Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Veneto: Caccia, giovedi prima riunione

| 3 settembre 2010 | 6 Comments

PeppolaVENETO/CACCIA: GIOVEDI’ A PRIMA RIUNIONE CONSIGLIO

(ASCA) – Venezia, 3 set – Riunione del Consiglio Regionale del Veneto giovedi’ 9 settembre, con eventuale prosecuzione anche venerdi’ 10, sulla proposta di poter cacciare, a partire dalla terza domenica di settembre, anche storni, fringuelli, prispolone, pispola, frosone e peppole, specie volatili protette ma per le quali la normativa europea consente alcune possibilita’ di deroga.

In settimana, spiega una nota regionale, si rimette in moto anche l’attivita’ delle commissioni. Mercoledi’ 8 la Commissione Urbanistica e Trasporti incontra i rappresentanti delle associazioni degli utenti e dei consumatori, di Trenitalia e di Sistemi territoriali spa in merito al disegno di legge che mitiga le multe per i viaggiatori dei treni regionali sprovvisti di regolare titolo di viaggio a causa di disservizi delle biglietterie o semplice dimenticanza dell’abbonamento. La commissione esamina anche la ripartizione dei contributi annuali agli enti gestori dei parchi regionali e alcune proposte di adeguamento della legge urbanistica regionale.

Sempre mercoledi’ 8, prosegue la nota, si riunisce anche la commissione Cultura e Turismo che ha promosso una mattinata di consultazioni con enti locali, associazioni culturali e combattentistiche, forze armate e istituti museali e universitari sulla proposta di disciplinare con legge l’attivita’ di raccolta dei cimeli e dei reperti della Grande guerra nel territorio veneto.

La commissione, conclude la nota, ha in calendario anche l’esame del programma dei controlli sul sistema della formazione professionale, la partecipazione al progetto del portale ”Cultura Italia” che dovra’ mettere in rete i dati relativi anche ai musei veneti e l’iniziativa legislativa del Pdl per valorizzare manifestazioni storiche e palii.

res/mar/ss

(Asca)

http://www.asca.it

Category: .In Evidenza, Deroghe, Veneto

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. SERGIO BERLATO scrive:

    Manifestazione dei cacciatori a Venezia
    FISSATA LA DATA DELLA MANIFESTAZIONE:

    GIOVEDI’ 9 SETTEMBRE TUTTI A VENEZIA!!!

    E’ stata fissata la data della grande manifestazione dei cacciatori e dei difensori della Cultura rurale che si terrà a Venezia: giovedì 9 settembre 2010, in concomitanza con la convocazione del Consiglio regionale del Veneto, chiamato ad approvare la legge regionale per l’applicazione del regime di deroga in Veneto per la stagione venatoria 2010-2011.

    L’Associazione Cacciatori Veneti-CONFAVI, promotrice ed organizzatrice della manifestazione, ha già richiamato i propri dirigenti dalle ferie agostane per predisporre tutta la fase organizzativa di questo grande evento che si terrà in una città conosciuta ed apprezzata per la sua unicità, frequentata ogni anno da milioni di turisti provenienti da tutte le parti del mondo.

    L’ammassamento dei manifestanti è previsto a Piazzale Roma per le dieci del mattino, luogo in cui sarà possibile ritirare le bandiere, gli striscioni ed i cartelli appositamente predisposti dai dirigenti dell’Associazione.

    A Piazzale Roma si potrà arrivare sia con il treno (mezzo consigliato), sia in automobile (parcheggi comunali disponibili), sia in barca o vaporetto, sia in autobus, sia in pullman (da parcheggiare per comodità presso gli appositi parcheggi del Tronchetto), sia in taxi.

    Dal vicino aeroporto di Tessera-Venezia, sia il luogo dell’ammassamento dei manifestanti che il luogo della manifestazione saranno facilmente raggiungibile in circa quindici minuti di viaggio con i motoscafi-taxi che fanno la spola dall’aeroporto a Piazzale Roma o a Piazza san Marco.

    Da Piazzale Roma i manifestanti si sposteranno nel piazzale antistante la Basilica di Madonna della Salute, situato proprio di fronte a Palazzo Ferro-Fini che è la sede del Consiglio regionale del Vento dove i consiglieri regionali si riuniranno per approvare la legge regionale sulle deroghe.

    Una delegazione dei manifestanti si sposterà presso la sede della Giunta regionale del Veneto situata a Palazzo Balbi, in riva al Canal Grande, dove verrà installato un presidio permanente.

    Un’altra delegazione di manifestanti si sposterà nel cortile antistante Palazzo Ferro-Fini dove verrà allestito un secondo presidio permanente.

    I manifestanti potranno portare con loro bandiere, striscioni, cartelli, tamburi, fischietti , trombe, megafoni e quant’altro possa servire per sottolineare la fragorosa e pacifica presenza dei manifestanti.

    Alla manifestazione parteciperà anche una rappresentanza di imbarcazioni da caccia e pesca che potranno spostarsi lungo il canal Grande senza però ostacolare in alcun modo la navigazione degli altri natanti.

    Tutta la manifestazione sarà vigilata dai responsabili del servizio d’ordine appositamente incaricati dall’Associazione Cacciatori Veneti-CONFAVI, facilmente riconoscibili per un vistoso contrassegno di identificazione che porteranno al braccio.

    Alla manifestazione potranno partecipare tutti i cacciatori iscritti a tutte le associazioni venatorie, oltre a tutti gli aderenti alle categorie che fanno parte del Coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura rurale.

    Maria Cristina Caretta

    Presidente Associazione Cacciatori Veneti-CONFAVI

    Allegati:

    scarica qui il manifesto
    scarica qui il volantino con la cartina del luogo della manifestazione

  2. SERGIO BERLATO scrive:

    Alla grande manifestazione dei cacciatori e dei portatori della Cultura rurale, organizzata dall’Associazione Cacciatori Veneti – CONFAVI a Venezia per il 9 settembre 2010, hanno finora aderito anche altre associazioni venatorie quali:
    ANUU MIgratoristi,
    ANLC,
    Enalcaccia,
    Italcaccia.
    L”Arcicaccia si è riservata alcuni giorni prima di fornire una risposta sull’eventuale adesione alla manifestazione.

    Ha deciso di non aderire alla manifestazione la Federcaccia.

    • El Tega scrive:

      Can no magna can…

    • henri (radere igor) scrive:

      Infatti il buon Tosi in quel di Magrè davanti alla platea straripante :mrgreen: si è impegnato personalmente a far si che le deroghe siano approvate. Se si adopera lui possiamo stare tranquilli a casa senza scendere in piazza. Solo una riflessione: speriamo non sio adoperi come per la caccia al cinghiale con la delibera che aveva proposto lo scorso anno in provincia di Verona, dato che noi tutti sappiamo come andò a finire.
      Ma el vae dar via le ciap, va là.

  3. Roberto Traica scrive:

    E te pareva !!!!!!!!!!!

Leave a Reply


9 + = 14

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.