Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Con le chiacchiere ne farina ne pane

| 18 maggio 2010 | 185 Comments

Strasburgo, lí 18 maggio 2010
PASSARE DALLE PAROLE AI FATTI

(On. Sergio Berlato)

(On. Sergio Berlato)

Leggo in questi giorni una serie di prese di distanza dalle esternazioni di colei che dovrebbe fare il Ministro del Turismo e che invece spreca il suo tempo in disquisizioni su materie che poco hanno a che fare con il suo Dicastero.
Vittoria Brambilla ha espresso una sua posizione personale sulla caccia che, sia pur non condivisa, va rispettata se intesa come espressione di un suo pensiero personale ma che deve essere considerata come inaccettabile se pronunciata come Ministro della Repubblica.
Se la Brambilla e’ contraria alla caccia, tanto da chiederne l’abolizione, questi sono affari suoi, ma la sua posizione non deve essere confusa con quella del Governo e della maggioranza che ha avuto il consenso dei cittadini italiani sulla base di un programma che non solo non prevede l’abolizione della caccia, ma ne prevede invece la valorizzazione attraverso l’adeguamento della legislazione italiana alle normative comunitarie.
Fortunatamente in Parlamento e nel governo esistono persone piu’ equilibrate del Ministro del turismo, persone che dicono di essere amiche della caccia, o piu’ semplicemente persone che vogliono garantire anche in Italia, come gia’ avviene nel resto d’Europa, una corretta gestione del patrimonio faunistico e di quello ambientale.
Ma il miglior modo per dimostrare con i fatti di non far parte del manipolo animal-ambientalista che trasversalmente si annida (sia pur in percentuali diverse) in tutti i partiti, non e’ certo quello di limitarsi a coprire di improperi i vari Brambilla, o Catanoso, o Della Seta o Martini.
Il miglior modo per dimostrare di far parte di quella maggioranza di opinione pubblica che non vuole l’abolizione di questa o quella attivita’ solamente perche’ non la condivide, e’ quello di agire concretamente e con equilibrio per far prevalere la ragione all’integralismo, la scientificita’ alla demagogia.
I vari politici che si sono succeduti nella presa di distanza dalle esternazioni anticaccia della Ministra Brambilla possono dimostrare concretamente la loro coerenza in un solo modo: fare approvare in Parlamento le tanto attese modifiche alla 157/92.
Tutto il resto (dichiarazioni, proteste, elucubrazioni varie) suonano alle orecchie dei cacciatori italiani ed alle persone di buon senso come il gioco delle parti dove ognuno recita la sua per accreditarsi agli occhi di ancora gli crede.
Il Coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura rurale, che si riunira’ nuovamente a Bologna il 24 maggio p.v., dovra’ rappresentare un pungolo per l’intero Parlamento affinche’ si possa trovare il coraggio di approvare una riforma della legge statale 157/92 che restituisca alla caccia italiana quella dignita’ che le e’ stata per troppo tempo negata.
Solo questa dimostrazione di coerenza potra’ restituire la credibilita’ della politica agli occhi dei cacciatori italiani e di tutti i portatori della Cultura rurale.
Tutto il resto saranno solo chiacchiere alle quali nessuno ha piu’ intenzione di credere.

on. Sergio Berlato
Deputato italiano al Parlamento europeo

***
Come riceviamo e cosi’ pubblichiamo
***


Category: .In Evidenza, Leggi/Politica

Comments (185)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giulio Usai scrive:

    Onrevole era ora che il Coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura rurale, fosse riattivato. Ora lo sforzo più importante da fare è quello di coinvolgere intorno a questo tavolo tutte – o almeno la maggioranza – delle sigle che rappresentano il mondo venatorio, ad iniziare da ANUU che si è dichiarata in via generale disponibile alla concertazione.

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Abbiamo affidato al CNCN il compito di Coordinare i lavori del Coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura rurale, anche per evitare che le gelosie di qualcuno potessero boicottare il Coordinamento rivendicando la primogenitura dell’iniziativa.

      • Roberto scrive:

        Credo che ormai sia troppo tardi!!!

      • giovanni scrive:

        On. In sicilia in Agosto Le tortore emigrano a Febbraio e Marzo potremmo sparare alle anatre.Che speranze abbiamo quantomeno di anticipare apertura e posticipare chiusura? Grazie.

      • idea copiata a qualcun atro, comunque onorevole quale bozza di legge dovrebbe essere approvata dato che il governo, per non dire altro, ha barattato il mese di agosto in favore del grande afflusso di massa turistica in avvicinamento? E per il mese di Febbraio cosa ancora mi dice? E quali motivazioni darà alla grande totalità dei migratoristi italiani che si vedranno depauperati di almeno due decadi nel mese di gennaio per la caccia ai turdidi in cambio di una decade agli anatidi per la Sua regone? Perchè a questo punto credo proprio che qualcuno abbia giocato in modo pesante per non usare una parola che viene usata nel gioco del poker. Appunto onorevole, meno farina e più pane, anche da parte Sua però!

        • SERGIO BERLATO scrive:

          Caro Giovanni, di cosa mi accusi?
          Di non essere in Parlamento italiano per guidare la battaglia per l’approvazione della 157/92?
          Non ti sembra che, nel mio ruolo di parlamentare europeo, abbia fatto abbastanza per smuovere le acque della politica, andando contro gli stessi capi e ministri del mio partito?
          Credi che se io non avessi smosso le acque con le proposte di modifica e con la raccolta firme a sostegno della nostra iniziativa saremmo forse qui a parlare di modifica alla 157/92?
          E’ vero, le modifiche non sono ancora state approvate dal parlamento italiano, ma non sono nemmeno state accantonate.
          Aspettiamo prima di dare per persa la battaglia!!!
          Ma tu e la tua associazione, cosa state facendo in concreto per fare approvare queste benedette modifiche?

      • Per quanto riguarda la mia persona più che, parlare con amici cacciatori portandoli a conoscenza dei pericoli che la caccia corre in Italia non posso fare altro non avendo i mezzi per poterlo fare ma nel mio piccolo mi sono dato da fare e sto continuando a farlo per cercare di far capire che la situazione non è per niente bella e gli ultimi fatti avvalorano la mia tesi (approvazione Comunitaria). Per quanto riguarda la mia associazione, CPA Sports, Le faccio presente che è stata la prima associazione a cominciare la battaglia per i diritti dei cacciatori costituendosi anche in partito e raggiungendo in Toscana diversi anni fa percentuali di tutto rispetto. E lo schieramento che Lei rappresenta cosa ha fatto e cosa fa attualmente per noi cacciatori? E per ultimo ma Lei non era per caso presidente di una qualche sezione del CPA nella Sua regione? Quindi anche Lei allora non avrebbe fatto niente per la caccia. Vogliamo fare una scommessa Onorevole? Io dico che non ci sarà nessuna modifica della 157/92 se non in termini peggiorativi in quanto finchè ci saranno certi personaggi nel governo non potranno esserci cambiamenti importanti per noi cacciatori. E’ stata barattata una decade di Agosto per i capricci della rossa e della bionda che persone tanto pulite non mi sembrano. Sono state barattate due decadi di Febbraio in canbio di una decade per gli anatidi, in più, ma di due decadi in meno nel mese di Gennaio per i turdidi. E questo quello che Lei voleva? Prima devono essere cambiati i Key Concepts, poi le leggi in vigore, altrimenti si va poco lontano.

    • Roberto scrive:

      Mi scusi Onorevole ma a Lei con l’approvazione dell’art. 43 (abbiamo fatto una figura di cacca in Europa) le sembra che abbiamo raggiunto gli obbiettivi Europei, e se è questo il risultato…….. se mettono mano alla 157 cosa ne viene fuori?????????

      X Daniele è non mi censurare ANCORA………………..
      ……………………………………………………………………………………
      Cugini d’Oltralpe cominciano a beneficiare degli effetti dovuti all’applicazione dei contenuti della Direttiva Uccelli.
      Ottime notizie giungono dalla Francia, dove i ?cugini?
      d’Oltralpe cominciano a beneficiare ? per primi in Europa ? degli effetti
      dovuti all’applicazione dei contenuti nella Guida interpretativa della
      Direttiva ?Uccelli?, congiuntamente alle indagini e relative conclusioni
      sulle decadi di migrazione di molte specie di avifauna, come individuate
      dall’Osservatorio nazionale per la fauna selvatica e gli habitat. In un
      recente incontro avvenuto a Bruxelles, presso la Commissione UE, tra i
      funzionari della stessa e la FACE, guidata dal presidente della FNC
      (Federazione nazionale dei cacciatori francesi), è stato passato in rassegna
      l’intero elenco delle specie di uccelli migratori cacciabili in Francia.
      Tutte le proposte avanzate dalla FNC sono state giudicate compatibili con i
      dati nazionali contenuti nel Rapporto ORNIS del 2001, interpretati alla luce
      dei criteri indicati dalla Guida interpretativa. Ne sono perciò scaturiti i
      seguenti risultati: – Apertura della quaglia l’ultima domenica di agosto. -
      Chiusura di beccaccia, turididi e colombidi al 20 febbraio (sino alla
      trascorsa stagione venatoria la caccia ai turdidi chiudeva al 10
      febbraio); – Apertura delle oche, limicoli e vari beccaccini al primo sabato
      di agosto; anatidi di superficie apertura al primo sabato della terza decade
      di agosto; – Chiusura delle oche, limicoli vari, beccaccino, anatidi marini
      e tuffatori al 10 febbraio; – Sul Demanio marittimo la caccia agli anatidi
      marini e tuffatori può essere spostata sino al 20 febbraio. La FNC,
      reiterando la richiesta che era stata già avanzata in passato dal Governo
      francese, ha fatto presente la necessità di modificare le decadi di fine
      riproduzione per un certo numero di specie come attualmente contenute nel
      Rapporto ORNIS. Su questa istanza, la Commissione si è dichiarata
      disponibile a esaminare ulteriori richieste, domandando a tal fine di
      ricevere i rapporti periodici dell’Osservatorio nazionale transalpino
      contenenti dati utili per decidere in tal senso. La Commissione ha anche
      confermato la propria volontà di modificare l’Allegato V della Direttiva
      ?Uccelli?, specificando che il comitato ORNIS ha incaricato il proprio
      Gruppo di lavoro scientifico della redazione di un testo di emendamento che
      preveda la specifica integrazione nella Direttiva di un riferimento
      giuridico alla guida. Siamo dunque di fronte ai primi, concreti avanzamenti,
      commenta l’ANUU Migratoristi nella sua nota informativa, da una situazione
      di stallo che proseguiva ormai da alcuni anni, cioè a far data da quando
      alcuni Paesi (tra i quali appunto la Francia e poi l’Italia) misero in
      discussione i dati sulle decadi dei periodi riproduttivi e di migrazione
      prenuziale inseriti nel volume ?Key concepts of article 7(4) of the
      Directive 409/79/EEC?, generalmente noto come Rapporto ORNIS 2001. Quasi in
      contemporanea iniziavano anche le riunioni tecniche del noto ?tavolo
      tripartito? tra la Commissione, FACE e BirdLife International per giungere
      alla definizione della famosa Guida interpretativa, che ha rappresentato e
      rappresenta un risultato di spicco sia nel metodo di elaborazione che nei
      contenuti tecnico-giuridici.

      NEWS: Giornali Internet 28/06/05

      • SERGIO BERLATO scrive:

        Cose note, caro Roberto, cose note……

        • Roberto scrive:

          Ok, sono cose “note” ma quale “medicina” dobbiamo usare per smuovere un pò le cose!!!
          Se non si fa nulla nei prossimi 2 anni abbiamo perso la guerra…….. ed io di perdere non ci tengo proprio.
          Cordiali Saluti Onorevole.

