Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Veneto: iniziato il dibattito sulle deroghe

| 29 luglio 2010 | 91 Comments

VENETO: AL VIA DIBATTITO IN CONSIGLIO REGIONALE SU CACCIA IN DEROGA

Fringuello(ASCA) – Venezia, 29 lug – E’ iniziata a palazzo Ferro-Fini la discussione da parte dell’assemblea veneta sul testo di legge che intende consentire, anche per la stagione venatoria 2010/2011, la caccia ad alcune specie di volatili in deroga ai divieti cosi’ come concesso, in alcuni casi, dalle nome comunitarie. Le specie cacciabili ”in deroga” sono sei: lo storno (100 capi per ogni cacciatore in tutta la stagione venatoria), il fringuello (100 capi), il prispolone (30 capi), la pispola (30 capi) il frosone (30 capi) e la peppola (30 capi). La discussione iniziata oggi si preannuncia non breve e il suo esito, per il momento, e’ incerto soprattutto perche’ da parte delle forze politiche contrarie a questa deregulation venatoria, Idv, Pd e Federazione della Sinistra, sono stati presentati numerosi emendamenti(1000 della FSV, 1600 di Italia dei Valori e altre decine da parte del PD).

Tra le principali obiezioni mosse al progetto di legge portato in aula il fatto che la caccia in deroga, e’ un’eccezione che ”non puo’ essere fissata con legge, caso mai regolata anno per anno con delibera amministrativa della Giunta”.
Al testo in discussione viene inoltre rimproverato di essere privo dei rilievi scientifici e della indicazione delle ”modiche quantita”’ dei capi cacciabili da parte dell’istituto Nazionale della Fauna Selvatica e di non imporre ai cacciatori di segnare immediatamente sull’apposito carnet i capi abbattuti. Dello schieramento favorevole al regime di caccia in deroga fanno, invece, parte Pdl, Lega e UDC che ritengono opportuno offrire ai cacciatori la possibilita’ di cacciare queste specie di uccelli che fanno storicamente parte della tradizione venatoria veneta e molti dei quali, tra l’altro, danneggiano le colture agricole, fatto questo, che viene espressamente previsto dall’Unione Europea come motivo per concedere la deroga ai divieti.

res-rus/sam/ss

(Asca)

http://www.asca.it

Category: .In Evidenza

Comments (91)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Pasquale (nato cacciatore scrive:

    la stampa ha lanciato un sondaggio.

    LaZampa
    Palio sì, Palio no
    Il ministro Brambilla vuole abolire le feste con gli animali: «Basta crudeltà». Siete d’accordo?

    [2065 voti totali]
    Sì, sono una tradizione superata (837) 40%
    No, impossibile rinunciare al loro fascino (1228) 59%

Leave a Reply


9 + = 15

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.