Veneto, deroghe sospese

| 5 ottobre 2011 | 18 Comments

Venezia, 5 ott. (Adnkronos) – Il presidente del Tar Veneto ha sospeso la delibera regionale sulla caccia in deroga a specie protette accogliendo il ricorso della Lega per l’abolizione della caccia. La delibera approvata il 20 settembre scorso dalla Giunta Zaia viene quindi sospesa fino al 19 ottobre, quando il collegio del Tar si riunira’ per prendere una decisione finale.

“La domanda cautelare proposta deve essere piu’ approfonditamente esaminata, tenuto anche conto che sulla questione dei limiti della caccia in deroga in Veneto si sta pronunciando la Corte Costituzionale”, si legge nel decreto del Tar del Veneto.

In questo modo il Presidente del Tar, Vincenzo Borea, accoglie pienamente l’istanza presentata dal legale della Lac Claudio Linzola.

“Si tratta del preludio all’ennesima bocciatura legale della caccia in deroga in Veneto approvata in modo miope dalla Giunta Zaia che, solo per obbedire alla lobby dei cacciatori, approva delibere palesemente contrarie alla legislazione europea – commenta Andrea Zanoni, Eurodeputato e Presidente Lac Veneto – Ancora una volta per bloccare l’illegittimita’ della Giunta Zaia bisogna andare in Tribunale. Ancora una volta chi fa le leggi, rischia di diventare fuorilegge”. Zanoni punta il dito anche contro l’Assessore Daniele Stival, “responsabile insieme a Zaia di questa delibera illegittima”. “A pagare le multe che l’Ue rischia di infliggere all’Italia siano loro due”, attacca Zanoni, “ovvero i responsabili della caccia in deroga in Veneto. Non e’ giusto che a pagare le loro colpe siano i cittadini”.

Zanoni ha da poco presentato anche un’interrogazione alla Commissione europea per bloccare la caccia in deroga in Veneto e far rispettare le sentenze della Corte di Giustizia Ue: “La caccia in deroga non solamente provoca lo sterminio di migliaia di uccelli protetti, comprese alcune specie particolarmente protette, ma viola apertamente la normativa comunitaria”.

La Regione Veneto e’ stata gia’ riconosciuta responsabile dell’infrazione ai danni dell’Italia dalla Corte di Giustizia l’11 novembre 2010 per la violazione della Direttiva 2009/147/Ce.

http://www.libero-news.it

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Category: .In Evidenza, Deroghe, LAC, Veneto

Comments (18)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. STW scrive:

    Come al solito… intanto sospendiamo, poi si vedrà.
    Cose da pazzi.
    Sul lacchino non spreco neanche più polpastrelli, dopo decenni di trombature politiche è stato ripescato ed ora è a Bruxelles, ma non è migliorato malgrado la carica e continua a sputare false accuse e notizie tendenziose.
    Il prossimo anno voglio la legge regionale.

    • franc scrive:

      Perchè non quest’anno, visto che sono giagenti in regione più proproste di legge in merito?
      E’ ora che i nostri politici facciano il lavoro a cui gli abbiamo delegati.

      • STW scrive:

        Quest’anno ce la scordiamo la legge… sia per volontà che per motivi di tempo.
        E intanto si perdono 15 giorni, anche se meglio adesso che a novembre!

        • Rudi4x4 scrive:

          Scordiamocele per sempre le deroghe!
          Aspettiamo la corte costituzionale che legiferi….e ovviamente ci darà torto e sarà la fine per il Veneto.
          Qui non ha colpa Stival , questo è un regalino del PDL con il signorino Fitto e la granSignora della Bramby….

        • Marco Masenadore scrive:

          Rudy , quando una squadra di calcio continua a sbagliare o perdere è colpa dell’Allenatore, in questo caso se l’assessore ha voluto procedere a testa bassa come un mulo con la delibera di giunta contro la maggioranza delle Associazioni Venatorie è solo colpa SUA!
          DEVE ANDARSENE!!!!!!
          Altra cosa è quella fatta da Fitto, anche se il mandante è la Bramby, è un provvedimento che non è in contrasto con la legge nazionale ne con le direttive europee, potevano farlo anche se la Regione del Veneto approvava con Legge regionale.

        • STW scrive:

          Rudi, non sarei così drastico nè pessimista.
          Finchè la regione non cambia colore (quindi mai), uno spiraglio lo vedo; anche se coi dovuti dubbi e distinguo…

  2. mauro scrive:

    CUGINI VENETI,ORA PIU’ CHE MAI TUTTI A BRESCIA IL 14 OTTOBRE,VEDIAMO COSA CI DICE BERLATO …………..