      • Rocco Bellanova scrive:

        Egregio sig. Roberto
        I nostri cugini d’oltralpe (i francesi ) hanno una sola associazione venatoria “FNC”, un partito dei cacciatori “CPNT, che opera nel Parlamento Francese ed in quello Europeo con un folto gruppo di Deputati già da diversi anni .
        Esattamente come ha fatto in Italia il partito dei “Verdi” , che per ben due legislature (durante i Governi di csx ) hanno avuto la gestione del Ministero dell’Ambiente, (prima con Edo Ronchi poi con Pecoraio).
        In italia (per nostra fortuna) abbiamo ancora Orsi,Carrara,Berlato,Cacciaambiente ed alcune associazioni venatorie.
        La mia speranza oggi è che Cacciambiente,con il supporto dei cacciatori e di tutto mondo rurale, oltre che di quei pochi politici da me indicati, possa fare nel prssimo futuro ciò che hanno fatto i nostri amici e cugini in Francia ed i nostri nemici in italia.
        Cordialità

        • Nino scrive:

          Caro Rocco, tutto giusto e vero quello che dici ed anche a proposito di Caccia Ambiente e condivido. Una cosa però, a mio avviso, trovo controproducente: che i parlamentari da te citati, forse, ma molto forse, escluso Carrara, se dovessero collaborare a far andare avanti Caccia Ambiente, questo Partito lo possiamo già da ora dichiarare morto. Ma per fortuna né Berlato né Orsi saranno mai accolti, per la troppa evidente incapacità di fare qualcosa per la Caccia, in particolar modo l’europarlamentare (vedi sito ufficiale del Parlamento Europeo) e per il falso detto e ridetto dello stesso europarlamentare che tra l’altro, oltre che essere anche volgare e beffardo nei confronti di noi Cacciatori, oltre che insultare continuamente la nostra intelligenza, addirittura ora, passando ogni limite di educazione, di rispetto, del vivere civile e rasentando addirittura il Codice Penale, chiama in causa i parenti delle persone che gli dicono la verità comprovata, segno questo di chi sta precipitando e tenta di arrampicarsi ai vetri, scivolando, invece ancora più in basso. Una stretta di mano, Nino

      • Giusti Giacomo scrive:

        E noi si vuol andare a scomodare gli americani!!!
        Non siamo capaci nemmeno di copiare Paesi europeiee si portano esmpi da seguire di oltre oceano.
        Poerannoi come siamo messi male!!!! :(

  2. giovanni59 scrive:

    Tutto il resto saranno solo chiacchiere alle quali nessuno ha piu’ intenzione di credere!!Questo era il commento che avrei voluto scrivere io, lo ha fatto lei….. tanto meglio. :oops:

  3. Giacomo scrive:

    Il Coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura rurale, che si riunira’ nuovamente a Bologna il 24 maggio p.v., dovra’ rappresentare un pungolo per l’intero Parlamento affinche’ si possa trovare il coraggio di approvare una riforma della legge statale 157/92 che restituisca alla caccia italiana quella dignita’ che le e’ stata per troppo tempo negata.
    ————————————————————————————————————————————-
    Mi sa che ne prenderemo parecchie anche con la cultura rurale…………. :mrgreen:

  4. Frankye scrive:

    Mi scusi Onorevole, ma di chiacchiere io ne vedo e ne sento sopratutto dalla “nostra parte”.
    Dalla parte opposta , i vari Brambilla, Catanoso, Della Seta ecc ecc, più che a chiacchiere, vanno a fatti. Mi spiego meglio. Grazie al loro “chiacchiericcio” si è magicamente interpretta una Legge Europea limitandola e storcendola nei contenuti che anzichè essere accettata in toto è stata invece svuotata di ogni senso in toto. Sempre grazie al loro “chiacchiericcio” la modifica della 157 pare sia caduta in disgrazia. Oggi pare più importante sapere che tempo farà ad Agosto piuttosto che discutere questa Legge. Le ricordo, che il buon Pecoraro impiegò la bellezza di 4 mesi (QUATTRO MESI) soltanto 4 mesi, per creare un Decreto che ancora OGGI non siamo riusciti a modificare. Quindi mi dica: chi è che fa le chiacchiere??

  5. Luca scrive:

    On Berlato lei in pratica proclama il meno parlare a favore dei fatti da compiere e mi trova perfettamente daccordo…ora la mia domanda e’: di tutte le chiacchiere e di tutte le promesse che sono state mosse e fatte a noi cacciatori dal mondo politico, soprattutto della sua fazione, a quando seguiranno i fatti???..in tutta onesta’ latitano attualmente le concretezze….e, seconda domanda che ho da porli, potrebbe cortesemente cercare di fare chiarezza sulla modifica dell’art.43 recentemente divenuta legge?..questo perche’ sembra che tutte le associazioni, tutti i partiti, tutte le istituzioni anti caccia siano soddisfatti, ma la verita’ qual’e’?..e’ una vittoria, e’ una sconfitta o e’ un pareggio per la nostra amata passione?..grazie

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Caro Luca, non tutte le associazioni venatorie e non tutti i politici hanno approvato la vicenda dell’art. 43.
      Prova andare a rileggerti il commento di Maria Cristina Caretta della CONFAVI che condivido in pieno e capirai come la penso…….

  6. Donato Mazzenga CONF.A.V.I Frosinone scrive:

    Carissimo On. Berlato
    leggo finalmente con piacere un suo intervento sulle dichairazioni anticaccia di diversi parlamentari ed esponenti del Governo (io non ho dimenticato e mai dimenticherò neanche l’intervento del Ministro On. Frattini ). Ad ogni modo, benchè abbia condiviso sin da subito il manifesto del coordinamento per la difesa e la promozione della cultura rurale, non conosco le modalità per far parte di tale coordinamento, chiedendoLe di indicarmi le modalità di adesione.
    Grazie e buon lavoro

  7. lorenzo scrive:

    to chi un more si rivede si dice dalle mi parti, carissimo Berlato comunque per ora tante parole e niente fatti ,batteremo le mani quando alle parole ci saranno i fatti a vantaggio dei cacciatori per ora il cetriolo lo abbiamo noi in quel posto, saluti e buon lavoro .

    • SERGIO BERLATO scrive:

      caro Lorenzo, in tanti sperano da tempo che io muoia ma, ringraziando il buon Dio, sono ancora qui a rompervi i coglioni……………

      • lorenzo scrive:

        caro Sergio è soltanto un modo per salutare un vecchio amico che non si vede da tempo non se la prenda, se ci tiene informati su l’evolversi della situazione lo gradiremo , pero nessuno puo negare la buffonata dell’approvazione della comunitaria saluti e buon lavoro.

  8. sololasipe scrive:

    Spiacente,caro Berlato, questa volta mi trova in pieno disaccordo! E’ una VITA CHE NOI CACCIATORI DOBBIAMO RISPETTARE IL PENSIERO ALTRUI ANCHE SE A DENTI STRETTI. In un paese che si rispetti, sono gli elettori che scelgono i loro candidati. “ma la sua posizione non deve essere confusa con quella del Governo e della maggioranza “. Allora mi spieghi chi l’abbia messa in quella posizione da cui può maledire (o dire male) a un milione ed oltre di persone che non possono difendersi. Le sembra questa la par condicio? Chi le scrive ha votato PDL perchè ha avuto il torto di credere a ciò che era riportato nell’art. 8 del programma elettorale che ella conosce benissimo. Inoltre come possiamo agire concretamente per far prevalere la ragione all’integralismo la scientificità alla demagogia quando non ci viene concesso neanche un minuto nelle varie TV del Paese percorse da ben altre “scientificità.” NON POSSO ESSERE D’ACCORDO! La saluto con la consueta simpatia, da cacciatore a cacciatore! :-)

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Caro Sololasipe (una marca di polvere da sparo che usavo da piccolo quando mi ricaricavo le cartucce assieme a mio padre), se rileggi bene il mio post ti accorgerai che, pur non condividendo l eaffermazioni della Brambilla, ritengo sia giusto rispettarle, cosí come chiedo siano rispettate le mie idee da chi non la pensa come me.
      La Brambilla e’ stata messa al Ministero da Berlusconi e non dalla maggioranza che noi abbiamo votato in Parlamento.
      Per la nostra presenza in TV, dobbiamo affidare il compito al Coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura rurale, visto che le nostre associazioni tradizionali hanno fallito sul piano della comunicazione.

      • sololasipe scrive:

        Potrei anche fregarmene delle affermazioni di costei se solo rimanessero tali, ma il suo imperioso e dittatoriale no alla preapertura di agosto al fin di “tutelare” l’incolumità dei turisti, proprio non mi va’ giu!. Ma quale turismo…in Italia è rimasto solo quello che approda a Pantelleria con i barconi. Con immutata simpatia nei suoi confronti, ma non più per il partito che ella rappresenta. Sololasipe
        :(

  9. fedeli massimo scrive:

    Onorevole la Brambilla occupa il posto da ministro senza essere stata votata da nessuno e questo non mi piace, non mi piace quando tratta i cacciatori come dei mascalzoni e delinquenti comuni, gli animali hanno il mio rispetto , ma a tutto cè un limite, è una vergogna che un ministro della repubblica si permetta di pronunciare simili frasi quali l’abolizione della caccia, qualcuno dovrebbe ricordare alla signora che siamo in europa, e in tutta europa si caccia con le vigenti leggi nel rispetto dell’ambiente e della biodiversità che immagino la ministra non sappia neanche cosa sia. Cordiali saluti .

    • Mauro Proietti scrive:

      ormai ti delego a rappresentarmi massimo…

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Ti sembra che io abbia preso le difese della Brambilla????

      • Igino Canigiani scrive:

        Onorevole Berlato, la saluto cordialmente e visto che in questo momento sta leggendo i vari post colgo l’occasione per chiederle:

        Per quale motivo tutte le settimane sono in calendario alla Commissione Ambiente le modifiche alla 157 e non vengono mai discusse?

        Se ha avuto colloqui con il Sen. Orsi, potrebbe dirci qualcosa?

        La ringrazio per le risposte che vorrà darci e la saluto nuovamente.

        • SERGIO BERLATO scrive:

          Sto sentendo Orsi periodicamente per incoraggiarlo nel proseguire piu’ rapidamente nei lavori di approvazione delle modifiche alla 157/92 in Commissione ambiente del Senato.
          Il percorso e’ irto di ostacoli ma non dobbiamo perdere le speranze.
          Purtroppo io posso solo fare sentire il fiato sul collo ai nostri parlamentari italiani, visto che da parlamentare europeo non posso fisicamente entrare nei lavori del parlamento italiano.

      • Rudi4x4 scrive:

        Lei no ovviamente ( ci mancherebbe)…ma dal governo il Berlusca non ha fatto nessun cenno………….
        Mi apre che questo governo (come già scritto) ha 4 ministri eccellenti e il resto è una accozzaglia di gente che fa quello che vuole senza nessun controllo!!!!!
        Noi cacciatori stiamo vomitando rospi grandi come meloni, ci tacciano come delinquenti e trattati come gentaglia da mandare nei manicomi….e nessuno ci difende pubblicamente!!!!!!!!!!!

        • lupo53 scrive:

          caro amico Rudi 4×4,non siamo noi cacciatori quelli da rinchiudere nei manicomi ma tutta quella genteglia che ha messo gli animali aldisopra del genere umano e quei politici (?) che per mantenerli buoni hanno fatto leggi per la loro protezione (gli animali)

      • Mauro Proietti scrive:

        infatti massimo si sfogava con la brambi sergio, mica con te…e giustamente del fatto che senza alcun merito fa il ministro…

      • Frankye scrive:

        Onorevole, lo ammetta. Questo governo ci sopporta. Non ci supporta. Ci sopporta per mere questioni elettorali ma se potesse ci azzererebbe tutti.
        Lo ammetta e facciamola finita con tutte queste chiacchiere.

