vergognarsi! I valichi non andrebbero chiusi? Questa è caccia onorevole Berlato?

    • gianni scrive:

      poi si lamentano che i bresciani non li vuole nessuno

      • Diego scrive:

        Collegare il cervello prima di parlare no eh? :roll:

      • peppol@ scrive:

        i bresciani li vogliono solo quando c’è da pagare le tasse per mantenere uno stato parassita che ci porta alla rovina…..sarai mica statale pure te ? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

      • cele scrive:

        QUI NESSUNO PENSA ALLA REAZIONE STIZZITA DEI CACCIATORI DI FRONTE ALL’ENNESIMA MANIFESTAZIONE DEI ANTICACCIA??…REAZIONE OVVIAMENTE ESAGERATA!! MA NON FUORI DAI LIMITI CONSENTITI….

    • SERGIO BERLATO scrive:

      la legge statale 157/92 vieta la caccia in prossimità dei valichi montani per un raggio di mille metri dagli stessi. La stessa legge punisce già gli atti di bracconaggio con sanzioni anche penali, non solo amministrative. La legge italiana permette la caccia alle specie normalmente cacciabili, così come elencate all’art. 18 della 157/92 e ricomperese nell’Allegato II / B della Direttiva 147/2009/CE. La legge italiana consente l’applicazione del regime di deroga nei confronti delle specie non ricomprese nell’Allegato II/B della direttiva 147/2009/CE purchè considerate in buono stato di conservazione dall’Unione europea.
      L’unica cosa di cui mi vergogno è di appartenere ad una categoria a cui appartengono anche dei soggetti che, anzichè rispettare e difendere tutte le forme di caccia, pensano solo alla propria, ritenendola la sola che abbia il diritto di sopravvivere agli attacchi di chi, prima se la prende con le deroghe e con i “cellettari” per poi sferrare l’attacco finale anche ai cacciatori di polli di di maiali inselvatichiti.

      • Leonardo - Fi scrive:

        Caro onorevole non mi vorrà dire che da quel video i cacciatori ne escono bene?
        Questo a prescindere dalla caccia che ognuno di noi predilige praticare.
        Io caccio in Toscana ma credo che determinate normativa valgano pre tutta Italia, tipo quella che stabilisce una distanza minima tra gli appostamenti, in questo caso temporanei. Io pratico diversi tipi di caccia fra cui anche quella alla migratoria quindi sarei ben contento di poter cacciare stroni, fringuelli, peppole e frosoni, ma quella che si vede in quel video non è caccia. Sono sincero, non so nemmeno come definirla, ma sicuramente non è caccia … 5/6 cacciatori che sparano. in pochi metri, a tutto quello che gli capita a tiro … e non mi venga a dire che le autorità preposte non sanno quello che succede in quel luogo …

        • lorenzo scrive:

          perche te ai tordi gli spari solo da appostamento? le scaccie non sai cosa sono? fino a 20 capi di migratoria si possono abbattere giornalmente.

      • gianni scrive:

        onorevole la vera sfida secondo me non sta nelle deroghe o meno, sta nel territorio. per la caccia il territorio è come l’aria, senza soffoca e muore. poi un conto è farsi il capanno gestirselo, curarlo, emozionarsi all’arrivo delle cesene etc ma bisogna anche sapere anche quando smettere, questa è caccia tradizionale. personalmente non mi è piaciuto quello che ho visto, dal mio punto di vista ha poco a che fare con la caccia. poi le immagini saranno anche state montate ad arte però un minimo di autocritica non guasta altrimenti si finisce tutti male

        • peppol@ scrive:

          io non difendo i miei conterranei ma non amo leggere troppe “generalizzazioni” come sopra….

        • gianni scrive:

          peppola hai ragione e mi scuso di quanto scritto sopra. generalizzare non è mai una cosa intelligente

    • Ezio scrive:

      Razionalmente ed eticamente, almeno per un cacciatore, non ci dovrebbe essere alcuna differenza tra l’abbattimento di una mosca e quello di un elefante.

      Dal punto di vista di “pelle”, di sensazioni, di emotività, cioè tutto quello che fa veramente odience e VALE in questo Paese, un filmato del genere sarebbe indigesto a moltissima cacciatori, figuriamoci alla stragrande maggioranza delle persone che cacciatore NON è …e/o non sa NULLA di caccia.

