Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Chi paga l’elicottero della Brambilla?

| 9 novembre 2010 | 20 Comments

VOLI DI STATO: SENATORI PD, CHI PAGA L’ELICOTTERO DELLA BRAMBILLA?

brambilla2(ASCA) – Roma, 9 nov – ”Quando c’e’ da inaugurare un campo da golf o da andare a Rimini ad incontrare i propri supporters il Ministro Brambilla evidentemente non ha tempo da perdere e gradisce il comodo utilizzo di un elicottero dei carabinieri, partendo direttamente da dietro casa sua.

Se questi episodi, riportati oggi dagli organi di stampa, corrispondono al vero, ci chiediamo chi paghi le scampagnate in elicottero del ministro del Turismo”. Lo dichiarano i senatori del Pd Roberto Della Seta e Francesco Ferrante, che hanno presentato in merito un’interrogazione parlamentare al presidente del Consiglio.

”C’e’ una direttiva del 2008 che fissa dei paletti ben precisi all’utilizzo dei cosiddetti voli di stato, ovvero – continuano i senatori del Pd – devono esserci comprovate ed inderogabili esigenze di trasferimento connesse all’efficace esercizio delle funzioni istituzionali, e soprattutto che non devono essere disponibili voli di linea ne’ altre modalita’ di trasporto. Se per percorrere tragitti che richiederebbero solo un paio d’ore di auto il Ministro preferisce utilizzare l’elicottero non stupisce che il budget del 2009 del ministero destinato ai trasferimenti sia stato clamorosamente sforato, passando dai 27 mila euro previsti alla ragguardevole cifra di 157mila euro‘.

”Attendiamo di sapere nel dettaglio quanti siano stati i voli con l’elicottero dei carabinieri del ministro Brambilla, consapevoli tuttavia – concludono Ferrante e Della Seta – che gli spostamenti sono stati sicuramente approvati direttamente dall’ufficio voli della Presidenza del Consiglio, e di conseguenza pagati dai contribuenti italiani”.

red-njb/mcc/ss

http://www.asca.it

Category: .In Evidenza, Generale

Comments (20)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Capitano scrive:

    Speriamo ancora per poco :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil:

  2. ilio scrive:

    Buon sangue non mente Pecoraro docet

  3. Mario Bartoccini scrive:

    Amici Cacciatori, abbiamo trovato alleati insperati nel mettere a nudo le “porcherie” di chi crede di avere il mondo in mano e, di conseguenza, librarsi ipocritamente ad insultare ed offendere i cittadini italiani che hanno i maggiori controlli sull’effettiva qualità sostanziale.

    Della Seta e Ferrante, attualmente PD, provengono dalla “pattuglia” verde ed i loro giudizi sulla caccia sono uguali a quelli dei governanti attuali: Brambilla docet.

    L’odio alimentato contro la caccia è ingiusto ed antiscientifico, perchè la fauna cresciuta allo stato naturale ha grandi qualità organolettiche, viste anche le potenzialità riproduttive.

    L’elicottero? speriamo si comporti sempre bene come come la minestra!

  4. gianni scrive:

    Tanta GENTE non riesce ad arrivare a fine mese e QUESTA SPERPERA i soldi dei CONTRIBUENTI (anche cacciatori). VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA.

  5. mauro andrea giuseppe scrive:

    Chi paga???
    NOI! semplice vero?

    • Pietro scrive:

      Ma chi vuoi che paghi , Mauro, sempre “pantalone” la prende in saccoccia, ergo……………….Saluti.

      • mauro andrea giuseppe scrive:

        ergo…… NOI.
        Meglio non pensarci altrimenti la rabbia sale, pensa che il carburante poteva essere utilizzato per eseguire voli alla ricerca di discariche abusive e distruzioni forestali, invece…
        Purtroppo in un mondo basato sull’immagine per un corpo di polizia è meglio farsi vedere con un ministro a bordo…senza nulla togliere all’operato dei nostri ragazzi dei Carabinieri, (decidono le alte sfere).

  6. ilio scrive:

    Facebook.
    Brambilla, ministro senza portafoglio ma spende 24 volte più del budget

    Un sito internet da 8 milioni di euro, l’ultimo spreco del ministro Brambilla. Il budget per il ministero del Turismo inizialmente era stato fissato a 642.960 euro. Ha speso 15,5miloni di euro. Tra questi 8,6 per il portale italia.it

