Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Cacciatori vicentini denunciati x uccellagione

| 21 maggio 2010 | 147 Comments

Sei cacciatori vicentini denunciati Sequestrati 150 uccelli da richiamo
BOLZANO. Bloccati dai carabinieri per uccellagione. I volatili catturati valgono migliaia di euro
Le autorità altoatesine: «Questa è una piaga: coinvolti tanti veneti»

Gabbie per uccelli da richiamo simili a quelle sequestrate

Gabbie per uccelli da richiamo simili a quelle sequestrate

Centocinquanta uccellini sequestrati, insieme con ottantatrè nidi, reti, lacci e spaghi utilizzati per legare i volatili. È questo il bilancio di un’operazione dei carabinieri di Terlano, in provincia di Bolzano, che ha portato alla denuncia, in due controlli distinti, di sei cacciatori vicentini: a loro carico, le ipotesi di uccellagione, maltrattamento e detenzione di animali in condizioni non compatibali con la loro natura. Ai sei bracconieri sono state anche sequestrate le due auto sulle quali tenevano i nidiacei e l’armamentario per catturare e trattenere gli uccelli.
La cattura di uccellini vietati – tordi, bottacce e cesene – nei meleti dell’Alto Adige è, putroppo, una pratica diffusa, come confermano le autorità bolzanine. Diffusa e alquanto remunerativa: gli uccellini, presi per essere poi utilizzati come richiami vivi o per essere ceduti ad altri cacciatori a questo scopo, possono valere dai cento ai mille euro ciascuno. Si fa presto a calcolare che 150 esemplari sequestrati sono un bottino non da poco.
La denuncia dei sei vicentini risale a sabato scorso. È il frutto di un’intensa attività di controllo dei carabinieri di Terlano, guidati dal maresciallo Nasta, che stanno battendo con grande attenzione le colline di meleti, consapevoli del bracconaggio diffuso in questa stagione. Con loro, le guardie forestali e della Provincia autonoma di Bolzano. Oltre al maxi sequestro sono stati recuperati 83 nidi. Anche le auto su cui erano stati caricati, una Volkswagen Golf e un’Alfa Romeo, sono state sequestrate e i sei cacciatori hanno dovuto inventarsi una soluzione alternativa per tornare nel Vicentino.
«La cattura di uccellini da richiamo è una piaga diffusa – spiega l’ispettore Andrea Ragazzoni, dell’ufficio caccia della Provincia di Bolzano -. Quasi sempre si tratta di cacciatori che vengono dal Veneto o dalla Lombardia. Ogni anno le denunce sono decine».
Le pesanti pene previste, reclusione fino a un anno e multe fino a 15 mila euro, evidentemente non bastano a scoraggiare i bracconieri.

M.SC.

Tratto da http://www.ilgiornaledivicenza.it

***
Su gentile segnalazione dell’amico I.R.
***

Category: .In Evidenza, Generale, Trentino Alto Adige, Veneto

Comments (147)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. francescorm scrive:

    Questi sarebbero i cacciatori etici di Renzo,Lucas ecc. ecc.

    • renzo scrive:

      E no caro francescorn !
      Questo non lo dovevi dire ! Non lo accetto
      Ma come ti permetti di giudicare ,se non mi hai mai conosciuto personalmente, non hai mai visto come mi comporto a caccia , come giudico certi fatti ?

      Cosa stai dicendo scusa ? Mi fai pensare che delle due l’una : o non leggi bene i post che mi capita di scrivere, oppure butti le frasi a caso, facendo nomi a caso …..

      MI RISULTA INVECE CHE SEI STAO L’UNICO A DIFENDRE LA STRAGE, PERCHE DI QUESTO SI TRATTA , EFFETTUATA DURANTE LA …PROVA… DI UN FUCILE . :mrgreen:

      FACCIO FINTA DI NULLA , VA’ …..

      Con immutata stima
      Renzo

    • lucas scrive:

      Parla per te, senza tirare in ballo il prossimo.
      Da uno che non ha niente da dire sul massacro fatto e pubblicato per provare un fucile, non accetto lezioni.

  2. fedeli massimo scrive:

    Addirittura i nidi? In galera e buttate le chiavi ,questi sono i personaggi che ci rovinano, la caccia non c’èntra nulla, questi l’ho fanno per guadagnare e intanto………………… :mrgreen: Ripeto nessuna pietà :?

    • gianni2 scrive:

      non è solo un discorso di caccia. è un problema più ampio. ho personalmente visto fungaioli per esempio distruggere letteralmente il sottobosco rompendo tutto quello che si poteva rompere oppure enduristi e trialisti scorrazzare in zone non consentiti in periodi delicati oppure mentre pescavo in una roggia sono arrivati due tizi con una rete e nonostante le proteste si portavano via pescetti tra cui luccetti di 20 cm…è un problema culturale e di rispetto che certi individui non hanno e che secondo me andrebbero sanzionati duramente

  3. francescorm scrive:

    Si Massimo per guadagnare occorre vendere. E chi compra?Piantiamola di fare i moralisti per apparire quelli che oggi non siamo.Come dice springer sono altre le cose che dobbiamo fare per rifarci un’immagine credibile che solo i nostri comportamenti da decenni hanno rovinato.Gli altri,i nostri nemici hanno solo approfittato del piatto che gli abbiamo/stiamo offrendo.

    • Springer scrive:

      ” ……per rifarci un’immagine credibile che solo i nostri comportamenti DA DECENNI hanno rovinato.Gli altri , i nostri nemici , hanno solo approfittato del piatto che gli abbiamo/stiamo offrendo. ”

      ______________________________________________________________________________

      Meno male che qualcuno la pensa come me .

      Adesso uno piu’ uno e’ uguale a due :D

      • francescorm scrive:

        Credo che siamo più di due,compresi quelli che, in buona fede, dicono il contrario solo per dare una mano alla categoria che,siamo tutti consapevoli,va in declino di moralità.Forse colpa del consumismo?o della crisi di valori di cui tutti risiamo consapevoli?Magari bastassero le pene,avremmo risolto tutti i problemi in tutti i settori della vita sociale,invece nel nostro umilissimo piccolo siamo come la CRICCA.

    • renzo scrive:

      Ben detto ….. ma mi sa di falsa riga …..

  4. Springer scrive:

    Le pesanti pene previste, reclusione fino a un anno e multe fino a 15 mila euro, evidentemente non bastano a scoraggiare i bracconieri.

    ______________________________________________________________________________

    Se dovessero scontarle veramente credo sarebbero sufficienti . Il problema e’ innanzitutto vedere se ” pagano ” veramente e duramente per quello che meritano oppure come spesso succede in Italia la ” fanno franca ” . Se i cacciatori e agricoltori locali fossero i primi a denunciare simili atti illegali e chi viene scoperto dovesse pagare tutto e duramente , il fenomeno si ridurrebbe in maniera sensibile .
    Cosi’ fanno e cosi’ succede nei Paesi piu’ evoluti da cui dovremmo imparare ( e copiare ) .