      Modestamente credo che questo dovrebbe essere chiaro a chiunque abbia un minimo di onestà intellettuale.

      Credo che per essere veramente forti dobbiamo essere pienamente consapevoli di ciò che ci rende forti e di quello che ci rende vulnerabili agli occhi dei più.

      Altrimenti credo non saremmo diversi da chi ci denigra o dalla nostra classe politica che, generalizzando, sono decenni che, dopo le elezioni, si proclama sempre e comunque vittoriosa, da qualunque parte stia.

      Va beh…è anche vero che loro vittoriosi ne escono sempre e comunque…. :roll: :(

    • Giusti Giacomo scrive:

      No Luca,quella non e` caccia in deroga,e`bracconaggio bello e buono,e l’autorita`ha(se vuole)il modo di identificare i bracconieri e farli ricredere su quello che hanno combinato.

      • MAG scrive:

        Onestamente non mi è piaciuto per nulla il video.
        Mi pare fossero su un valico…La vigilanza locale?
        Magari era impegnata su un altro valico…..I NOA? ah nono CARRARA non vuole

    • cele scrive:

      trovaci e segnalaci le infrazioni Luca,io non ci riesco!! il recupero dei feriti era ostacolato dai anticaccia che filmavano? casa fai tu con una preda ferita? di tutti quei colpi sparati avranno superato la quantità giornaliera concessa dalla Normativa?….già che ci siamo diamo la colpa a Berlato che essendo veneto consente di cacciare in deroga nel bresciano… :P

  14. Antonio Pisano scrive:

    Il Parlamento Europeo, il ministero dell’Ambiente e gli Assessorati Regionali Ambiente e Agricoltura, sono stati occupati da animalisti di lunga data che hanno prodotto nel tempo normative varie finalizzate a peggiorare l’esistente. Considerato che le Regioni possono partecipare alle predisposizioni di correzione preparazione attuazione direttamente con lo Stato e L’unione Europea COS’ALTRO STIAMO ASPETTANDO ??? Le Associazioni venatorie dovrebbero organizzarsi con un proprio ufficio GIURIDICO per ribattere colpo su colpo. Il tipo di Storni protetti sono il ROSEUS e UNICOLOR mentre quello Versicolor fu introdotto tra le specie protette dall’ex Ministro Ambiente EDO RONCHI. :evil: :evil: :evil:

  15. lorenzo scrive:

    bellissimo video beati loro che lo possono fare , e vi fate intimorire da quattro bischeri con il fischietto. anche noi toscani vogliamo andare a caccia come in veneto e lombardia,.

  16. lorenzo scrive:

    io non ci vedo niente di male se battono per terra un uccello ferito risparmiandogli agonia. ma mi sconvolge molto di piu quando viene buttato un neonato nel cassonetto . poi parrebbe che il problema siano le troppe fucilate che fanno rumore bene allora fateci mettere il silenziatore.Caro Giacomo da noi non si puo, ma se si potesse te non andresti al passo?saluti.

    • Leonardo - Fi scrive:

      Lorenzo prima mi parlavi di scacce … so benissimo cosa sono visto che le faccio anche io … perchè te con la scaccia riesci a fare 20 pezzi? Beato te!!!
      E secondo te i “signori” di quel video si sono fermati a 20? Ho i miei grossi dubbi …
      Dammi retta … quel video era meglio se non veniva girato e messo sulla rete …

      • lorenzo scrive:

        non ricordo il numero dei cacciatori presenti ma se fossero statio 6 a casa mia 6×20 fa 120 x2 fucilate di media a pezzo son240. io ho portato una persona alle allodole una volta a fine mattinata ne aveva 8 e in terra aveva fatto quasi cento bossoli dieci piu dieci meno.