    È l’anno del turismo. Almeno per la Presidenza del Consiglio dei ministri che, nei mesi della crisi finanziaria internazionale, ha deciso l’8 maggio 2009 di creare un ministero ad hoc, farlo gestire a Michela Vittoria Brambilla, e rivedere le proprie previsioni di spesa: dagli iniziali 642.960 euro fissati con Tremonti, ai 15 milioni e mezzo finali, con un aumento di 14.892.052. Un vero e proprio successo per un ministro “senza portafoglio”. Tra le voci più interessanti per il solo “funzionamento” ci sono i 378.360 euro spesi per il solo trasporto in Italia e all’estero del ministro e dei responsabili del dicastero da maggio a dicembre (già più di metà del budget iniziale complessivo, e quattro volte gli 88.360 euro previsti), i 3 milioni di euro per “iniziative di rilancio dell’immagine dell’Italia” e i 2 milioni e 900mila susseguenti per la “struttura di missione per il rilancio dell’immagine dell’Italia”. A questi si aggiungono i 75mila euro per il funzionamento “della segreteria permanente del comitato mondiale per l’etica del turismo”, i 72.652,93 euro per uffici e interpreti, i 22mila euro per le “spese di rappresentanza” e gli 85mila per “esperti e incarichi speciali, ivi comprese le indennità e il rimborso spese di trasporto”.

    La cifra maggiore, però, parliamo di 8 milioni e 600mila euro, è quella pagata per la resurrezione del sito http://www.italia.it, portale del Turismo, già inaugurato da Lucio Stanca con un investimento faraonico di 45 milioni di euro, e immediata pioggia di polemiche, e chiuso l’anno seguente da Francesco Rutelli (all’epoca ministro ai Beni Culturali), che pure aveva provato a rilanciarlo da par suo, per l’evidente scarso rapporto tra costo e benefici. La nuova e dispendiosa vita di italia.it, portale che la rete non ama, collocandolo al posto 4562 del rank italiano e al 184.594 di quello internazionale, ben al di sotto dei portali turistici degli altri paesi e anche, sia detto, del sito http://www.enit.it, non sembra giustificarsi con il proprio contenuto. Anche perchè le quattro informazioni “turistiche” che fornisce si limitano a un “cosa vedere”, “cosa fare” e “cosa assaggiare”, senza dar conto, ad esempio, di “dove dormire” (sul sito dell’Enit ovviamente presente). A volte, inoltre, l’informazione si limita a qualcosa di meno che una cartolina. Imbarazzante, ad esempio, la voce dedicata allo “shopping in Italia”: dopo aver segnalato la presenza di via Condotti a Roma e via Montenapoleone a Milano, afferma, sprezzante del ridicolo “andare a fare shopping in Italia non significa soltanto negozi e boutique: esistono più di 3700 outlet e spacci aziendali”. E il sottotesto è: andateveli a cercare. Oltre al sito “fratello” dell’Enit (decisamente meglio costruito) , d’altronde, italia.it può contare anche su innumerevoli portali messi su da regioni, enti locali ed enti per il turismo territoriali. Il risultato è una inutile somma di informazioni che spesso non dialogano nemmeno tra loro. In fondo, però, non di soli siti internet si vive. Perché, se 15 milioni è la spesa per il solo funzionamento del dicastero, la spesa complessiva del ministero del Turismo quest’anno è costata alle casse dello Stato 189.611.361,56 euro, con una variazione complessiva rispetto alle previsioni di circa 113 milioni di euro.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/06/25/turismo-brambilla-in-rosso-di-15-milioni/

  7. francesco scrive:

    RIVOGLIO I MIEI SOLDI :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil:

  8. henri (radere igor) scrive:

    yo pago io. e che ca/vo/…zo, una non può neppure farsi un giretto che yè stanno a rompere i maroni. Della Seta, chi te paga i rostesei che te magni. Veneziano?

  9. fiore scrive:

    c’ho piacere!!! vai brambi fai quello che sai fare!!! a tutto gas.. fai bene ti c’hanno messo e ora sfrutta la situazione …… FINCHE’ PUOI……

  10. Giovanni59 scrive:

    Sig. Daniele amm. del forum, questa foto fa vomitare, potrebbe ella avere un pò di pietà x noialtri??? :wink: :wink:

  11. Sololasipe scrive:

    Senza trucco potrebbe far volar via tutti gli storni da Roma… :idea: :oops: :oops: :oops: :mrgreen:

  12. Luca p. scrive:

    ma porcazzozza e mai possibile che tutti si lamentano di lei ma nessuno fa un ca@@o di concreto!!…

  13. dardo scrive:

    ma non avete visto striscia ? I nostri parlamentari ministri ecc. vanno a vedere la partita con l’auto blu e ne sono passate 60, la Brambillona con lelicottero, e tutto quello che non sappiamo!!!!!!! Parlano di sacrifici …ma di chi? del popolo perchè noi serviamo a loro come una bestia da macello, prima ci mungono eppoi quando non c’è più nulla da mungere ci macellano, ricordatevelo quando ci saranno le votazioni, e non ci sarebbe nulla di male se i seggi rimanessero deserti.!!!!!!! :x

Leave a Reply


+ 9 = 11

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.