Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Campania: rappresentante ENCI negli ATC

| 31 marzo 2011 | 26 Comments

Protezione fauna selvatica, proposta di Daniela Nugnes

NAPOLI. L’Enci (Ente Nazionale Cinofilia Italiana) siederà di diritto, attraverso un suo rappresentante provinciale, all’interno dei comitati di gestione degli Atc (Ambito Territoriale Di Caccia) per meglio tutelare specie a rischio come la beccaccia.

BeccacciaQuesto è sostanzialmente il contenuto della proposta di modifica in seno alla legge regionale 8/96 “Norme per la protezione della fauna selvatica e disciplina dell’attività venatoria in campania” presentato dall’onorevole Daniela Nugnes, capogruppo vicario del Pdl in Regione Campania. La proposta dell’esponente di maggioranza tiene conto dell’esercizio dell’attività cinofila che, in aperta campagna, è riconducibile a tutti gli effetti ad attività sportiva e zootecnica. Infatti le zone cinofile deputate all’allenamento e all’addestramento dei cani, al pari di altre manifestazioni concernenti il settore, sono organizzate dall’Enci e da altre associazioni del settore. L’emendamento ha lo scopo di valorizzare il lavoro degli esperti dell’Enci che operano attraverso le prove cinofile o verifiche zootecniche tutelando specie a rischio come le beccaccia-

Secondo Nugnes “la modifica testuale del comma 4 dell’art. 36 consentirà di completare e migliorare le competenze in seno ad una commissione che attraverso l’Enci potrà avere una prospettiva diversa e meglio articolata rispetto al passato. Questa integrazione consentirà di realizzare un efficace strumento di censimento e monitoraggio per la conservazione della specie della beccaccia (scolopacide) nell’ambito della biodiversità”.

http://www.pupia.tv

Category: .In Evidenza, Campania

Comments (26)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Argo scrive:

    Cosa non si fa per occupare un posticino di sottogoverno. E le modalita per salvaguardare la beccaccia, quali sarebbero?

    Saluti
    Argo

  2. massimo scrive:

    Adesso sono più tranquillo l’ ENCI salverà la mia adorata beccaccia, voglio proprio vedere,
    questo strumento di censimento e monitoraggio, e poi è bello leggere tutelando specie a rischio
    come la beccaccia, con questa new entry finalmente gli ATC avranno la competenza per curare
    al meglio la situazione faunistica,monitorare,censire.
    MA MI FACCIA IL PIACERE !!!!!

  3. Giacomo scrive:

    Questa integrazione consentirà di realizzare un efficace strumento di censimento e monitoraggio per la conservazione della specie della beccaccia (scolopacide) nell’ambito della biodiversità”.
    —————————————————————————————————————–
    E questo cosa sta a significare ? Come avverra questo censimento e monitoraggio ? Se non ho capito male state dicendo che il monitoraggio lo farete con le gare cinofile a beccacce o mi sbaglio ?
    O volete dare la possibiità ai cacciatori di fare delle uscite solo con i cani in territorio libero almeno due volte alla settimana……… Bho !! Fateci capire bene cosa avete studiato di fare. Perchè fare monitoraggio alla beccaccia solo con le gare cinofile non serve a niente, serve solo a far spendere altri soldi agli ATC con l’ingresso dell’ENCI, con tutto il rispetto per l’ente cinofilo.Salutiaaamo

  4. Argo scrive:

    Caro Giacomo, questo sta a significare che dopo la fregatura dei parchi, ora tentano di sottrarti definitivamente la beccaccia con le scuse più banali. Per monitorare la beccaccia, vanno in giro per le stoppie con alani, volpini, pastori tedeschi e maremmani, nei mesi primavara/estivi, rilevano la mancanza degli scolopacidi e per la loro conservazione ne chiedono la chiusura alla caccia.
    Dai retta Giacomo, comprati la carabina e datti anche tu al tiro al bersaglio a caproni e pecore selvatiche, dopodiché ti rivolgi a Spring e gli chiedi scusa per tutte le cose brutte che gli hai detto. :mrgreen: :mrgreen:

    Saluti
    Argo

    • Giacomo scrive:

      Allora hai deciso di vedermi orizzontale ?…….. Argo ci sta uno che può battere il CAISER a dire cazzate……….. FUMAGALLO show, :mrgreen: si ritiene giustamente discendente dalla sua scuola ed ha superato il maestro…….. :P :P :P

      • Gino Melfi scrive:

        Per Argo ed il mio amico Giacomo. Voglio mettervi al corrente che la Regione Campania è già venuta fuori con una bozza di calendario venatorio 2011/2012 il quale prevede UDITE UDITE l’apertura della caccia a Quaglie dal primo ottobre e la chiusura della caccia alla beccaccia al 30 Dicembre.Evidentemente cerca forse nell’appoggio dell’enci per giustificare queste obbrobbrietà. Ci stiamo già muovendo Giacomo poi vi faccio sapere. Gino Melfi

        • Giacomo scrive:

          Gino ma cosa state muovendo ? Le mani o i piedi……….. :evil: non ti dimenticare di farci sapere…. Salutiamo.

  5. massimo scrive:

    Se continua così va a finire senza cercare troppi sotterfugi che apriranno la caccia dal 01 ottobre
    e chiuderà al 31 dicembre, con la benedizione dell’ ISPRA, questo ci aspetta.

  6. Donato Mazzenga scrive:

    Invece di prpoporre l’abolizione degli ATC quasti ne ampliano pure i membri :twisted: :twisted: !
    Fottetevi voi e il pdl….

  7. Donato Mazzenga scrive:

    CHE DISASTRO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • massimo scrive:

      Hai ragione Sig. Mazzenga ogni anno è peggio,ogni anno i presupposti per fare peggio ci sono sempre tutti, è si hai proprio ragione è un vero disastro, sotto gli occhi delle AA.VV, che non fanno assolutamente niente se non farsi la guerra.
      Buona giornata a tutti

  8. Donato Mazzenga scrive:

    rivoluzione, ribbelliamoci, nessuno paghi l’ATC!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  9. Gino Melfi scrive:

    Per Giacomo. Vorrei tanto muovere le mani, caro Giacomo, ma a modo mio. Per il momento cerco di muovere quello che ho nella testa. Gino Melfi

  10. renzo scrive:

    Per tutelare specie a rischio ( siamo sicuri che lo sia ? ) come la Beccaccia :

    VIETATENE LE STRAGI ALL’ESTERO ! VIETATENE LE STRAGI ALL’ESTERO ! VIETATENE LE STRAGI ALL’ESTERO ! VIETATENE LE STRAGI ALL’ESTERO ! VIETATENE LE STRAGI ALL’ESTERO ! VIETATENE LE STRAGI ALL’ESTERO ! VIETATENE LE STRAGI ALL’ESTERO ! :twisted: :twisted:

    • massimo scrive:

      Sacrosanto Renzo, ma ci sono troppi interessi e ogni nazione è sovrana nel proprio territorio,
      e legifera come gli pare, e visto che cè un bel giro di euro, i paesi dell’est cercano di fare cassa,
      autorizzando stragi, ma la mia domanda è Renzo, ma quelli che scrivono sulle riviste che vanno in televisione e parlano di beccacce, così come tutti quei cacciatori che fanno viaggi all’estero in quasi tutti i periodi dell’anno compiendo vere stragi posta compresa, come li definiresti ?
      Cordialità

    • Springer scrive:

      Renzo ……. guarda che all’ estero di ” strage ” ne fanno poca .
      Puo’ sembrare sia cosi’ se si fa un’ analisa approssimativa del fenomeno , perche’ il cacciatore che li si reca ne incontra tante ( ma non le cattura tutte ) e fa mediamente buoni carnieri giornalieri . Ma quanti sono i cacciatori che cacciano all’ estero ?? E quante sono le Beccacce che ” cadono ” all’ estero per mano di cacciatori giunti da altre Nazioni ??
      Sicuramente una parte trascurabile del carniere complessivo fatto dai cacciatori di Francia – Italia – Spagna su tutte .
      E’ a rischio ?? Sembrerebbe di si . Sicuramente merita un’ attenta gestione , visto che nel complesso e’ una delle specie migratrici piu’ cacciate in assoluto e vede aumentare costantemente la pressione venatoria a suo carico . E che in Francia dove la studiano seriamente e da decenni , il carniere pro capite complessivamente diminuisce di anno in anno . Questo e’ gia’ un campanello di allarme che deve far prendere provvedimenti adeguati prima di esser costretti a dover accettarne di forzati .

