Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Terni: gennaio, caccia da appostanemnto

| 5 gennaio 2011 | 33 Comments

TERNI: CACCIA IN TUTTA LA PROVINCIA DA APPOSTAMENTO FISSO O TEMPORANEO

(NewTuscia) – TERNI – La giunta provinciale di Terni ha approvato la delibera che dispone la possibilità di cacciare su tutto il territorio della provincia di Terni dal 1° al 31 gennaio da appostamento fisso o temporaneo. A tale appostamento si dovrà accedere con fucile smontato o in custodia. Per lo stesso periodo la caccia vagante con l’utilizzo di cani è permessa per la beccaccia, i palmipedi rallidi e i trampolieri all’interno delle superficie boscate e le zone palustri, lungo il Tevere, il Paglia, il Fiora, il Marta, il Mignone, l’Arrone, il Tafone e il Biedano. La caccia è consentita anche in laghi non oltre i 50 metri dal limite delle acque.

Per quanto riguarda la caccia al cinghiale si può eseguire nelle zone assegnate, mentre per la volpe in battuta occorre rispettare le prescrizioni del calendario venatorio. L’uso del cane negli appostamenti fissi è autorizzato per il recupero della selvaggina sotto il diretto controllo del proprietario entro un raggio di 150 metri dall’appostamento stesso. L’amministrazione ricorda inoltre che, secondo quanto stabilito dal calendario venatorio fino al 20 gennaio si possono cacciare le seguenti specie migratorie: alzavola, canapiglia, cesena, codone, fischione, germano reale, marzaiola, mestolone, moretta, moriglione, tordo bottaccio, tordo sassello e beccaccia

05/01/2011

http://www.newtuscia.it

Category: .In Evidenza, Umbria

Comments (33)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. lucas scrive:

    E così, senza tanto clamore, piano piano, anche il mese di gennaio, venatoriamente parlando, lo stanno passando al mondo dei ricordi, come prima era successo ad agosto, a marzo, a febbraio.
    Però mi raccomando: tutti a rinnovare la licenza, nonostante tutto! :mrgreen:

    • Alessandro Cannas scrive:

      Lucas lo sapevi….Vi avevo avvertiti oltre 13 mesi fa’ quello che sarebbe successo nel tempo..Sapete benissimo chi ringraziare..Ricordatevelo nel futuro……Quest’anno festeggio i miei 30 anni di licenze,con un po’ di amarezza,nel ricordo dei tempi che ho vissuto,di cio’ che abbiamo perso…..Di cio che perderemo ancora…..Lucas non e’ finita qui, credimi……Ultimamente mi sto soffermando sempre piu’ spesso su l’ipotesi di non rinnovare piu’ la licenza di caccia,non perche’ abbia perso la passione.Si e’ scatenato un sentimento diverso nei confronti della selvaggina che prendo,ci penso,ma povere bestie alla fine che mi hanno fatto,perche’ devo ucciderle,certo mi giustifco, le mangio,son il frutto della natura..Ma perche’ oggi dopo 30 anni mi sta invadendo questo sentimento? Lucas e guarda che di animali ne ho uccissi tanti, ma tanti che neanche ti immaggini , mi capita, e sempre piu’ spesso, di non sparare piu’, li guardo volare liberi,ho ragiunto lo scopo,quando li faccio arrivare sugli stampi..Mi Basta gia’ li ho vinto…Se sparo,lo faccio solo perche’ non sono solo e sto con amici che hanno diritto di cacciare, mi piacerebbe e mi affascina la caccia fotografica l’osservazione….Ne stavo parlando ieri con mia moglie,che ha sgranato le orbite, non credendo alle sue orecchie…..Ha sorriso, e mi ha detto ;quello che deciderei e’ giusto..Ma tanto non ci credo!

      • massimo zaratin scrive:

        Non preoccuparti…è solo l’età! :D

        • Alessandro Cannas scrive:

          Nessuna preoccupazione,stavo solo salutandovi,ma con l’impegno di leggervi ogni tanto…E di intervenire, nel futuro per salutarvi….E magari,se vi fara’ piacere,interpretarvi alcune leggi future….

