Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Frosinone, incontro Ruffini con deleg.cacciatori

| 13 aprile 2010 | 14 Comments

cacciatoreCOMITATO CACCIATORI CIOCIARI, CONFAVI e FARE AMBIENTE uniti per il miglioramento del settore faunistico venatorio .

La settimana scorsa, presso l’Ufficio Caccia della Provincia di Frosinone, è stato ricevuta una delegazione composta dai rappresentanti del Comitato Cacciatori Ciociari guidati dal presidente Giuseppe Sinatra , dal coordinatore provinciale della CONF.A.V.I Donato Mazzenga, e dalla rappresentante giovani FARE AMBIENTE Movimento Ecologista Europeo, Dr.ssa Federica Ricci.
Nel corso dell’incontro, alla presenza del neo dirigente di settore, Dott. Giovanni Ruffini, sono stati focalizzati e sostenuti numerosi punti di criticità nella pregressa gestione della caccia in Provincia.
In particolare è stato sollecitato un serio ed attento controllo da parte dell’Ufficio Caccia su quanto attestato nei piani di assestamento annuale delle AFV in scadenza ad aprile, con particolare attenzione alle aziende che si trovano al secondo o terzo rinnovo, verificandone le reali consistenze faunistiche d’indirizzo, come previsto anche dai regolamenti provinciali e dalla legge regionale. Si è chiesto di verificare anche il rispetto del regolamento provinciale per gli accessi nelle AFV stesse e della loro legale tabellazione e perimetrazione. Riguardo poi alla gestione della caccia programmata, la rappresentante di FARE AMBIENTE, ha lamentato la scarsa attenzione data dagli ATC alle necessarie cautele da adottare nel momento delle immissione di fauna selvatica, condannando la diffusa, feroce pratica di liberare selvaggina “pronta caccia” allevata in cattività, addirittura il giorno prima dell’apertura dell’attività venatoria, senza che la stessa abbia acquisito la naturale capacità di ambientamento e difesa. Confavi e il Comitato Cacciatori Ciociari hanno poi stigmatizzato, ancora una volta, le poco attente politiche di controllo dei nocivi in particolar modo di volpi e corvidi, specie che mettono a serio rischio qualsiasi azione di ripopolamento con conseguente spreco di danaro pubblico. Tra le altre cose infine, è stato chiesto di verificare la legittimità istitutiva di alcune zone di allenamento cani temporanee sul territorio provinciale.
Le parti intervenute hanno mostrato tutto il loro apprezzamento per l’attenzione riservata dal Dott. Ruffini alle tematiche esposte, certi che siano state gettate le basi per una proficua futura collaborazione, nell’interesse generale dell’ambiente e della fauna selvatica.

COMITATO CACCIATORI CIOCIARI, FARE AMBIENTE, CONF.A.V.I Frosinone


***
Come riceviamo e cosi’ pubblichiamo
***


Category: .In Evidenza, CONFAVI, FareAmbiente, Lazio

Comments (14)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ottimo segnale ai cacciatori ciociari e soprattutto ai dirigenti provinciali. Una collaborazione utile per cercare di fare quanto l’immobilismo degli ultimi anni non ha permesso. Basta con le chiacchiere e i proclami e via al lavoro serio sul territorio.

  2. Giacomo scrive:

    certi che siano state gettate le basi per una proficua futura collaborazione, nell’interesse generale dell’ambiente e della fauna selvatica.
    ——————————————————————————————————————————-

    Bisogna vedere quando si incominceranno a fare i pilastri per il primo piano…. almeno. Booooo !! Tra il dire e il fare……… :mrgreen: Salutiamo

    • giacomo si deve sempre iniziare prima o poi, gli amici di frosinone lo stanno facendo, perché non crederci?

      • Giacomo scrive:

        Perchè fino ad ora sono state fatte solo chiacchiere da parte di tutti compresi noi del sito. Di buoni proponimenti è pieno il mare !! :mrgreen: Che ci si venga a dire i fatti quelli già fatti non quelli promessi.
        Stiamo credendo a troppe favole caro amico mio. Un cordiale saluto. :wink:

        • Giacomo scrive:

          Dimenticavo : e quando sono stati fatti i fatti, 850.000 mila firme e la dimostrazione a Roma, peggio delle chiacchiere.
          :evil:

        • non sono quelli i fatti Giacomo, le dimostrazioni lasciano il tempo che trovano. Ci vuole lavoro sul rterritorio e questa è solo una nota per dire che in ciociaria siamo partiti. Ho fiducia sul fatto che gli amici di frosinone a questo primo incontro faranno seguire ottime iniziative, inevitabilmente supportate e concordate con gli uffici provinciali. Se non sarà così avremo perso un’occasione, ma credimi l’impegno c’è tutto, quello del fare.