        • Mauro Proietti scrive:

          più che il governo è l’opinoine pubblica /cittadina

        • Donato Mazzenga CONF.A.V.I Frosinone scrive:

          In effetti per noi cacciatori, allo stato attuale, sembrerebbero esserci tutti gli estremi per chiedere “asilo politico” in qualche altro Stato… :lol: :lol:

        • Ezio scrive:

          Mauro il nostro “mondo” quanto investe per fornire una informazione corretta all’opinione pubblica???!!

        • Mauro Proietti scrive:

          secondo me zero. basta vedere che gran parte dei comunicati di politici, aavv e appassionati resta nel circuito interno tipo questo sito o i giornali di settore. La manifestazione del 9 docet…ma pare che a noi non interessi la questione…

        • Ezio scrive:

          E allora…amen!! :cry:

      • fedeli massimo scrive:

        No onorevole come dice Mauro sono talmente inc…to che……….io ho fatto una disquisizione,( credo si dica così) lei stava a Roma con noi , con Mauro proietti , Giulio , Francesco , Luca David Enna, er sor Antonio,Bartoccini, Vasco , Traica ec ecc Ho letto bene ……….Lei è un cacciatore, quindi……… lungi da me………rinnovo i saluti. :wink:

      • marco scrive:

        Caro Berlato: per me ormai siete fuori tempo massimo. Game over. E non solo per la caccia :cry:

    • Caro Massimo ora torneranno tutti a parlare, onorevoli e portaborse, ma a parlare e basta perchè i fatti certa gente non è capace a mantenerli. Apri gli occhi Massimo sei un ragazzo intelligente. Ce l’hanno messo nel bocciolo tutti, nessun escluso Cerca di capire che ognuno pensa e penserà sempre e soltanto alla propria poltrona. Questa è l’Italia.

      • Mauro Proietti scrive:

        BAGNO, poco prima ti lamentavi perché deputati e portaborse erano scomparsi…aoh ma ti decidi?? comunque, dall’alto della tua esperienza e della fervente militanza, dacci la soluzione che tutti attendiamo… :lol: :lol:

        • Ti rode Mauro di essere attaccato? Chiedi agli amici che te rappresenti quali possano essere le soluzioni possibili. Io non sono un politico ma un semplice cacciatore che mette a disposizione di tutti la passione ed il tempo, poco, che ha a disposizione. Sono quasi 20 anni che il centro destra mi prende e ci prende per il culo, non ti basta?

        • Mauro Proietti scrive:

          vedi bagnolesi a me non rode affatto il tuo comportamento nei miei confronti, tantomeno essere definito un portasborse. Mi rode il fatto che qualcuno, non essendo comunque a conoscenza di tante cose o dell’impegno che un singolo (io in questo caso che non rappresento assolutamente berlato ne tantomeno altri esponenti pdl ai quali sono legato da molto più tempo rispetto a sergio anche per il fatto che ho sempre fatto politica sul mio territorio) profonde solo ed esclusivamente per la stessa passione che, mi auguro sia questo il motivo, spinge te ad attaccare tutto e tutti. Non sei costruttivo caro bagnolesi, sei solo una critica continua. Tu non mi conosci (così come io non conosco te) però hai fatto la mia storia politica, hai scovato le ragioni del mio attivismo, hai fatto una disanima completa solo in base alle tue deduzioni da esperto cacciatore ed ex missino (almeno così dicono). ti inviterei a contattarmi se vuoi parlare di caccia seriamente confrontarci e magari dare indicazioni che tu ritieni utili, se invece vuoi stare su questo sito a sparlare e a gonfiarti con gli amici che ti danno manforte fallo. ricordati che però anche questo, come tutti gli altri siti, è ad uso interno dei cacciatori e spesso dopo una giornata tutto finisce dove è finita la manifestazione del 9 marzo. Questo perché i cacciatori continuano a vedere chi ce l’ha più lungo. Se a voi sta bene così…

  10. Ezio scrive:

    Mi sa Onorevole che se mettono le mani alla 157 come hanno fatto con la “comunitaria” saranno …saranno… va beh saranno quello che immaginano tutti ormai… :roll: :(

  11. Pietro scrive:

    Egregio Onorevole, fino ad oggi l’hanno fatta da padroni i campanilismi e le chiacchere, di fatti ne abbiamo visti molti pochi mentre la controparte animalista ha portato a casa un bel risultato con la cominutaria a scapito nostro, perchè è indubbio che con la legge che è stata approvata ultimamente i cacciatori ne siamo usciti malconci e questo mi pare che sia un fatto incontrovertibile. Se questo è il buongiorno mattutito, figuriamoci che cosa potrà succedere per la modifica della 157. Non vorremmo dire che “si stava meglio quando si stava peggio”. Fatti ci voglio Onorevole, le chiacchere stanno ormai a zero. Cordiali saluti.

  12. beccaccino scrive:

    Ho votato Forza Italia e PDL perchè ritenevo programmi e “uomini” trasparenti e corretti… ora la mia delusione è forte perchè mi sento preso in giro e deriso.
    Possibile che sia tanto diffcile pur avendo una maggioranza in parlamento non riuscire a far tacere quanti ci denigrano e quanti ci calpestono continuamente i maroni….
    L’ex ministro Pecoraro ci mise quattro mesi a infiocchettarci, noi non riusciamo a concludere niente da tempo oramai.
    ma quali battaglie abbiamo vinto, quali guerre? siamo sempre sconfitti..
    e soprattutto dove sono (associazioni) chi dovrebbe tutelarci in ogni sede?
    Sono stanco, deluso e schifato. Stimatissimo Onerovole Berlato lo dica ai suoi colleghi di partito e/o di coalizione, io insieme alla mia famiglia ero a Roma a protestare sotto l’acqua e il vento e mi creda non avrà più il mio voto e quello della mia famiglia se le cose continueranno così…

    • Frankye scrive:

      Il mio l’hanno perso non appena la Brambilla aveva finito di parlare. Solo il Berlusca che smerda in pubblico la Brambilla potrà riprenderselo. Se lo rivogliono, sanno cosa devono fare….

  13. fiore scrive:

    Tutto il resto (dichiarazioni, proteste, elucubrazioni varie) suonano alle orecchie dei cacciatori italiani ed alle persone di buon senso come il gioco delle parti dove ognuno recita la sua per accreditarsi agli occhi di ancora gli crede.

  14. fiore scrive:

    fiore
    Posted on 13 maggio 2010 at 20:58
    ma alllora non l’avete capioto!!! ancora!!!

    LA BRAMBILLA PORTA SICURAMENTE PIU’ CONSENSI FACENDO TALI AFFERMAZIONI!!! l’opinione pubblica quello vuole farsi sentire dire!!!

    QUANDO ANCHE NOI POTREMO VANTARCI DI PORTARE CONSENSI COME FA LEI ESCLAMANDO VIVA LA CACCIA saremo considerati da tutti i governi qualsiasi essi siano!!!

    ok, ci siamo arrivati!!

    • mauro andrea giuseppe scrive:

      in una maratona, o meglio gara campestre (parlando di cultura rurale), non siamo neanche alla partenza, forse ci stiamo infilando le scarpe, ma dico forse eh.
      Gli altri (anticaccia stanno per lo meno al km. 40).
      Senza immagine non si parte, convien star sotto le coperte, almeno il culo lo si salva.
      Con IL MARCHIO, si rischia invece di vincere.

  15. fabrizio scrive:

    credo alla buona fede dell’ on. Beralto,

    ma non credo piu’ alla buona fede di chi dirige il PDL e la Lega Nord.

    L’ intervento di Berlato e’ sacrosanto e suona decisamente come un monito e anche come un ULTIMATUM AL PDL……….. e se il PDL dell’ ultimatum se ne infischiasse allegramente?

    perche’ credo che finira’ proprio in questo modo.

    l’ amico Berlato avrebbe il coraggio e la forza morale di aderire al partito CACCIA AMBIENTE?

    i parlamentari dell’ intergruppo avrebbero altrettanto coraggio e forza morale di trasformare l’ intergruppo in un gruppo parlamentare autonomo che poi entri a far parte di Caccia Ambiente?

    il Coordinamento per la difesa della Cultura rurale, il CNCN, FEDERFAUNA, LE ASSOCIAZIONI VENATORIE, LE ASSOCIAZIONI DI TUTTE LE ATTIVITA’ RURALI, HANNO BISOGNO DI UN INTERFACCIA POLITICO CREDIBILE .

    sbaglio? manco di realismo? criticare e’ facile ma avere idee non lo e’ e se qualcuno ne ha di piu’ valide spero le voglia condividere con noi poveri “peones” della caccia e della politica.

    Fabrizio

    • Fabrizio credi a troppe cose. Comincia a fare pulizia in Federcaccia anche se sei solo un vicepresidente. Ricordati l’uomo si spezza ma non si piega. Basta con tutte queste concessioni, d’ora in poi il gioco si farà duro come ai tempi del sessantotto e non ce nè sarà più per nessno, compreso certa gente che solo aparole si dimostra amica.

      • Giusti Giacomo scrive:

        Magari ri-succedesse Gionni!!!
        Certo se si va avanti cosi` qualcosa deve succedere per forza………….e non solo per la caccia.
        Questi politici e questa politica fanno veramente schifo in tutti i sensi,e la corda prima o poi si spezza.

        • Giusti te di estrema sinistra ed io di estrema destra, veri ideali non annacquati, siamo molto vicini nell’aver inquadrato la situazione di questo “bel paese”. L’Italia è allo sbando e non solo per la caccia. Non so quanto potrà durare ancora questa situazione. Ciao Giusti, avversario si ma persona eccellente.

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Caro Fabrizio,
      la capacita’ di attrazione di CACCIA AMBIENTE e’ stata testata alle ultime elezioni nelle regioni dove pensavano di essere piu’ forti.
      Vuoi che ti elenchi i risultati e le percentuali raccolte regione per regione?
      Dal momento che non voglio riportare dati inesatti, fatteli scrivere dagli amici di CACCIA AMBIENTE.
      L’unica via possibile e’ quella del Coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura rurale.

  16. diego scrive:

    Troppo comodo plaudire solo a fatti raggiunti e intanto non dare più il voto…

  17. fiore scrive:

    mi verrebbe una gran voglia di scrivere tante belle cosine, mi verrebbe voglia di andare a fare dei copia e incolla da 2 anni a questa parte…..