    • nicola la spezia scrive:

      Berlato dira’ che aveva ragione …….. e provare a dargli torto. Io ho discusso piu’ di una volta con lui, ma in questo caso non ha sbagliato una virgola. Quando ci si improvvisa scienziati venatori, questo è il minimo che puo’ accadere, mi sa che la Lega paghera’ caro questo torto fatto ai Veneti.

  3. Diego Sperotto scrive:

    Tutta la sicurezza che c era quest anno ……..LA CACCIA STA MORENDO

    • fedeli massimo scrive:

      Siamo noi i morti , che subbiamo passivamente, dobbiamo credere e combattere x i nuovi e vecchi movimenti pro caccia e pro ruralità, ma siamo pure divisi in questo……..se la caccia muore sarà solo colpa dei cacciatori, del nord del centro e del sud . :mrgreen: Si pensa sempre al proprio orticello (vedi Veneto)solo perche un movimento politico fatto da cacciatori si permette democraticamente di fare una riunione in quel territorio è stato trattato da appestati che dovevano bussare prima di entrare, o redarguiti perche non hanno chiesto il permesso !! :oops: Ma dove siamo in quale paese viviamo quando cacciatori attaccano altri cacciatori, la fine verrà solo per colpa di molti di voi , io sono fuori perche rispetto tutti, Veneti ,Lombardi Toscani ,Umbri ,ecc ecc e non andrò mai contro un movimento che difenda la mia passione, che venga dal nord o che venga dal sud.

      • Baghy scrive:

        infatti si vede parli di unità e accusi gli altri di pensare solo al proprio orticello, :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

        • fedeli massimo scrive:

          Mi pare che siate stati voi e non altri a criticare un movimento che si è permesso di fare una riunione in Veneto, non è forse un orticello?Mentre prima si doveva intervenire alla riunione e poi caso mai criticare, non ci siamo, non ci siamo, così non si va da nessuna parte, io non accuso nessuno sono fatti.

        • Baghy scrive:

          tanto per chiarire, MCR non è stato invitato da Caccia Ambiente nella riunione in Veneto e per quest non ha partecipato, ma queste son cose vecchie, ma dimmi, perchè Caccia Ambiente non ha aderito alla riunione promossa da Sergio Berlato il 14 ottobre prossimo? Forse perchè ritiene che non c’è bisogno di unità proprio perchè basta ed avanza Caccia Ambiente????

        • fedeli massimo scrive:

          Ancora non si sa nulla se parteciperà o no , di certo se non parteciperà anchio farò le mie considerazioni, sono libero cacciatore iscritto a una aavv non riconosciuta, non devo chiedere a nessuno , anzi ti faccio notare che come l’on. Berlato ha istituito il suo movimento io ho fatto la mia iscrizione, perche credo in qualcosa che ci possa difendere .

        • Giuseppe scrive:

          Se veramente vogliamo il bene e il futuro della nostra passione la prima cosa da fare è quella di emarginare chi ci ha sempre e solo usati per i propri interessi personali e ci ha portati in questa vergognosa situazione. Non possiamo continuare a essere solo trattati come come utili idioti votanti e poi inagannati da coloro che a parole fanno tante promesse ma nei fatti rimangono comodamente seduti in comode e redditizie poltroncine di partiti a noi palesemente ostili e contrari ai volori che dice di credere e sostenere. L ‘unità va cercata fra chi crede e agisce per il fine comune, fuori da qualsiasi interesse di parte o di casacca, altrimenti se si parte con le vecchie logiche non servirà a nulla.

  4. mauro scrive:

    CERCHIAMO DI PARTECIPARE A BRESCIA 1L 14 OTTOBRE ALL’INCONTRO CON BERLATO…..

  5. Claudio De Paoli scrive:

    Allora come la mettiamo,con tutti i saputelli sparasentenze. Adesso vi accorgerete,cosa vuol dire fare le cose in maniera,coretta,senza dare nessuna possibilità ai ricorsi. Siccome Sergio Berlato e poi Donazzan,sono stati a detta di qualcuno,degli incapaci dovete spiegarmi come mai DAL 2002 AL 2009 IN VENETO SI è CACCIATO IN DEROGA SENZA NESSUNA INTERRUZIONE ? FORSE SERGIO BERLATO è STATO UN INCOMPETENTE? O GLI INCOMPETENTI SONO ALTRI?

  6. henri (Radere igor) scrive:

    http://www.vip.it/daniele-stival-fermare-profughi-con-mitra/

    Questo è colui il quale dobbiamo tenerci e mantenere. Una vergogna per tutto il paese!
    Meditate.

Leave a Reply


1 + 8 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.