Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Pisa: insegna a sparare al figlio, denunciato

| 28 ottobre 2010 | 18 Comments

Caccia: insegna a sparare al figlio tredicenne, denunciato
Rischia il ritiro del porto armi e l’arresto fino a due anni

(ANSA) – PISA, 28 OTT – Voleva insegnare a sparare al figlio tredicenne, ma e’ stato sorpreso e denunciato dagli agenti della polizia provinciale di Pisa.
L’episodio e’ avvenuto nei giorni scorsi nelle campagne di Coltano, a Pisa, ma la notizia e’ stata diffusa solo oggi con una nota della Provincia.
Nei guai e’ finito un lucchese di 45 anni che ora rischia il ritiro del porto d’armi, l’arresto fino a due anni o una pena pecuniaria fino a 516 euro.(ANSA).

http://www.ansa.it

Category: .In Evidenza, Generale, Toscana

Comments (18)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. paolo. 56 scrive:

    mi sembra una cosa vergognosa!!!capisco che la legge lo vieta,ma la polizia in questi casi dovrebbe avere un minimo di buonsenzo.

  2. Pasquale (nato cacciatore) scrive:

    L’anno scorso per tirami su le braghe, dopo tanto camminare misi l’automatico in sicura e lo diedi in mano a mio figlio insieme alla cartucera che nel frattempo mi ero slacciata, nel frattempo, scorgermmo delle figure fra le piante che si avvicinavanoe mio figlio, (19 Anni) fu lesto nel passarmi il fucile, erano i guardiacacce, si presentarono e dopo essersi fatti riconoscere mi chiesero i documenti, dopo aver accertato che era tutto in regola, chiesere il P. A. a mio figlio, ovviamente gli chiesi perche mai? visto che non era armato, mi risposero che giacche aveva la cartuccera non importava che non avesse un’arma, se non aveva il permesso era passibile di denuncia, feci notare loro il motivo per il quale la stava momentaneamente tenendo, d’altra parte loro stessi mi avevano sorpreso nell’aggiustarmi i pantaloni, quindi non era una scusa, ma era la pura e semplice verità, per un attimo mi diede l’impressione di non voler essere comprensivo, poi si raccomando di evitarlo in futuro, saluto e ando via insiele al collega con il quale si accompagnava.

    • Pasquale (nato cacciatore) scrive:

      errata corrige: guardiacaccia

    • fedeli massimo scrive:

      Manco se pò c@@@a in pace lassù da voi mamma mia ! :| Qui da noi la vigilanza non esiste io in 40 anni di caccia mai incontrato ggvv ci ho cacciato insieme questo si, ma qui preferiscono andare a caccia e i volontari della lipu o wwf preferiscono girare allargo qui siamo un pò nervosi …….. :lol: :lol: :lol: :lol: scherzetto o dolcetto? :lol: :lol: :lol: :lol:

  3. Leonardo scrive:

    che tristezza!!! rovinare una persona per una sciocchezza del genere. facile rifarsela con un onesto cittadino che compie un atto (sbagliato a termine di legge) in buona fede. perchè non vanno a controllare nelle famiglie dei malavitosi per vedere se danno le armi ai ragazzi o meno?
    chissà come si sono sentiti importanti in questo loro atto!!! :cry: :cry: :cry:

  4. fringillide scrive:

    se gl’insegnava a drogarsi gli davano la medaglia

  5. Giovanni Aiello scrive:

    Questi sono i professionisti che tanto vengono osannati da qualcuno? Ancora non lo hanno capito che sono pochi quelli che ti perdonano o lasciano correre per sciocchezze del genere. Ma a lui basta dire sempre le stesse cavolate che si sente realizzato. :mrgreen: :mrgreen:

  6. Francesco R. scrive:

    Leggi sbagliate, norme sbagliate, mentalità sbagliate, culture sbagliate…tutto da rifare.

    non si puo rovinare la fedina penale di un onesto cittadino per un atto che, nella sostanza, deve essere definito “ridicolo”………

    Questi eroi perchè non vanno a fermare i bracconieri di “professione” o chi mette le reti di notte??
    hanno qualcosa da temere o semplicemente non amano il lavoro notturno?