  5. Peppe scrive:

    Cacciatori???? 8O
    Diciamo le cose come stanno, quelli sono bracconieri, non cacciatori!
    E come bracconieri vanno trattati. Non mischiamo le carte in tavola!

    • francescorm scrive:

      Peppe i bracconieri non hanno la licenza di caccia.Questi signori vanno individuati e cacciati da tutte le associazioni venatorie e interdetti dall’attività venatoria.Ma tutti.Solo allora potremmo parlare di cacciatori e fintanto che verranno coperti dall’omertà siamo colpevoli quanto loro.

      • Giovanni Aiello scrive:

        Ti posso assicurare che i bracconieri con la licenza in tasca sono tanti caro francescorm. Poi evita di profferire certe parole nei riguardi di Renzo o altri colleghi, credo che nessuno abbia detto eresie. Questa gente è definita “cacciatore” dalle Autorità che indagano, credo che dobbiamo essere onesti con noi stessi ammettendo che tra noi ci sono bracconieri travestiti da cacciatori e, ripeto, hanno la licenza.

        • Springer scrive:

          Giovanni …….. guarda che tu e Francesco state dicendo la stessa cosa .

        • francescorm scrive:

          Grazie springer,certe volte la fretta di controbattere di porta a fraintendere quello che un altro scrive.Io non ho offeso nessuno,tantomeno Renzo,che ha sempre scritto con la massima educazione e onestà di pensiero.E non per omologare il mio post,ma ho scritto esattamente quello che hai scritto tu,senza la presunzione di dare lezioni,è solo la mia opinione personale.

  6. Nato cacciatore scrive:

    C’è solo da fare una piccola precisazione, come vogliamo giudicare coloro che comprano da questi delinguenti gli uccelli catturati, leggittimando la reiterazione di simili nefandezze, nonchè reati penalmente perseguibili!?

    • Springer scrive:

      Delinquenti quanto se non piu’ di loro .
      Se non c’ e’ richiesta non c’ e’ neanche l’ offerta e non si alimenta il mercato di questi episodi e personaggi che infangano la nostra categoria . Questo e lapalissiano .

    • Giovanni Aiello scrive:

      Essendo un reato, caro Nato Cacciatore, li metto sullo stesso piano di chi ha catturato gli uccelli.

  7. renzo scrive:

    La caccia chiuderà, state certi, ma non date la colpa alla Brambilla o a Veronesi , o ai soliti noti.
    La colpa è solo nostra . O meglio, la colpa è di quelli che sparerebbero alla madre pur di fare bum, e di quelli che venderebbero anche il c ( magari lo fanno ) per avere il conto più gonfio.
    Checchè ne dicano quelli che difendono le pubblicità alle armi, fatte su stragi inutili !
    Checchè ne dicano le “”tradizioni ” dell’alta Italia che vogliono sparare migliaia di cartucce alla Peppola, al Fringuello, al Verdone .. e chi più ne ha piu ne metta .. in nome di una tradizione che non ha più motivo di esistere , almeno come immagine .
    Siamo seri, signori, vogliamo dare l’immagine del cacciatore responsabile, dell’amante incondizionato della natura, di quello che si ammazzerebbe di fatica pur di far rivivere un territorio …
    Ma questo NON accade, e dove accade sono solo briciole di una torta immensa …

    Poi ci sono e si leggono episodi come questi. Di pura delinquenza. perpetuati solo per far denaro. E ci sono pure “”cacciatori “” che comprano a suon di Euro , uccelli per farne richiamo. In barba a tutte le leggi .
    Che pena .

    • Springer scrive:

      Ecco , su questo argomento e per come ti sei espresso mi sei piaciuto molto .
      Bravo .
      Nessuno vuole difendere la prova del Benelli ( io compreso ) , ma prima di puntare il dito e dire che quello e’ un duro colpo alla nostra immagine ( solo in parte lo e’ ) bisogna puntare il dito e far pulizia ” morale ” al nostro interno . Da noi c’ e’ ancora tantissimo da fare . Una volta finito da noi si puo’ pensare a cose che ci toccano , ma di striscio , come puo’ essere la prova di un fucile da Caccia che non puo’ rovinare l’ immagine di Caccia e cacciatore ma semmai quella dell’ azienda che lo ha prodotto .

      • renzo scrive:

        Non sai, o forse non hai ancora capito in toto quanto sono in sintonia con quello che dici , sempre .
        ma ribadisco due cose
        1) NON volevo , e non voglio, tutt’ora, nemmeno pensare di rovinare l’immagine di un’industria; anche perchè non ne sarei capace e sarebbe lontanissimo dal mio modo di vedere le cose . Ho voluto solo rimarcare lo sbaglio di pubblicizzare un prodotto a quel modo . Forse non averbbe fatto nessun scalpore, tuttalpiù sarebbe stato centrato chessò… 40 anni fa ?

        2 ) Cosa credi ,che io stesso NON condanni certi episodi che io definisco senza remore CRIMINALI ? E sto parlando, ora , dell’articolo di cui sopra

        Quello che mi dà il classico colpo allo stomaco, è la dicitura ” cacciatori ” accanto a quella di BRACCONIERI CRIMINALI , perche tali sono !
        Come mi fa contorcere le budella il vedere che nessuno rispetta quella frase, e quello che vuol dire , che c’è scritta sul logo di questo sito :
        Tutte le cacce hanno pari dignità e meritano pari rispetto…
        Eppure in qualche caz…ta che ho scritto ,per puro divertimento, l’ho rimarcato più volte . E sono cose che sento, vivo, e di cui sono PARTICOLARMENTE convinto .
        Mi fa male però essere additato come ” non etico ” o solo etico a metà , da parte di chi nulla sa , o crede di sapere per comodo ……
        Tutto sommato ho cercato SOLO un Vostro parere…. e poi in fondo alla frase avevo di già intuito quello che sarebbe accaduto … scatenate l’inferno !

        A vederci presto caro Springer , certe cose è meglio dirsele faccia a faccia . altrimenti si fonde la tastiera e sarebbe Ineducato nei confronti di altri .
        Un abbraccio
        Renzo

    • francescorm scrive:

      Guarda Renzo che sono pienamente daccordo con te su tutto compresa la pubblicità riportata da Diana che ho smesso di acquistare da quando è diventata solo un veicolo pubblicitario con pochi contenuti informativi.Però soffermarsi ed evidenziare solo quello,che poi è una pratica che in italia fanno molti,visto il proliferare di Aziende turistiche venatorie(specialmente in certe regioni!!!!!),mi pare riduttivo e strumentale per offuscare problemi come quelli dei cacciatori vicentini che sono i veri mali del nostro mondo venatorio,che non possono e non devono essere ascritti a puro atto delinquenziale per scaricarci la coscienza.Un cordiale saluto.

