Incidente con animali. Chi paga i danni?

| 24 maggio 2011 | 10 Comments

cartello_caprioloIncidente con animali. Chi paga i danni?

Un’apparizione improvvisa, la sterzata, le gomme che stridono sull’asfalto e poi l’impatto. Una scena ricorrente, a volte illuminata dai fari che si stagliano nella notte. Un animale giace sulla strada o nella cunetta, inerte. Superata la paura, rincuorati per non aver subito danni alla persona, si scende per vedere bene cosa è successo.

Gli occhi osservano impietositi la vittima innocente ma subito dopo lo sguardo va all’auto. Cofano ammaccato, paraurti divelto, targa penzoloni, faro frantumato, mascherina spaccata. Sono tante le ipotesi e il pensiero è immediato. Chi ci ripaga i danni? Se è un animale domestico il pensiero corre al proprietario, ammesso che lo individuiamo. E se è un animale selvatico? Un capriolo, un cervo, una volpe? E se è un cane randagio? Questo tipo di infortunio non è raro e rappresenta il 3% degli incidenti stradali, spesso con un bilancio di morti e feriti (stavolta ci riferiamo agli automobilisti) che, secondo un’indagine del Corpo Forestale dello Stato nel decennio 1995-2005 sarebbero stati 150 con un altro centinaio di feriti gravi.

Avviene in una fascia oraria del primo mattino o dopo il calar del sole. La frequenza e la tipologia è in relazione alla zona che si attraversa in auto e alla fauna residente, domestica o selvatica. Altro elemento è la velocità dell’auto in relazione al tipo di strada percorsa. Le strade statali in genere consentono velocità maggiori, le comunali hanno una manutenzione generalmente meno curata e consentono perciò velocità minori, le autostrade – per essere recintate – dovrebbero fornire maggiori garanzie. In tutti i casi la richiesta di risarcimento è difficile, onerosa, dispendiosa ed aleatoria. Non è facile per il danneggiato dimostrare che la collisione non è imputabile a lui e in ogni caso dovrà dimostrare che i danni all’auto sono stati cagionati dall’animale investito. Per gli animali domestici (cani, gatti) per quelli da allevamento (bovini, ovini, pollame) e da lavoro (cavalli, asini) la responsabilità ricade sui proprietari ai sensi dell’art.2052 del codice civile, perché avendoli in uso sono responsabili dei danni da loro causati, anche se si tratta di animali smarriti o fuggiti e a meno che il proprietario non provi di aver adottato tutte le misure di custodia possibili, vanificate da un caso fortuito. Per tutte le altre tipologie di animali la strada del risarcimento è lunga e controversa.

Di norma il risarcimento va richiesto all’ente gestore della strada (Stato, Regione, Provincia, Comune, Società Autostrade) in un palleggiamento di responsabilità che porta ad un contenzioso imprevedibile. E’ da dire che non è responsabile l’ente gestore della strada che abbia provveduto ad installare ai bordi della carreggiata, in numero sufficiente e visibile, i cartelli segnaletici di pericolo (quello triangolare bianco con bordi rossi che raffigura un capriolo che salta). Più certa dovrebbe essere la richiesta di risarcimento alla Società Autostrade che, attraverso il pagamento del pedaggio,deve assicurare agli automobilisti le massime garanzie di sicurezza e se non dimostra di aver recintato tutto la sede stradale che ha in concessione incorre in evidente responsabilità.

