Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Veneto dal 6 ottobre via alle deroghe

| 29 settembre 2010 | 32 Comments

Veneto, dal 6 ottobre via alla caccia in deroga
La giunta Zaia ha rinunciato al “muro contro muro” con le opposizioni in Consiglio sulla proposta di legge e ha varato una semplice delibera per poter sparare a storno, fringuello, peppola, frosone, pispola e prispolone

frosoneVENEZIA. Si chiude il lungo tormentone estivo. Con una delibera portata ieri in giunta dall’assessore alla caccia Daniele Stival, la Regione ha dato il via anche per la stagione venatoria 2010-2011 alla cosiddetta “caccia in deroga”: dal 6 ottobre a fine dicembre si potrà sparare a sei specie di uccellini: storno, fringuello, peppola, frosone, pispola e (ma solo fino al 24 ottobre) prispolone.

NIENTE LEGGE VENETA. La maggioranza Pdl-Lega ha quindi rinunciato all’idea di approvare la caccia in deroga sotto forma di legge regionale, visto il muro di emendamenti di Idv e Sinistra con cui si è scontrata in estate, ed è passata alla semplice delibera di giunta (che è a rischio di ricorso al Tar). Il provvedimento è stato trasmesso alla competente commissione del Consiglio regionale per l’acquisizione del previsto parere. “Si tratta – sottolinea Stival – di una decisione equilibrata, con la quale si danno le risposte attese dal mondo venatorio veneto, pur con un’occhio di riguardo alla salvaguardia del patrimonio faunistico e nel rispetto delle complesse normative in materia. L’applicazione di queste disposizioni consente, nel rispetto di condizioni applicative e di controllo assai rigide, di sottoporre ad un limitato prelievo specie che risultano un buono stato di conservazione, consentendo un pur modesto soddisfacimento di una domanda venatoria fortemente legata alle tradizioni culturali venete, ed una diminuzione tendenziale della pressione sulle specie ordinariamente cacciabili”.

I LIMITI. Per ogni specie, la delibera prevede limiti massimi di prelievo a livello regionale, stagionale e giornaliero. Per lo storno, il limite massimo giornaliero per cacciatore è di 25 capi; quello stagionale di 100 capi; quello complessivo regionale di 124.285 capi. Per il fringuello, il limite è 25 capi al giorno, 100 nella stagione, 235.175 a livello regionale. Per la peppola, il limite è 10 capi al giorno, 30 nella stagione, 29.357 a livello regionale. Per il frosone, il limite è 10 capi al giorno, 30 nella stagione, 9.857 a livello regionale. Per la pispola, il limite è 20 capi al giorno, 50 nella stagione, 16.072 a livello regionale. Per il prispolone, il limite è 20 capi al giorno, 50 nella stagione, 111.000 a livello regionale. Il rispetto dei massimali di prelievo per specie sarà garantito da un sistema di monitoraggio quindicinale, già sperimentato con successo dalla Regione e approvato dai competenti uffici dell’Ue, che opererà secondo precise diposizioni. Questo sistema – sottolinea la Regione – ha consentito, grazie anche a una responsabile adesione del mondo venatorio, di raccogliere dati statistici relativi ai prelievi, che consentiranno di attivare una vera e propria banca dati.

ttp://www.ilgiornaledivicenza.it

Category: .In Evidenza, Deroghe, Veneto

Comments (32)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. paolo64 scrive:

    Beati voi in tOSCANA invece ci vitamo lo STORNO!!!!! lo STORNO ce ne sono milioni e niet deroga,
    caccatori toscani cattivi e brutti!!!!! aspetta aspetta che a gennaio ci vietano anche il tordo
    no comment se no mi censurano
    ciao a tutti Paolo64

    • Bagnolesi Giovanni Roberto scrive:

      E noi ni si tira anche se ce lo chiudono. M’importa un accidente, per me il tordo chiuderà sempre il 31 gennaio.

