Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Codelunghe di voliera e lepri ….

| 11 giugno 2010 | 16 Comments

Codelunghe di voliera e lepri scientificamente calibrate: da Terni, produzione ‘no stop’ dal 1997. Pare un comunicato commerciale. Mica male, no?
Mi capita fra le mani un numero di ‘Diana’ datato 9 settembre 1999 sul quale leggo: ‘ATC Terni: l’ attività è iniziata da poco, ma i risultati già si vedono. Però non mancano i problemi’ -ndr-. Qual mirabile presagio!
Continuo la mia lettura. L’ attività era cominciata nel 1997 (dopo cinque anni dall’ entrata in vigore della riforma -vivadiana!-), ma già si parlava del ‘Centro di produzione di selvaggina specializzato in riproduttori di altissima qualità ubicato a S. Vito in Monte, nell’ orvietano’ -ndr-. Erano passati SOLAMENTE cinque anni dall’ entrata in vigore della L. 157 e il ‘Centro’ pareva già assolvere egregiamente il suo compito di ‘integratore’ al catturato…se mai ci fosse stato.
Oggi, anno Domini 2010, l’ allevamento di S. Vito in Monte continua imperterrito a sfornare ‘selvaggina’ allevata in recinti, da parcheggiare, successivamente e perfino all’ interno delle ZRC, in altrettanti recinti eufemisticamente chiamati ‘di ambientamento’; ma di ambientamento a che cosa? Nessuno lo sa.
E l’ altra selvaggina?, quella che l’ ISPRA (ex INFS) si ostina a definire ‘ecologicamente equilibrata’? Ma quale? Quella catturata all’ interno delle Zone di Ripopolamento e Cattura di tutta Italia?
Alla mia domanda di quante lepri fossero state catturate quest’ anno nelle ZRC della provincia di Terni, il vice presidente dell’ ATC 3 ternano/orvietano risponde: “Manco una!”. Alla faccia del bicarbonato di sodio! Che dire? Un po’ come lo ‘zero scarabocchio’ appioppatomi qualche volta dal mio professore di matematica sul risultato algebrico: non si potrebbe neppure calare! A quel punto, non mi restava che fare spallucce, confidare pienamente nel compito in classe di greco o di filosofia e sperare nella legge della compensazione!
“Non abbiamo acquistato neppure un capo sul mercato” -spiegava nel 1999, su Diana, l’ allora presidente dell’ ATC ternano. Ed è più o meno ciò che asserisce anche oggi l’ attuale dirigente dello stesso Ambito.
Tuttavia nell’ ultimo bilancio dell’ ATC, quello del 2009, alla voce spesa denominata ‘CENTRO RIPROD. SELVAGGINA S. VITO’ lo stesso gli assegna ben 163.632,40 €uro.
In questi giorni il Comitato Nazionale della Caccia della Ruralità e delle Tradizioni, nato da poco a Casteltodino in provincia di Terni, ha posto in circolazione per le strade della provincia un camioncino-vela.
Così, tanto per capire. O forse per far capire.
Sergio Gunnella


Category: .In Evidenza, Generale, Radio bosco, Umbria

Comments (16)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. ilio scrive:

    Benvenuto a Terni e al suo ATC TR3 con tutto quello che ne consegue :!: :!: :!: :!: :!: :!: :!:

    :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

    Salutoni Ilio

  2. lucas scrive:

    Io ho il confine dell’ATC TR3 che mi passa a 150 metri da casa ed ho dei terreni di proprietà all’interno dello stesso. Ebbene, sono ormai anni che non c’è più un capo di selvaggina stanziale. Anzi, ad essere precisi, la scomparsa della stanziale è coincisa proprio con l’entrata in vigore del nuovo sistema degli ATC (legge 157/92).
    Prima era normale, a caccia chiusa, mentre si lavorava con il trattore o semplicemente facendo una passeggiata, imbattersi in covate di fagiani o in lepri (anche, udite udite, qualche volo di starne) e c’erano sempre dei fagiani (e fagiane) vecchie che si salvavano a fine stagione e davano seguito a ceppi di selvatici veramente di qualità.
    Oggi è un deserto lunare e non vale davvero più neanche la pena farsi un giro con i cani e il fucile, tanto non c’è un ca@@o neanche all’apertura…

  3. Springer scrive:

    Tuttavia nell’ ultimo bilancio dell’ ATC, quello del 2009, alla voce spesa denominata ‘CENTRO RIPROD. SELVAGGINA S. VITO’ lo stesso gli assegna ben 163.632,40 €uro.

    Alla mia domanda di quante lepri fossero state catturate quest’ anno nelle ZRC della provincia di Terni, il vice presidente dell’ ATC 3 ternano/orvietano risponde: “Manco una!”.

    _____________________________________________________________

    Una gran presa per i ” fondelli ” la prima .

