Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Bologna: prima giornata al cinghiale

| 18 ottobre 2010 | 20 Comments

Provincia di Bologna: prima giornata di caccia al cinghiale

cinghialeSi è aperta ieri, domenica 17 ottobre, la caccia al cinghiale in forma collettiva. La Polizia Provinciale ha predisposto per tutta la giornata un servizio di vigilanza mirato impiegando 17 agenti e 5 ispettori, aiutati da 12 Guardie Volontarie.
Anche a causa delle condizioni meteo, non è stata riscontrata una massiccia presenza di cacciatori. E’ stata verificata la presenza solo di una ventina di squadre per un totale di circa 520 cacciatori (di cui circa il 15% sono stati controllati). In tutto sono stati abbattuti una ventina di capi.
Sono stati elevati due verbali amministrativi e, nel corso dell’intera giornata di caccia, non è stato segnalato alcun incidente.
Nel territorio imolese, erano presenti 2 squadre per un totale di 60 cacciatori e sono stati abbattuti 2 cinghiali; nell’area di Castel San Pietro, è stata verificata la presenza di una squadra di circa 20 cacciatori.

http://www.telesanterno.com/

Category: .In Evidenza, Emilia Romagna

Comments (20)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

    Ma come ……. Cosi’ pochi i Cinghiali abbattuti ??? Ma non erano ( assieme ai Caprioli ) migliaia di miliardi e se stavano a magna’ mezzo appennino ???
    Mah……..

    • mauro andrea giuseppe scrive:

      E mica tutti si chiamano Roberto TRAICA :D :D :D
      Praticamente si sono portati a casa una braciola a testa :mrgreen:

      • Roberto Traica scrive:

        Grazie MAG sei troppo buono , ma ad essere sinceri in questo periodo di cercatori di funghi ( hanno diritto anche loro ) i cinghiali scarseggiano anche da noi .Ed io credo di essere abbastanza onesto a dire la verità.Però sono sicuro che verranno tempi migliori ,perche i cinghiali ci sono ‘, Sono stati da noi monitorati e lo posso dire con sicurezza.

    • STW scrive:

      La realtà bolognese è “leggermente” diversa da quella del resto dell’appennino.
      Dev’essere l’unico posto in europa dove son riusciti non dico ad eradicare, ma quasi, il cinghiale. Una squadra che fa 20 animali all’anno, ne fa tanti…

  2. francescorm scrive:

    Ieri seconda domenica in Provincia di Rieti di caccia al cinghiale asqudre e purtroppo una battuta è finita tragicamente.Per colpa della solita fretta di sparare al primo movimento nel mezzo di una intricata macchia un cacciatore ha colpito mortalmente al collo un suo compagno di squadra.Le raccomandazioni non sono mai troppe el e accortezze tipo gilet colorati sembrano insufficenti.Forse andrebbero rivisti alcuni regolamenti e le date di apertura di tale caccia.Forse ad autunno inoltrato con la vegetazione non più rigogliosa aumenta la visibilità e si correrebbero meno rischi.

    • Springer scrive:

      Ma porcaccia la miseria …….. Ma e’ mai possibile ……..
      RENDERSI VISIBILI !!!!!!
      NON ABBANDONARE MAI LA POSTA !!!!!!
      NON SPARARE MAI IN DIREZIONE DELLE POSTE !!!!
      NON SPARARE MAI SE NON SI VEDE CHIARAMENTE A COSA SI SPARA !!!!

      Ma e’ cosi’ difficile rispettare queste ELEMENTARI regole di buon senso ……

      • francescorm scrive:

        Caro Massimo,dici bene,elementari regole di buon senso:allora quali sono le conclusioni?senza generalizzare, però,ci manca il buon senso che è stato sostituito dall’avidità di riempire i congelatori di carne,che se effettivamente analizzata,dopo ore di abbandono nella macchia con il caldo di questi periodi,andrebbe tutta buttata nei secchioni dell’immondizia.

        • fedeli massimo scrive:

          Infatti cari amici io non vado se non a novembre, ci sono ancora molti sprovveduti in giro, purtroppo ! :( :?

    • Roberto Traica scrive:

      Cazzo ,non è possibile .Io sono per le regole ferree.E condivido cio che ha detto Springer
      CI VUOLE MOLTO POCO

      • Springer scrive:

        Rimettiti il cappelletto e il giubbetto a alta visibilita’ giallo Robe’ .
        Damme retta che qua sparano al primo rametto che se move .
        Scrivo questa stupidaggine per alleggerire un po’ il clima perche’ dispiace sempre leggere queste notizie . L’ incidente dovuto a fatalita’ ci puo’ stare , ma che uno spari ad un altro per superficialita’ / leggerezza / imprudenza e’ invece INACCETTABILE !!!

        • Roberto Traica scrive:

          Eccome ,fatto Porca troia nun ce posso crede .Co tutto quello che se legge stamo ancora a tirasse addosso.Sono costernato. Ma dove ca@@o c’hanno la testa., :roll: :roll:

      • alessio bitossi scrive:

        la colpa e dei capicaccia, che avendo paura che la gente non ci va più, si limitano nella repressione e nei “cicchetti” a chi li merita.
        meglio allontanare qualcuno che grattarsi la testa poi

        • Springer scrive:

          Credo tu abbia ragione .
          Non so se e’ pratica comune , ma mi hanno detto che si strappano i cacciatori una con l’ altra . Appena sanno che c’ e’ un nuovo cacciatore in zona , si presentano a casa e lo iscrivono alla squadra facendo a gara a chi ne ha di piu’ e a chi arriva prima a iscriverne .
          E’ ovvio che cosi’ facendo non si fa’ nessuna valutazione / cernita preventiva dell’ iscritto e si e’ piu’ morbidi nel reprimere eventuali comportamenti non ( o poco ) rispettosi delle buone regole che piu’ di tutte dovrebbero regolare questa forma di Caccia .

        • alessio bitossi scrive:

          sei un ottimo tiratore Spriger! hai fatto centro.
          se qualcuno ha qualcosa da ridire si faccia avanti che ne parliamo!

        • alessio bitossi scrive:

          Springer no Spriger..scusa

        • francescorm scrive:

          La colpa è dei Regolamenti e di chi li fa,sempre nel più totale rispetto dell’accaparramento di voti elettorali.Solo in provincia di Rieti circa 5000 cinghialisti,fatevi il conto di quanti voti si possono controllare su un totale di 140.000 abitanti.I capi squadra che possono fare se non applicare regolamenti idioti,basati solo sui numeri per accaparrarsi le zone e i soldi per rimpinguare le casse della Provincia.

    • mauro andrea giuseppe scrive:

      Cavoli, ne muore uno a settimana, qual’è la zona?
      Cittaducale per caso?
      Grazie MAg

  3. alessio bitossi scrive:

    Occhio che quando tocca a me ..Traica mi vendica :lol: :lol:
    meglio scherzarci sopra :mrgreen: :mrgreen:

    • Roberto Traica scrive:

      Mio grande amico ,io e te abbiamo fatto un patto con il Signore , se continuiamo cosi credo che dovremmo campare ancora per diversi anni ,poi sarà quel che sarà. Dormi bene amico mio.

Leave a Reply


+ 2 = 6

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.