        • massimo zaratin scrive:

          Hey…sei stato pure tu “vampirizzato” dall’ambientalismo tradizionale ed ora ragioni come loro?

        • Roberto Traica scrive:

          Alessandro , smetti di assumere farmaci scaduti. Le cene al lume di candela fanno bere più del solito. le feste si fanno tirando tardi e non si è più lucidi. Per cui pensaci . :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: Amici aiutatemi a recuperare il mio amico Alessandro. :roll: 8O Avete qualche :idea:

        • Alessandro Cannas scrive:

          Il cacciatore e’ sempre il primo ambientalista,ama la natura nella sua piu’ intima espressione,compresa la morte.
          Ma si arriva a un punto della vita, la cui riflessione e’ d’obbligo , sulla non piu’ necessita di uccidere,ma di guardare la cosa sotto un altra prospettiva,quella del ripristino ambientale della conservazione,dell’osservazione diretta della fauna nel suo ambiente naturale.No, penso sempre da cacciatore,ma da cacciatore che non uccidera’ piu’ ma si limitera’ solo ad osservare gli animali,faro tese disarmate,anzi, armato solo di cinepresa.Accompagnero sempre amici a caccia,staro nel capanno con loro,faro per loro le tese,ma non sparero’ piu’….Sara’ bello lo stesso osservare le anatre che mi calano e vanno via illese,o al massimo sparate da qualche amico, a cui donero la giornata di predazione……Poi sto collaborando con un amico della Lipu al ripristino di una palude loro,piu’ collaborero con loro a determinate relazioni sull’impatto della caccia su l’avifauna migratrice nel periodo autunnale,e su eventuali startegie per limitarne l’impatto piu’ devastante,con lo scopo di conservare il piu’ a lungo possibile il capitale fruibile venatoriamente parlando.Ovvio saro’ imparziale,ho sempre l’anima del cacciatore.

        • massimo zaratin scrive:

          Non ci credo neanche se questa notte me lo dicessero i re magi in persona. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

        • Roberto Traica scrive:

          Aiutatelooooooooooooo :roll: :roll:

        • Alessandro Cannas scrive:

          Cor casso che smetto…….HAAAA belli……………HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

        • massimo zaratin scrive:

          Guarda che non ti ho creduto fin dal primo momento perchè ti conosco di persona…tuttavia quello che hai detto non è molto diverso da quello che professa la tua associazione :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

        • Alessandro Cannas scrive:

          He ma, la certezza non l’avevi…. E comunque l’Arcicaccia,non ha mai avuto e non ha intenzioni di limitare nulla sulla migratoria,si puo affermare che voglia mantenere la 157 si, ma non vuole la pena e castigo di nessuno, anzi…

        • Fromboliere scrive:

          Sarà necessario l’esorcista? consiglio padre Amorth

      • fedeli massimo scrive:

        8O :?: :D

        • Roberto Traica scrive:

          Grazie amici per l’aiuto che avete dato per Alessandro. :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: Ma chi te credeva a belloooo. :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

    • cele scrive:

      non si può nemmeno dire che sia favorevole alla migratoria in deroga…si la solita zuppa..che fa cacciare moltissimi cacciatori specialmente al nord e che purtroppo farà smettere x davvero molti e quelli giovani preferiscono nemmeno avvicinarsi… la Comunitaria bisognerebbe dirla x intero…chi l’ha proposta,chi della stessa maggioranza ha voluto restrizioni e chi raccoglie elettori cacciatori dell’opposizione sapendo che nelle Aule ci osteggiano in qualsiasi modo….x il resto Cannas anche a me piace fotografare…i carnieri (x la verità scarni se confrontati con i colleghi che cacciano oltre i nostri confini)