        • Giacomo scrive:

          Staremo a vedere……… :roll: vi auguro di fare, e fare bene…….. In seguito ! Se ci fate sapere quello che attuerete su tutto il territorio e come lo fate spero che altre regioni, province e associazioni prenderanno spunto per fare altrettanto………. Salutiamo Mauro. :wink:

    • Donato Mazzenga coordinatore CONFAVI FRosinone scrive:

      Beh, Caro Giacomo ti assicuro che il solo arrivarci a parlare con un dirigente non è stata impresa da poco, ma siamo solo agli inizi,! Mai nessuno nella nostra Provincia aveva mai avuto il coraggio, tante erano le lamentele e un diffusa situazione al limite della legalità nella gestione del sistema caccia, così ben protetta dalle lobby locali delle AA. VV. presenti sul territorio. Anche noi ora vorremmo tutto e subito, abbiamo persino suggerito un calendario di priorità, ma il fuoco “amico” è davvero impressionante. Spero nel giro di qualche settimana di potervi aggiornare sulle prime conseguenze di tale incontro che vi assicuro ci saranno… sia di tipo amministrativo che ..legale… :D

  3. massimo zaratin scrive:

    Ottimo esempio di gestione della fauna e tutela ambientale. Un modello da esportare anche nelle altre province. Le mie congratulazioni ai cacciatori ciociari, Confavi ed alla bravissima ed attivissima Federica Ricci di Fareambiente.

    • vincenzo scrive:

      Un modello da esportare….. io non so su quale pianeta Lei viva…. incontri ravvicinati di questo tipo vengono tenuti da tutte le associazioni,nessuna esclusa, a livello di singola provincia. Auguriamoci almeno che i risultati in questo caso siano concreti non come quelli ottenuti da confavi Nazionale fino ad ora!!!!!

      • Donato Mazzenga coordinatore CONFAVI FRosinone scrive:

        Carissimo Vincenzo, tutto ciò che lei dice è vero, ma credo che il buon Zaratin intendesse l’UNITA’ d’intenti fra le varie categorie, come modello da esportare… cosa che ancora non vediamo da nessuna parte, ognuno intento a curare, lucidare la propria poltroncina su cui si siede, mentre col pallottoliere conta e riconta quante tessere è riuscito a raggranellare, perdendo spesso di vista, come è accaduto dalle mie parti, i veri scopi per cui dovrebbero rappresentarci.
        Con amicizia
        Donato Mazzenga

  4. coturnat scrive:

    In bocca al lupo Presidente Sinatra, Sig. Mazzenga e Dott.ssa Ricci per il lavoro e l’impegno a salvaguardia di un territorio e della relativa cultura venatoria che negli ultimi 15 anni hanno subito uno scempio…

  5. LAMPO 68 scrive:

    cari signori concordo tutto quello che di bello è stato detto..giusto anzi giustissimo controllare le a.f.v. cosa che doveva e deve essere fatta da chi deve controllare la leggittimità e soprattutto le finalità delle stesse e sappiamo tutti chi deve espletare questo compito.si è lasciato istituire queste aziende senza nessun criterio logico.territorio riservato ad un manipolo di cacciatori e per un cacciatore libero è come un istituzione di un parco. però consentitemi di non essere d’accordo sul discorso della leggittimità delle zone allenamento l’unica cosa giusta ad impatto ambientale zero con immissione di selvaggina con il divieto di sparo, cui portare il proprio ausiliare in addestramento altrimenti c’è d’aspettare 8 mesi per farlo uscire.per quanto riguarda l’immissione di selvaggina da parte dell A.T.C. il discorso è sempre imputabile alla nostra provincia cui ha un numero imprecisato di selettori cui usare per la gestione di nocivi corvidi e volpi perche non vengono utilizzati??????? ha ragione la dott.sa ricci neanche io sono d’accordo sulla immisione di selvaggina pronta caccia ma se la provincia non si sveglia non possiamo fare nulla…saluti un cacciatore….VERO :?: :roll: :roll: :roll:

Leave a Reply


4 + 6 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.