Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

New York, riapre la caccia all’orso bruno

| 23 luglio 2010 | 5 Comments

Usa, gli orsi bruni sono sempre di più e “minacciano” New York: riapre la caccia

Orso brunoGli orsi bruni sono in marcia di avvicinamento verso New York, tanto che lo stato del New Jersey ha riaperto la caccia per assottigliare una popolazione sempre più numerosa, affamata e desiderosa di mordere spicchi della ‘Grande Mela’. E’ la prima volta in cinque anni che in New Jersey viene bandita la caccia all’orso. Le autorità contano di emettere diecimila licenze, anticipando l’uccisione di 500-700 orsi bruni su un totale stimato di 3.400 durante sei giorni del prossimo dicembre.
”Le lamentele sono sempre più numerose e dipendono dal fatto che gli orsi sono cresciuti di numero”, ha detto il commissario statale all’ambiente Bob Martin.
”Abbiamo orsi oggi in posti dove non erano venuti da cento anni”, ha confermato Patrick Carr, biologo della Fish and Wildlife Division, osservando che molti animali, fino a poco tempo fa confinati nei boschi nord-occidentali dello stato, stanno migrando a est verso l’area metropolitana della “grande New York”, dove è più facile trovare da mangiare nella spazzatura dei sobborghi.
In realtà gli orsi non sono i soli animali dei boschi che hanno messo in allarme le autorità: qualche settimana fa alla polizia della contea del Westchester è stato ordinato di sparare a vista contro i coyote, dopo che gli animali, più simili a lupi che a cani, hanno attaccato a morsi una bambina che giocava nel giardino di casa a Rye, un sobborgo a nord di Manhattan.
Sparare ai coyote è legale in Texas se gli animali minacciano il bestiame o gli animali domestici. Ma New York e la sua area metropolitana sembrano, o sembravano, tutt’altra cosa. I coyote sono sempre più frequentemente parte del paesaggio urbano d’America, perché costretti a fuggire il loro habitat naturale e in cerca di nuovi territori.
Frequenti a Chicago, a New York ne erano stati avvistati tre in febbraio nell’urbanissimo campus della Columbia University, nell’Upper West Side di Manhattan. Gli studenti erano stati messi in allarme e alcune ore dopo un altro animale, simile a un lupo, era stato fotografato mentre passeggiava nei pressi del laghetto di Central Park.

http://www.blitzquotidiano.it

Category: Curiosità, Generale

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Donato Mazzenga coordinatore CONFAVI FRosinone scrive:

    Qui da noi, invece, nel Lazio saremo forse costretti a difenderci con porte chiodate, e recinti di filo spinato elettrficato, con le scellerate indicazioni del MInistero Ambiente con il Patom (Piano d’azione per la tutela dell’orso marsicano) complici il Pnalm, e gli enti regionali che hanno sottoscritto questo protocollo. I risultati si stanno già vedendo con gli orsi, oramai addomesticati, che se ne vanno a spasso dentro le pasticcerie, nei giardini delle case dei centri abitati, stazionando allegramete sulle superstrade, intrufolandosi nei pollai, nelle cantine ecc. Tutto ciò oltre ad arrecare pericoli per l’uomo ed al bestiame d’allevamento, sarà la principale causa d’estinzione di questo plantigrado, che rischierà di essere investito sulle strade dagli automezzi, o di morire asfissiato dalle buste dell’immondizia in cui rovista, o peggio ancora di vedersi ammazzato da qualcuno per difesa personale all’interno delle proprie abitazioni.

    • Springer scrive:

      Immagino la situazione drammatica che si vive nel Lazio con interi paesi posti sotto assedio da migliaia di Orsi inferociti ( e addomesticati ) . Ma non diciamo stupidaggini per favore …..
      Cosa vorresti fare ……. vorresti aprire la Caccia alla cinquantina ( forse ) di Orsi italiani ??

  2. BEN scrive:

    Per questo mi piace l’America, lì sparano ai Cristiani, ti pare che non fanno fuori gli orsi in eccesso??? e pure altri animali (coyotes) che attaccano anche l’uomo, da noi avremmo dovuto chiedere l’autorizzazione a Pecorario Scanio, prima, ora alla Brambilla, che avrebbe risposto picche!!!
    :wink:

  3. Agostino scrive:

    AAAAAHH! Come mi piacerebbe vivere in America.Almeno avrei potuto assaggiare la carne di DINO (l’orso)e poi pensare alla povera Brambilla che mangia la gramigna tra un bicchiere di buon vino e l’altro. :twisted:

Leave a Reply


+ 8 = 17

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.