    Nella tradizione contadina si insegniava ai figli come arare, potare, guidare il trattore e…sparare.
    Nulla di più semplice ed elementare. Non esistono più i valori questa è la cruda e dura verità.

    Verrà il giorno in cui Caccia Ambiente avrà i suoi rappresentanti in Parlamento…allora molte leggi debbono essere ASSOLUTAMENTE cambiate!!!!!!

    Cordialità

  7. fabrizio scrive:

    se il ragazzo non sparava a uccelli, ma sparava a un bersaglio inanimato o semplicemente in aria, non ha commesso (ne lui ne il padre) nessun reato venatorio.

    il ragazzo era sotto il diretto controllo del padre, ergo non puo’ trattarsi di porto abusivo di armi o di altro reato.

    penso che verra’ assolto, ma molto dipende dall’ avvocato.

    Fabrizio

  8. paolo scrive:

    Veramente vergognoso,si sono attaccati a un padre di famiglia onesto.
    Ma dove dobbiamo arrivare?
    QUESTI SONO I PREMI ,PER I CITTADINI MODELLO.

  9. silvestro scrive:

    purtroppo sentire queste cose distiace…
    ma penso che potevono anche comprendere un padre che cercava solo di insegnare al proprio figlio…cos’è un arma….e come bisogna tenerela….e soprattutto che nn è un giocattolo….
    pensate un pò come deve sentirsi quel ragazzo….. :cry: :cry:

  10. Agostino scrive:

    C’è solo una cosa da fare:rinchiudere i guardiacaccia.Peggio che andar di notte con stà gente.

  11. Agostino scrive:

    Questi signori tuonano per quanto riguarda la sicurezza.Ma la sicurezza esiste solo se la cosa la si usa per poi capirne la pericolosità e il male che può fare se usata senza cautela.Mia figlia quando era piccola era incuriosita dalle cartucce e ci giocava ed io lo lasciata fare sempre sotto il mio controllo finchè un giorno quando tornai da caccia mi venne incontro restituendomi una cartuccia che mi era caduta la mattina presto,ora per lei è come vedere un cacciavite o un qualsiasi oggetto.Mio nonno con 14 nipoti tutti figli di cacciatori lasciava i fucili e le cartucce sul camino a portata di mano e nessuno di noi a mai toccato niente perchè erano cose che si conoscevano bene.Questa gente non ha ancora capito il vero concetto di sicurezza.

  12. lucas scrive:

    Ormai la situazione sociale italiana sta degenerando e per dare l’impressione che si viva in una nazione seria si stigmatizzano condotte trascurabili proprio per nascondere i truffatori che la fanno franca dopo azioni di ben altro spessore.
    Così se ti beccano di notte nella tua macchina in un posto isolato mentre stai trombando con la tua donna ti condannano come se avessi fatto una rapina e se un cacciatore insegna al figlio a sparare (come è sempre stato fatto e sempre si fa) viene trattato da delinquente.
    Oppure si da la possibilità a volontari di cui si sconosce la preparazione non dico professionale, ma culturale, di procedere ad un’attività che non ammette improvvisazioni.

  13. Renzo scrive:

    Se non l’avessi letto ma me lo avessero raccontato avrei fatto ricoverare per demenza chi me lo ha detto ..
    Roba da matti , meno male che non hanno preso mio Padre quando all’età di sette anni mi fece sparare ad una pigna, con il 28 !

  14. Ciao Renzio un saluto e un grande in bocca al lupo. Dico solo questo “siamo in un mondo di folli paranoici”. Ciao Riccardo Ceccarelli

  15. Ciao Renzo un saluto e un grande in bocca al lupo. Dico solo questo “siamo in un mondo di folli paranoici”. Ciao Riccardo Ceccarelli

Leave a Reply


9 + = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.