  2. Stefano Tacconi scrive:

    Notizie inesatte e se il giornalista avesse avuto l’accortezza di leggere il calendario venatorio dell’Umbria, avrebbe scritto:
    -nel periodo compreso tra il 1 ed il 31 gennaio la CACCIA ALLA SELVAGGINA MIGRATORIA è consentita esclusivamente da appostamento fisso o temporaneo con o senza l’ausilio del cane.
    Nessun obbligo quindi di smontare o detenere il fucile in custodia per accedere negli appostamenti, ma solo il divieto di abbattere al di fuori degli stessi Colombaccio, Tordo bottaccio, Tordo Sassello e Cesena, pena la sanzione di “caccia vagante a specie non consentite”.
    Corretta la notizia della possibilità di caccia con uso del cane nelle zone indicate a Beccaccia, Anatidi, Rallidi e Trampolieri.
    Sull’ipotetica possibilità di cacciare FINO AL 20 GENNAIO le specie indicate dall’articolo, ho il timore che al giornalista sia SCOPPIATO UN PETARDO IN MANO la notte di Capodanno…la caccia in Umbria, alle specie indicate dal calendario venatorio, chiude il 31 GENNAIO 2011.

    • Alessandro Cannas scrive:

      Tacco’ senti la giunta provinciale di Terni,che puo’ aver deliberato maniera diversa, e piu’ restrittiva da quella Regionale,la Notizia e’ di stamani…..

      • Stefano Tacconi scrive:

        L’articolo su newtuscia.it è l’esatta riproposizione di quello su tuttooggi.it, relativo alle norme in vigore nella Provincia di Viterbo, ragion per cui il petardo scoppiato al giornalista era sicuramente vicino alla testa.
        I fiumi e i torrenti citati sono nel viterbese, ma la cannabis è reperibile dappertutto…chissà quale avrà fumato il redattore!!!

        • fabio scrive:

          il giornalaio ha copiato di sana pianta le dichiarazioni dell’assessore Viterbese, possiamo andare avanti cosi?

  3. ilio scrive:

    Ma chi è l’analfabeta che ha scritto questa cialtronata. Cosa centra Terni (Umbria)con questi fiumi elencati. Tevere e Paglia ci può anche stare, ma i restanti fiumi sono tutti laziali e scorrono nel Lazio.
    La notizia è apparsa sul sito Tutto Oggi.info, sul portale della Provincia non si ha traccia di nessuna comunicazione in merito

    • lucas scrive:

      Si sono talmente sbrigati a copiare l’ennesima restrizione proveniente dal Lazio che, nella fretta, hanno copiato anche il nome dei fiumi. :mrgreen:

  4. Credo che, a questo punto, la Provincia di Terni debba fare chiarezza e…forse anche qualcosa di più !!!
    diego.

  5. fabio scrive:

    il calendario parla chiaro, 31 gennaio ma tranquilli che il prossimo anno troveremo scritto 20 gennaio come nel Lazio, anzi penso che lo scriveranno insieme.

  6. PULCINI FABIO scrive:

    COME SI FA SOPPERTARE TUTTO QUESTO, DOVEVANO ALLUNGARLA DI 10 GIORNI, DOVEVANO MIGLIORARLA, NON CI DOVEVANO ESSERE RESTRINGIMENTI, INVECE DI ANNO TOLTO 10 GIORNI PER UNO COME ME CHE FA SOLTANTO LA CACCIA AI TORDI. COMPLIMENTI ANDIAMO AVANTI COSI’ :cry:

  7. fioravanti fra scrive:

    le norme citate nell’articolo sono valide per i cacciatori umbri che svolgono l’esercizio venatorio nel Lazio. è sbagliato il titolo dell’articolo.

  8. “La giunta provinciale di Terni ha approvato la delibera che dispone la possibilità di cacciare su tutto il territorio provinciale dal 1° al 31 gennaio da appostamento fisso o temporaneo”. “PER LO STESSO PERIODO la caccia vagante con l’utilizzo di cani è permessa per la beccaccia”,ecc.ecc. “L’amministrazione ricorda inoltre che, secondo quanto stabilito dal calendario venatorio FINO AL 20 GENNAIO si possono cacciare le seguenti specie migratorie: alzavola, canapiglia, cesena, codone, fischione, germano reale, marzaiola, mestolone, moretta, moriglione, tordo bottaccio, tordo sassello e BECCACCIA”. ORA IO MI DOMANDO: MA L’ASSESSORE FILIPPO BECO, PRIMA DI DARE ALLA STAMPA LA DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE, HA PROVATO A RILEGGERLA? Perchè a me sembrerebbe che la beccaccia nella parte iniziale della delibera sia possibile cacciarla dal 1° al 31 GENNAIO, mentre nella parte finale della stessa delibera la data di chiusura indicata à quella del 20 GENNAIO. ALLORA, CARO ASSESSORE, VOGLIAMO CHIARIRE DICENDO QUAL’E’ QUELLA GIUSTA? grazie.
    P.S.: anche perchè, come ricordava l’amico Stefano Tacconi, il calendario venatorio regionale umbro, per la beccaccia, indica la data di chiusura al 31 gennaio 2011.

