ACT: Incidente caccia a Tassullo

| 7 settembre 2010 | 9 Comments

INCIDENTE DI CACCIA A TASSULLO: IL COMMENTO DI SASSUDELLI

GUARDIACACCIA ACT: SUCCESSO IN DUE OPERAZIONI ANTIBRACCONAGGIO

 

ACTL’INCIDENTE DI CACCIA A TASSULLO

Il presidente dell’Associazione Cacciatori Trentini, Gianpaolo Sassudelli, commenta l’incidente di caccia verificatosi domenica sulla montagna di Tassullo.

«È un brutto momento, nel quale penso prima di tutto a Samuele Torresani e alla sua famiglia. Ma questo assurdo incidente, del quale spero verranno chiarite presto le esatte dinamiche, deve aprire una forte riflessione nel mondo venatorio trentino.

Gli incidenti di caccia nella nostra provincia sono eventi rarissimi, per il tipo di caccia che si pratica e per la preparazione e il senso di responsabilità diffusi fra i cacciatori. Ma anche un solo caso per noi è intollerabile. L’uso consapevole, prudente e in piena sicurezza delle armi, in ogni situazione, è da sempre uno dei punti chiave nella formazione dei cacciatori e nella loro abilitazione. Pochi giorni fa anche la Questura ha diffuso un vademecum sulla sicurezza a caccia, del quale siamo grati.

Fatti come quello di domenica non devono accadere, per questo la nostra associazione lavorerà ancor di più sulla formazione e la prevenzione

DUE BRILLANTI OPERAZIONI ANTIBRACCONAGGIO SVOLTE DAI GUARDIACACCIA ACT IN VALLE DELL’ADIGE

Nei primi due giorni di attività venatoria, i Guardiacaccia dell’Associazione Cacciatori Trentini Francesco Pancheri, Alessandro Moiola e Guido Posser, coordinati dal responsabile di zona Lucio Luchesa, hanno portato a termine con successo due brillanti operazioni antibracconaggio.

La prima operazione si è conclusa domenica 5 settembre poco sopra l’abitato di Mori con il fermo di un titolare di permesso di caccia (ma non socio ACT) che si stava portando a casa, dopo averlo abbattuto, un maschio di capriolo non conforme alla tipologia concessa per il prelievo, senza averlo segnato sul libretto degli abbattimenti come invece è previsto dalla normativa. I guardiacaccia, dopo un appostamento che è iniziato ancor prima che facesse giorno, hanno fermato il soggetto contestandogli la mancata segnatura dell’abbattimento, che qualifica il gesto come un atto di bracconaggio nelle sue forme più subdole. Al bracconiere è stato sequestrato l’animale, che è stato consegnato al Rettore, titolare della gestione nella Riserva comunale di caccia di Mori.

La seconda operazione, conclusasi lunedì mattina, ha visto ancora protagonisti i guardiacaccia che hanno fermato un uomo (non cacciatore) di Ronzo Chienis intento a tendere dei lacci per la cattura di caprioli nei suoi poderi siti nella Conca di Pannone. Anche in questo caso i guardiacaccia erano appostati già prima che si facesse giorno e, una volta che il bracconiere si è portato presso i pericolosi strumenti di morte per sistemarli e renderli operativi, lo hanno fermato contestandogli l’attività di bracconaggio. Pronto l’intervento degli agenti del Corpo di Polizia Municipale di Mori che hanno assistito i Guardiacaccia ACT nelle operazioni di identificazione del bracconiere e sequestro dei mezzi di caccia vietati.

Grande soddisfazione nei vertici ACT e fra i cacciatori di Mori, che ringraziano i Guardiacaccia per la loro dedizione e il Corpo di Polizia Municipale di Mori per la preziosa collaborazione fornita al personale di vigilanza ACT.

Ancora una volta i Guardiacaccia dell’Associazione Cacciatori Trentini dimostrano di ricoprire un ruolo fondamentale nella repressione del bracconaggio.

Lacci sequestrati

Category: .In Evidenza, ACT, Trentino Alto Adige

Comments (9)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. lucas scrive:

    Che azioni spettacolari!
    Forte il passo sui “pericolosi strumenti di morte”.

    • Giovanni Aiello scrive:

      Lucas, tu mi fai pensare male di te. Possibile che ogni volta devi sempre dire qualcosa contro chi si sbatte e fa sacrifici per difendere la fauna? Ma che razza di “cacciatore” sei? Scusami, ma potresti startene zitto e fare più bella figura anche con te stesso e il prossimo Vero Cacciatore.

  2. Springer scrive:

    Il bracconiere lo detesto . Mi da fastidio pensare ci sia gente che se ne frega delle regole e degli altri che le rispettano . Mi da fastidio pensare ci sia uno che a pieno titolo e’ cacciatore con regolare licenza che se ne fotte di tutto e di tutti e caccia dove NON gli e’ permesso cacciare – prelevando capi che NON gli spettano e che NON puo’ prelevare . Di conseguenza godo in maniera smisurata quando questo viene beccato . Spero lo tartassino per bene !!!
    I NON cacciatori tenditori di lacci sono la specie peggiore e non trovo nel mio vocabolario un aggettivo che possa descrivere appieno tutto il disgusto che provo pensando a loro e a quello che fanno . Se potessi decidere io questi li tartasserei molto ma molto di piu’ rispetto ai primi .

  3. FERDY scrive:

    LUCAS IL MANCATO RISPETTO DELLE REGOLE, A COMINCIARE DALLO SFORAMENTO DEL CARNIERE GIORNALIERO E VIA A SALIRE, E’ LA FONTE DI TUTTI I NOSTRI PROBLEMI.
    LA LEGGE VA RISPETTATA, ANCHE QUANDO SEMBRA ASSURDA.
    ALTRIMENTI FINIAMO MALE. COME INFATTI STA AVVENENDO!

  4. alessio bitossi scrive:

    Per il primo, via la licenza di caccia a vita e sequestro di tutte le armi possedute, nonchè lauta multa.
    ….per il secondo saprei io come usare i suoi lacci!

  5. renzo scrive:

    …………..strettistretti e poi canta come Farinelli

  6. Domenico scrive:

    Non sono bracconiere ne mai lo sarò. MA CACCIATORE PER SEMPRE.
    Siamo tartassati per la maleducazione di alcuni colleghi cacciatori e per l’ignoranza del finto perbenismo.
    Anche i perbenisti mangiano la carne, quella diallevamento però dove gli animali vengono tirati su con tanto amore e poi messi in fila e giustiziati. Ma a loro questo non sembra dar fastidio.
    I vegetariani lo sanno se all’insalata fa piacere essere tagliata e mangiata o pensano che una pianta non soffra se viene recisa.
    Ma l’importante è dare addosso ai cacciatori corretti, che comunque fanno una cosa permessa dalla Legge, fino a prova contraria.
    UN SALUTO A TUTTI I COLLEGHI CACCIATORI (CORRETTI) PER SEMPRE

Leave a Reply


2 + 4 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.