    Mi dispiace ma anche nella caccia come in tutto quello che è stato fatto (si salva poco) da questo governo avete clamorosamente fallito quando l’elezioni le vince silvio la gente perde!!!

    ma ancora non siete contenti?? ma lo sono io!! è si ora siamo all’epilogo siamo alla canna del gas!! le mgagne da troppo tempo nascoste una ad una stanno spuntando come funghi, la gran carrozzeria extralux di questo governo comincia a fare macchie di ruggine, potete mettere tutti i carrozieri che volete alfano alla giustizia non riscira a parare il cancro del ferro con stuccature e inbavagliamenti, non si potrà più nel nome della privacy continuare a imbrogliare impunemente, e finalmente non si potrà più continuare a DIRE che questo governo non mette le mani in tasc agl’italiani!!! LA MANOVRINA…. con cosa la indorate??? con la caccia all’evasione FISCALE con la rinuncia di una mensilità da parte dei politioci (che lavora 2 giorni a settimana?) con altri condoni o altri scudi fiscali??? scudi come quelli che tutte le volte il ministro della difesa la Russa tira fuori ogni qualvolta salta in area un blindato Italiano in Afghanistan, e si tutte le volte la solita frase DOTEREMO I NOSTRI RAGAZZI CON MEZZI PIU’ CORRAZZATI CHE POSSANO RESISTERE A MINE ANTICARRO!!! i lince o come diavolo si chiamano!! siete alla frutta ormai state contorcendovi in una vetrina di maioliche la grande coesione del pdl si sta sgretolanda di fronte alle troppe bugie e falsita raccontate agl’italiani con il solo intento di mantenere il potere e continuare i traffici illeciti di casta che ormai non si possono più COPRIRE, e una persona che per questo ammiro è Fini che evidentemente non so se dallo schifo o perchè anche lui come molti s’è accorto che il suo governo è marcio e che non potrà durare molto si sta estraniando cercando di salvare il salvabile, ne potrei raccontare mille ma credo che ormai anche i più tenaci non potranno che recitarsi un bel mia CULPA!!!

    ma non m’illudo qualcuno ancora ci crede!!!!!

    • Bravo Fiore condivido il tuo commento. Ogni tanto anche i compagni nè azzeccano una. Di Fini comunque non ti fidare. Venderebbe la pelle dell’orso prima dimaverlo abbattuto. Se avesse avuto anche lui un minimo di coerenza si sarebbe dimesso da Presidente della Camera per dimostrare che quando un uomo dice una cosa la porta fino in fondo ed invece a rimetterci è stato un certo Bocchino. Silvio, è arrivato alla frutta, mi auguro quanto prima di non vederlo più in Parlamento. Mi dispiace ammettere certe cose Fiore ma questo di centro destra è il peggiore governo dell’epoca post fascista, anche se quando c’era il tuo amico Craxi colui che ebbe il coraggio di proporre l’abolizione della scala mobile non è che s’andava tanto meglio di ora. Fanno tutti schifo, però tranquillo, i soldi che percepiscono con le loro cariche sono sudati, come quelli di un operaio che lavora agli altiforni.

  18. Renzo Cavasin scrive:

    Il Caso vuole che La rossa sia un Ministro e che vada a braccetto con tanti dell’ opposizione estrema animal ambientalista, e vista l’ alta preparazione politica era forse il caso che qualcuno gli insegnasse cosa doveva e cosa non doveva dire, unica soluzione in questi casi è la gogna o visti i tempi moderni un bel tappo in bocca.
    Unica nostra soluzione è il Coordinamento con l’ unione di tutte le associazioni.
    I.B.A.L.

  19. francobarca scrive:

    Io invece non credo più a una benemerita s@@a,qui si continua a fare chiacchere.
    Siamo da soli,punto e basta.
    E volete riformare la 157/92…………per favore non ci mettete le mani!
    Ora qualcuno provi a dire di aver fiducia………..IN CHI !!!!!!
    Saluti da un povero bischero che ancora sa da asciugare da marzo!

  20. massimo zaratin scrive:

    Due aspetti estremamente positivi…il primo che l’On. Berlato ci creda, in quanto “padre”, al coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura Rurale. Il secondo che i cacciatori sono inca@@ati come non mai. Ne aggiungerei anche un terzo, essenziale a mio avviso ma ancora non completamente recepito, ovverosia che cominciano ad inca@@arsi anche gli altri portari della Cultura Rurale. Avere persone che ci credono da un parte e sostenitori “arrabbiati” dall’altra è il connubio fondamentale che ha fatto i grandi movimenti della storia. Appuntamento al 24 maggio! :wink:

    • fedeli massimo scrive:

      Che facciamo il 24 maggio ? speriamo di fare i fanti e di far barriere di quà e di là del piave.

    • fiore scrive:

      la falce e il martello della cultura rurale è un pezzo che l’hanno inventato!!!

    • Massimo un po’ di onestà per cortesia. E’ l’ora di farla finita di difendere certe persone e che caspita. Ma ci vogliamo continuare a fare ancora del male? La mia strada non è più quella nè del Sen.Orsi, nè dell’On. Berlato. Ciacole non fa fritole Massimo e sono sempre di più convinto che hanno barattato due decadi ai turdidi per una decade agli anatidi proprio nella tua regione e questo NON LO ACCETTO. Chiarezza ed onestà, le cose che mancano a certi politici italiani.

    • Massimo, l’idea del coordinamento rurale è stata scippata a chi ha avuto per primo la fantastica idea e sai benissimo a chi mi riferisco. L’idea è venuta ad altri che se agivano anzichè confidarsi era molto meglio. Ora i meriti andranno ai soliti noti ……………………………

      • massimo zaratin scrive:

        Ecchisenefrega a chi vanno i meriti! L’importante è che si faccia e per fare bene ci vogliono grandi associazioni alle spalle e capacità economiche. L’idea buona può venire anche al singolo ma se costui si rin@oglionisce e per questioni egoiche non lascia che l’idea si espandi, da solo, non andrà mai da nessuna parte!

    • Luca Davide Enna scrive:

      Massimo, tu sai che ti voglio bene, ma sarebbe il caso che tu non dica padre, ma “patrigno” o “padre adottivo”. Sai perchè… A meno che, tu con il “padre” non intendessi proprio ciò che io credo.
      Detto ciò, credo che l’opinione pubblica sia da riprendere ed erudire. A furia di far vedere tette, culi, nani, ballerine, mignotte e culattoni, sniffatori di cocaina, hanno buttato una parte della Patria nel cesso.
      Basta così !
      Il Coordinamento Nazionale della Cultura Rurale deve avere un nocciolo duro ( leggi consiglio nazionale direttivo)…Per il quale ( mi consenta) offro già il mio modestissimo apporto.
      Deve avere un sistema comunicativo (sia in carta stampata che sull’etere o sul web).
      Un giornale, il quale parli del mondo rurale, nellla sua interezza, rivalutando tutto ciò che c’è di genuino.
      Se non si riuscisse a trovare un canale disponibile aul digitale, si potrebbe avviare una WEB-TV.
      Bisogna fare in fretta, però.
      Bisogna riprendere tutte le vecchie abitudini e tradizioni.
      A proposito.
      Molti di voi, specialmente gli anziani ( perdonatemi il riferimento) ricordano che anni fa, nei campi, si svolgevano , annulamente, le benedizioni delle messi, delle sementi, del bestiame, ecc? La religiosità contadina sembra quasi smarrita, annebbiata dai fumi della modernità. Non sarebbe il caso di fare un salto indietro e ricominciare da capo?
      Abbiamo perso tutte le basi, le radici ed ora ci ritroviamo come i naufraghi, solo che invece di attaccarci alla religione, abbiamo la tendenza di attaccarci al tram (sebbene mi riferiscano che alcuni politici si attaccano a ben altro, ma non voglio saper nulla di ciò).
      In ogni caso, bisognerà combattere parecchio; ora per la caccia e un domani per la nostra stess alibertà e democrazia, ma dobbiamo avere l’umiltà di iniziare dal basso , divenendo servi e non padroni.
      Disse Sano Pietro: “Maestro, tu mi lavi i piedi? Non permetterò che tu lo faccia”. “Se non lo permetterai, non entrerai con me nel Regno del Padre mio” … “E allora, lavami anche il capo” (Giov. 13-6).
      Proviamo a ripartire da capo, con umiltà, chissà che non sia la volta buona.
      Cari Saluti
      L.D.E.

  21. orlando furioso scrive:

    Onorevole saranno anche chiacchere ,ma la prestigiacomo non ha modificato il decreto pecoraro
    sulle zps con valichi, così noi cacciatori figli di un dio minore, questa stagione venatoria la cominceremo il due ottobre.E nessuno fa niente per aiutarci.Vede il passo dei tordi qui da noi comincia tra il 15 e il 20 settembre e non dura molto,e niente deroghe.Questi sono fatti.
    Perciò sono autorizzato a pensare che la brambilla al posto della prestigiacomo avrebbe fatto la stessa cosa, allora è una questione di poltrone e non di chiacchiere .La saluto cordialmente.
    AIUTOOOO ONOREVOLE BERLATOOOO.

    • fedeli massimo scrive:

      Ma che stai a diiii!!!? il 2 ottobre ? io comincio il 1 settembre , e se non dovesse essere già sono invitato in afv in Molise. :oops:

  22. Valerio scrive:

    Caro Sergio,

    dalle mie parti invece si dice le chiacchiere non fan farina,e chiacchere, commenti ,interventi ne sono stati fatti molti da parte di tutti noi ma hanno lasciato il tempo che trovano ,mentre i fatti quelli veri sono quelli che ha fatto questo governo amico ,non tanto amico visto il trattamento che ci hanno fatto con l’art.42 della Comunitaria Europea stravolgendo il contratto che Berlusconi aveva fatto anche con gli elettori cacciatori.

    Ci hanno propio conciato per le feste c’e’ l’ hanno rinfilato senza ungerci con un po di vaselina faccendoci provare dolore,forse ci hanno scambiato per Pannella,Vendola ,Marazzo e tutti gli altri che non sto a nominare altrimenti mi ritrovo sulla tastiera a scrivere per delle ore.

    I cacciatori hanno avuto ed anno fiducia nella tua persona (a parte pochi) capiscono le difficolta’ in cui ti trovi per far capire a chi e’sordo che sta sbagliando,ma arrivati a questo punto cerca di capire un po anche lo stato d’animo di tutti noi che veniamo continuamente presi per i fondelli.

    Questo mio post per dirti ancora una volta che bisogna fare il massimo sforzo per confederare tutte le associazioni venatorie grandi e piccole in un unico soggetto in modo d’avere quel peso politico che neccessita alla nostra categoria.

    Se la modifica della 157/92 fosse presa in considerazione come e’stata richiesta dal popolo del web ,si potrebbe rimediare qualcosa rispetto alla “porcata” dell’art.42 ,se questo non lo consentiranno allora ti do un consiglio da rappresentante dei cacciatori che ci ha visto in tempi passati insieme sulle barricate per avere il giusto e che oggi non c’e’ lo vogliono dare ,aderisci al partito di Caccia Ambiente prima che ti facciano fuori.

    Un caro saluto Valerio Ercolini CPASport

    • SERGIO BERLATO scrive:

      caro Valerio, il mio timore non e’ quello che qualcuno mi “faccia fuori”, obiettivo che in molti perseguono invano da circa vent’anni, ma che tutto il nostro lavoro sia reso vano.
      Con la baggianata della Comunitaria hanno testato il nostro livello di resistenza, sapendo che la vera battaglia non e’ quella dell’art. 43 ma sulle modifiche alla 157/92 che sono in discussione in Commissione ambiente del Senato.
      Credi veramente che la soluzione ai problemi del mondo venatorio italiano sia rappresentata da CACCIA AMBIENTE?
      Il partito dei cacciatori in questa fase storica e’ un’ipotesi anacronistica, cosi’ come dimostrato in occasione delle ultime elezioni amministrative nelle regioni dove credeva di essere piu’ forte e dove si e’ presentato assieme a Pionati.
      L’unica soluzione possibile e’ rappresentata dal Coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura rurale e dalla creazione di un partito dei portatori della Cultura rurale in ogni partito.

      • Giulio Usai scrive:

        Sintesi che va condivisa al 1000%.

      • lorenzo scrive:

        questa volta gli do ragione .