      • renzo scrive:

        Grazie della risposta, io non porto MAI rancori, quindi ti prego di leggere il post di risposta a Springer poco sopra .
        Ricambio certamente il CORDIALE saluto . :P

        • francescorm scrive:

          Il dialogo costruttivo,ognuno professando le proprie idee mi è sempre piaciuto e con te l’ho sempre fatto.Per quanto riguarda l’etica mi riferivo esclusivamente ai commenti sul post dei cinghiali pescaresi ed a quanto anche tu come me ritieni importante ed essenziale rispettare il motto sul logo del sito che spesso e volutamente viene disatteso.A presto.

    • peppol@ scrive:

      ecco sacrifichiamo le forme di caccia degli ALTRI per continuare con la nostra….mia pare che uno dei motti di questo sito sia che tutte le cacce meritino lo stesso rispetto…..per gli “etici” di questo forum dico che prima cominceranno con i migratoristi poi verranno anche da voi….arretrare troppo non produce nulla di buono…AUguri

      peppol@

      • Giovanni Aiello scrive:

        peppol@ io non credo che nessuno di noi si sogni di sacrificare le cacce degli altri. Ma ciò che fanno certi bracconieri per cacciare gli uccellini e da denunciare senza tanti preamboli, stessa cosa vale per chi delinque in altri settori venatori. Non tiriamo fuori certi argomenti che servono a nulla se non solo a polemizzare tra noi e che portano a nulla di buono.

        • peppol@ scrive:

          da quello che leggo invece appare il contrario….in ogni categoria ci sono i fuorilegge ma vedo che solo con la caccia si generalizza e non poco, pure tra di noi….dividi et impera

          peppol@

      • Springer scrive:

        Peppola , se la tua caccia si basa o si e’ basata sullo sparare o meno a Peppole , Pispole e Verdoni non credo ti sia divertito molto in questi anni :D . Hai frainteso il senso di quello che e’ stato scritto dove si parla di IMMAGINE della Caccia pensando al contesto sociale , Italia , in cui questa viene esercitata e che anche noi abbiamo contribuito in mille modi a creare e alimentare .
        E dire certe cose non e’ voler colpire al cuore i migratoristi . Tutti in fondo siamo ” migratoristi ” visto che tranne quella ” ungulata ” che ha i suoi praticanti , di Stanziale non ce ne e’ piu’ .

        • peppol@ scrive:

          non è il discorso di divertirsi o meno, è sentire questa divisione interna che ci porterà alla fine che non mi piace…cacciare specie in salute più di altre non è scandaloso, se poi vogliamo gestire la caccia non scientificamente ma solo in base al colore ed alla grandezza di un animale si faccia pure

        • Springer scrive:

          Mi sono sempre E DA SEMPRE ( anche ultimamente ) espresso nei termini che tu hai usato : gestire la caccia scientificamente . Ecco perche’ sono d’ accordo con te .
          Ma in Italia , cosa possa portare come danno di immagine il NON TENER CONTO del ” colore e della grandezza di un animale ” e’ sbagliato .
          I motivi sono tanti e la colpa e’ soprattutto nostra se a questo siamo costretti .

      • corrado scrive:

        ho letto prima del tuo intervento delle cose incredibili….
        galera, comportamenti nefandi…male assoluto…
        a tutti voi SPUTASENTENZE dico solo una cosa:
        IL FATTO COMMESSO E’ UN REATO PENALE PUNITO DALLA VIGENTE LEGGE.-
        non facciamola tanto lunga ,in veneto ci saranno come in lombardia 20-3000 migratoristi., vogliamo dare del bracconiere a tutti?
        IMPARIAMO TUTTI QUANTI il rispetto e riflettiamo sempre prima di parlare.ed offendere.
        c’e’ una legge che vieta con sanzioni penali questa uccellagione stop.c’e’ un mercato dei richiami vivi OVVIO come c’e’ un mercato dei cani bravi.ma molti allevano richiami onestamente ,altri posseggono richiami forniti dalle province..non siamo tutti uguali.
        CI SON DEI SELECONTROLLORI CHE ABBATTONO PIU CAPI DEGLI ASSEGNATI E VENDONO LA CARNE
        CI SONO DEI COLLEGHI CHE CACCIANO E VENDONO BECCACCE
        CI SON COLORI CHE PERSEGUITANO LE LEPRI LA NOTTE CON I FARI…..
        per ognuno di costoro c’e’ una pena..

        • renzo scrive:

          BRAVO !

        • Nato cacciatore scrive:

          Scusa Corrado, perchè parli di sparare sentenze, se si è solo preso atto, che purtroppo ci sono dei bracconieri, i quali vengono spronati a continuare simili pratiche illegali da quei pochi “”cacciatori”” disonesti? certo!! pochi ma ci sono, è una verità che non ci possiamo nascondere, che c’entrano quei caccciatori come te, me e tanti altri amici che nulla hanno a che fare con queste cose? credo di poter affermare che la maggior parte di noi appartenga a quella categoria di cacciatori che amano la caccia in quanto tale, senza mezzucci e scorciatoie di qualsiasi tipo, soprattutto illegali. Con stima

        • mirco scrive:

          corado concordo al100%

    • Giovanni Aiello scrive:

      Bravo Renzo, hai detto la verità purtroppo.

      • renzo scrive:

        Grazie Giovanni, la verità se è sbandierata , fa male ! e non si dovrebbe dire purtroppo. Mi consolo dicendomi che è una condizione prettamente UMANA

    • Diego scrive:

      Ora cosa centrano le cacce tradizionali con quei bracconieri?
      perchè bisogna sempre ergersi a moralisti senza neppure sapere di ciò che si sta parlando?
      a questo punto per ogni bracconieri che viene preso bisogna anche svilire la forma di caccia che meno ci aggrada? allora se qualcuno viene trovato a bracconare i cinghiali bisogna chiudere la caccia ai cinghiali? idem se qualcuno pratica la caccia alla posta alla becca, ce la prendiamo con chi svolge correttamente tale forma di caccia?
      altro che animalisti & c, finchè ci saranno cacciatori (con la c mnuscola) pronti a sacrificare una forma di caccia (naturalmente quella che non si pratica o che non si conosce, vero?) non adremo mai da nessuna parte..anzi…

  8. corrado scrive:

    nei vostri anni venatori parlo a renzo,a springer,ad aiello a tutti voi….
    AVETE MAI COMMESSO UN INFRAZIONE?
    io si , forse per questo non essendo sublimale purezza non riesco ad accanirmi.

    • renzo scrive:

      Caro Corrado
      ti rispondo immediatamente : ho 54 anni e vado a caccia da quando ne avevo 16 !
      Unica infrazione è stata una multa perche , in un territorio che non conoscevo, con la nebbia fitta , non avevo visto che la casa a cui davo le spalle era a 142 metri ,invece di 150 !
      E lo posso dimostrare quando vuoi ! ! ! !
      Dimenticavo …. ma non mi hanno preso …ho abbattuito un frisone ( 1 ) perchè l’ho scambiato per un tordo, con il sole in faccia ….mi sono sbagliato …:oops:
      Ciao

      • Giovanni Aiello scrive:

        Renzo, la distanza è di 100 mt dalle abitazioni, se con le spalle girate, 150 0 più se spari verso dette abitazioni.

