Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Pontedera (Pisa): i piccioni non si toccano

| 10 gennaio 2011 | 10 Comments

“I piccioni non si toccano”. Tar boccia l’abbattimento
Illegittima l’ordinanza del sindaco: autorizzava l’eliminazione a fucilate

piccionePontedera, 8 gennaio 2011 – I PICCIONI possono tirare un sospiro di sollievo: l’ordinanza del sindaco di Pontedera che ne prevedeva l’abbattimento a fucilate è stata bocciata dalla seconda sezione del Tar di Firenze. I giudici hanno infatti accolto il ricorso presentato dall’avvocato Valentina Stefutti, per conto della Lav contro il Comune e l’Arcicaccia. In discussione l’ordinanza del 30 maggio 2008 in cui si prevedeva d’urgenza un «intervento speciale di contenimento dei piccioni terraioli nei fondi agricoli» in quanto riprodottisi in maniera incontrollata per mancanza di predatori naturali.

I conduttori agricoli — in base al provvedimento del sindaco — avrebbero dovuto avvalersi in primo luogo di sistemi non cruenti di allontanamento o, nel caso di comprovata inefficacia di tali misure, mediante abbattimento. A fronte del ricorso della Lav il Tar ne aveva bloccato l’esecutività dell’ordinanza ai primi di settembre del 2008.
IL TRIBUNALE Amministrativo Regionale ha rilevato come la procedura preveda l’utilizzo di metodi ecologici con parere obbligatorio dell’Istituto nazionale della fauna selvatica in caso di inefficacia. Poi le Regioni possono anche autorizzare piani di abbattimento avvalendosi delle guardie venatorie, forestali e municipali o dei proprietari del terreni purché fornite di regolare licenza venatoria.

L’AMMINISTRAZIONE comunale ha invece proceduto senza il parere previsto. Il sindaco poi non poteva adottare l’ordinanza urgente in quanto questa serve solo per prevenire e eliminare gravi pericoli che possano minacciare l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana; le esigenze di protezione delle produzioni agricole non sono neppure lontanamente assimilabili all’ambito della sanità o dell’incolumità pubblica.

di ALBERTO GAVAZZENI

http://www.lanazione.it

Category: .In Evidenza, Generale, Toscana

Comments (10)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Rudi4x4 scrive:

    Ancora con ste cose…..
    ma la smettiamo di fare gli spazzini……inoltre ci becchiamo anche le ire di tutti!!!
    Che si arrangino le associazioni animaliste a sistemare i piccioni……..!!!

    I ricorsi vengono fatti non per l’abbattimento del volatile………ma perchè loro perdono soldini freschi…mica per altro….

  2. mari scrive:

    Al Tar posso suggerire io un abbattimento non cruento e altamente ecologico…… E’ IL FAMOSO SUGGERIMENTO DEI NOSTRRI ANTENATI……. METTETEGLI IL FAMOSO …SALE SULLA CODA……….
    VEDRETE MORIRANNO TUTTI IN TEMPO DI UN GIORNO…………..
    SE QUESTA E’ LA LUNGIMIRANZA DEI NOSTRI GIUDICI DEL TAR, IN TOSCANA SIAMO A POSTO||||||||||||||||
    :lol: :lol:

    • dardo scrive:

      i giudici italiani bocciano un opera utile di contenimento ed approvano scarcerazioni di delinquenti efferati, che vuoi se uccidi ottanta persone sei un eroe, se abbatti due piccioni sei un delinquente, questo è il piccolo paesino in cui viviamo.

  3. renzo scrive:

    CHIEDO AIUTO !
    Chiedo aiuto a qualcuno che può darmi o suggerirmi soluzioni valide.
    Provvederò a suffragare la mia domanda con foto che invierò ( con consenso, naturalmente, ) privatamente a chiunque pottesse aiutarmi.
    Dove lavoro ,siamo lettralmente invasi dai piccioni, finche volano ,mafari fanno anche compagnia, peccato che il loro guano corrosivo e maleodorante , nonche pericoloso per la salute, LETTERALMENTE, copre attrezzature, mezzi, banchi da lavoro e “”schiene e spalle “” degli operatori esasperati.
    Prima di incorrere ad azioni puramente venatorie e sicuramente fuori legge , che metodo potremmo usare per allontanarli? Anche se non definitivamente ( mi pare impossibile ) almeno per tempi abbastanza lunghi; in maniera che ripetendo l’azione varie volte gli stessi volatili vengono ad aborrire tale sito ?
    Non si tengono in considerazione metodi quali : Falchi addestrati, suoni fastidiosi ed inutili , mangimi pericolosi anche per altri animali …( gabbiani passeri e quant’altro ….. )

    Non è una battuta ironica … posso documentare tutto . Posso portare testimonianze visive .
    Grazie

    • Rudi4x4 scrive:

      Hai pienamente ragione….
      ma i Verdastri non si arrabbiano per li abbatti …..ma perche se intervengono i cacciatori loro perdono i contributi dai comuni………e senza soldini come fanno a mantenere i loro carrozzoni????????? :cry:

  4. Giusti Giacomo scrive:

    Anche se i piccioni sarebbero specie cacciabile per l’Italia!

  5. Bekea scrive:

    A Vicenza l’amministrazione di sinistra spenderà 100 mila euro in tre anni per allontanare i piccioni dal centro verso la periferia con l’impiego dei falchi :?: :?: :?: . I Comuni confinanti con la città si vedono bocciare dal TAR le delibere che consentivano gli abbattimenti dei colombi in periodo di caccia. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: anche qui siamo inItaglia ( Fiore docet )

  6. enrica scrive:

    salve, noi da tempo lavoriamo in aziende e centri storici per l’allontanamento volatili nocivi con i falchi! si chiama Bird Control ed è l’unico sistema ad impatto zero FUNZIONANTE che esista. Molti falconieri sono presenti in aereoporti, centri storici, aziende agricole e dove occorre. Utilizziamo rapaci addestrati a spaventare senza uccidere nè far del male alla specie infestante. Si ricorre semplicemente all’istinto primordiale di sopravvivenza. é l’unica soluzione…ormai i piccioni si sono adattati ad ogni situazione….se non hai falchi! :wink:

    • Giacomo scrive:

      Utilizziamo rapaci addestrati a spaventare senza uccidere nè far del male alla specie infestante. Si ricorre semplicemente all’istinto primordiale di sopravvivenza.
      ——————————————————————————————————————
      Cara Enrica se una specie è infestante bisogna ridurla ad un numero ottimale, non scacciandoli solamente per poi farli ritornare…… Così il ciclo si ripete e la spesa pure, che viene sommata alle tasse che i cittadini già pagano.
      E poi…….. credi che il cacciatore rispetto ai falchi non ha l’istinto di sopravvivenza ? In questo caso, per non affogare sotto la -popò- ( se non Daniele mi banna ) dei colombi ? :| Salutiamo

Leave a Reply


5 + = 9

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.