Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Perugia, coordinamento squadre cinghiale

| 2 luglio 2010 | 9 Comments

cinghialeCoordinamenti delle Squadre Cinghiale Atc Pg1 e Atc Pg2

C O M U N I C A T O S T A M P A

Gestire il cinghiale in prima persona. E’ l’impegno dei cinghialisti appartenenti alle squadre dei due Ambiti territoriali di caccia della provincia di Perugia, che si sono costituiti nei rispettivi coordinamenti Atc Pg1 e Atc Pg2. Si tratta di ben 166 squadre (100 nell’1 e 66 nel 2) cui sono iscritti circa 8mila cacciatori. Proprio ieri sera è nato il coordinamento dell’Atc Pg1, che fa il paio con quello del 2, costituitosi qualche settimana fa.
I cinghialari umbri, dunque, vogliono dire la loro in merito alla caccia al suide, sulla base del confronto interno e con proposte concrete e costruttive alle istituzioni competenti, in primis la Regione Umbria.
E a proposito di proposte concrete, i due coordinamenti hanno esaminato la bozza di calendario venatorio regionale 2010-11, attualmente al vaglio della III Commissione, per trarre le proprie considerazioni in merito a quanto previsto per la caccia al cinghiale. Dalla discussione, unanimi, sono emerse due proposte e una considerazione.
Innanzitutto le 166 squadre che esercitano l’attività venatoria sul territorio della provincia di Perugia chiedono che la caccia al cinghiale apra il 2 ottobre e si chiuda il 31 dicembre, con la possibilità – per le due Province – di posticiparne eventualmente l’apertura al primo novembre per chiudere poi il 31 gennaio. Questa ipotesi è contemplata dalla legge nazionale 157/92, quindi non ci dovrebbero essere grosse difficoltà di recepimento da parte della Regione. Inoltre, gli 8mila cinghialisti chiedono che la caccia al cinghiale in forma singola sia consentita soltanto negli stessi giorni in cui si effettuano le battute.
Infine una considerazione: i coordinamenti ritengono che la caccia al cinghiale vada svolta esclusivamente in forma singola o in braccata, sulla linea dell’attuale regolamento. Ciò è necessario e auspicabile per questioni di gestione e sicurezza, in quanto altri metodi di caccia al cinghiale – non essendo state individuate zone specifiche per il loro esercizio – si andrebbero inevitabilmente a sovrapporre con altre forme di attività venatoria.

Perugia, 2 luglio 2010
Coordinamenti Squadre Cinghiale Atc Pg1 e Atc Pg2


***
Come riceviamo e cosi’ pubblichiamo
***

Category: .In Evidenza, Generale, Umbria

Comments (9)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

    Chissa’ quali sono gli altri metodi di caccia al Cinghiale che per gestione e sicurezza e’ meglio non vengano concessi …….

    • ENZO scrive:

      Per Questioni di gestione e sicurezza andatevi a leggere la relazione della polizia scientifica nella quale analizzando i casi di morte per incidenti di caccia e’ risultato che il 70% sono successi nelle squadre, il 20% e’ dovuto al bracconaggio e il 10% a cadute su burroni o infarti . Se non lo travate su internet posso fornire io l’indirizzo web. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  2. Giusti Giacomo scrive:

    Io lo immagino,e capisco”forse”anche il perche` e`meglio non vengano concessi. :D

  3. fedeli massimo scrive:

    NOOOOOOOOOOOO a da aprì il 2ottobre e qualche giornata in deroga a gennaio, chi indovina perchè vorrebbero ritardare l’apertura al cinghiale? :? a novembre!!

  4. Luca scrive:

    Faccio parte di una squadra da tanti anni ma dopo queste riuniomi si capisce benissimo che non ci sono + cacciatori ma solo sparatori io mi dissocio e cresce sempre + la voglia di abbandonare tutto CHE SCHIFO………

  5. Mario Bartoccini scrive:

    Signor Luca,
    non si faccia scoraggiare!
    Sono tanti i leccaculo che stanno rovinando la ns. cultura!

    Noi La invitiamo a continuare a lottare, sia contro i PADRONI, sia contro i VERMICIATTOLI.

    INVITO ALLE SQUADRE:
    lottiamo contro le mattanze di cinghiali fatte dai soliti leccaculo!
    Basta con i raccomandati, perchè i cinghiali sono di tutti i cacciatori!

    Il controllo e gli abbattimenti spettano per diritto alle squadre, visto che il controllo sulle stesse è intransigente soltanto per i DOVERI.

    Gli abbattimenti per i danni alle colture, gli abbattimenti nelle riserve private, gli abbattimenti nelle Zone di Ripopolamento: sono un diritto acquisito delle squadre organizzate.

    Basta con il commercio di carni fatto dai soliti raccomandati!

    Alcune Zone di Ripopolamento non producono lepri e fagiani perchè si curano gli abbattimenti dei cinghiali uno alla volta (per gonfiare pance e portafogli).

    Le squadre rivendichino i diritti che gli spettano!!!!!!
    Cordialità.

    • juri scrive:

      Sig. Bartoccini,

      Non crede che rivendicare la corretta applicazione dell’attuale regolamento che disciplina la caccia al cinghiale, sia di diritto di NOI squadre??

      Il comunicato sta a significare esattamente questo e non altro!!!!

      Sinceramente non capisco il senso del post.

      Cordialità!

      Juri

  6. Mario Bartoccini scrive:

    Signor Iuri, apra bene gli occhi e “controluce” … vedrà! … vedrà!

    A meno che non sia intento a guardare “la stella” … che stabula cinghiali ZRC Pila/S. Biagio/ Castel del Piano … nella stalla!

    Realisticamente: il confine tra consociativismo e mafia è praticamente indecifrabile!
    Per tal ragione invito le persone di buona volontà alla difesa dei diritti acquisiti!

    Altra cosa i “regolamenti” e persino le “teste di legno”, che per condizione arrogante sono come la pelle dei ……oni!

    Il mio invito? Non copriamoci tutti con quella pelle di … palle!
    Cordialità.

Leave a Reply


4 + 5 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.