  17. renzo scrive:

    Non c’è nulla di male nel finire l’uccello ferito, anzi.
    Quello che da fastidio è , presunto montaggio a parte , la scena di vera guerra contro uccelletti SOLO PER IL GUSTO DELLA TRADIZIONE E DELLO SPARO .
    Questa non ditemi che è caccia ! E non provate nemmeno a paragonarla a quella ai polli in riserva o appena lanciati la sera prima , perche neppure quella lo è, o almeno è quella che ci permettono vista la gestione fallimentare del territorio .. ( altro discorso ) ; ma questa nel video è una mattanza senza regole, dove la figura del cacciatore non può in questo modo uscirne pulita. A chi non piacerebbe passare una giornata di passo così ? Però esiste sempre e comunque un limite dettato dal buon senso , che qui pare essere perlomeno in ferie .
    Parere mio ovviamente

    • lorenzo scrive:

      te Renzo invece del piombo gli spari mangime? ma non fate i moralisti per favore ,se non vi piace il tipo di caccia è un’altro discorso .Saluti.

      • renzo scrive:

        Gentile Lorenzo
        Mi dispiace che non hai capito , ma sicuramente mi sono espresso male .
        ———————————————————————————————————-
        A chi non piacerebbe passare una giornata di passo così ? Però esiste sempre e comunque un limite dettato dal buon senso , che qui pare essere perlomeno in ferie .
        ———————————————————————————————————–
        Se leggi bene , anche io gli sparo piombo, e non mangime …e finisco con un colpo a terra quelli purtroppo feriti !
        A perte il fatto che da me in Liguria è permesso solo Tordo ( sassello e bottaccio ) e Merlo e Cesena ……….non discuto e non l’ho mai fatto sulle tradizioni di altre ragioni e sulla caccia che si pratica .
        Ma dare il fianco agli animalisti armati di trombetta e telecamera per fare quelle figure …… ce ne passa
        Se hai la cortesia di guardare il video di nuovo attentamente vedrai che sparano senza nemmeno chinarsi a raccogliere la preda ! ! !
        E vedrai che ho scritto , ma forse ti è sfuggito per la fretta : — montaggio a parte ! — secondo te che vuol dire ?
        Il mio non è moralismo , è semplice realtà dei fatti ..
        Cordialità

      • MAG scrive:

        Siceramente pensare che devo pagare di tasca mia la procedura di infrazione, o meglio ciò che ne conseguirà, per una caccia del genere mi girano le palle. Sottoscrivoin pieno tutto ciò che ha scritto Renzo

  18. Luca scrive:

    Ma bravo Berlato, lei parla di Legge e poi quando arriva la forestale tutti a sbraitare come bambini viziati. Finge di dimenticare che i valichi dovrebbero essere chiusi alla caccia, ma se la provincia si rifiuta di individuarlo ecco che il valico non esiste più! Vuole darci una mano a chiudere il colle San Zeno alla caccia? Faccia una telefonata in provincia e li inviti a rispettare la Legge. Molti cacciatori le saranno grati. Chiami anche il Cfs e chieda un presidio fisso!

  19. renato scrive:

    Signori ma l’Europa ce l’ha con le caccie in deroga non con i polli colorati . Se Berlato non avesse tirato troppo la corda non saremmo messi cosi’ male .

    • francesco cattani scrive:

      Ma che c’entra Berlato se altri illustri amministratori non sono in grado di applicare correttamente le normative europee.Non cerchiamo sempre un capro espiatorio per nascondere la nostra debolezza,dovuta essenzialmente alle strategie errate o alla negligenza delle AAVV,abbondantmente remunerate dai cacciatori.

      • renato scrive:

        Sig .Francesco lei è convinto che in Veneto il decreto delle caccie in deroga presentato da Stival se fosse stato presentato dalla Donazzan sotto supervisione di Berlato sarabbe stato inataccabile , non ci credo affatto.

        • Baghy scrive:

          Quasi sicuramente sarebbe successo la stessa cosa ed è per questo che a Stival era stato raccomandato di far approvare per LEGGE le cacce in deroga e non per decreto amministrativo e questi sono i risultati, ricordo che i tempi per farlo c’erano tutti, dal momento che la proposta del PDL porta la data dl 6 aprile 2011 e quella della Leganord circa una settiimana dopo e ricalcava pressapoco la stessa proposta del 2010. Baghy

    • Giusti Giacomo scrive:

      Renato via,per favore!!!!
      L’Europa le deroghe le concede,sono i nostri amministratori locali e i nostri governanti romani che ci pigliano per il c**o,senza parlare di federarci…………Le riconosciute.

  20. lucas scrive:

    E’ una caccia normalissima come se ne facevano anche qui nelle mie zone fino a vent’anni fa.
    Il rientro ai fringuelli era un classico. Se in Lombardia riescono ancora a farla beati loro.