        • lucas scrive:

          Io no. Così si creano solo dei “partiti supermarket” dove ognuno trova quello che desidera, fossero anche istanze antitetiche (pro-caccia e anti-caccia) e vota nella speranza che si realizzino.
          Non si realizza niente, ma la casta continua a prendere i voti di tutti. :mrgreen:

  23. fiore scrive:

    SCUSA LUCAS se riprendo il tuo post!! ma era scivolato fuori dal menù

    Replica
    lucas
    Posted on 18 maggio 2010 at 08:44
    Io ho grande nostalgia dell’atmosfera che si respirava nel mio paese allorché si avvicinava l’apertura della caccia… Il negozio di Foffo (una specie di emporio di quelli di una volta che vendeva di tutto, dai piatti e bicchieri ai fucili, in una confusione colorata che dava allegria quando ci entravi) si rianimava e in vetrina metteva una doppietta e un sovrapposto nuovi e tante cartucce di diversa foggia e colore, allineate come soldatini (oggi sarebbe impensabile, con le norme attualmente in vigore).
    Noi bambini stavamo a lungo con i nasi appiccicati al vetro, a rimirare quelle meraviglie.
    E poi dentro c’era un assembramento di cacciatori, di quelli che erano davvero cacciatori nell’anima e parlavano ovunque, anche ad un pranzo di nozze, in fila dal medico o in un letto d’ospedale, sempre e solo di caccia.
    Persone semplici, spesso semianalfabeti, facce rosse di contadini con il sorriso stampato e la battuta pronta, che si conoscevano per soprannome, che raccontavano sempre le stesse storie di quando il Rosso aveva catturato una lepre con le mani che gli si era avvicinata mentre stava accucciato a fare i bisogni, del Moretto che aveva tirato ad un’allodola ed aveva invece abbattuto due starne, del Terribile che sparava ai tordi ad occhi chiusi e ci prendeva lo stesso.
    Storie vere, storie inventate, ma quando le raccontavano ci sbattevano il cappello a terra ed alzavano il bicchiere di vino gridando “diventi veleno”…
    Poi ricordo la magia della prima mattina di caccia, in agosto, le luci delle vespe, dei motorini, delle biciclette…i colpi prima pochi, poi sempre più serrati, infine tantissimi che si ripetevano per tutta la mattina in rapida sucessione. I gruppi di cacciatori che rientravano in paese e di fermavano al bar, con le doppiette a tracolla e la selvaggina orgogliosamente bene in vista, che commentavano le padelle altrui (mai le proprie).
    Quell’atmosfera mi ha fatto innamorare della caccia. Ma oggi cosa è rimasto di tutto ciò? Niente.
    Di cosa dovrebbe innamorarsi un ragazzino di oggi se non si vede più niente, non si sente più uno sparo?

    Grazie, anch’io ho vissuto cose del tutto simili e il risultato è stato il medesimo!!

    • El Tega scrive:

      Fiore, hai finito di seminar zizzania in siti verde pisello? Lascia perdere, battaglia persa in partenza!

      • fiore scrive:

        ora vo a vedere, non semino zizzania dico come la penso!! se poi l a si prende per zizzania è un’altro affare.

      • fiore scrive:

        El Tega, vedo che ti sei invischiato anche te!! guarda che li dentro c’è qualcuno che è ignorante forte!!! d’una presunzione assoluta!! a volte mi ci diverto .. a volte rimango basito su come possono ragionare!!

    • Giusti Giacomo scrive:

      X Fiore e Lucas
      Questa era la caccia di una volta,questi erano gli odori e i sapori,ora sono rimasti solo pochi cacciatori romantici.

      • fiore scrive:

        Giusti sto cominciando a credere anche se non voglio che il passato è passato e che la caccia come dice Lucas ERA anche certe situazioni che si ripetevano tutti i giorni al bar , oggi ancora qualche ritrovo c’è ma va a morire e non vedo alternative.

        • Giusti Giacomo scrive:

          Si il passato non torna Fiore. su quello non ci sono dubbi,ma loro stanno distruggendo tutte le nostre tradizioni,(non solo venatorie)ed e`quello il brutto.
          Tutta la nostra cultura deve essere cancellata dalla memoria della gente,e sopra tutto dalla mante dei giovani.
          Se non gli si schiaccia il capo come alle serpi,a questi animalambientalisti,e gli faremo portare avanti le loro idee malsane del mondo,chissa`i miei nipotini in che mondo si ritroveranno.

        • fiore scrive:

          Giusti, siamo disarmati in questo caso, l’unica è far tornare l’interesse e la curiosità nei ragazzi ma anche questo la vedo dura quando ero ragazzo io, s’aspettava il ritoprno delle macchine con sopra i cofani le prede, ogni gruppo di cacciatori le metteva in bella mostra e si girava per il paese noi dietro a piedi e loro in macchina che strombazzavano per poi ritrovarsi tutti al bar e fare i commenti della giornata, con le varie rivalità di paese, poi c’era la caccia solitaria quella del capanno del nonno lui partiva da solo con la sua bicicletta e tornava a buio la sera se non c’erano tordi e merli c’erano funghi o magari qualche lepre nella borsa appesa alla canna della bicicletta.

  24. Ezio scrive:

    Fior, ti prego….

    Gurada che di governi di csx ne abbiamo già avuti sia nazionali che locali e abbiamo visto come vince la gente in quel caso. :(

    Perciò se non è zuppa è pan bagnato.

    Piuttosto è un dato di fatto che, almeno con le votazioni nazionali, si piglia il pacchetto intero, con pochi pro o nessuno….. e tantissimi contro…sia da na parte o dall’altra.

    O si possono votare le persone oppure Caccia Ambiente …la sostanza ormai è quella.

    • fiore scrive:

      Preferisco un incapace che un bugiardo

      preferisco che si facciano le cose che servono e non si faccia solo ed esclusivamente quello che conviene

      preferisco Fini a Truffolo

      preferisco smettere di andare a caccia prima di praticare una caccia che non riconosco e non capisco!! perchè quella che pratico è l’unica che capisco.

      Preferisco che la gente abbia la possibilità di scegliere

      preferisco il gelato sciolto che quello confezionato

      preferisco parlare al vento che sorbirmi la televisione

      preferisco che un meteorite ci dia un bel colpo che vedere questa palla autodistruggersi.

      preferisco la sx alla dx perchè i fatti dicono che è migliore su molti punti. ma se dovessi fare un partito io prenderei la disciplina e il rigore della dx e la solidarietà e l’accoglienza della sx ( ma forse già qualcuno c’ha pensato)

      • fiore scrive:

        Aggiungo e per quel che riguarda la caccia e l’ambientalismo

        MAI nessuno capira le nostre ragioni, perchè ormai nessuno ha la lucidità e la capacità di valutare le cose per quello che sono, a maggior ragione chi uccide è un assassino, questa è la coscenza della modernità.

      • Giulio Usai scrive:

        Fiore scusa chi è il bugiardo a cui ti riferisci? Io non ho capito!

        • fiore scrive:

          i BUGIARDI sono quelli che dicono le bugie,, se sei stato attento e non ha pregiudizi ne puoi trovare a palate!!

          certo non posso suggerirteli io, io guardo con i miei occhi e valuto secondo i miei canoni, che non è detto che siano anche i tuoi.

          il tempo però può aiutare a chiarire molte cose.

        • Giulio Usai scrive:

          Fiore che di bugiardi ne sia pieno il mondo e l’Italia in particolare, ma credo che non si possa pensare che stiano da una sola parte.
          Questo Governo ha le sue pecche, ma non sono convinto che abbia solo pecche.
          Del resto la 157 ha compiuto ormai la maggiore età ma non mi sembra che nessuno si sia mai preso la briga di modificarla nemmeno sotto Governi a te più cari.
          Ora forse, nonostante tutto, credo possano esserci maggiori possibilità per una modifica della 157 che non prima, ma quello che personalmente credo continui a mancare è un mondo venatorio unito. Sono convinto che è questo a rappresnetare oggi una nostra debolezza che non fa altro che ostecolarne il percorso.

        • fiore scrive:

          da due anni a questa parte, continuo a dire che questa era l’occasione buona per ammodernare la 157 e avvicinarsi all’europa, ho fatto mille liste delle cose che secondo me andavano ricercate, ma la più deleteria come dici tu è la mancanza di unità ecco questa unità doveva essere la BASE per mettere a punto una strategia che doveva muoversi sulla lama del rasoio ( perchè parlare di caccia in Italia è una cosa del genere) e per muoversi sulla lama del rasoio bisogna fare la lumaca bisogna portare avanti una strategia che lubrifichi la strada non con soldoni ma con ARGOMENTI SERI che si rifacciano allAMBIENTALISMO ALL’AGRICOLTURA ALLA FORESTAZIONE, poi andava coinvolto tutte le persone che 1) non sono a priori contro la caccia. 2) che si dilettano nell’ambiente. in modo di costruire un gruppo abbastanza sostanzioso di persone che CONOSCONO QUELLO CHE VANNO A FARE sia essa caccia pesca evvia evvia. Poi la fase due per avanzare sul rasoio bisognava avere un obbiettivo concreto e non la caccia sulla neve o l’eliminazione delle giornate di silenzio venatorio e menche meno la licenza a sedici anni (con questo io sarei stato favorevole ma sul rasoio non si può fare di certi scatti) l’obbiettivo era quello che hanno fatto in Francia come dice PINOTTI l’ACCORDO ma noi potevamo puntare più avanti per avere un calendari EUROPEO e non le cacce tradizionali!! potevamo approfittare dell’anno della biodiversità sfruttandolo a nostro favore e non subendo l’iniziative animaliste della prestigiacomo la biodiversità cosè che vuol dire vuol dire CHE IL CACCIATORE e come arrivare in cima al palo della cuccagna più animali che ci sono e più la caccia e variegata. Ora non voglio annoiarla con le mie strane teorie ma avrà gia capito che la lumaca s’è fatta in due ed e scesa dal rasoio…..

          buonanotte a tutti

        • Giulio Usai scrive:

          Fiore per me quello che hai detto ora è condivisibile in buona parte, perchè uesta volta hai messo l’accento su un problema che non è politico ma che dovevamo affrontare e risolvere noi e cioè le nostre Associazioni.
          Qui non si tratta di dare la colpa ai politici la colpa è la nostra che non sappiamo dialogare con il mondo politico perchè non possiamo farlo da cani sciolti quali siamo, senza una strategia, senza idee, senza spirito di scarificio e soprattutto senza un soggetto unico che ci rappresenti e che sia in grado di essere credibile.
          Per questo credo che il Coordinamento pe la cultura rurale sia importante, perchè è forse l’unico tavolo che se ben condotto e non boicottato dalle AA.VV. può raggiungere l’obiettivo, anche e soprattutto quello di viaggiare sulla lama del rasoio.

      • Bravo Fiore. Io però non preferisco nè la destra nè la sinistra e poi ti sei dimenticato di dirci cosa nè pensi in materia di passra! Un mi dire che preferisci qualcos’altro per chè allora un ti cao più:

  25. lucas scrive:

    Ma la buona notizia che ci dovevi dare un anno fa s’è più saputa..? :mrgreen:

    • Eccellente Lucas. Molto arguto, ma come spesso accade si dimetica. E tutti i modi in cui siamo stati trattati perchè non credevamo? Quando una persona è in difficoltà cosa fa Lucas? Attacca, in fin dei conti nè la prima reazione che ti viene in mente, mentre invece bisognerebbe agira con calma ed INTELLIGENZA, QUELLA CHE MANCA A CERTI CACCIATORI ITALIANI……………………………….

  26. fiore scrive:

    @ PINOTTI,

    mi riferivo proprio a quei fringillidi che a seconda di quello che dovevano beccare avevano adattato il becco… appunto l’evoluzione della specie.

