Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Anpam: abolizione catalogo armi comuni

| 11 novembre 2011 | 2 Comments

Anpam: l’abolizione del Catalogo nazionale delle armi comuni da sparo è stata espressamente richiesta dall’Europa mediante una recente procedura d’infrazione, la 2336/11/Italy, e ci uniforma agli altri paesi europei

L’abolizione non consente nessuna “liberalizzazione” o “deregulation” perché le armi in vendita sono già catalogate dalla legge ordinaria nazionale ed europea e saranno sempre testate e omologate dal Banco Nazionale di Prova

Il suo uso era stato già reso inutile da precedenti leggi e provvedimenti comunitari

ROMA – 11 novembre 2011 – L’abrogazione del Catalogo della armi comuni da sparo prevista dal disegno di legge di stabilità presentato in discussione in Parlamento è stata espressamente richiesta dall’Europa mediante una recente procedura d’infrazione, la 2336/11/Italy. Il Catalogo quindi è contrario al diritto comunitario e la sua abrogazione uniforma la nostra disciplina delle armi da sport, caccia e difesa a quella esistente negli altri Paesi europei (in particolare a quella prevista nei Paesi maggiori produttori quali Germania, Austria, Belgio, Francia).

L’abolizione del catalogo non costituisce in alcun modo una liberalizzazione, perché i cittadini non potranno detenere armi sostanzialmente diverse dai quasi 20.000 modelli catalogati. Restano inalterate infatti le categorie delle armi comuni da sparo già previste dalla legge, detenibili dai cittadini autorizzati, già in linea con quanto previsto dalla direttiva europea e dagli altri Paesi dell’Unione.

Il catalogo delle armi comuni in effetti è divenuto uno strumento desueto e inutile poiché la definizione e distinzione di armi comuni da quelle militari (quindi quelle che possono e non possono essere detenute dai cittadini) è stata già messa a punto da una serie di norme, a partire della legge 9 luglio 1990 n.185, passando per il Decreto del Ministro della difesa 13 giugno 2003 fino ad arrivare alla Direttiva 2009/43/CE del Parlamento europeo e dell’attenta specificazione della armi da guerra da parte della legge ordinaria.

Inoltre nulla cambia rispetto al fatto che le armi in vendita sono già catalogate e omologate dalla legge ordinaria nazionale ed europea e saranno sempre testate e omologate dal Banco Nazionale di Prova

La misura avrà l’unico effetto di rimuovere un costo che gravava sui soli produttori italiani, particolarmente svantaggiati dalle lungaggini del procedimento di catalogazione per il lancio dei nuovi prodotti, ed è destinata a incrementare la competitività dell’Italia in un settore che, nonostante, la crisi, rimane di eccellenza.

ANPAM – Associazione Nazionale Produttori Armi e Munizioni

***

Come riceviamo e cosi’ pubblichiamo

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***







Category: .In Evidenza, ANPAM, Generale

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. francesco cattani scrive:

    Meglio tardi che mai.Così ci siamo messi al pari degli stati produttori di armibbe bello che anche per la caccia il legislatore ci mettesse al pari degli altri stati europei e ci evitasse le continue vessazioni da parte dei nemici della caccia che trovano nella stupida burocrazia italiana il sistema di impedirci un legittimo esercizio venatorio, con ricorsi ai vari TAR che spesso, negli ultimi anni ,oltre farci perdere giornate di caccia fanno spendere soldi e tempo alla magistratura amministrativa quindi allo STATO.

  2. Walter scrive:

    Quello che vorrei sapere è se la detenzione di 3 armi comuni e 6 sportive rimane valida oppure con l’abrogazione del catalogo generale delle armi non ci sarà più la distinzione tra armi comuni e armi sportive e pertanto anche quelle sportive saranno considerate comuni e perciò detenibili al massimo di 3. Naturalmente parliamo di armi comuni considerate da difesa.

Leave a Reply


+ 6 = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.