    Un’ incredibile risultato di NON GESTIONE la seconda . Se poi e’ veramente riferito a TUTTA la provincia di Terni e a TUTTE le ZRC considerando gli anni trascorsi , e’ assolutamente un risultato SCANDALOSO !!!!

    Evviva il ” Paradiso ” ……:D :lol: :D :lol: :D :lol:
    Quest’anno con solo una cattura effettuata invece di due causa neve e non in tutte le ZRC , sono state catturate piu’ di 400 Lepri ( normalmente si superano le 800 ) .

  4. Giusti Giacomo scrive:

    Sprihger
    Ma ti rendi conto?
    Ma coe si fa a tenere in piedi tutta la baracca degli ATC,se solo il “paradiso”e altri 2 o 3 funzionano?
    Non ci sono scuse,vanno tolti dai piedi. :-)

    • Springer scrive:

      O vanno ” istruiti ” i Comitati di gestione in modo tale che quello che succede al ” Paradiso ” e in altri due o tre diventi quello che succede in tutti ??
      Comunque non immagini neanche lontanamente come io sia ben consapevole della cosa e della difficolta’ dell’ affrontare e risolvere il problema . Tanto e’ vero che da quando frequento questo sito mi sono convinto di una cosa . Che e’ poi quella che sto tentando di farti dire ( anche a Ezio ) nella discussione legata al Taccuino di Pinotti . E guarda che a me non importa nulla cambiare perche’ al ” Paradiso ” ci sto ( ovviamente ) da Dio :mrgreen:

  5. Giusti Giacomo scrive:

    Dalla foga ti ho cambiato nome!!! :D

  6. Renzo scrive:

    Bene, se il paradiso di Springer è gestito dagli stessi intenti gestionali con i quali è gestito quello dove caccio io ( siamo sempre in Lombardia … ) allora posso affermare che i paradisi sono già due . Springer sa a che ATC mi riferisco .
    Ma due sono pochissimi . TOGLIETELI come dice Giusti e forse ( forse ) il paradiso diventerà l’Italia venatoria intera .
    Non è possibile pensare di cacciare il nulla in uno qualcosa nell’altro ….. bearsi in un altri posti.
    Ma lo vogliamo tirare fuori il CERVELLO o lo abbiamo solo per far da contrappeso alla testa ? E questo è riferito ai “” GESTORI “”

    • Springer scrive:

      Togliamoli pure .
      E con cosa li sostituiamo ?? Perche’ il tuo ” forse ” ripetuto piu’ volte mi fa capire che alternative valide al momento non ne prevedi . E il ” Paradiso ” o i ” paradisi ” da solo non nascono .
      Quindi …..?? :roll:

  7. Giacomo scrive:

    ATC unico regionale……… sicuramente molto meglio di adesso ! Gestionbe Regionale con persone esperte e associazione con gli agricoltori che lasceranno terreno incolto con erba mediaca trifoglio e stoppie di grano con relativo accordo di moneta. Male che vada caccia libera su tutto il territorio regionale. Solo chiacchiere e distintivo da presidenti ATC mangerecci. Ma andate via ai ciap……… :mrgreen: salutiaaaamo

  8. fedeli massimo scrive:

    Caro Giacomo se non si mettono le persone giuste nei posti giusti………… molti ATC sono gestiti da affaristi, dabulletti del quartiere , da incompetenti sia in gestione faunistica che in quella normativa, dal lazio in giù è un disastro, qui dalle mie parti Roma sud molti cacciatori si sono autotassati x comprare selvaggina (fagiani) La provincia di Roma bè lasciamo perdere…………cè un centro produzione selvaggina della provincia mi pare a Monte Libretti ho visitato il sito e parlano di rilascio di lepri e fagiani nella metà provincia, l’altra metà…………. :? :mrgreen: :twisted:

  9. ilio scrive:

    Massimo e più giuste di queste? arci caccia, federcaccia, compagni, verdi, e presidente al 2° mandato senza aver conseguito nella vita (datata) la licenza di caccia.

    :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

  10. Mario Bartoccini scrive:

    Signor Springer,
    anch’io amo quel genere di selvaggina … mi dica … mi dica … serve un accordo di reciprocità???

    Egregio Signor Gunnella,
    sono entusiasta!! Il salto dalla teoria alla pratica non è poi così difficile.

    Eccezionale il messaggio trasportato! … Grande idea!!

    Signo Ilio … la sente questa musica che proviene dall’ATC 3 – ATC 2 – ATC 1: gnam … grunt … gnam/gnam … aaagrrr (flato) … gnam/gnam/gnam … glu/glu … splut … gn…ammm …

    Perchè la Regione e gli assessori uscenti (regionale e provinciali) hanno voluto assumere due impiegati X ATC???
    Per registrare quella musica … altrimenti a che ca@@o servono!!!

    Signor Gunnella … “mi consenta” … abbraccio fraterno!

Leave a Reply


+ 1 = 2

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.