    @ CORRADO

    gl’acidi o LSD o acido lisergico non li ho mai presi sono sempre stato contro le droghe CHIMICHE! anche quando passavo le serate a rollar canne!. ♣♣♣♣

    @ Renzo il tomawhak non sò esattamente di tribu è ma mi piaceva come simbolo, perchè anche il peggior pellerossa di allora prenderebbe di tacco il miglior cacciatore ( uomo) di oggi.

    • fedeli massimo scrive:

      Infatti i risultati sono questi, a forza di canne ti si è bruciato qualche neurone, fatti di amanita muscaria che è meglio :lol: :lol: Il compagno Santoro ci lascia………………… 2,5 milioni di € e vai ,adesso li distribuirà ai compagni meno fortunati SIC!! :roll: :lol: :lol: :lol:

  27. Giulio Usai scrive:

    Onorevole,
    credo che le recriminazioni e i rimproveri di molti lascino il tempo che trovano, non sono convinto che paghi la polemica sterile e continuo a ritrenere che ci sia da lavorare molto da parte di tutti: da parte di voi politici a cui ci rivolgiamo per chiedere che vengano ascoltate le nostre richieste, ma soprattutto anche da parte delle AA.VV. perchè facciano finalmente con senso di responsabilità il loro lavoro che oggi manca.
    Il Coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura rurale può rappresentare davvero una svolta se da parte di tutte le categorie coinvolte ci sarà una volontà sincera e aperta al dialogo e alla ricerca delle soluzioni.
    Per questo Onorevole le vorrei chiedere se può tenerci al corrente di quale è l’ordine del giorno e delle decisioni che ne scaturiscono. Sarebbe anche molto importante conoscere quali sono le sigle che hanno aderito al Coordinamento.
    Un cordiale saluto.

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Vi terro’ aggiornati sull’esito dei lavori del Coordinamento.

    • claudio di anzio scrive:

      Vedi Giulio, le recriminazioni e i rimproveri è vero che lasciano il tempo che trovano, però purtroppo su queste pagine compaiono le nostre idee. Ed oggi devi convenire che la maggior parte di noi è profondamente delusa. Siamo partiti con la raccolta delle firme fatte dalla CONFAVI euforici di qualcosa che sarebbe potuto accadere; abbiamo raccolto sotto la pioggia a Roma tanti amici; abbiamo supportato le idee di chi per noi poteva fare qualcosa in più e cosa ci ritroviamo tra le mani? Solo l’ostracismo di tanti. Mi sembra logico che la conclusione, ad oggi ,è solo fatta dalle nostre lamentele. Ma siamo fatti così; anche se nelle nostre uscite, non abbiamo sparato una botta nel tornare a casa già stiamo pensando alla prossima uscita. Ed è per questo che io continuo a sperare.

      • Giulio Usai scrive:

        Caro Claudio,
        la mia polemica non era rivolta a te.
        A me recriminazioni e rimproveri non piacciono quando sono sterili e di quelli fatti sopra ce ne sono diversi, mentre altre recriminazioni e rimproveri se fatti con spirito costruttivo allora li codivido e ne faccio anche io.
        Penso che tutti noi abbiamo ragione di essere arrabbiati e risentiti ed è giusto fare capire che non ci piace essere presi in giro, ma obiettivamente credo – e mai mi stancherò di ripeterlo – che abbiamo grosse responsabilità anche noi se non otteniamo quello che chiediamo, perchè le richieste sono troppe sconclusionate e spesso contrastanti. Fino ad ora abbiamo lasciato nelle mani degli interlocutori politici di decidere del nostro destino senza dare un contributo o almeno indicazioni concrete e questo è il risultato.
        Credo che ora dobbiamo almeno supportare il lavoro del Coordinamento al quale però dovrebbe partecipare unito tutto il mondo venatorio. Solo così possiamo sperare di portare avanti un progetto e di poter mettere a segno qualche risultato.
        Un saluto cordiale.

  28. Clandestino scrive:

    Fiore, se puoi, indicami la strada per i siti “verdognoli” che vengo a farti-vi compagnia…. :mrgreen:
    Tanto il sangue amaro ci hanno gia’ pensato i politici a farmelo venire……peggio di cosi’ non puo’ andare….

    Per l’On. Berlato……ad’oggi, da quello che ho capito, avremo ancora piu’ balzelli e restrizioni…..per favore Onorevole, lasci-ate fare tutto cosi’ come sta’, xche’ ogni volta che ci mettete le mani, ogni muta è una caduta.

    Intanto, io, mio padre e altri colleghi amici non abbiamo ancora pagato gli l’Atc, e se continua cosi’, quest’anno si passa.

    Cordialita’.

    • fiore scrive:

      il sito è LAZAMPA.IT ma mi raccomando facciamogli vedere che siamo più signori di loro, tanto hanno delle fisse e delle pregiudiziali che fanno quasi pena!!

      • Giusti Giacomo scrive:

        Fiore io un ci vo`,perche`io non sono un………..”signore”

        • El Tega scrive:

          Eppure un’occhiata tanto per capire come gira il loro mondo è utile darla. E si avrà la conferma che i veri ultras non sono sui nostri siti; pare impossibile che qualcuno porti il paraocchi anche sul naso. Non scendete mai al loro livello di provocazione; rispondete a tono ma sempre con educazione e distacco. Un’ultima cosa: non stupitevi se vi lasciano in moderazione per un giorno…lì funziona così.

        • sololasipe scrive:

          8O Occhio ai virus! 8O

  29. Renzo Cavasin scrive:

    X fiore
    Il giorno che Berlato parlera di gnocca tu diventerai finocchio, o…

    Per la nostra passione uniamoci Coordinamento per la Difesa della Cultura Rurale
    I.B.A.L.

    • fiore scrive:

      si puo essere anche questo ma, se mi metti alla prova il risultato non è quello che credi!!

      per carità nulla di personale, con l’Onorevole,ma io rimango delle mie idee. tutto qui.

  30. dardo scrive:

    Mi perdoni ma non capisco dove sta la difficoltà, nel vostro programma vi è il prolungamento del periodo cacciabile naturalmente per specie, avete i numeri, e le leggi dovrebbero volare con una facilità estrema ma così non succede, la caccia sembra un problema insormontabile ed invallicabile, e quando si crea una nuova legge lo si fa a discapito dei cacciatori, non per contraddirla onorevole Berlato ma secondo me nel P.D.L. le Brambille sono molto più di una forse troppe per poter raccogliere i consensi dei cacciatori. Se fossero tutti come Lei on. Berlato allora si che avrebbe ragione, ma oltretutto si è dato potere decisionale ad un organo di controllo sulla caccia che è un assembramento di verdi, è come mettere un razzista all’ufficio immigrazione 8O

  31. hunter76 scrive:

    Buongiorno a tutti e anche a Lei Onorevole, cerchero’ di essere breve e conciso, in questi ultimi giorni si ascolta e si legge di tutto, ma di concreto dove si arrivera’?
    Mi farebbe piacere, dato che l’interesse comune sarebbe quello di trovare un punto di riferimento alle nostre richieste, sapere secondo Voi cosa e come dovremmo fare per far si che le nostre richieste siano enunciate per quelle che sono e non modificate a tal punto a dover raggiungere dei compromessi per esercitare i Nostri diritti da cacciatori??
    Vi sembra giusto che da tante e tante voci si debba scendere a compromessi per cose che ci spettano?
    Grazie e buona giornata.

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Caro Hunter76,
      la politica, purtroppo, e’ l’arte del compromesso.
      L’importante e’ che il compromesso raggiunto sia soddisfacente per le parti in causa, altrimenti diventa prevaricazione.

      • Pietro scrive:

        Mi pare che con l’approvazione della comunitaria ci hanno già prevaricato da tutte le parti, o forse non ce ne siamo accorti? Probabilmente abbiamo perso solo una battaglia, ma se si continua in ordine sparso come siamo adesso perderemo anche la guerra, questo è certo. Cordiali saluti.

  32. fabrizio scrive:

    caro amico hunter 76….

    te lo dico io dove si arrivera’. si arrivera’ a vedere se gli amici sono realmente amici. Berlato, che io credo sia in buona fede, ora non ha altra scelta che continuare a guidare il COordinamento Per La Difesa Della Cultura Rurale, coordinarsi con le associazioni del settore rurale e DIALOGARE con CACCIA AMBIENTE.

    POI ……… fare pressioni affinche i parlamentari dell’ intergruppo in difesa della caccia e del tiro, trasformino l’ intergruppo in un gruppo parlamentare autonomo (anche la meta’ di loro sarebbe una vittoria non da poco) sotto la bandiera di CACCIA AMBIENTE.

    Insomma, gli ingredienti ci sono: c’e’ il partito, c’e’ il sostrato di associazioni, ci sono tanti cacciatori (come me) INCAZZATI NERI con LEGA NORD E PDL, e per di piu’ possiamo intercettare il voto di tanti cacciatori di sinistra !!!

    Onorevole Berlato, IL 24 MAGGIO PROSSIMO chiama a raccolta Carrara, Orsi e gi altri DELL’ INTERGRUPPO !!!

    Fabrizio

  33. fabrizio scrive:

    caro on. Berlato,

    innanzitutto ti sono grato perche’ se non fosse per te , di riformare la vetusta legge 157 non se ne sarebbe MAI nemmeno parlato, e anche se le cose sono andate “a rovescio” non e’ certamente colpa tua.

    premesso che SONO D’ ACCORDISSSIMO CON LA NECESSITA’ DI COORDINARE TUTTE LE REALTA’ DELL MONDO RURALE E REPUTO OPPORTUNA LA RIUNIONE DI BOLOGNA DEL 24 MAGGIO PROSSIMO……

    PERMETTIMI UNA DOMANDA…… PERCHE TAGLIARE FUORI A PRIORI CACCIA AMBIENTE??

    I PARTITI TRADIZIONALI, LEGA PDL E PD SI SONO DIMOSTRATI ASSOLUTAMENTE INAFFIDABILI E CI HANNO TRADITI, quindi vuol dire che MANCA UN INTERFACCIA PARLAMENTARE CREDIBILE AL MONDO RURALE.

    PDL E LEGA NORD SONO DI FATTO SUCCUBI DEL PIU’ DELIRANTE ANIMALISMO.

    TI RENDI CONTO CHE RISCHI DI PERDERE LA TUA CREDIBILITA’ POLITICA PER SALVARE LA POLTRONA DEI VARI FRATTINI, CATANOSO, BRAMBILLA PRESITGIACOMO E COMPAGNIA CANTANTE?

    ti interpello perche’ credo nella tua buona fede, e credo che chi dirige il PDL ti fara’ ancora fior di promesse per poi infinocchiare di nuovo sia te che noi.

    un cordiale saluto

    fabrizio

    • SERGIO BERLATO scrive:

      caro Fabrizio, del Coordinamento non fa parte CACCIA AMBIENTE perche’ e’ un partito e nessun partito e’ stato chiamato a far parte del Coordinamento.
      Le decisioni e le posizioni del Coordinamento saranno sottoposte all’attenzione di tutti i partiti, compreso CACCIA AMBIENTE.
      Spettera’ ai partiri (sia di cdx che di csx) prendedre a cuore le ragioni dei portatori della Cultura rurale.

