Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Veneto: UDC, tanta fatica per nulla

| 4 ottobre 2010 | 21 Comments

VENETO/CACCIA: PERARO (UDC), TANTA FATICA PER POCHI GIORNI

Fringuello(ASCA) – Venezia, 4 ott – ”Ci sono volute ben sei sedute dell’assemblea veneta (e sorvoliamo sui costi che esse comportano) per giungere poi a una delibera che consentira’ ai cacciatori di cacciare le specie ‘in deroga’ al massimo per 3 o 4 giornate”. Lo afferma in una nota il consigliere regionale del Veneto dell’Udc Stefano Peraro, commentando il via libera dato dalla commissione alla delibera presentata dalla Giunta per consentire la caccia ”in deroga” ai divieti Ue.

Poiche’ la delibera sara’ impugnata davanti al Tar nel giro di pochi ore – precisa l’esponente Udc – e’ prevedibile una sospensione immediata per cui i cacciatori amanti delle sei specie di volatili concesse dalla delibera avranno veramente pochissimo tempo a disposizione. Tanta fatica per nulla o, meglio, per consentire a Lega e Pdl di disputarsi la leadership dei cacciatori”.

res/sam/rob

(Asca)

http://www.asca.it

Category: .In Evidenza, Deroghe, Veneto

Comments (21)

Trackback URL | Comments RSS Feed

Sites That Link to this Post

  1. Veneto: UDC, tanta fatica per nulla | Politica Italiana | 5 ottobre 2010
  1. corrado scrive:

    non possiamo dagli torto..oltretutto con i rischi che ne consegue.
    ma quando l’assessore veneto era la Sig. Donazzan. si eriusciva sempre ad avere la legge.

  2. masi fabrizio scrive:

    Io invece mi sono stufato di questo tira e molla delle deroghe che non ci saranno se non si cambiano queste assurde normative e leggi che regolano l’attività venatoria. Sarebbe ora che la politica si occupi dei problemi del paese quelli reali e non quelli surreali e la smettessero di litigare per racimolare i voti che noi cacciatori non gli daremo più: e questo deve essere chiaro!!!! E’ ora di svegliarci !!! La caccia deve essere gestita da gente competente e non da politici da quattro soldi e incompetenti che ci hanno danneggiato oltre ogni ragionevole misura. Mi appello anche alle AAVV: fate qualcosa.

  3. fedeli massimo scrive:

    Voi dell’udc ve nè uscite sempre a cose fatte? ponzio pilato è il vostro sponsor :lol: :lol:

  4. Diego Sperotto scrive:

    Nulla di nuovo….

  5. Gianluca Stefanina (peppol@) scrive:

    Sig. Peraro anche Lei ci costa caro ed è una spesa” inutile” per la comunità, scommettiamo che anche senza di Lei il Veneto va avanti lo stesso ?

  6. Rudi4x4 scrive:

    Ogni anno sempre peggio…..
    vabbe’ ci goderemo questi 15/20 gg

  7. Baghy scrive:

    Non capisco che fatica avrebbero fatto i consiglieri regionale dell’UDC. Dove sono stati fina adesso? Baghy

  8. Giacomo scrive:

    ”Ci sono volute ben sei sedute dell’assemblea veneta (e sorvoliamo sui costi che esse comportano) per giungere poi a una delibera che consentira’ ai cacciatori di cacciare le specie ‘in deroga’ al massimo per 3 o 4 giornate”.
    ——————————————————————————————————-
    :P :P :P Ci sarebbe da vergognarsi ? Questo è uno schiaffo alla ricchezza !!!! ( di selvaggina ). I fringuelli ecc. si prendono solo in Italia !!! E voi dite che sono diminuzione, ( chi…. lo dice !!! :mrgreen: ) in altri paesi c’è ben altro da cacciare !! Al Sud di fringuelli ne passano milioni di milioni. :roll: Salutiaaaamo

  9. Sololasipe scrive:

    …..ma l’udc è un nuovo partito?? ….. :roll: :roll: :D :D :D :mrgreen:

  10. Rudi4x4 scrive:

    Quello che mi fà pensare è che questi sanno già la sentenza del giudice……
    Come mai son cosi’ sicuri????

    A pensar male si sbaglia ma molte volte ci si azzecca!
    Chiederei a Berlato di cominciare a far un po’ di casino domandando come mai questi sanno già la risposta del TAR!!!!!!