    • Alessandro Cannas scrive:

      Diego,io non ho la delibera di Terni,a ma da cio’ che leggo dal tuo scritto si interpreta cosi a mio avviso,che nelle premesse della delibera si citi il calendario regionale e del tutto ininfluente, ma propedeudico giuridicamente nell’atto,ma nelle conclusioni finali, ovvero nella delibera, la provincia attua un sistema diverso di chiusura e modulazione della caccia da cio’ che ha stabilito la regione.

  9. Alessandro, potrebbe anche essere come tu dici ma, secondo te, la delibera della Giunta provinciale è talmente chiara ed inequivocabile da non indurre all’errore il cacciatore? A mio modo di vedere il dubbio c’è ed è grosso come una casa, peccato che in provincia,almeno fino a questo momento, non se ne siano accorti. Sono d’accordo con te sulla potestà decisionale della Amministrazione provinciale in materia di RESTRIZIONI al calendario venatorio regionale ma, a maggior ragione, credo che la Provincia, nella fattispecie, debba fare chiarezza e subito.
    Cordialmente.
    diego.

    • Alessandro Cannas scrive:

      Diego,io ho interpretatto cio’ che hai scritto,e da cio’ che hai scritto io ritengo(posso anche sbagliare non avendola letta) che la provincia di terni ha deliberato in questa direzione,le premesse della delibera servono ad arrivare alla delibera stessa, che e’ sempre o spesso diversa dalle premesse,e impone un regime diverso.Ovvio che non tutti siano in grado di compendere un atto amministrativo,di per se complesso per chi non conosce la materia giuridica della P.A.Ma se hai tempo potresti postarla e leggiamo cosa indica nel dettaglio.

  10. Alessandro, da notizie ufficiose appena attinte in ambienti ternani, sembrerebbe addirittura che la provincia di Terni non abbia mai preso quella Delibera che, invece, questo si, è stata approvata e diffusa dalla giunta provinciale di Viterbo. Stando così le cose, la provincia di Terni che cosa aspetta per fare chiarezza, visto e considerato che il comunicato è stato confezionato e diffuso dal suo Ufficio stampa ? Booooo!!!!! Mistero!!!!
    P.S.: la delibera non te la posso postare semplicemente perchè non esiste o, almeno, così sembra!!!
    diego.

  11. piccioni giulio scrive:

    Il comunicato stampa della provincia di Terni è stato riportato erroneamente come modalità di caccia nel territorio ternano invece della provincia di Viterbo a cui si riferiva, nell’intento di fare informazione si è ingenerata maggiore confusione; pertanto da me stesso è stata chiesta smentita a chiarimento all’ente provinciale, ma essendomi accorto che a tutt’oggi ancora non è stata pubblicata mi sono inserito,salutando gli amici intervenuti,con un cordiale in bocca al lupo per quello che resta,grazie Diego,ciao Stefano,… evidentemente le notizie brutte sono più veloci di quelle buone, come già da altri ricordato a Terni si va a caccia fino al 31 genn. 2011 con il vigente :-) calendario venatorio dell’Umbria,il presidente di Federcaccia di Terni

  12. Caro Giulio, nel contraccambiare un caloroso in bocca al lupo per ….la stagione che resta e per quella a venire, ti ringrazio per avere fatto chiarezza sulla data di chiusura della caccia, surrogando l’azione di chi avrebbe dovuto farlo immediatamente e non lo ha fatto.
    Grazie ancora, un forte abbraccio.
    diego.

Leave a Reply


8 + = 14

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.