      • corrado scrive:

        bravo Renzo molto piu bravo di me…anche se non so cosi sia il frisone.
        ed anche perchè ti fai fare verbali che non dovresti subire…
        …..occhio

        • renzo scrive:

          e va bhe ! nella fretta ho scritto alle spalle, invece era di fronte … ovvio !
          Il frisone è un fringillide vietato ormai da 30 nni ( credo ) giustamente .

        • Giacomo scrive:

          Renzo io di fringillidi non ne capisco molto ma a me sembra si chiami Frosone, giusto ?

        • Nato cacciatore scrive:

          E se vedo bene è quello nella foto di Diego.

        • Giusti Giacomo scrive:

          Renzo
          E se e`quello che dice Giacomo quest’anno ce n’e`stata una vera e propria invasione.
          Ma tutti gli anni,piu`o meno,il suo passo lo fa regolarmente.

        • fedeli massimo scrive:

          é lui il Frosone, il frisone non sò cosa sia :lol: :lol: :lol: :P

        • Corrado scrive:

          da come scrivi percepisco che parli di cose che non conosci.
          IL FROSONE e non il frisone è un uccello vietato (CACCIABILE QUEST’ANNO IN DEROGA IN REGIONE LOMBARDIA).
          uccello che gode di ottima salute, tando da consentire all’infs (ora ispra) di dare parere di possibile abbattimento entro di numeri contingentati.
          per cui Renzo NON dovresti affermare che il divieto è stato fatto giustamente, perchè quel divieto (ingiusto,stante che la specie gode di buona salute e puo’ essere prelevata) ha privato migliaia di cacciatori migratoristi capannisti (solo a Brescia siamo quasi 30000 a giudicare dalle domande..) di una specie cacciabile.
          cosi come per pispola, fringuello, peppola…..
          ricordati Renzo della bella frase del nostro sito TUTTE LE CACCIE HANNO PARI DIGNITà E MERITANO RISPETTO

    • Giovanni Aiello scrive:

      Tu e altri sarete padronisismi di non credermi, mai commesse infrazioni da quando ho avuto il senso della ragione. Una volta sola, a 16 anni, appena presa la licenza, ho fatto assieme a un amico un vero atto di bracconaggio, “caccia! notturna al conigilo selvatico, cosa di cui mi sono pentito amaramente. Da allora sono sempre stato molto attento a non commettere infrazioni volontarie, quelle involontarie purtroppo le possiamo commettere senza volerlo, per es. sbucare su una strada carrozzabile col fucile carico in un territorio poco conosciuto. Tutto qua.

    • Nato cacciatore scrive:

      Qualche leggera infrazione si, compreso un picchio scambiato per un tordo (ero distratto) e credo di poter dire che si contino sul palmo di una mano, (53 Anni) licenza di caccia a 18 anni. Ma nel caso in discussione si parla di reati previsti e perpetrati volutamente, c’è una bella differenza, non credi?

    • fedeli massimo scrive:

      Quelle non sono piccole infrazioni !!!!Io non difendo certi delinquenti , tutti possiamo aver sbagliato selvatico………. ma io personalmente con molto rammarico e imprecando. :cry: Quei tizi sanno cosa facevano , doppia condanna x la premeditazione :mrgreen:

    • Springer scrive:

      Manco solo io …… ma voglio fare una premessa .
      Perche’ se uno dice che questo genere di episodi devono essere puniti duramente e se dice che al nostro interno bisogna fare ” pulizia ” salta sempre fuori il censore di turno che viene a mettere i classici puntini sulle i ??? Cosa c’ e’ di strano o di scandaloso a dire e sperare che prima o poi da noi si arrivi a questo ?? Non e’ voler accomunare TUTTI sotto la bandiera ( nera ) del bracconaggio ma chiedere che certi personaggi che appartengono alle nostre file non ne facciano mai piu’ parte e paghino per quello che e’ considerato un reato . Punto .
      Veniamo alla questione ” infrazioni ” .
      Il primo anno di Caccia si deve andare con uno piu’ esperto di te che abbia la licenza da almeno tot. anni . Credo che sia cosi’ anche adesso . Questo a garanzia di ulteriore insegnamento e rigoroso rispetto delle regole .
      Il mio ” tutore ” di trent’anni fa era e si e’ dimostrato uno st***zo , ma era quello che ” passava il convento ” essendo l’ unico che conoscevo e che si era preso la briga di volermi vicino .
      Mi ha fatto comprare un registratore ( phonophil ) con registrati i canti degli uccelli NON DICENDOMI che era illegale utilizzarlo e una mattina ad Allodole con questo sparato a tutto volume davanti alle guardie che ci avevano beccato , ha fatto fare il verbale solo a me dicendogli che lui non ne sapeva niente e che il registratore era il mio ( e’ un po’ lunga da spiegare ma complice anche la mia ingenua e innocente eta’ e’ riuscito a fare cosi’ ) e poi una volta andate via mi ha detto : Sai ……. tu sei giovane e non hai mai preso multe ……. io non posso prenderne …..
      Da allora mai commesso un’ infrazione se non quelle magari involontarie del tipo descritto da Giovanni Aiello e assolutamente NON PARAGONABILI a quella commessa dai cacciatori di questo articolo . Anzi , il mio modo di intendere la Caccia mi fa’ essere e andare a Caccia in maniera molto piu’ ” rigida ” di quella che e’ la legge italiana . Puoi crederci o no ….ma e’ cosi’ .

      • lucas scrive:

        Ma la licenza di caccia te l’hanno data con i punti della Esso?
        Anche trent’anni fa i registratori erano vietati e qualsiasi neo cacciatore lo sapeva, per averlo studiato prima di sostenere l’esame. :mrgreen:

        • Springer scrive:

          :D :D :D

          Hai assolutamente ragione , ma forse era piu’ difficile prendere la licenza con i punti della Esso che superare l’ esame che mi hanno fatto .
          Sono andato a Caccia che non sapevo un ca**o di niente .

        • Giusti Giacomo scrive:

          TeSpringer tu devi essere nella manica di qualcuno ……..molto in alto,ma molto.
          Bazzicando nella sezione CPA da diversi anni,ho visto gente bocciata per delle bischerate enormi.
          Io stesso nel 1976,ho fatto un’esame quasi da incubo,a te no,te ti hanno promosso senza sapere una sega!
          E`si!
          Sei nella manica di qualcuno che conta,piu`dei comuni mortali. :-)
          Non solo per gli esami.

        • Springer scrive:

          Immagino il tuo esame da incubo …….
          Cosa ti hanno chiesto sentiamo ?

        • Giusti Giacomo scrive:

          Figurati Springer
          Hai letto quando ho fatto gli esami?
          Ma ti posso dire che di legislazione di quei bei tempi,e riconoscimento di uccelli,ho fatto l’indigestione.
          Lo sai perche`sono stato promosso con sette e mezzo?
          Allora davano anche il voto,ora non lo so`.
          Perche`non avevo fatto scuole,avevo fatto tutto da me con l’aiuto(per il riconoscimento delle spece)del mio povero nonno,che veramente in questo campo era una enciclopedia.
          Eccoti spiegato…..l’arcano.