  11. Valerio scrive:

    Il TAR BOCCERA’ LA DELIBERA E LA REGIONE VENETO IL GIORNO DOPO NE FARA’UN’ALTRA ,CHI LA DURA LA VINCE.

    • lucas scrive:

      La regione non farà proprio niente perché altrimenti rischierebbe di passare dei guai non indifferenti.
      Il TAR boccerà la delibera e tutti i santi finiranno in paradiso. :mrgreen:

      • lucas scrive:

        Tutti saranno contenti. Le associazioni venatorie esprimeranno la loro “moderata soddisfazione” per il risultato ottenuto (quale? boh…), i politici regionali “amici dei cacciatori” :mrgreen: che campano da signori grazie al vostro voto si accuseranno reciprocamente di aver sbagliato qualche passaggio tecnico e di non aver votato una legge che avrebbe messo al riparo dai ricorsi, rassicurando che il prossimo anno si che sarà tutto diverso; i politici regionali “anticaccia” che campano da signori grazie al voto degli anticaccia denunceranno urbi et orbi lo scandalo dei milioni di miliardi di canarini massacrati dai cacciatori ogni anno e grideranno Vittoria! quando il TAR accoglierà, com’è facilmente prevedibile, il ricorso delle associazioni animaliste.
        Insomma tutti contenti. Gli unici che rimarranno in@ulati saranno i cacciatori. :mrgreen:

  12. Sbesett scrive:

    SEMPLICEMENTE PERCHE’ LA DELIBERA E’ ILLEGITTIMA. MA LA VOLETE CAPIRE CHE LA CACCIA IN DEROGA NON E’ LEGALE!!!!!! CHI ALTRO VELO DEVE DIRE

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Caro Sbesett, perchè non parli di cose che conosci?
      Leggi un po’ qui sotto cosa dice al riguardo l’Unione Europea:

      Articolo 9 della Direttiva CEE 409/79

      1. Sempre che non vi siano altre soluzioni soddisfacenti,
      gli Stati membri possono derogare agli articoli 5, 6, 7 e 8
      per le seguenti ragioni;
      a) — nell’interesse della salute e della sicurezza pubblica,
      — nell’interesse della sicurezza aerea,
      — per prevenire gravi danni alle colture, al bestiame,
      ai boschi, alla pesca e alle acque,
      — per la protezione della flora e della fauna;
      b) ai fini della ricerca e dell’insegnamento, del ripopolamento
      e della reintroduzione nonché per l’allevamento
      connesso a tali operazioni;
      c) per consentire in condizioni rigidamente controllate e
      in modo selettivo la cattura, la detenzione o altri impieghi
      misurati di determinati uccelli in piccole quantità.
      2. Le deroghe dovranno menzionare:
      — le specie che formano oggetto delle medesime,
      — i mezzi, gli impianti e i metodi di cattura o di uccisione
      autorizzati,
      — le condizioni di rischio e le circostanze di tempo e di
      luogo in cui esse possono esser fatte,
      — l’autorità abilitata a dichiarare che le condizioni stabilite
      sono realizzate e a decidere quali mezzi, impianti
      e metodi possano essere utilizzati, entro quali limiti,
      da quali persone,
      — i controlli che saranno effettuati.
      3. Gli Stati membri inviano ogni anno alla Commissione
      una relazione sull’applicazione del presente articolo.
      4. In base alle informazioni di cui dispone, in particolare
      quelle comunicatele ai sensi del paragrafo 3, la Commissione
      vigila costantemente affinché le conseguenze di tali deroghe
      non siano incompatibili con la presente direttiva. Essa
      prende adeguate iniziative in merito.

    • Gianluca Stefanina (peppol@) scrive:

      ueh pettirosso….documentarsi prima di chiacchierare :mrgreen:

    • Giusti Giacomo scrive:

      E` oh!
      O Sbesset!!!
      Ma chi te l’ha detto che non e`legale la caccia in deroga?
      Quale diavoletto te l’ha suggerito?

  13. Davide scrive:

    Buongiorno Sergio, ma è vero che questa legge è valita solo fino al 2012????
    Bisognerà poi riproporla e rivotarla in Commissione Europea???
    Grazie per l’eventuale risposta
    Davide

Leave a Reply


9 + = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.