Per la fauna selvatica le leggi 968/1977 e L.152/1992 hanno stabilito che la fauna selvatica è entrata nel patrimonio indisponibile dello Stato. Gli automobilisti danneggiati dovrebbero perciò individuare nello Stato il soggetto responsabile dei sinistri. Ma non è così, perché la competenza sulla caccia è passata alle Regioni che a loro volta possono delegarla alle Province. Dove tale delega è presente, la richiesta va fatta alla Provincia del luogo del sinistro. La Cassazione ha stabilito che spetta alle regioni il compito di predisporre le misure idonee ad evitare che la fauna selvatica arrechi danni a cose e persone, per cui la regione ne risponderebbe ai sensi dell’art.2043 del codice civile. Risolto (?!) il problema del destinatario della richiesta di danni bisognerà provare che l’ente è responsabile e che alla sua condotta omissiva è riconducibile l’incidente. La solita Cassazione, dopo una serie di giudicati, ha stabilito che sussiste la responsabilità degli Enti preposti alla cura della fauna selvatica qualora non abbiano adottato misure idonee ad evitare danni. Non è quindi l’automobilista che deve dimostrare la responsabilità dell’Ente ma è l’Ente che deve dimostrare di non aver colpa avendo adottato tutte le cautele necessarie. In questo modo la palla è rimbalzata al singolo giudice di merito che di volta in volta, in base alla dinamica dei fatti ed alle prove prodotte dalle parti, valuterà la sussistenza o meno della responsabilità ed il consequenziale risarcimento danni.

Per cautelarsi non resta che pagare qualche euro in più ed estendere la R.C.A. auto ai danni causati dalla fauna selvatica e, quando è possibile e la richiesta trova accoglimento in relazione all’entità dell’infortunio, telefonare alle forze dell’ordine per i rilievi e quant’altro di loro competenza.

di Aldo Maturo
martedì 24 maggio 2011

Tratto da http://www.agoravox.it/

Category: .In Evidenza, Generale

Comments (10)

Trackback URL | Comments RSS Feed

Sites That Link to this Post

  1. Incidente con animali. Chi paga i danni? | U.R.C.A. Siena | 24 maggio 2011
  1. peppol@ scrive:

    io li farei pagare alla barra di rame

  2. fabrizio scrive:

    per assodata giurisprudenza in materia, i danni li paga la Provincia, oppure l’ ente parco, se il sinistro avviene nel territorio del parco………

    Fabrizio

  3. alessio bitossi scrive:

    se nella sfortuna dell’incidente, il cinghiale rimane lì, fate presto a portarlo a casa, se no ci rimettete anche quello :mrgreen: :mrgreen:

    • Giovanni Aiello scrive:

      Si come no Alessio, così il malcapitato si becca pure una bella sanzione 8O . Sai vero che si deve consegnare il selvatico abbattuto seppur accidentalmente entro 24 ore. In ogni caso oltre il danno pure la beffa della sanzione. Non credo valga la pena. So che magari lo dici scherzando, ma qua in prov, di Torino è già successa cosa simile e al malcapitato, oltre la sanzione, nessuno ha pagato il danno alla vettura. Quindi occhio alla penna :wink:

      • alessio bitossi scrive:

        no Giovanni, non scherzo affatto…mi sto allineando all’Italia e agli italiani.
        € 6150 di danni scenic renault distrutta, l’assicurazione non paga perchè il danno supera il valore della auto, la regione non paga, la provincia non paga, ma Alessio ha messo nel congelatore 4 porchetti e la scrofa…per la gioia degli amici vero Traica???

  4. El Tega scrive:

    Gli animali domestici sono sotto il controllo del proprietario, che ne risponde in toto.
    Gli animali selvatici sono proprietà indisponibile dello stato, ma solo quando serve….Sacramenti e
    imprecazioni per la macchina, ma il selvatico finisce nel bagagliaio. E amen. :twisted:

  5. Agostino scrive:

    Credo che quel segnale di pericolo con il capriolo stampato sia la piu’ grossa fregatura che il codice stradale possa dare agli automobilisti perchè grazie a questo segnale non vengono pagati eventuali danni causati da incidenti con animali selvatici.Posso capire gli animali da cortile che hanno un padrone e gironzolano intorno al casale, ma un animale selvatico è impossibile perchè potrebbe essere inseguito da un predatore quindi imprevedibile e non si fa in tempo neanche a toccare i freni ,e questo specie con i caprioli che sono i piu’ pericolosi per la loro altezza in quanto con l’urto finiscono sul parabrezza dell’auto causando i morti.Ma cosa si aspetta a far pagare i danni alle associazioni animal-ambientaliste e a tutti quelli che gli vanno dietro?

Leave a Reply


9 + = 18

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.