  9. renzo scrive:

    ………………………………quelli dei cacciatori vicentini che sono i veri mali del nostro mondo venatorio,che non possono e non devono essere ascritti a puro atto delinquenziale per scaricarci la coscienza

    —————————————————————————————————————————————

    Forse la mia ingenuità mi porta a errare sempre e comunque, ma non vedo nei cacciatori Vicentini il male della caccia Italiana . Lo vedo semmai in forme di cacia che sono aberranti, nel contesto in cui viviamo. E dovrebbero essere estinte, per dare un’immagine reale e ben più accettata dell’intera attività venatoria Italiana .
    Certe tradizioni vanno anche rispettate, ma alla luce dei fatti ridimensionate , e allo stato attuale anche di NON poco . Cerchiamo TUTTI insieme di valoriozzare quel territorio di cui tutti si riempiono la bocca ( e solo quella ) , dando la possibilita al cacciatore Italiano di dimostrare di cosa è capace.

    SENZA pensare per forza alla sedia, allo stipendio, e ai facili guadagni ……..
    La caccia è la caccia ! Non dovrebbe esistere la politica del ” fare per non fare ” e del “Farei ma non posso ” . Leggere tra le righe è complicato ? Provateci !

    Nulla di quello che ho scritto è diretto a qualcuno… ma solo a TUTTI NOI ( me compreso che non conto nulla )
    perdonate ma sono inc….to

    • gianni2 scrive:

      ………………………………quelli dei cacciatori vicentini che sono i veri mali del nostro mondo venatorio,che non possono e non devono essere ascritti a puro atto delinquenziale per scaricarci la coscienza

      —————————————————————————————————————————————–

      anche più a ovest non è che si migliori tanto :roll:

    • francescorm scrive:

      Scusami Renzo ma “i cacciatori vicentini”,ai quali va tutto il mio rispetto e lo sanno perchè l’ho detto personalmente a tutti quelli che ho incontrato a Roma il ) Marzo, era inteso come riferimento all’articolo pubblicato.Questo è un articolo che potrebbe scriversi dalle Alpi a Mazara del Vallo e per molti tipi di caccia.

  10. Springer scrive:

    Renzo , lungi da me aver criticato una tua opinione che in parte anche condivido . Rispetto le opinioni di tutti , soprattutto quelle di chi , come te , hanno fatto DA SEMPRE della moderazione e del ” contenuto ” la loro forza .
    E’ sicuro che potersi parlare uno di fronte all’ altro ci si spiegherebbe sicuramente meglio . Poi se lo si fa con le gambe ” sotto al tavolo ” e con un bicchiere di buon vino in mano ancora meglio .
    Basta mettersi d’ accordo …….
    :wink:

    • renzo scrive:

      Non vedo l’ora !

    • francescorm scrive:

      Vedo che il trio del Trasimeno ti ha contagiato.

      • Springer scrive:

        Il Trasimeno e’ un po’ lontano da me purtroppo , anche perche’ a Roma non so’ se ci verro’ questa estate :cry: . Altrimenti una capatina l’ avrei fatta volentieri da quelle parti per conoscerli e fasse ” na bella magnata ” .
        Ma se dovessi venirci visto che il numero di uno dei ” tre moschettieri ” adesso ce l’ ho , mi faccio sentire .
        Resta inteso anche il contrario se qualcuno di voi/di loro dovesse venire su in Padania .
        Fatevi sentire che ” se magna ( e se beve ) bene ” anche qui :D

        • francescorm scrive:

          Springer puoi chiedere a Roberto il mio n° di telefono,è autorizzato a dartelo.Anche a me ha spiegato come fare per l’avatar.Buona notte.

      • Sololasipe scrive:

        Ho avuto il piacere di contattare telefonicamente Roberto Traica e mi piacerebbe conoscerlo di persona magari con altri amici del blog e poter organizzare un bel pranzetto. OK??? Organizziamoci..!! (Solo di sabato). :wink: :wink:

  11. lucas scrive:

    A morte! A morte! :mrgreen:

  12. Sololasipe scrive:

    - ” È questo il bilancio di un’operazione dei carabinieri di Terlano, in provincia di Bolzano, che ha portato alla denuncia, in due controlli distinti, di sei cacciatori vicentini: – e ancora – Ai sei bracconieri sono state anche sequestrate le due auto sulle quali tenevano i nidiacei e l’armamentario per catturare e trattenere gli uccelli.
    DUNQUE SONO CACCIATORI O BRACCONIERI? O l’autore dell’articolo che ci giunge quasi sempre dal giornale di Vicenza meriti una bella querela? :evil: :evil: :evil: :evil:

    • fedeli massimo scrive:

      Purtroppo tutti avevano la licenza di caccia , e quindi cacciatori, e bracconieri in aggiunta! quindi specialmente a caccia chiusa per me ripeto per me , depredare nidiacei è una cosa vile catturare uccelli in fase di riproduzione è altrettanto vile e vigliacco, facciamo tanto per costruire un’immagine diversa ………e poi tra noi cè qualcuno che prova a giustificare……..de cheeee? Strappare la licenza e farci i coriandoli questo sa da fare :mrgreen: 6

    • Giusti Giacomo scrive:

      Sono bracconieri e se hanno la licenza di caccia sono anche maledetti.
      Ricordiamoci sempre che non e`la licenza di caccia che fa un cacciatore.
      Il proverbio dice”
      Non e`l’abito che fa il monaco.

    • mauro andrea giuseppe scrive:

      Non è così semplice come puoi pensare, se poi sono titolari di licenza che fai??????
      Devi dimostrare che la parola cacciatore è stata appositamente usata per gettare discredito.
      Mhhhhh! La vedo dura

  13. peppol@ scrive:

    dai intanto a FORUM qualcuno oggi ci ha augurato di morire con il benestare della Dalla Chiesa…

    peppol@

    • angelo scrive:

      caccio da sempre migratoria generazioni di migratoristi in famiglia, amici migratoristi, ….
      e mi fate girare le palle.
      i signori di vicenza avranno(o se avranno) anche avuto la licenza di caccia, ma in periodo di caccia chiusa a raccoglier nidi non si fa altro che bracconaggio.
      per cui i signori di vicenza sono bracconieri.

    • Sololasipe scrive:

      Ho letto su Wikipedia che il 31 agosto festeggerà il suo 63° compleanno essendo nata nel 1947 Mandiamole qualche fiore!

  14. Pietro scrive:

    Vediamo di chiamare con il loro nome chi pratica il bracconaggio. La parola “cacciatore” vediamo per favore di non accostarla alla parola “bracconiere”, non è bello fare di tutta l’erba un fascio. Chi pratica la caccia illegale non è un cacciatore alla stessa stregua di chi pratica la pesca illegale che viene chiamato “pescatore di frodo”. Il bracconiere caccia al di fuori della legge, quindi, personalmente, gli accostamenti offendono chi è un cacciatore vero e mi fa andare fuori gangheri quando a praticare la caccia illegale è gente con la licenza in mano; questi sono un vero affronto per tutto il comparto. :x :x :x :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil:

  15. angelo scrive:

    secondo voi un gatto selvatico o inselvatichito amico della brambilla….
    quanti nidi riesce a distruggere?