  21. Giusti Giacomo scrive:

    Lorenzo
    No lo farei anch’io non sono uno che si tira indietro ,l’ho fatto quando la caccia era un altra,quel “fotomontaggio?” dato in pasto alle masse a scatenato un putiferio del quale non se ne sentiva il bisogno.
    Poi contro la caccia e` sempre un putiferio!
    Noi siamo qui a discutere del giusto o dello sbagliato,politica e aavv dormono sonni tranquilli infischiandosene di tutto.

  22. tiziano57 scrive:

    non ho ancora guiardato il video ma penso sia stato girato qualche anno fa. e poi se c’è qualcuno che filma non penso si riesca a sparare così di continuo. Secondo me, e non voglio giustificare chi fa il bracconiere, nel vedere i nemici animalisti per far dispetto i cacciatori del filmato si son messi a psarare a vanvera per ripicca. mica sono dei coglioni che si tirano addosso le critiche. Sapete benissimo che l’animalismo ha dalla sua parte stampa e media (veggasi filmato di striscia montato ad arte) e che qualcuno manovra affinchè in Italia tutta dico tutta la caccia sia chiusa. Rispettiamo tutte le caccie e rispettiamoci tra noi che sicuramente avremmo una forza incredibile. In bocca al lupo a tutti voi. :D

  23. tiziano57 scrive:

    a proposito di UE : ORA BERREMO YOGURT “FINTO”. L’UE chide che per produrlo sia consentito usare anche latte in polvere. una decisione che non favorisce la ns salute. Di fatto si tratterà di sostituire il latte fresco dei paesi UE con latte in polvere extracomunitario. Chi ne beneficerà? Tutte le aziende che producono latte in polvere in tutto il mondo perchè scenderanno i costi di trasporto e non ci sarà bisogno dei controlli che vengono fatti sui prodotti freschi. Il punto grave è che non si cerca di salvaguardare l’alta qualità di un prodotto in gran parte destinato a bambini e ad anziani. Ancora una volta l’aspetto economico sembra avere il sopravvento su quello della salute!!!!! E NOI DOBBIAMO SOTTOSTARE ALLE DECISIONI DI QUESTI DELINQUEBNTI PATENTATI E SUBIRE SANZIONI PER PRELEVARE QUATTRO VOLATILI? :evil:

  24. tiziano57 scrive:

    Tanto per capire cosa succede in Europa andate a vedere su youtube questo video e capirete dove stiamo andando a finire e chi comanda le mosse e i colpevoli della recessione. http://www.youtube.com/watch?v=ag9VLW8wV4g
    buon divertimento :D :lol: :mrgreen:

  25. Giusti Giacomo scrive:

    8O 8O 8O !!!!!
    Qualcuno dei papponi saltava sulla poltrona!!!!!!

  26. stiv scrive:

    Il problema e’ che molti non si sono resi conto che siamo nel 20esimo secolo e siamo reduci superstiti di una era passata!
    Questo non vuol dire che dobbiamo arrenderci ne tantomeno accettare di estinguerci.

    Ma c. . .o non si puo’ pensare di fare le stesse che facevano i nostri nonni o ancora prima facendo finta di non ricordarci che i nostri nonni pero’ andavano a caccia con un pugno di cartucce.
    Quindi se si pensa di voler andare a caccia a sparare centinaia di colpi a stagione credo che c’e tanto da fare tra di noi prima di pretendere che siano i politici a trovare le soluzioni ai nostri problemi.
    Per far fuori casse di munizioni ci sono i poligoni e campi di tiro a volo.
    Come sarebbe ora di finirla di vedere lanciare dei polli la mattina prima!
    Ma come si fa ad accettare una cosa simile e ritenersi dei cacciatori.
    Magari sarebbe il caso di impegnarsi x cambiare le cose e rendere tutto piu’ serio anche agli occhi di chi non e` cacciatore.
    Poi fate Voi.