    • Michele scrive:

      Da noi in puglia niente deroghe storno,il tordo finisce il 19 gennaio,che cattivi i cacciatori pugliesi,il vendola ama gli uccelli…….e questo dovrebbe essere il capo futuro della sinistra??????speriamo di no altrimenti saranno guai per tutti.Saluti a tutti

    • dardo scrive:

      però ti hanno dato la possibilità di catturare i richiami alle province……. che culo! e se lo storno l’hanno chiuso beh digli che passino…….

  2. gianni2 scrive:

    …ci guadagneranno gli avvocati

  3. Davide scrive:

    “Si tratta – sottolinea Stival – di una decisione equilibrata, con la quale si danno le risposte attese dal mondo venatorio veneto, pur con un’occhio di riguardo alla salvaguardia del patrimonio faunistico e nel rispetto delle complesse normative in materia…….E cosa ne sa lei STIVAL???
    Ma quale cacciatore nel Veneto e contento di QUESTA delibera???
    L’unica risposta che vedo è, mai più LEGA!!!!!!! (FIDC mai tesserato!!)

  4. Diego Sperotto scrive:

    Urrà!arriva la delibera da dieci giorni…non so se piangere…

    • Rudi4x4 scrive:

      Da come si era messa ….non si sperava piu’ nemmeno con delibera…
      Cmq un mese fisso lo si fa poi a singhiozzo fino a metà dicembre……

  5. lucio scrive:

    tra 3 giorni il tar l’ha gia sospesa

    • Rudi4x4 scrive:

      Se non c’è pericolo di catastrofi il TAR esegue la prima udienza dopo 25/30 gg….e non è detto che quest’anno la blocchi! (vedi sentenza del 22/12/2009 dove le deroghe son state legittimate!)

      • henri (radere igor) scrive:

        Altro assessore, altra delibera. Non confondere il sacro con il profano. Alla Donazzan almeno questo lo dobbiamo :wink:

        • Rudi4x4 scrive:

          Concordo–….Donazzan è il Top ….ma ora abbiamo Stival e dobbiamo tenercelo!
          ma non ho confuso il sacro con il profano, ho solo detto che la sentenza è stata favorevole ..l’altranno…..e non è detto che blokkino tutto!

      • henri (radere igor) scrive:

        E poi, Rudi, prima la blocca, e poi decide la data della sentenza per ricevere i pareri di tutte le parti in causa. Con tutti gl’impegni che hanno i giudici, il fatto che lavorano due giorni a settimana, fai te.

  6. Bagnolesi Giovanni Roberto scrive:

    aspetate a cantar vittoria. il tar boccierà questa troiata voluta dal centrodestra.

  7. Roberto Traica scrive:

    Brutto fijo de na……………. :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: ma che fine hai fatto ?

  8. henri (radere igor) scrive:

    Vorrei che i vari sapientoni di fercaccia mi spiegassero come si fà ad essere fieri di proporre una delibera così vergognosa. Dimezzati i numeri dei prelievi, sei specie delle quali due, ora non servono a nessuno se non a Zanoni per avere facilità di impugnazione davanti al tar. Tempo massimo per lo stop 3 gg. Ma davvero credete di porre una delibera del genere senza che venga impugnata?
    Dicembre 2009, il tar respinge ricorso lav per abolizione caccie in deroga.
    Queste parole dovrebbero essere scolpite nell’ufficio di ogni assessore alla caccia d’ Italia. Il comportamento assunto fin dall’inizio da stival (qua comando io :lol: ) è stato stucchevole e semplicistico. “caro” assessore, Lei non comanda neppure la stazione dei trenini lego.
    Avranno coraggio di gioire, e pretendere ringraziamenti dai cacciatori per essere riusciti a fare una delibera. Tosi, urlerà che solo grazie a loro si potrà cacciare i fringuelli. Buffoni.
    Sappiano fin d’ora i federcacciatori che personalmente dopo una settimana, il mio tesserino sarà gia riempito delle specie oggetto di delibera, che sarà restituita la tessera quindicinale il giorno stesso della scadenza. Ma non verrà abattuto un solo uccello di questi, solo per la soddisfazione di farvi chiudere la caccia con questa vergogna il più in fretta possibile.
    Cari cacciatori ACV, CONFAVI boicottiamo questa delibera vergognosa, abbiamo il tesserino dalla nostra parte, facciamo in modo che i federali non se la possano godere per più di 5 gg.
    Un sacrificio quest’anno può insegnare molto per i prossimi, oppure pensate che intrapresa la strada del : riduci di qua, togli di là, si interromperà l’anno prossimo? Per 5 anni ci dovremo sorbire questo ammasso di incompetenti patentati, a voi la scelta.
    I russi sconfissero Napoleone facendogli terra bruciata al sua avvanzare, togliendoli le risorse per foraggiare i suoi uomini. Adottiamo lo stesso sistema, terra bruciata ai federali (tesserini), che siano loro stessi a ribellarsi ai propri dirigenti, che siano loro stessi a richiedere le teste di chi comanda.
    Zaia aveva fra le mani il MIGLIORE assessore alla caccia d’Italia, e per campanilismo ha preferito sostituirlo con un’incompetente in materia. I 100 giorni sono passati caro presidente, al momento in Veneto comanda l’idv ed il pd. Grama figura su tutti i fronti, lega o non lega, vi hanno fatto passare per quattro “macachi” a cominciare da……………………….. :lol:

    • Giacomo scrive:

      La legge del bastone e la carota……. Mica ve li possono togliere in un solo colpo le deroghe……… un poco alla volta così incomincaite ad abituarvi :mrgreen: Dovete imparare a cacciare cinghiali , lepri e fagiani questo è l’andazzo, comprare e vendere………… Altrimenti non si può fare la caccia privatizzata. :roll: E non siete gli unici a prendere batoste, in Campania ci hanno già messi a cacciare nei recinti ed anche molto stretti……….. il resto territorio vietato :D Salutiaaamo

      • pispolina scrive:

        Lega e fidc stanno facendo di tutto per togliere definitivamente le deroghe, la legge non l’hanno VOLUTA fare, l’ostruzzionismo era relativo.
        Cacciare lepri,cinghiali,faggiani, dal mio punto di vista non è caccia, non mi appartiene, non mi abbasserò mai a praticarla.
        Noi del Veneto lotteremo per continuare a cacciare in modo dignitoso e spero che insieme a noi ci saranno tutte le altre Regioni d’Italia.

        • Giacomo scrive:

          Cacciare lepri,cinghiali,faggiani, dal mio punto di vista non è caccia, non mi appartiene, non mi abbasserò mai a praticarla.
          ———————————————————————
          Pispolina la passione per una tipo di caccia non si discute !
          Non si può condividere………. ma si deve rispettare. :roll:
          La caccia alla lepre, cinghiale e fagiani sono cacce nobili
          perchè fatte con l’ausilio del cane. Ma ove questi sono di allevamento o lanciati il giorno prima non danno più il senso vero della loro caccia, su questo non ci piove. Quello che posso dire per la mia esperienza e che un fagiano molto tempo fà quando riuscivano a diventare selvatici veri ha tenuto il cane per più di 15 minuti nel taglio del riso a zig zagare avanti e indietro prima di involarsi. IL cane non si vedeva si vedeva solo il riso che si apriva durante la cerca, alla fine me lo ha portato e fatto involare a dieci metri da me. Ti posso assicurare che sono scene di caccia vera indimenticabili, che forse non verranno più. Io fortunatamente in montagna con la beccaccia ( quando si trova ) ancora li posso rivivere, mi dispiace per te se ti tolgono la tua caccia quest’anno.
          Ma prima………..che il gattoooo….canti tre volte…………. !!!!! :D Vedrai cosa deve succedere. :wink:
          Salutiaaamo

    • luciano da schio scrive:

      penso che uno è libero di tagliarsi pure le palle per fare dispetto alla moglie ma lei proprio esagera rifletta per favore sulla proposta dei tesserini e dopo si rassereni qualche volta bisogna saper perdere senza odiare

  9. Diego Sperotto scrive:

    Rudy sarebbe stupendo se durasse un mese…ma il tar puo sospenderla in via cautelativa anche subito…

    • Rudi4x4 scrive:

      non è proprio cosi’.
      Non ci sono gli estremi per una sospensiva !

