Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Vicenza: le torrette di caccia sono pericolose

| 7 novembre 2011 | 17 Comments

Torrette di caccia «Sono pericolose» Prime demolizioni
IL CASO. La conferma del Comune che ne ha ordinato l’eliminazione
Abbattimenti delle installazioni a Castelvecchio dopo la denuncia della Lac. Sono troppo vicine a un sentiero. Controlli su 150 altane

«Le torrette di caccia sono pericolose per la sicurezza». Il Comune di Valdagno ordina le prime demolizioni: si inizia con due abbattimenti a Castelvecchio. È la conseguenza delle denunce delle guardie zoofile della Lega anti caccia (Lac), su ordine del Comune (con interessamento del prefetto, Melchiorre Fallica). Per una volta, sono d’accordo anche i cacciatori, almeno stando a quanto spiega Pietro Fioraso ex consigliere Acv e ora portavoce dell’associazione: «Quando c’è di mezzo la sicurezza, non si può transigere».
ABBATTIMENTI. Il provvedimento comunale è arrivato poiché le torrette in questione, scelte per la caccia agli uccelli migratori, non potevano essere utilizzate. Dunque, si dovrà procedere con l’eliminazione. Infatti, «sono troppo vicine ad un sentiero molto battuto e sono in condizioni fatiscenti», come si legge nell’ordinanza comunale, che riprende la tesi delle guardie zoofile, supportata anche dai sopralluoghi della polizia provinciale. Il portavoce del Cpv, Coordinamento protezionistico veneto, Renzo Rizzi, spiega: «La caccia deve rispettare le leggi relative alla sicurezza. Tutte le strutture dovrebbero essere omologate come, per esempio, succede in Austria dove ne esistono prefabbricate e alte massimo quattro metri. Qui è una giungla: ci sono strutture alte anche una ventina di metri, tenute in piedi artigianalmente con cavi ancorati agli alberi. A quanto ci risulta, questo è il primo provvedimento di abbattimenti per problemi di pubblica sicurezza a livello nazionale: ora prevediamo un’ecatombe per le torrette. Fino a questo momento, ne abbiamo censite 150, ma il nostro lavoro prosegue. Come pure i controlli. Faccio anche un appello alla Forestale, perché se ne occupi e segnali il pericolo alle autorità competenti».
SICUREZZA. La prima preoccupazione di Pietro Fioraso è che «Regione e Provincia si attivino per regolamentare le torrette di caccia». Poi, per quanto riguarda il caso specifico dei due abbattimenti a Castelvecchio, Fioraso aggiunge: «Durante un incontro in Comune, ho avuto modo di visionare la situazione: intollerabile. Non si scherza sulla sicurezza, soprattutto quando ci sono di mezzo le armi. Sulle torrette operano cacciatori con fucili carichi: se uno di questi dovesse cadere, sarebbero guai».
Karl Zilliken

http://www.ilgiornaledivicenza.it

Category: .In Evidenza, Generale, Veneto

Comments (17)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Baghy scrive:

    Ci spieghino il sig. Fioraso ed il sig.Rizzi del perchè in altre Regioni (vedi ad es. Umbria e Toscana) anche ad altezze superiori questo problema non esiste, dobbiamo guardare esclusivamente all’Austria sul come regolamentarci? Ricordo al Sig. Rizzi che le torrette austriache sono utilizzate esclusivamente per la caccia agli ungulati e non per quella ai colombacci, ma quando si vuole strumentalizzare !!!!!!!!!!!!! Baghy

    • Bagnolesi Giovanni Roberto scrive:

      Dovrebbero essere rimosse in gran parte anche qui in Toscana perchè costruite con ponteggi che vengono svenduti dalle varie imprese edili perchè non a norma. In più vengono ancorate in maniera approssimativa. Qunado tira vento si dondola, come si dice da noi. L’autorizzazione per la caccia al colombaccio con volantini, si presuppone naturalmente di una certa altezza, dovrebbe essere rilasciata dopo aver reso a norma il capanno stesso. Non esserlo significa mettere a repentaglio la vita di chi ci caccia e di che eventualmente si reca nei paraggi.