    • fiore scrive:

      quoto a bestia!!

      il video mi ricorda una sellettina qui da me!!! ma trentanni fà o forse anche di più!!! mi a che oggi non sia ne utile ne possibile un lavoro del genere!! ( anche se almeno un giorno l’anno!! du botte gliele darei anch’io)

    • Giusti Giacomo scrive:

      Certo Stiv che non possiamo andare a caccia come i nostri nonni,ma vedi,i cacciatori(escluso i bracconieri) si stanno gia`impegnando dal 92,con la legge piu`restrittiva d’Europa,a questo punto oltre a noi dovrebbero cominciare a impegnarsi politici,e aavv.
      Non abbiamo colpa noi se non sanno nemmeno fare una legge che recepisca le deroghe,e non hanno la volonta`di fare una legge a livello regionale,e non una delibera.
      Devono cambiare anche certi giornali e televisioni,e` inutile ilnostro buon comportamento se non vienr pubblicizzato e/o fatto pubblicizzare dalle nostre aavv in primis.
      Se non c’e`volonta`politica e associazionistica di fare certe cose e`inutile,noi ci stiamo gia`sacrificando con leggi ingiuste,e offese vergognose da tutte le parti,e tutti i giorni.

  27. Manlio scrive:

    La FIDC quando deciderà di mandare a casa il presidente più silenzioso della storia degli ultimi 110 anni? Mentre rispondevano tutti gli ambientalisti,i politici,le istituzioni,le associazioni, la FIDC dormiva …..con il suo presidente in qualche vino olio,il suo ufficio stampa a caccia !

  28. Fantomas scrive:

    Povero presidente Dall’olio tutti i dirigenti FIDC lo vorrebbero dimissionario.
    L’ingratitudine e’ una brutta bestia!

  29. Andrea scrive:

    Sono allibito dai vostri commenti…
    Ho guardato il video e cosa ci sarebbe di cosi strano? sono stati abbinati vari video in cui alcuni cacciatori sparano sul passo come avviene da quando esiste il fucile mentre prime veniva fatto con le reti.
    Si spara al volo in una giornata di passo buona e quindi si spara tanto e che problemi ci sono? perchè non hanno filmato gli innumerevoli giorni in cui il passo non avviene e non ci sono spari? non fa notizia?
    E quelli che dicevano siamo in guerra e disturbavano l’attività venatoria? quello va bene? chi sono per pensare di essere la verità e proibire ai cacciatori di esercitare un’attività consentita?
    La cosa più tragica sono i cacciatori che si indignano di questo…pazzesco!!! se ad alcuni sparare molte fucilate crea disturbo faccciano a meno e vadano loro al poligono!!! quelli che spararno molto un giiorno spesso sparano molto poco il resto della stagione e vanno a caccia anche per 1 fucilata…
    Questi cacciatori così duri e puri non hanno l’umiltà di mettersi nei panni di chi pratica altre forme di caccia e invece di fare fronte comune per difendere la caccia , isolano i cellettari e si mettono alfianco degli animalisti!!! vergognatevi voi, in tempi di crisi ci si indigna per una giornata di spari al passo,… IPOCRITI!!!

    Dove è il massacro? il prelievo venatorio è irrisorio sul capitale della specie lo dicono i dati scientifici e come mai il “massacro sul colle di San Zeno” è una vergogna mentre all’estero si può fare e va bene tutto!!!?

  30. Bagnolesi Giovanni Roberto scrive:

    Non vedo niente di scandaloso nel video. Il vero scandalo è nel vedere questi pseudo ambientalisti anticaccia che corrono nel riprendere gli uccelli caduti e rimasti vivi. Tutto mi sembra nella norma in quanto la legge prevede di poter cacciare liberamente in certi periodi. Non si tratta di caccia a rastrello quindi più persone possono stare insieme. Personalmente non condivido la caccia ai piccoli migratori ma se una regione legifera in base ad una normativa della comunitaria non vedo perchè dovreebe esserci questa caccia alle streghe da parte dei soliti noti.

  31. tiziano57 scrive:

    bravo Andrea e bravo Giovanni Roberto. Avete colpito nel segno: i Giorni in cui si spara 1 fucilata o niente non li fanno vedere perchè sono tanti. La cosa più scandalosa è sentire certi cacciatori criticare certi tipi di caccia perchè da loro non esercitata. Questo egoismo è il trionfo dei verdastri. Ma Noi veri cacciatori non cederemo mai. Sempre orgogliosi di essere cacciatori. :lol:

Leave a Reply


+ 9 = 17

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.