      • massimo scrive:

        Sono d’accordo springer, ma comunque con la complicità di alcune situazioni meterologiche avverse, neve e ghiaccio, ci sono forti concentrazioni in poche
        valli, e li si compiono vere e proprie stragi con carnieri che non hanno niente
        di caccia o di etica, questo succede in primis Montenegro, Albania, Croazia,
        Bulgaria, Romania, etc. E poi non dimentichiamoci che questi viaggi si protraggono da settembre ad Aprile, non sarà la causa principale ma di sicuro
        sulla popolazione beccaccia incide non poco. Per i carnieri springer purtroppo
        non è solo la Francia a vedersi contrarre il numero degli abbattimenti, ma ahimè
        anche noi comuni mortali italiani, la pressione aumenta di anno in anno e il numero delle beccacce diminuisce, ci vorrebbero delle leggi specifiche per la tutela di questa preziosa specie, ma se l’elenco ti assicuro che arrivano altri
        100 commenti che accusano di tutto e di più
        Cordiali saluti

  11. Peter scrive:

    Ma scusate se l’ENCI si occupa di cinofilia e basta che cosa ci azzecca con la salvaguardia della beccaccia? Scuse solo e unicamente scuse per l’elargizione di poltrone e prebende varie. Ma che schifo, si può andare avanti in questa maniera?. Fate venire il voltastomaco. :x :x :x :x :x :x :x :x :x :x

  12. salvatore scrive:

    Amici ci dobbiamo svegliare ….qui ci prendono per i fondelli a tutti noi ,ribbeliamoci come in libia a che succede succede…. :twisted: :twisted: :twisted: :twisted:

  13. livio scrive:

    incominciamo a far prendere paura qualcuno e poi vi faccio vedere come tolgono dai parchi regionali del 5 % come scritto in una bozza ed prolungare la caccia fino il 10 febbraio noi dipendiamo da loro quindi se no gli diamo 1questi benedetti soldi di ogni sapete a quanti politici gli brucerà il culo oltre i caccia e pesca e roba varia :evil: :evil: :wink:

  14. Nello scrive:

    ma come e possibile che ogni tanto vi è qualcuno che si veste di panni di protezionismo venatorio pensando di proteggere specie che sono uniche per la loro caccia , e che solo in questa italia vorremmo vietare , come si assiste ogni anno alla riduzione dei capi prelevabili e al numero di giornate consentite per cacciarli come sta succededo in campania per la quaglia volendola far cacciare dal primo ottobre ,quando poi sappiamo che da prelievi per inanellamento fatti sulle coste pugliesi e del catanzarese la specie non e in diminuzione ma è costante nell’arco di 10 anni a questa parte.da amici sparsi in tutta italia ed isole la beccaccia quest ‘anno e stata copiosa come passaggio e svernamenti mi riferisco alla sicilia e sardegna dove al giorno si sono fatti anche 10 incontri . se volete chiuderla la caccia fatelo perche la gente si è stufata ed anche rotta visto gli ultimi sviluppi della politica dove tanti come me anno pensato di dare il loro voto a qualcuno che li seguisse ,ma la risultante vedi pdl si rivoltata contro come la prestigiacomo e la brambilla – è voluta la scritta in minuscolo perche questo meritano l’unico problema in italia sono le associazzioni venatorie che pensano sono al fatto assicurativo e non ad unificare i cacciatori come qualcuno sta’ tentando di fare. quindi per chi avesse votato questi scaldasedie con sipendi d’oro meditate gente.

Leave a Reply


3 + 6 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.