  2. Giovanni59 scrive:

    Qua si confondono altane con torrette, e come dire ca@@i con violini, ma non importa alcuni riescono a suonare anche i primi. :twisted: :roll:

  3. El Tega scrive:

    Il fatto che “siano vicino ad un sentiero molto battuto” non può voler dire niente. Io se voglio mi metto in mezzo al sentiero a sparare. Altrimenti va a finire che con il metro di questi “signori” ogni sentiero, stroso, stradina sterrata diventano zone in cui è vietata la caccia. Non metto in dubbio che prima di tutto bisogna salvaguardare la sicurezza, ma la legge già identifica i luoghi in cui non si può sparare. E i sentieri non sono menzionati.

    • Baghy scrive:

      Tieni presenti che i famosi sentieri non segnalati in mappa o più semplicemente chiamati in vicentino stroxi, attraversano proprietà private per cui secondo legge per transitarvi occorrerebbe il consenso del proprietario del fondo, invece nella stragrande maggioranza dei casi gli escursionisti domenicali pretendono che siamo noi a non cacciare pur magari essendo proprietari del fondo stesso o con un autorizzazione firmata del proprietario. Baghy

  4. SERGIO BERLATO scrive:

    Il sig. Fioraso ha espresso delle opinioni a titolo personale senza preoccuparsi delle possibili strumentalizzazioni a cui si possono prestare. Le torrette per la caccia ai colombacci non hanno nullaa che vedere con le altane per la caccia agli ungulati, molto diffuse nei paesi del centro e Nord Europa. Questo non toglie che i proprietari delle torrette allestite per la caccia ai colombacci debbano rispettare le elementari norme di sicurezza per chi le utilizza, oltre alle più elementari norme di natura estetica per evitare che si possano confondere con qualche struttura edilizia condominiale.

  5. Giusti Giacomo scrive:

    I capanni fatti con ponteggi da edilizia o anche tubi innocenti,ancorati con protezione ai tronchi di grosse piante con cavi d’acciaio,non sono mai caduti.
    Certo e`che in Toscana qualcuno invece di una baracca sotto al capanno,ha fatto 3 stanze con servizi.
    Vedo pero`parecchia strumentalizzazione su questa cosa,come il deturpare il paesaggio,sfido chiunque in estate a vedere un capanno prima di essere arrivato sotto,quindi, quale deturpamento?
    In quanto alla sicurezza quando ai levato e legato a terra le scale,e messo un cartello con divieto di salire per pericolo,chi sale lo fa a proprio rischio,anche se il titolare del capanno e`responsabile,e qui c’e`l’ingiustizia.

    • massimo zaratin scrive:

      Guarda che il problema idrogeologico del nostro paese potrebbero essere i capanni! :roll: …anzi, per qualche animal-ambientalista lo sono sicuramente visto che gli italiani, secondo un recente sondaggio, si sono dichiarati per il 99% contro i capanni! :cry:

  6. Ben scrive:

    La legge dice: “b) appostamento fisso per colombacci costituito da un capanno principale collocato a terra o su alberi o traliccio artificiale con lunghezza massima di 15 metri;”.
    “5. In caso di cessazione dell’attività, di decadenza o revoca dell’autorizzazione, tutti i capanni e le eventuali strutture aggiuntive devono essere smantellate a cura del titolare dell’autorizzazione secondo le modalità e i tempi stabiliti dalla provincia.”
    Non capisco, quindi, come facciano ad essere alti anche una ventina di metri se la legge prevede 15.. poi, trattandosi di capanni fatiscenti, si deduce abbandonati e quindi decaduti, la legge vecchia diceva che andavano smantellati subito, o, se il proprietario del terreno era d’accordo, poteva essere prorogato il termine di 2 anni, che ci fanno ancora in piedi??? Andate a cercare chi era il titolare del capanno e fategli una bella multa per non aver adempiuto alla legge!!! così spariranno tutti i capanni decaduti. :wink:

    • Andrea69 scrive:

      Quella che citi e’ una legge che nn conosco ( non e’ veneta ). Il problema nel vicentino e’ che la scelta delle forme di caccia praticamente non esiste . Ci sono appostamenti considerati non fissi praticamente dappertutto . Tutti le fanno tutte pensate che siamo arrivati a nn liberare più fagiani in ottobre perché bisogna andare a capanno . 20 anni fa c’era piu’ etica . Le torrete x i colombacci dovrebbero essere considerati app fissi . Ma nel vicentino nn e’ così :(

      • Ben scrive:

        Andrea, cerca su internet “Legge regionale Toscana Burt parte I n37del29072011″ e trovi il mio passaggio sopra, sicuramente ogni regione può legiferare come vuole, so ad esempio che a Livorno facevano pagare la tassa per gli Appostamenti Temporanei che poi fissavi nel terreno, a Lucca dove sono io, non si può fare… resta il fatto che anche il titolare di opzione C ha generalmente il suo capanno o è iscritto in uno di essi. L’alto numero di capanni, toglie la possibilità a chi non ne ha, di andare la mattina a fare lo spollo da molte parti, forse andrebbero limitati come penserai te.. .
        Ciao.
        :D

    • Giusti Giacomo scrive:

      Ben
      I 15 metri sono in lunghezza non in altezza,e la provincia di Firenze,a differenza di altre non da permessi per capanni di ribattuta..Il capanno puo`essere fatto a elle a vu,a triangolo,insomma come vuoi ma il piano di caccia non puo`superare i 15 metri,puoi fare in teoria anche un secondo capanno.ma non puoi salire da terra,e la lunghezza e`la solita,partendo pero`dal centro del capanno principale.

      • Ben scrive:

        Alla faccia, grazie Giusti, avevo interpretato male la norma, facendoli con i ponteggi, pensavo che ne bastasse uno per andare su (che sarà 2 metri per 3?) e non 15 metri di lunghezza, ci fai un grattacielo!!! com’è andata la stagione dei colombi??? ci vai sempre al capanno o avete smesso? Un saluto.
        Ben. :wink:

        • Giusti Giacomo scrive:

          In val di Sieve Ben,in due giorni 9-10 ne sono passati qualche milione,una cosa impressionante che dimostra l’annata anomala.
          Purtroppo sono passati 1 km davanti al mio capanno,e io sentivo che passavano solo per radio.i carnieri pero`non sono stati buoni.
          Ciao Ben!

  7. cacciatoreperbene scrive:

    ma facciamola finita con questi grattaceli per sparare ai colombi, i capanni si possono fare a terra e cacciare lostesso, poi cosa cambia se invece di ammazzarne 200 o 300 all’anno ne prendi solo 50. Dipendesse da me vi manderei a caccia tutti con un colpo solo e di calibro non superiore al 28. Ora incazzatevi pure tanto di questo passo facciamo tutti festa.

    • fiore scrive:

      figurati io a quello del Giusti se lo trovo gli sego le piante!!! dai Cacciatoreperbene, anch’io darei foco a tutti i capanni per tordi!! ma lasciamo che si finisca tutti come più gli piace!!

    • Giusti Giacomo scrive:

      Vedi cacciatoreperbene
      Io non arrivo nemmeno a 50,anzi,molti meno,ma non mi interessa,vedi io alleno e allevo i miei piccioni da marzo,per cacciare solo colombacci dal 27/09 al 10-15/11, e quando mi hanno lavorato per bene,e vedo il frutto del mio annuale lavoro,i colombacci mi possono anche girare prima di prendere le fucilate.
      Quindi come puoi notare un grande sacrificio per un mese l’anno.il mio capanno e`alto 7 m,quindi niente grattacielo.
      Tu sarai anche un cacciatoreperbene,ma se hai codesto astio verso le altre cacce ci credo poco.

Leave a Reply


3 + 9 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.