Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Primavere piu’ silenziose in Europa

| 5 ottobre 2010 | 4 Comments

Primavere più silenziose in Europa

migratori2NAPOLI. Non è ancora la primavera silenziosa delle grandi praterie americane di cui parlava Rachel Carson nel 1963, ma anche in Europa la più frizzante delle stagioni rischia di diventare meno sonora. La causa prima è sempre la stessa: le popolazioni di molti uccelli si stanno assottigliando. Anche se la causa remota oggi in Europa – il cambiamento del clima che influenza la stagione degli amori delle specie migranti – è diversa da quella denunciata mezzo secolo fa da Rachel Carson per l’America: la presenza eccessiva di pesticidi chimici nei campi che attaccavano le uova deposte nei nidi.

A scoprire il declino delle popolazioni degli uccelli migratori in Europa è stata un’equipe di scienziati guidati da Nicola Saino, del Dipartimento di biologia dell’università statale di Milano, che ne ha dato notizia in un articolo pubblicato di recente sui Proceedings of the Royal Society di Londra.

Il gruppo ha studiato l’evoluzione demografica nel corso degli ultimi cinquantenni di 117 diverse specie di uccelli migratori che in primavera si spostano dall’Africa verso il nostro continente o dalle zone meridionali alle zone più settentrionali del nostro continente. L’evoluzione demografica di questi migranti tende, in generale, al declino. E, secondo Saino e collaboratori, la causa è da attribuirsi al cambiamento climatico, all’aumento della temperatura e, in particolare, al precoce inizio della stagione primaverile: il disgelo inizia prima, l’apertura delle gemme e la fioritura iniziano prima, i cicli riproduttivi degli insetti e di altre specie predate dagli uccelli si sono modificati. In breve per i volatili è sempre più dura trovare il cibo.

In realtà, gli uccelli migratori cercano di adattarsi a questi cambiamenti, anticipando a loro volta la venuta in Europa. La partenza dai luoghi di origine viene anticipata, in media, da 1 a 3 giorni ogni decennio. Ma nonostante ciò molti uccelli migratori, soprattutto quelli che partono dall’Africa sub-sahariana, non ce la fanno a tener dietro a un così rapido mutamento. Cosicché di anno in anno trovano sempre maggiori difficoltà a trovare il cibo necessario a sfamarsi. Tutto questo incide sul successo riproduttivo delle coppie e, in definitiva, provoca un misurabile declino demografico.

Non tutte le specie subiscono lo stesso effetto a causa dei mutamenti del clima. Quelle che hanno un minor “ritardo termico” e migrano più in sincronia con il cambiamento del clima fanno registrare un minor declino demografico. Insomma, è in atto uno straordinario esperimento darwiniano. E, come prevede la teoria, gli individui e le specie che hanno maggiori capacità di adattarsi alla novità hanno, statisticamente, un maggior successo riproduttivo. E una maggiore probabilità di sopravvivenza.

Pietro Greco

http://www.greenreport.it

Category: .In Evidenza, Generale

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giacomo scrive:

    State a fare sempre catastrofi di tutto e di tutti…….!! Il surriscaldamento terrestre è una bufala per portare a casa ciò che interessa a chi su queste cose ci specula……. oramai siete un libro aperto almeno per noi tutti che navighiamo su Internet. Nicò……… !! vatti a fare una pizza al posto di studiare per gli animalambientalisti che ne abbiamo piene le scatole. :mrgreen: Salutiaaamo

  2. Problema corvidi non pervenuto eehhhhhhhhhhhhhhhh!!!!!!!!Studi come al solito un pò orientati…………………per fortuna non attaccano la caccia!!!!!!!!!!!!!!!!!!saludu!!!!!!!!!!!!!!! :roll: :roll: :roll:

  3. lucas scrive:

    Intanto sono spariti i passeri. Da ragazzino ce n’erano a nuvole ed è ancora impresso nei miei ricordi l’esito di una schioppettata nella stoppia che me ne fece raccogliere 14..!
    Sono vietati da vent’anni, ma non hanno cessato di diminuire fino a scomparire a causa dei nidi depredati da cornacchie, gazze e ghiandaie.

    • Alessandro Federighi scrive:

      Nrl mio giardino di 90 mq , con bordura di piracanta , resiste una colonia di passeri (35/40)che sembrerebbe aumentata di qualche unità questa stagione…………………………trovano cibo(le bacche ) e alloggio come dormitorio spinoso che li protegge………………..mi piacerebbe monitorarli con un metodo serio ,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,saluti!!!!!!!!!!!! :roll: :roll: :roll:

Leave a Reply


+ 1 = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.