    • fedeli massimo scrive:

      Cosa vorresti dire? che sia la stessa cosa? :roll:

    • gianni2 scrive:

      che discorso del c****

    • mauro andrea giuseppe scrive:

      Ma stai scherzando o cosa :? :? :? :roll:

    • Giovanni Aiello scrive:

      angelo, spiegaci per favore che razza di paragone è il tuo.

      • ANGELO scrive:

        non è un paragone è un modo per aprire gli occhi a tutti.
        mi spiego meglio dato che vivo in campagna e magari alcuni di voi all’18° piano in citta .
        al mio paese hanno con soldi pubblici costruito un come si chiama ..gattile.
        bene, per farla breve le pie anime si prendono cura dei gatti che gironzolano bellamente all’interno ed all’esterno del gattile…mangiano e si riproducono…
        sono diverse decine ora e le conseguenze??
        a casa mia hanno gia diverse volte preso di mira la voliera dei canarini con risultatui nefasti….(ma i canarini sono miei e all’opinione pubblica inporta un cazzo..)nella siepe di casa ci son due nidi di merli…bene, dai e dai entrambia abbandonati uno con le vuova …chissà che fne hanno fatto i merli?? (ma questo non frega un cazzo perchè sai ti dicono sono le regole della natura…sti cavoli dico io ..in matura ci dovrebbero essere 10 gatti e 100 merli non il contrario….)
        lunedi scorso,anche le rondini sotto la trave sono state pappate,ho trovato persino il nido per terra..

        morale : i quanti danni sono generati dai gesti che qualche fessacchiotto ambientalista della domenica ? costoro sono cacciatori?

        • Giovanni Aiello scrive:

          Angelo scrive: mi spiego meglio dato che vivo in campagna e magari alcuni di voi all’18° piano in citta .
          ———————————————————————————–

          Caro Angelo, credo che su questo sito più o meno, anche se tanti vivono in città come me, ma solo al 4° piano va bene spero, siamo Cacciatori che viviamo il territorio tutto l’anno. Io conosco bene la campagna e tutto ciò che ci sta dentro in quanto guardia venatoria, così come l’amico Mauro Andrea Giuseppe, Ezio e tanti altri. Quindi ribadisco che non serve che tu ci apra gli occhi o ci porti certi paragoni, sappiamo bene come funziona e cosa succede in giro per le campagne. Spero tu abbia capito ora e per quanto riguarda i tuoi canarini o altri animali, vedi di fare qualcosa verso chi gestisce il gattile, altro non so che dire.

          Morale: Che cosa c’azzeccano i danni dei gatti col bracconaggio?

  16. Ezio scrive:

    Springer ha proprio SEMPRE ragione…anche sta volta uno + uno = due!! :mrgreen:

    Da Big Hunter:

    “Bussoleno: denunciate due guardie zoofile per abuso d’ufficio

    venerdì 21 maggio 2010
    Dalla segnalazione di un cittadino alla Forestale di Bussoleno (TO), insospettito dai controlli nella propria abitazione su volatili regolarmente detenuti, è partita un’indagine che ha smascherato le irregolarità perpetuate da due guardie zoofile, che sistematicamente si presentavano nelle abitazioni di cittadini come appartenenti ad un fantomatico nucleo operativo antibracconaggio o addirittura come guardie penitenziarie.

    Gli agenti hanno subito fatto scattare gli accertamenti raccogliendo anche altre testimonianze dalle quali è emerso che i due soggetti controllori svolgevano una prima verifica su voliere contenenti fringillidi (fauna autoctona), regolarmente detenuti ai sensi della legge regionale di settore. Le due guardie, prive di elementi visivi di riconoscimento, eseguivano controlli del tutto irregolari svolgendo un servizio non programmato e non in conformità alla legge sugli animali da affezione.

    In base ai numerosi elementi raccolti, gli agenti forestali di Bussoleno hanno quindi individuato delle ipotesi di reato relative all’“usurpazione di titolo” e all’ “abuso d’ufficio”.

    Non sappiamo se hanno agito in nome proprio o meno, certo è che, come emerso dalle indagini, entrambe sono risultate appartententi ad un’organizzazione per la protezione degli animali, non meglio specificata.

    (Luna Nuova – Settimanale Val di Susa)”

  17. Springer scrive:

    Vabbe’ , non capisco il nesso ma se dici che ho ” sempre ragione ” non mi rimane che darti ragione :mrgreen: .

    • Ezio scrive:

      :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

      Ora vado nei “loro” forum e vedo se trovo uno come te anche da “loro” che fa autocritica sulla caz…te che fanno “loro”… :roll:

      Dici che lo trovo da “loro” ??!! :roll: :roll:

      Non mi rispondere è una domanda retorica….. :mrgreen:

      • Springer scrive:

        Aaaahhhhh ……. ho capito …….. Se non lo fanno loro non dobbiamo farlo neanche noi .
        Bella teoria del ca…… volo .

        • Ezio scrive:

          No, no è giusta la tua non ti preoccupare!!!

          Mentre pressoché tutto il MONDO TERRACQUEO sono 20anni che ci massacra in ogni modo troppo spesso peraltro A GRATIS, mentre in vari settori veramente importanti si fanno porcate felici e contenti, una mano diamogliela anche noi a dirgli quanto siamo sporchi, brutti e cattivi…

          Ci mancherebbe!!!

          Non fa na grinza…. :roll:

        • Giovanni Aiello scrive:

          Ammazza che parabordi ti sei fatto Springer… :mrgreen: :mrgreen:

        • Springer scrive:

          Ma scherzi , facciamo come al solito : polvere sotto ai tappeti e scheletri nell’ armadio che cosi’ diventiamo agli occhi del mondo piu’ belli e piu’ buoni . Infatti si vede cosa abbiamo ottenuto e come siamo considerati .
          A Eziooooo ……. sveglia ……. guarda che ci crediamo solo noi alla favola del cacciatore bello e bravo . Gli ” altri ” se ne sono accorti da un pezzo che non e’ cosi’ , anche se non lo scrivo o dico io .

        • Springer scrive:

          Giovanni ……. non si sa mai metti che una mattina al buio mentre sono in barca con il fiume in piena casco di sotto …… almeno non affondo .
          E’ per sicurezza che l’ ho fatto , che hai pensato ….. :D

        • Ezio scrive:

          Eh ma infatti…tra di noi si dice sempre che il cacciatore è bello e bravo….

          Gomme tagliate no??

          E’ giusto che la caccia scompaia ed a farla morire saremo NOI!!!

          Gli “altri” sono solo un “contorno” perchè come siamo capaci a farci del male noi non è capace nessun altro..