    • sololasipe scrive:

      A questo punto vorrei girarti una domanda provocatoria, ma in buona fede: come mai ti incavoli sempre con PDL e Lega dimenticando di aggiungere un nemico d.o.c. quale è il PD? :-) :-)

      • lucas scrive:

        Perché la fase del PD unico nemico da abbattere è terminata miseramente dopo le prese di posizione di ministri, sottosegretari e presidenti di commissione di area PDL-lega.
        Ora siamo alla fase guerra contro tutti (si fa per dire)… :mrgreen:

  34. Giacomo scrive:

    Io fino ad ora ho sempre creduto nell’interessamento per la caccia da parte del nostro caro Onorevole Berlato, non si può negare che oltre all’interesse come cacciatore c’è anche il suo interesse come carriera politica, si sà che i voti a iosa li prende dai cacciatori, allora come si può affermare che da parte sua non c’è impegno, il guaio è che l’onorevole non è Silvio per cui è inutile star li a criticare. Ma io una domanda in merito alla modifica alla legge 157 la voglio porre al caro
    Berlato, è solo un parere che vorrei mi desse ed è questo.

    Che speranza abbiamo che nella modifica ci vengano concessi almeno 20 giornate libere ( ne avevamo chieste 30 ) su tutto il territorio nazionale ? Non vorrei comunque che mi si dicesse che ci vuole l’indovino, ma a parere mio questa richiesta ( delle giornate ) è un punto cardine della modifica dove non si dovrebbe transigere a tutti i costi e non come è stato fatto con l’art. 43.
    Secondo il mio punto di vista e non credo sia solo il mio, se non verranno dati questi giorni meglio chiudere la faccenda 157 adesso almeno non avremo un’altra forte delusione. Salutiamo Onorè e sempre in forma.

  35. fabrizio scrive:

    PER SOLOLASIPE

    caro amico sololasipe, con altrattanta schiettezza, ti rispondo che me la prendo con lega e pdl perche’ c’e’ solo una cosa peggiore dei nemici, cioe’ I FALSI AMICI che prima ti promettono e si fingono amici per il loro tornaconto, poi gettano la maschera quando meno te lo aspetti e ti accoltellano alla schiena alla prima occasione !!!

    che il PD e’ un partito nemico lo sapevamo.

    DAI NEMICI MI GUARDO IO, DAI FINTI AMICI MI GUARDI DIO (proverbio toscano) !!

    Fabrizio

  36. Maurizio scrive:

    Ho letto tutti i commenti, a mio avviso tutti con una base di verità, ma purtroppo rimangono solo e sempre tante “chiacchere” e non porteranno a niente.
    In questi anni di proclami da parte dei vari Berlato, Orsi, Carretta ecc. ecc. alla fine ci si trova di fronte ad una scena già andata in onda (per chi ci crede) 1977 anni fa, quando un certo Ponzio Pilato se ne lavò le mani, dicendo: io ce l’ho messa tutta, non dipende da me”
    Plauderò ai veri paladini della nostra passione, quando vedrò fatti concreti, il resto sono solo aria fritta e le solite manfrine per tenersi stretta la poltrona, come accade per tutto ciò che riguarda il nostro paese.
    Maurizio

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Pensa che io continuo ad essere qui, a combattere per la nostra passione, nonostante quelli che la pensano come te…..

      • giannirm scrive:

        Se lo fai è perchè ti è convenuto, se nò restavi a fare il lavoro di prima, non ho mai creduto ai Santi, il 9 marzo c’ero e ti ho visto, ma qui non si vede la luce, finora solo promesse e passi indietro, la pazienza ha un limite.
        Saluti

        • SERGIO BERLATO scrive:

          Tu mi hai visto solo il 9 marzo ma io ci sono sempre stato, prima e dopo la manifestazione di Roma.
          Se avessi voluto fare cio’ che mi conveniva, sarei stato sotto vento, come molti altri, ad attendere l’esito della battaglia, pronto a saltare sul carro dei vincitori al momento opportuno.
          Rifletti, caro Gianni, se finora hai frequentato determinate persone che ti hanno ingannato, non accomunarmi alle tue vecchie conoscenze.
          Cordialita’.

        • giannirm scrive:

          Ma quali persone e vecchie conoscenze, Sergio non mi servono gli altri per vedere con gli occhi, sono ancora capace di ragionare con la mia testa, sono un tuo coetaneo, non sminuirmi. Non voglio dire che sei in cattiva fede, dico solo che forse ti sei sopravvalutato o forse hai sottovalutato la battaglia che ci sarebbe stata, insomma sono 9 anni che ti seguiamo e sono solo pugni di mosche.
          ti saluto.

  37. valentino88 scrive:

    X Berlato

    Anche tu,il sen.Orsi e l’intergruppo parlamentare state facendo solo chiacchiare e sono da 2 anni,mi dispiace ma non siete più credenti cambiate musica che questa ci ha stancato! :x

    • Donato Mazzenga coordinatore CONFAVI FRosinone scrive:

      Caro Valentino, riguardo al fatto che Berlato, Orsi e qualcun altro siano o non siano “credenti” :lol: non credo che interessi al mondo venatorio, ma di certo “credono” in quello che dicono e fanno per la nostra passione, e questo te lo posso assicurare perchè l’ho visto e toccato con mano, e tutti quelli che erano a Roma con noi il 9 masrzo scorso

      • pispolina scrive:

        Purtroppo Berlato e Orsi si devono difendere anche dai CACCIATORI, che non sempre sono amici.
        Speriamo non si stanchino.

        • fiore scrive:

          io spero che si stanchino e alla svelta così forse dico forse si potra fare una riforma della 157 SERIA!!!

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Te l’ho gia’ detto, caro Valentino: tu rimarrai per sempre giovane!

      • valentino88 scrive:

        Per mia fortuna io ho 22 anni ma e come ne avessi 30 sono un pò più avanti di cervello rispetto a tanti giovani della mia età,tanto di aver deciso di togliere di mezzo(compreso mio padre e mio zio) così farò contento tante persone…………………………………….e non subirò più limitazioni e umiliazioni!
        Tiè,attaccattevi al tram tutti quanti.

  38. pispolina scrive:

    Fiore la smetta.
    Ha forse lei i personaggi giusti per cambiare qualche cosa?
    Io credo di no!
    L’unica cosa certa è che con questi qualcosa potrà cambiare, con i suoi nella melma affonderemo ancora di più.

    • Luca C.P.A.L scrive:

      come è sempre stato ogni volta che hanno avuto il potere ,hanno dimostrato quello che sono DEI LADRI

    • fiore scrive:

      io conto su di me!! e lei forse ce li ha migliori di questi?? perchè questi hanno fatto come i gamberi!! oppure vuol dire di no!! e che sono andati indietro per prendere la rincorsa della svolta??? su almeno sia onesta!! eh!!

      • pispolina scrive:

        Non vale la pena di commentare, quando lei non sa cosa dire, non risponde.
        Di solito a domanda segue risposta, non domanda ancora.

  39. fabrizio scrive:

    amici cacciatori……..

    attenzione………

    se mettiamo tutti indiscriminatamente nel calderone della sfiducia…….alla fine non avremo piu’ amici ne politici disposti ad ascoltarci.

    PRETENDERE TUTTO E SUBITO E PRETENDERE RISULTATI SENZA LOTTARE E SENZA RIMBOCCARSI LE MANICHE…….E’ UN ATTEGGIAMENTO SBAGLIATO .

    ma cosa credevate ? ??? CHE CI AVREBBERO RESTITUITO DIGNITA’ E DIRITTI SU UN PIATTO D’ ARGENTO ? ?

    che tutti quelli che campano a spese dei contribuenti grazie all’ allarmismo ambientale e alla disinformazione, sarebbero stati zitti e buoni?

    che al costosa e inutile, anzi dannosa, burocrazia verde che ha praticamente commissariato gran parte del territorio agro-silvo-pastorale, sarebbe stata zitta ???

    CE LI DOBBIAMO CONQUISTARE, IOBOIAAAA !!!!!

    CE LI DOBBIAMO SUDARE, PORCAMATTINA !!!!!

    Fabrizio

  40. fabrizio scrive:

    on. Berlato,

    io cerco sempre di vedere il bicchiere mezzo pieno, e pertanto abbiamo due fatti positivi:

    1) esiste un coordinamento della cultura rurale, e tutto un sostrato di associazioni di settore che esigno tutela e rappresentano settori importanti dlla economia del Paese;

    quindi, esiste un vasto e diffuso “contenuto” sociale, che pero’ mi pare malamente rappresentato dagli attuali “contenitori” politici, specialmente da un pdl in cui, a livello di materiale umano, salve le eccezioni, mi sembra sia confluito il peggio della societa’ civile, non certo il meglio (e le esternazioni invereconde di certi personaggi mi pare ne siano la dimostrazione migliore).

    e’ vero che Caccia Ambiente e’ un minuscolo partitino, ma siamo proprio sicuri che sia anacronistico un partito che rappresenta il mondo delle attivita’ rurali in genere e anche i cacciatori?

    Pensi bene che abbiamo un intergruppo parlamentare (che fino ad ora e’ servito a poco) che potrebbe (CONTINUO A USARE IL CONDIZIONALE) anche essere interfacciato col “contenuto” di cui parlavo prima, e potrebbe diventare il nucleo centrale di un nuovo gruppo parlamentare, come ha detto l’on. Carrara………

    in tal caso mi pare che il “contenitore” CACCIA AMBIENTE acquisterebbe un senso politico……..
    e condizionerebbe inevitabilmente anche gli altri partiti, sul mercato elettorale……..

    insomma, se solo la meta’ dei cacciatori caccia fuori il costo di un fagiano in riserva, arriviamo a 10 milioni di euro ogni anno, per il gruppo parlamentare e il nostro partito.

    sara’ anche un’ ipotesi estrema……….ma mi pare un fatto appurato che pdl e lega nord CI VOGLIONO STRONCARE !!

    Fabrizio

  41. fabrizio scrive:

    dimenticavo…………………il secondo fatto positivo e’ che abbiamo anche un “contenitore” politico, sebbene piccolino, che e’ CACCIA AMBIENTE.

    UN SALUTO

    Fabrizio

    • SERGIO BERLATO scrive:

      Caro fabrizio,
      in questo momento il mondo venatorio ha bisogno di tutto tranne che di isolarsi o di farsi isolare.
      Fattene una ragione, la soluzione non sta nel farsi un partitino ma nel costituire un partito in ogni partito.

      • Giulio Usai scrive:

        Aggiungerei che oltre a costruire un partito in ogni partito, cosa che condivido, occorre lavorare seriamente all’interno del Coordinamento per trovare quella compatezza e quella credibilità del mondo venatorio che è, a mio parere, propedeutica ed indispensabile a qualsiasi altra attività da portare avanti poi a livello politico e da far condividere all’interno di ogni partito.

        • Luca Davide Enna scrive:

          Giulio,
          bisogna rafforzare il Coordinamento Rurale con il tesseramento e fare in modo che la sua credibilità ( e spendibilità) nei confronti dell’opinione pubblica.
          Contestualmente, c’è un altro Coordinamento che bisogna mandare avanti. Ne ho già parlato ( o quantomeno accennato) e ne riparlerò più avanti.

      • Springer scrive:

        Veramente continuo a notare che nessuno parla di quella che e’ un’ altra delle cose indispensabili se si vuole – si tenta – ci si ripropone di ” risalire la china ” .
        Va’ bene il partito in ogni partito . Benissimo la ” compattezza ” del mondo venatorio . Stradilabenissimo aver aggregato fra loro tutti i componenti/portatori della ” cultura rurale ” ( e di interessi ) , ma SENZA CONTENUTI ” SERI ” DA PROPORRE non si va’ da nessuna parte e non si risolvono i problemi .
        E gli attuali , contenuti nella proposta di riforma alla 157 , quelli che tutti chiedono , quelli che oltre a essere in massima parte anacronistici e senza speranza di accoglimento se si pensa in quale contesto , quello italiano , vengono proposti , quelli che ho definito ” la madre di tutti gli errori ” , quelli che ci hanno messo contro il mondo , non ne risolvono neanche uno .
        Datevi da fare e cambiate rotta che cosi’ facendo non fate il bene della Caccia . Anzi …….