    • Rudi4x4 scrive:

      Se un giudice fa una sospensiva sulle deroghe…..è immanicato e denunciabile!
      Non c’è pericolo per la comunità e tantomeno pericoli di catastrofi, ne violazioni di leggi sia nazionali che comunitarie!

  10. Franc scrive:

    Rispetto alla delibera dell’anno scorso quella di quest’anno prevede un prelievo massimo a livello regionale nettamente inferiore. Da quanto si legge non è dato di capire se era sbagliato il conteggio delle quantità inserite nella delibera del 2009, in quanto entrambe fanno riferimento ai pareri ispra 2005/2006, o se sono sbagliati i dati riportati nella delibera di quest’anno.
    Non sono citate le motivazioni per cui le quantità totali sono variate pur essendo invariati i dati dell’ispra visto che tali dati sono consolidati dal 2006.
    Le quantità previste in delibera per quest’anno rispetto a quelle del 2009 sono circa 1/4 in meno per lo storno, 1/2 in meno per il fringuello, 2/3 in meno per la peppola, 1/3 in meno per la pispola!!!
    Ricordo a tutti che la delibera del 2009 era stata impugnata al TAR dalle solite associazioni animal-ambientaliste e che la sentenza ha dato pienamente ragione all’operato della passata giunta regionale.
    Inoltre la corte europea fino ad ora non ha avuto nulla a ridire in merito alla applicazione del regime di deroga per la regione Veneto. Ergo deduco che per non aver noie bastava semplicemente copiare la delibera del 2009 senza scervellarsi tanto per scrivere una ex novo che non fa altro che ridurre ulteriormente la quantità di uccelli tradizionalmente cacciabili nella regione Veneto e
    MENO MALE CHE LA LEGA IN CAMPAGNA ELETTORALE SI ERA PRESENTATA COME PARTITO CHE DIFENDEVA LE TRADIZIONI POPOLARI.
    Marcazzan Francesco

  11. giorgio scrive:

    dal 6 ottobre??? dove stà scritto????? ahahah vedremo!!! cari cacciatori questi federleghisti ci stanno raccontando un sacco di balle!!!!!!!! SVEGLIAMOCI!!!!!

  12. Baghy scrive:

    Un federcacciatore in un altro sito mi ha scritto, Visto che le deroghe non ci saranno più si potrebbe aggiungere “Evviva” Ecco come la pensano gran parte dei federcacciatori veneti, cosa volete che possano proporre all’ass. Stival, Tosi e company?

  13. Diego Sperotto scrive:

    Da ” il giornale di vicenza “: legambiente ritiene insostenibile la delibera di stival…gia pronto il ricorso al tar……c è da stupirsi???

  14. pluto scrive:

    beati i veneti !! a noi in romagna ci an dato solo lo storno , e quando e il momento del passo fanno ricoso e ce lo chiudono , cosa bisogna fare x prendere un atc in veneto ?

  15. CacciatoreconlaC scrive:

    mah,che dire…..al momento,almeno qui’(prov vr)in campagna non vola nulla se non cornacchie e gazze,quindi……un inizio deroghe al 6,non e’ male.
    vabbe….con delibera,ma se non erro vi si fa riferimento alla legge del passato,cosa che ne potrebbe rinforzare la durata verso i ricorsi.poi………..rimane il fatto che siamo alla frutta a :? territorio silvopastorale :|

  16. CacciatoreconlaC scrive:

    dimeticavo……cornacchie,gazze e storni.

  17. pispolina scrive:

    X il sig. Giacomo post. del 30 settembre ore 20.58

    Questa volta mi trovo perfettamente d’accordo con lei su tutto ciò che ha scritto.
    Tenga presente che io rispetto TUTTE le forme di caccia e assieme a tanti altri cacciatori cerco di difenderle tutte nella stessa maniera e mi dispiace che alcuni presidenti e alcune ass.ven. costringano i cacciatori a non fare più la licenza , perchè a loro delle deroghe non interessa nulla e vivono per la lepre, il faggiano, il cinghiale. ( la caccia è passione non affari di soldi)

  18. FALCON scrive:

    da noi in toscana ci hanno dato solo di bischeri con il silenzio delle associazioni

Leave a Reply


+ 9 = 16

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.