          Come vedi ero già sveglio…. :oops:

          P.S:
          Ma l’avatar me lo son perso io…. :roll: :?:

        • Giovanni Aiello scrive:

          Se sono rifatti, attento agli scoppi……….che affondiiiii :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    • Giusti Giacomo scrive:

      A volte sei insuperabile.Springer…………a volte pero`!! :-)

  18. fiore scrive:

    @ Corrado!!!

    colgo l’occasione per restituirti il complimento!! se io mi facevo i viaggi acidi!!! te mica sei implicato in certi fatti?? chesso archetti?? lastre, lacci, pania evvia dicendo!!

    • corrado scrive:

      no,fiore no
      io caccio migratoria con i richiami VIVI e col fucile.
      in periodo di caccia non sono un campione come qualche collega qua…
      ma caccio solamente pur avendo un immensa ammirazione per coloro che sanno uccellare (ne sono rimasti alcuni autorizzati dalla provincia per cattiura e rifornimento richiami vivi..)
      IN QUEL TIPO DI CACCIA SONO MAESTRI.
      che credi sia facile fiore?

  19. fiore scrive:

    forza TUTTI DA RATZY!!!!

    lui ci assolve tutti !!! è sicuro!!! era mitragliere nella contraerea nazzista!!! chi megli di lui ci può capire!!

    ascoltaci oh signore!!!

    sempre sia lodato!!

  20. francesco scrive:

    MA DICO IO FACCIAMOLI VOLARE QUESTI UCCELLI INVECE DI TENERLI IN GABBIA E UTILIZZARLI COME RICHIAMO, ANZI NON E’ FORSE MEGLIO METTERE IN GABBIA IL FINO FINO (PAGANDO UNA TASSA) CHE METTERE GLI UCCELLI COME RICHIAMO? VIVA LINTELIGENZA UMANA!!!!!!!! FRANCESCO DALLA PROVINCIA DI FOGGIA

  21. francesco scrive:

    L’INTELIGENZA

  22. El Tega scrive:

    Sono cacciatori e bracconieri, e stop. Quello che hanno fatto è condannabile su tutti i fronti, non ci sono scuse. Anche perchè non è una cosa improvvisata: sicuramente organizzata, sicuramente perpetrata da anni, sicuramente a scopo di lucro. Questi con sta attività ci facevano i soldi. Perseguire un animale in fase riproduttiva è un fatto di vigliaccheria inaudita e un gesto autolesionistico autentico, alla “Tafazzi” per intenderci, che si martoriava i maroni con una bottiglia.
    Per Fiore: non c’è verso, con certa gente io non riesco a rapportarmi. Tu cerchi il dialogo, ma come si fa con chi ha il paraocchi su tutti e 4 i lati della testa? sono queste le persone con cui dovremmo avere un dialogo costruttivo (mi riferisco al sito verde pisello marcio, naturalmente!!!):

  23. francesco scrive:

    GRAZIE PER LA CORREZIONE MA PER ME L’INTELLIGENZA SI SCRIVE CON UNA ELLE!!!!!!! SE LA NOSTRA INTELLIGENZA NON VIENE USATA ALLORA LE POSSIAMO TOGLIERE TUTTE E DUE :wink: :wink: :mrgreen: :mrgreen:

  24. francesco scrive:

    CON UNA FAVA 3 PICCIONI :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  25. Franco Bimbi scrive:

    Tutti vergini ,ma nessuno può scagliare la prima pietra

    • mauro andrea giuseppe scrive:

      Ma non dire eresie…….
      Il 99.9% può scagliare eccome la prima pietra in un caso del genere.
      Ma pensa te………

      Domanda, come consideri i tuoi colleghi? :roll:

  26. Ezio scrive:

    Ammetto che di questo settore conosco poco o nulla e pertanto dirò sicuramente una castroneria…

    Ma mi pare di capire che di mezzo ci stiano i famigerati “soldi”…pertanto per arginare questa attività non si potrebbe inventare una sorta di centro pubblico o privato che fornisca i cacciatori interessati dei richiami nati in cattività??!!

    • fiore scrive:

      infatti qua i tordi li compri rallevati, oppure ancora qualcuno se li va a prelevare nei nidi! da noi non si catturano più (credo)

      • Luca C.P.A.L scrive:

        e gia’ è vero voi siete la terra santa dopo di voi il buio :!: :!:

      • corrado scrive:

        in lombardia si con legge regionale impianti provinciali…rifornimento richiami vivi
        purtroppo contingentati.
        poi si alleva…ma ci vuole molto molto tempo..sai cosa significa inboccare ogni sei /sette minuti…

    • Giusti Giacomo scrive:

      Ezio
      Ci sono allevamenti,e centri di cattura autorizzati dalle regioni,come da legge 157 per il rifornimento ai capannisti,e ogni centro ha un dato numero di catture da poter fare,ne di piu`,ne di meno, sono tutti controllati e registrati dalla polizia provinciale, poi ci sono………… i bracconieri,con o senza PDA.
      Ogni richiamo acquistato,ha un certificato di provenienza,e un anello amovibile,o dell’allevatore o del FOI.
      Quindi,se la cose fossero fatte per bene,e non si fosse”italiani”sarebbe tutto nel rispetto della legge.

  27. francesco scrive:

    caro ezio, non e’ meglio mettere il richiamo acustico in gabbia che un richiamo vivo? bisognerebbe legalizzare il richiamo acustico(magari,pagando anche una tassa) e lasciare liberi i potenziali ucceli da richiamo. ma sicuramente il problema sono i soldi si si i soldi. prova ad immaginare 10 gabbie con 10 tordi da richiamo e una con il richiamo acustico, la mia intelligenza mi porta a pensare che sia piu’ logico usare il richiamo acustico(reato penale) invece che gli uccelli in gabbia(reato alla nostra intelligenza)viva la caccia franacesco dalla provincia di foggia

    • fiore scrive:

      secondo te , una donna cosa preferisce un vibratore o un pisello di ciccia!! questo penso io, senza contare poi tutto il lato romantico della faccenda, comunque tutti i torti non ce li hai siamo ne 2010 !! e forse anche le donne oggi usano più certi oggetti sintetici!! mah, !!!

    • Giovanni Aiello scrive:

      Caro Francesco, non hai mica detto una cosa sbagliata sai. A mio avviso, seppur modesto, sarebbe la cosa migliore, si eviterebbero così certi abusi da parte di certi bracconieri con la licenza in tasca per rifornirsi e rifornire chi ama questo tipo di caccia assolutamente legittima. Una volta legittimato il richiamo acustico, non ci sarebbero più credo motivi per catturare abusivamente uccelli da tenere in gabbia per la caccia. Ma preferirei si pronunciasse qualcuno pratico di codesto settore, in quanto anche l’idea di Ezio non è da scartare a priori. :lol:

    • Giusti Giacomo scrive:

      E`piu` facile che gli tolgano tutti e due,invece che autoizzare l’uno o l’altro.
      Il richiamo acustico e`molto piu`distruttivo,come lo accendi,non si ferma finche`non si scaricano le batterie,i richiami in gabbia invece hanno pause.e per fare ottimi cantori bisogna darsi da fare tutto l’anno,e alla fine non e`detto che riescano.
      Personalmente sono contro i richiami acustici.