        • Argo scrive:

          Falla tu una proposta seria. Dicci tu cosa faresti per migliorare la 157. Vediamo cosa ne esce fuori.

          Saluti
          Argo

        • Giulio Usai scrive:

          Per me prima si deve raggiungere un compromesso sulla necessità di una posizione condivisa, poi si può discutere del contenuto.
          Contenuto che è importante, ovvio, ma che se non è supportato da tutta la categoria compatta, sarà composto da mille richieste diverse.
          Comunque sta tranquillo che la proposta che ne usc irà fuori non sarà mai come la vuoi tu o come la vorrei io….. Su questo puoi starne certo!!!
          A proposito ho un bel branchetto di anatre da mettere sull’avatar ma non so come si fa cavolo…

        • Springer scrive:

          Giulio , ma infatti io lo dico cosi’ ….. tanto per …. sapendo benissimo che nessuno si prendera’ la briga di cambiare rotta . Ma almeno lo sfizio di averlo ” detto e ridetto chiesto e richiesto ” me lo sono tolto e la coscienza sta’ in pace .
          Parliamo del tuo volo di anatre che e’ meglio .
          Vai sul sito Gravatar . com e segui la procedura che ti viene richiesta per poter arrivare a creare il tuo ” avatar ” . Ricordati il nome utente e la password che registri se vuoi ogni tanto ( come fa Traica ) cambiarlo . Io non l’ ho fatto e adesso , ma subito non ne ho voglia , mi tocca annullare tutto e ripartire da capo .

          Colgo l’ occasione per ringraziare Roberto Traica che mi ha spiegato come fare tutto il procedimento e che ho avuto occasione di conoscere ieri al telefono . E’ simpatico e mi ha assicurato che non e’ cosi’ brutto come nella fotografia con occhiali e ” sombrero ” :mrgreen: .
          Meno male :D
          Ciao ! :wink:

        • Springer scrive:

          Argo , benedetto figliolo ……. sono io a dover fare una proposta ?? Io che non sono una beata fava di nessuno ???
          E le A.V. che cosa ci stanno a fare ??? Per farci fare l’ Assicurazione annuale e basta ??
          E comunque io la mia proposta l’ ho fatta e piu’ volte indicando le carenze – l’ ininfluenza e leggerezza degli argomenti contenuti in quella che e’ in attesa ( e che non verra’ mai approvata ) di essere esaminata . Ho anche indicato quale e’ la direzione a cui tendere . Ho spiegato anche il perche’ ( perche’ di altre occasioni non ce ne saranno ed e’ un delitto immane sprecare questa ) .
          Ma come dice Pinotti : questo e’ quello che io penso serva e questo e’ quello che e’ giusto io dica . Ma io sono uno e uno per uno fa sempre e solo uno .
          :wink:

        • Roberto Traica scrive:

          Grazie Springer ,Troppo buono :wink:

      • Luca Davide Enna scrive:

        E questa è una soluzione valida.
        Il motore di una macchina si aggiusta dall’interno, oppure, si rompe…
        Votando, di volta in volta, le persone più valide, a prescindere da qualunque partito appartengano, si può costruire un gruppo solido che, a vari livelli, si occupi delle problematiche del mondo venatorio italiano.
        Dobbiamo riuscire a scalzare lo strapotere ambientalista e credo che esso si sia fortemente ridimensionato, per cui, il momento è quello giusto. Pensiamo un attimo alla composizione dei comitati provinciali e regionali faunistici, ai comitati di gestione territoriali ( o dei parchi), ecc.

  42. Giacomo scrive:

    Quando volete fare una cosa per la caccia che vi sembra buona e giusta, fatemi il piacere di andare prima alla FIDC chiedete se è possibile farlo assieme e poi se vi dicono di si può darsi che si fà.
    Chiaro ?? :mrgreen: Così non ci fate perdere tempo a stare appresso a voi perchè ci siamo stufati, ancora non avete capito che senza il permesso di questa federazione non si va da nessuna parte !!
    Per cui il coordinamento della cultura rurale se volete farlo in modo che duri nel tempo chiede a FIDC se per piacere ve lo fa fare !! Ma state attenti che pochè è una cosa che non hanno disposto loro per propria iniziativa anche se vi dicono di si poi vi fanno la festa. Salutiamo.

    • Donato Mazzenga scrive:

      Facciamo la festa a FIDC allora!!!!!!! :lol: :lol: :lol: Anche se sono bravissimi a farsela da soli almeno dalle mie parti, nun se stanno a trovà più coi numeri :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    • Donato Mazzenga scrive:

      Prima adoperavano il calcolatore, poi so passati al pallotoliere, l’anno prossimo gli basteranno due dozzine di mani per darsi una conta….. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  43. fabrizio scrive:

    on. Berlato

    io me ne faccio certamente una ragione, ma non credere che i cacciatori siano sprovveduti.

    sostenere che occorre un “partitino” di cacciatori in ogni partito politico e’ fuorviante, ed e’ un ottimo modo per tenere disuniti i cacciatori, a dispozizione e ostaggi delle segreterie di partito.

    I fatti fino ad ora successi, compreso il vergognoso inganno architettato dal PDL ai nostri danni, dimostrano che senza un punto di riferimento politicamente autonomo CONTINUEREMO A PESTARE ACQUA NEL MORTAIO.

    L’ altrenativa sarebbe che le associazioni venatorie (per miracolo) riuscissero a coordinarsi e a dare luogo ad una sola associazione……..cosa impossibile perche’ presidenti e dirigenti di ogni associazione venatoria coltivano il proprio orticello, senza vedere piu’ in la di quanto la segreteria del partito di riferimento gli fa vedere……

    Il gioco che stai facendo mi pare pericoloso. Pericoloso per i cacciatori perche’ mi sembrano probabili altre sonore batoste, e pericoloso per te, che rischi di perdere la credibilita’ per salvare le poltrone di certa gente……

    A questo punto si potrebbe anche sospettare che il gioco del PDL ai nostri danni e’ un gioco delle parti in cui i ruoli sono gia’ preordinati ……… tutto e’ calcolo in politica ………………..anche il fatto di strumentalizzare chi e’ in buona fede come te.

    Non ti senti preso in giro e strumentalizzato a portare acqua ad un partito che ci sta trattando come dei mentecatti ?

    sia chiaro che non ti metto nel mucchio di quelli che ci ingannano, ma mi pare una strategia sbagliata…….se sbaglio io saro’ ben lieto di ammettere di non avere capito una mazza !

    poi , chiaro che ognuno fa quello che gli pare………………………….buona fortuna !!!!

    Fabrizio

  44. Nino scrive:

    Berlato ha scritto: “Il Coordinamento per la difesa e la promozione della Cultura rurale, che si riunirà nuovamente a Bologna il 24 maggio p.v., dovrà rappresentare un pungolo per l’intero Parlamento affinché si possa trovare il coraggio di approvare una riforma della legge statale 157/92 che restituisca alla caccia italiana quella dignità che le e’ stata per troppo tempo negata.” . Il fatto è che Berlato è proprio come padre gallina: predica bene (o quasi) ma razzola male (molto male). Inoltre é come quel parroco che dice: ” Fate quello che dico e non fate quello che faccio (specialmente domande) “. Domani, 24 Maggio, il coordinamento…. si unirà a Bologna e, dice Berlato: ” ….. affinché si possa trovare il coraggio di approvare una riforma della legge statale 157/92 che restituisca alla caccia italiana quella dignità che le e’ stata per troppo tempo negata.” Mi viene naturale e spontaneo chiedere: la sua tanto decantata modifica della legge statale 11 febbraio 1992, n° 157 che tanti plausi (ingiusti) gli ha fatto prendere; la tanto (sicura) affermazione fatta sul portale di bighunter postata alle ore 16.06 del 24.07.2009 Re: 157, ULTIME DAL PALAZZO in cui asseriva esattamente: ” Abbiate fiducia. A giorni arriverà una bella notizia.” che fine ha fatto? I giorni passati sono ,fino ad ora ben 296 (manca poco ad un anno!!!) ma la bella notizia non è arrivata; in compenso ne sono arrivate alcune molto spiacenti e penalizzanti per noi Cacciatori!!! e il Berlato continua a promettere, fa riferimento al suo sito personale ed a quello della sua “compagna” Caretta dove dice tante falsità per frasi credere il solo ed unico paladino della Caccia!!! Ma non dice a nessuno di visitare il sito ufficiale del Parlamento Europeo dove, invece, si evince che non ha mai, dico MAI parlato di Caccia, non ha mai fatto un intervento scritto o verbale per difendere la Caccia in Italia, ha invece presentato interrogazioni su qualsiasi cosa, come, giusto per citarne solo gli ultimi: 29 marzo 2010 interrogazione scritta alla Commissione ” problematica del settore pesca nell’Alto Adriatico”; 30 marzo 20120 int. s. alla C. “Piano ristrutturazione dei vigneti in Romania”; 06 apr. “il problema della dipendenza dal gioco d’azzardo”; 8 apr. “In aumento casi di abbandono di neonati”; 13 Apr. ” i divieti e le prescrizioni emanati per impedire la diffusione dell’influenza aviaria”; 15 apr. “micro vetture (o minicar) modificate illegalmente per aumentare la velocità”; 20 aprile ” Crescente diffusione tra gli adolescenti del pericoloso gioco dello strangolamento”; 28 apr. ” gravissima situazione ambientale del lago di Vico”; 5 maggio “Importazioni nella Comunità di volatili diversi dal pollame ad uso alimentare”; sempre 5 maggio “Maltrattamenti inammissibili sui bambini negli asili nido”. Questo è il Berlato , lo spadaccino difensore della Caccia, questo fa il nostro europarlamentare per difendere la caccia, ma se lo diciamo, si offende, diventa scurrile, offende e poi trascende chiamando in causa i parenti di chi, come me gli dice le cose VERE in faccia. Ora non risponderà (se risponderà) a tono sui punti messi in evidenza, ma traviserà e trasformerà la bugia in verità, quella sua, però, alla quale, ormai non crede più nessuno tranne i fedelissimi portaborse veneti molto vicini a questo millantatore. Una stretta di mano, Nino

    • lucas scrive:

      Nino, non fai sconti, eh..? :mrgreen:

      • Nino scrive:

        Perché dovrei, caro luas ? La falsità si annienta con la verità dimostrabile, non credi ? inoltre chi mente e crede di essere il furbo della situazione mica fa sconti. Una stretta di mano, Nino

    • Luca Davide Enna scrive:

      Nino, a prescindere dalla caccia, se tutti i parlamentari europei svolgessero un’attività intensa come quella di Berlato, il Parlamento europeo funzionerebbe meglio e non sarebbe un megaparcheggio pagato con le nostre tasse. Tutte le interrogazioni a risposta scritta avanzate da Berlato non saranno attinenti alla caccia, ma hanno a che fare con il viver civile. Poi, ciascuno è libero di pensare ciò che vuole e trarre le conclusioni su ciò che il suo pensiero elabora.
      Avrei anceh evitato di tirar ein ballo i “fedelissimi portaborse veneti”, poiché chi segue Sergio lo fa con amicizia e in maniera sincera ( poi, appresso a molti politici noti ci saranno anche i soliti profittatori, parassiti ecc., ma sono singoli casi e non è giusto generalizzare tirando in ballo i sessantamila elettori di Berlato nè tantomeno gli abitanti della regione Veneto).
      Cari Saluti
      Luca

Leave a Reply


2 + 6 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.