      • Springer scrive:

        Un cacciatore , uno di quelli che si rispetti , uno che abbia tagliato con questo genere di tradizioni che oggi non hanno piu’ senso di continuare visto che non si va piu’ a caccia per far a tutti i costi carniere , non userebbe nemmeno il richiamo ” vivo ” , l’ elettronico non lo nomino nemmeno , ma userebbe solo il richiamo a bocca .
        Una cultura , quella si , che sta scomparendo ed e’ patrimonio di pochi e veri artisti essendo difficile chiamare in modo realistico e ” vero ” , che permette sicuramente minori catture ma di assoluto superiore livello di soddisfazione .
        Basterebbe promuovere corsi con piu’ frequenza e su piu’ ” territorio ” e porre l’ argomento come base di discussione e ci si arriverebbe tranquillamente nel giro di poco .
        Invece abbiamo presentato una proposta di modifica alla 157 che va in senso diametralmente opposto che da una parte deregolamenta la ” tracciabilita’ ” del soggetto e dall’ altra da la possibilita’ di detenzione illimitata degli stessi . Anche se appartenenti a specie non cacciabili .
        Niente male come idea !!!! Soprattutto saper esattamente come fare e quali argomenti usare per dare la pistola carica in mano agli ambientalisti appoggiandoci NOI la fronte contro .
        Bastava schiacciassero il grilletto per farci fuori . Occasione che non si sono ( ovviamente e giustamente ) lasciati scappare :mrgreen: .

        • Giusti Giacomo scrive:

          Mi dici Springer che senxo ha la caccia oggi compresa latua?
          O parli sempredi quella degl’altri?
          Quella non e`la mia caccia,ma in qualche modo la difendo,te no,tu vuoi mettere i capannisti a cantare in versi dalla buca.
          Che ne diresti se ti togliessero gli springer per la caccia?
          Attento,perche`c’e`gia` qualche proposta,con quelli tu sai meglio di me,si scherza poco,specialmente dopo la manifestazione di Roma,e la proposta di modifica della 157,che,secondo te, sono state la causa di tutti i nostri mali.
          Ma la cultura venatoria in Italia e`questa,perche`vuoi togliere quel poco che e`ancora rimasto?

        • Springer scrive:

          Dici questo perche’ non conosci quel tipo di Caccia e non conosci quel tipo di artisti , perche’ sono dei veri artisti , che la interpretano . Allora per te si riduce tutto a ” mettere i capannisti a cantare in buca “.
          Poi per quanto riguarda se all’ indirizzo della mia caccia o quella degli altri credo tu sia l’ unico che ancora non sappia che oltre che con gli Springer vado a caccia anche da appostamento alle anatre .
          Io abito in citta’ e al quarto piano di un bell’ edificio residenziale . Secondo te quando vado a capanno mi porto le anatre vive oppure il ” fischietto ” e chiamo a bocca ??
          Ti lascio tutta la vita per pensarci e rispondermi .
          Poi comunque non era inteso come togliere di legge la possibilita’ del richiamo vivo , ma come promuovere maggiormente la cultura e tradizione del chiamare a bocca . Un’ arte che merita questo tipo di valorizzazione e che invece e’ relegata a essere utilizzata da qualche sparuto appassionato o come dimostrazione nelle sagre venatorie .
          Arte in piu’ innocua a livello di immagine , direi addirittura migliorativa , visto tutti i guai che direttamente o indirettamente comporta o ha comportato l’ utilizzo dei ” vivi ” ( vedi questo articolo ) .
          La cultura era anche quella della pietra tenuta sospesa con lo stecco oppure quella del vischio o dell’ archetto . Oppure della caccia con la spingarda o la tradizionale tesa alle folaghe .
          Perche’ non tenere vivo anche quello :roll: ??
          Forse perche’ il tempo passa e certe forme culturali e’ meglio vengano accantonate ? Mai sentito parlare di evoluzione e tempi che cambiano :roll: ?

        • Giusti Giacomo scrive:

          Conosco anche quella Springer,sono un cacciatore che non si limita solo alla fucilata,ma uno di quelli che ama tutto quello che rigurda l’attivita`venatoria,
          Ho parlato dei tuoi springer perche`sono quelli che hai sull’avatar,ma vuoi che non sappia che cacci le anatre?
          Vedi,stare in un palazzo non vuol dire non poter tenere i richiami vivi,anch’io purtroppo sto`al quarto piano di un nuovo complesso residenziale,e logicamente non posso tenere con me i miei piccioni,ma il posto l’ho trovato dove tenerli,percio`.
          Il mondo sta cambiando,e in peggio,ma il voler cancellare le nostre tradizioni e le nostre culture,significa fare come i nostri nemici,il passato va cancellato dalle menti.
          Poi lascia perdere vischio,archetti etc,che e`roba che appartiene al medio evo,e che pero`in Francia,ancora in qualche distretto viene praticata.

        • Springer scrive:

          Poi lascia perdere vischio,archetti etc,che e`roba che appartiene al medio evo

          _____________________________________________

          Si , ma quando li hanno tolti quelli del ” Medio Evo ” hanno fatto il tuo stesso ragionamento : voler cancellare le nostre tradizioni e le nostre culture . Non hanno detto ….. bhe’ si in fin dei conti sono tecniche e’ vero tradizionali ma non piu’ attuabili dal momento che non si va piu’ a Caccia per mangiare .
          E alcuni lo pensano , e lo fanno , ancora adesso !!

          P.S. Veramente il mio Avatar e’ cambiato e chi lo ha visto ha preferito , non so perche’:mrgreen: , quello nuovo a quello delle mie due Springer . Scommetto piacerebbe anche a te :D

        • Giusti Giacomo scrive:

          No Springer
          Quei”palloni”del tuo avatar e` roba finta,i tuoi cani sono veri,io preferivo quelli.

  28. Ezio scrive:

    Francesco io ho la piena consapevolezza che “legge” non vuol dire per forza “buon senso”…e viceversa, ovviamente…

    O meglio…questa equazione non vale sicuramente in Italy … perciò …roll:

  29. francesco scrive:

    caro fiore, ti riconosco come persona molto intelligente(visto i tuoi post messaggi) quindi scherzi a parte so che la pensi come me in gabbia va il vibratore :wink: mentre i nostri uccelli devono svolazzare liberi dove vogliono :mrgreen: viva la caccia francesco dalla provincia di foggia

  30. Giusti Giacomo scrive:

    Ricordiamoci sempre:
    Tutte le cacce hanno pari dignita`e meritano pari rispetto. :-) :wink:

  31. renato scrive:

    Catturati nei nidi , allevati e poi operati per vedere se sono maschi o femmine.
    Il 90% dei richiami è di provenienza illegale

Leave a Reply


+ 2 = 3

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.